18ott 2020
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
Articolo di: Fabiano Guatteri

La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padelle e casseruole.

 

Così, navigando in rete vediamo molte ricette proporre procedure senza fornire troppe spiegazione della validità delle stesse oppure fornendone di fantasiose come la carne che va “sigillata” per non fare fuoriuscire i succhi di cui abbiamo detto qui, o le vongole che vanno depurate in acqua del rubinetto e sale prima di cucinarle di cui abbiamo detto qui.

 

Leggiamo, navigando in rete, ricette in cui si raccomanda di avvolgere l’arrosto appena cotto in un foglio di alluminio. Lo faremmo volentieri anche noi, se qualcuno spiegasse il motivo. Invece no, si dice di procedere in questo modo in quanto l’arrosto risulterà più tenero, più buono, più facile da tagliare… sì, ma perché?

 

Qualcuno afferma che i succhi che in questo modo si ridistribuirebbero meglio nella carne. Vediamo questo ultimo punto, l’unico che cerca di dare una spiegazione. Il nostro non pretende di essere un approccio scientifico, ma si basa sull’esperienza.

 

Avvolgendo l’arrosto appena sfornato nell’alluminio, ne tratteniamo il calore, in qualche modo ne proseguiamo la cottura pertanto all’interno dl taglio di carne non vi sarà una inversione di tendenza. Cerchiamo di spiegarci con un esempio.

 

Se togliamo un arrosto dal forno e lo affettiamo immediatamente possiamo vedere che i succhi sono concentrati nel centro, ossia nella sezione più interna del taglio di carne. Questo perché il calore da un lato asciuga la superfice dell’arrosto, dall’altro spinge i succhi verso l’interno. Per cui se avvolgiamo la carne in un foglio di alluminio, proseguiremo questo processo anziché invertirlo. E con il taglio i succhi fuoriescono copiosi, ed è questo il problema, perché i tessuti della parte centrale dell’arrosto non sono in grado di trattenerli tutti.

 

Se invece lasciamo “riposate l’arrosto” senza avvolgerlo in qualsivoglia involucro, i succhi concentrati nel centro non essendo più “spinti” dal calore cominceranno e defluire nei tessuti più periferici sino a distribuirsi uniformemente e quindi, al taglio saranno trattenuti dalla carne e non fuoriusciranno se non in minima parte.

 

Esasperiamo questo processo. Pensiamo a un arrosto da consumare freddo: questo al taglio non lascerà fuoriuscire neanche un goccia di succo, mentre appena sfornato ne avrebbe perso in quantità importante.

 

Allora, la nostra domanda è: a cosa serve avvolgere la carne arrosto in un foglio di alluminio? Perché si procede con questa operazione? E quindi, se si fa per distribuire i succhi, allora non avvolgete l’arrosto nell’alluminio, ma lasciatelo riposare a temperatura ambiente; l’alluminio cioè ostacola questo processo allungando i tempi di “riposo” della carne. Chi volesse confutare la nostra spiegazione ci scriva un’email cliccando qui, la leggeremo con molto interesse e nel caso la pubblicheremo.

 

Dello stesso autore

Non depurate / spurgate le vongole in acqua e sale!

Il curioso linguaggio di certa letteratura gastronomica: tuffare, irrorare, farcire

Usi e abusi del rosmarino in cucina

Non “sigillare” l’arrosto. La persistenza di riti tribali

Ma mescolare, emulsionare e mantecare sono diventati sinonimi?

Dubbio amletico: pentola e casseruola sono sinonimi?

Rucola o ruchetta? Precisazione in merito a due piante spesso confuse

Le bugie di Topo Gigio e le grappe di bambù

1

Articoli Simili
I più letti del mese
FESTIVAL DELLE BIRRETTE #FOLKEDITION: TRE GIORNI DI BALLI E MUSICA
Festival delle Birrette #FolkEdition: una festa lunga tre giorni con balli e musica popolare. A mare culturale urbano, dal 25 al 27 maggio 2018 III edizione del Festival delle birrette  di cui abbiamo detto qui:  tre gi... Leggi di più
LIFE IS A BUBBLE E IL PAS DOSÉ ANGELO LE VIGNE DI ALICE
Le Vigne di Alice, è una giovane azienda a conduzione femminile nata nel 2005 per opera di  Cinzia Canzian, nella zona del Conegliano Valdobbiadene Docg.   La filosofia aziendale è da subito volta alla valorizzazione d... Leggi di più
20 MAGGIO 2020 GIORNATA MONDIALE DELLE API
Albert Einstein disse che “Se un giorno le api dovessero scomparire, all’uomo resterebbero solo quattro anni di vita”. E se il genio avesse ragione? E, comunque, ha fatto bene Rigoni di Asiago, azienda ... Leggi di più
LA PIZZA PROVOCA SETE E GONFIORE? CAMBIA PIZZERIA
Un ristoratore chiese a un cliente che aveva appena cenato nel suo locale, se gli fosse piaciuta la sua cucina, e questi rispose che glielo avrebbe saputo dire il giorno dopo. Ed è una risposta molto saggia perché la bon... Leggi di più
LA GIORNATA FAI D’AUTUNNO | CITYLIFE E LE TRE TORRI MILANESI
Domenica 16 ottobre è il giorno della “Fai Marathon 2016”, la Giornata Fai d’Autunno dedicata alla scoperta dei luoghi più belli d’Italia. Oltre 600 i siti aperti in 150 città lungo tutta la Penisola, grazie a 3.500 giov... Leggi di più
WORLD PASTRY STAR 2019: LA PASTICCERIA DALLA CREATIVITA’ AL SUCCESSO ( 1/2 )
Il World Pastry Stars 2019, ( di cui abbiamo parlato qui ) il Congresso di Pasticceria Internazionale organizzato da Italian Gourmet, patrocinato dall’Accademia Maestri Italiani Pasticceri ( AMPI ) e da Relais Dess... Leggi di più
CON UNDUETRIS PRANZETTO DI CITTERIO LA SCHISCETTA È SANA E GIAPPONESE
Con “Unduetris Pranzetto” di Citterio la “schiscetta” è sana e si ispira al design giapponese Citterio, insieme all’Associazione culturale “Il Furoshiki”, ci spiega l’arte ... Leggi di più
PINOT NERO OLTREPÒ PAVESE, VINO DI TERROIR
In una mattina tardo autunnale nella suggestiva location che ospitava la storica Taverna Moriggi, abbiamo partecipato a un evento dedicato all’Oltrepò Pavese, o meglio, al Pinot Nero dell’Oltrepò. Si è parlat... Leggi di più
I 100 PIATTI DEL PROSECCO DI SANDRO BOTTEGA
L’autore de I 100 Piatti del Prosecco, Sandro Bottega, ha voluto raccontare la gastronomia della terra del Prosecco attraverso la raccolta di cento ricette a partire dagli stuzzichini da servire con l’aperiti... Leggi di più
CARNEVALE AMBROSIANO, I VINI, LE CHIACCHIERE E LA ROSA
C’era una volta il Carnevale Ambrosiano. E sì, bisogna proprio cominciare così a raccontare anche gli eventi in corso, come lo storico Carnevale di Milano che dopo quattro giorni senza baldoria, purtroppo, si concl... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.