27nov 2020
RE PANETTONE A MILANO: QUALE PANETTONE SARÀ L’ELETTO
Articolo di: Michele Pizzillo

Doveva essere il Palazzo del Ghiaccio la location che sabato 28 e domenica 29 avrebbe ospitato i 25 artigiani selezionati da Re Panettone in alcune regioni italiane per presentare le proprie interpretazioni di quello che una volta era solo il tipico dolce milanese delle festività natalizie.

 

Poi, 13 anni fa, Stanislao Porzio ha inventato Re Panettone e, a Milano, incominciano ad arrivare i panettoni confezionati da Nord a Sud e in questo caso, da bravi artigiani tra pasticceri e panettieri che, per il piacere dei milanesi, potevano anche vendere i loro prodotti. Una vera scoperta, perché per più di un secolo ad essere nota era praticamente solo la versione industriale del panettone. Tant’è vero, sottolinea Porzio, l’interpretazione più nobile di questo dolce, quella artigianale delle botteghe milanesi, ha cominciato a diffondersi in tutto il nostro Paese solo da una quindicina d’anni. Sarà la sua iniziativa a dare l’avvio ad una sorta di caccia al panettone esclusivo, visto che ogni artigiano aveva, ed ha tutt’ora, una capacità produttiva molto contenuta.

 

Di questo fenomeno, Re Panettone® è stato il facilitatore. Portando a Milano, a partire dal 2008, i panettoni migliori della Lombardia e del resto d’Italia, “coronando il sogno del pubblico milanese, che aspettava da sempre un evento che celebrasse il suo dolce”. E, contestualmente, ha stimolato nei migliori pasticcieri di tutt’Italia una bella competizione che si è disputata sui terreni della qualità e della varietà con il concorso del panettone più buono d’Italia. Sempre più lievitato, più soffice, più ricco il classico, l’unico che ha il privilegio riconosciuto dalla legge di chiamarsi Panettone senz’altri attributi. Sempre più fantasiosi, più creativi, più sorprendenti quelli che si discostano dalla tradizione, inglobando ingredienti inattesi, esotici, perfino salati. Tutto, sempre all’insegna della naturalità degli ingredienti. Insomma, le dodici edizioni milanesi – con l’appendice di Napoli, dove si sono svolte cinque edizioni - di Re Panettone hanno regalato emozioni sensoriali indimenticabili a chi vi ha partecipato, ma anche un contributo creativo sostanziale alla tradizione pasticciera milanese e italiana.

 

L’emergenza planetaria del coronavirus, però, ha costretto Porzio a rinunciare al Palazzo del Ghiaccio per il 13^ appuntamento di Re Panettone ma senza cancellare del tutto la manifestazione.

 

Così la prima e più autorevole kermesse dedicata al dolce milanese, porterà nonostante tutto a compimento una delle sue attività più amate: il Premio I PanGiuso, dedicato al miglior panettone e al miglior Dolce Lievitato Innovativo. Sabato 28 novembre, presso un albergo milanese, si riuniranno a porte chiuse le due giurie, quella della categoria Panettone e quella della categoria Dolce Lievitato Innovativo, per scegliere i dolci da premiare.

 

La prima giuria sarà composta da Luigi Franchi, direttore Sala&Cucina, con l’incarico di Presidente e composta da Gabriele Ancona, vicedirettore Italia a Tavola, Renato Andreolassi di Teletutto, Cristina Gambarini de La Cucina Italiana, Mariella Tanzarella di Repubblica.

 

La seconda giuria comprenderà Alberto Paolo Schieppati, direttore Artù, come Presidente, affiancato da Carlo Ottaviano de Il Messaggero, dal giornalista Aldo Palaoro, Roberta Rampini de Il Giorno, Fabio Sironi di Dove.

 

Al termine delle valutazioni, la proclamazione dei vincitori verrà effettuata alle 19.30 della stessa giornata dall’organizzatore, Stanislao Porzio, in diretta Facebook sulla pagina di Re Panettone®  cliccando qui.
La diretta sarà anche l’occasione per rinnovare l’appello a firmare sul sito di Re Panettone cliccando qui il sostegno alla candidatura a Patrimonio Immateriale dell’Umanità UNESCO dell’Arte di fare il Panettone, l’antica sapienza che i fornai e i pasticcieri milanesi hanno insegnato ai colleghi di tutt’Italia e del resto del mondo.

 

1

Photo Credits

Photo 1 : Décio Guanabarino Silveira Guanabarino da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
IL FESTIVAL DOVE IL CIBO È PROTAGONISTA: PARMA LE 4 P DEL FOOD&PEOPLE
Il festival fa cultura dove il cibo è protagonista,  a Parma le 4 P del “Food&People”   P come : Parmigiano, Pasta, Pomodoro, Prosciutto. E come Parma, naturalmente. È stata presentata la seconda edizione di Gola Gola... Leggi di più
SAN VALENTINO È: IO, TE E DUBL
Una cena romantica, una sorpresa scintillante, un brindisi con il Metodo Classico Dubl. DUBL è la linea di Metodo Classico firmata da Feudi Di San Gregorio e nata per interpretare i vitigni tipici irpini attraverso la pi... Leggi di più
QUANDO IL RUM È MADE IN ITALY
Sino al secolo scorso l’Italia era nota quasi esclusivamente per le grappe, oltre a piccolissime oltre alla liquoristica di ispirazione casalinga cui vanno aggiunte piccole e meno note produzioni di distillati di f... Leggi di più
CENA BENEFICA AL MORO DI MONZA CON TRE CHEF OSPITI AI FORNELLI
Gli chef Carlo Andrea Pantaleo del Milano 37 di Gorgonzola, Michele Mauri de La Piazzetta di Origgio Varese, Fabio Silva del Derby Grill di Monza, e i padroni di casa Salvatore e Vincenzo Butticè del Ristorante Il Moro d... Leggi di più
DEGUSTAZIONE DI SAKE PREGIATI DELLA SAKE COMPANY AL WAGAMAMA
Si è recentemente tenuta una degustazione di sake della Sake Company abbinati ai piatti di Wagamama (foto 2) ristorante di cucina asiatica ispirata ai sapori del Giappone.   Ha condotto in modo esauriente la degustazio... Leggi di più
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.