29ago 2023
Fiocchi di sale islandese, puri, cristallini, incontaminati,
Articolo di: Fabiano Guatteri

I fiocchi di sale islandese della Saltwerk, azienda fondata nel 2011, sono prodotti utilizzando un metodo secolare. Il sale viene raccolto in prossimità di una piccola penisola della costa occidentale, Reykjanes, che separa due fiordi, dove l’acqua dell’Oceano Artico settentrionale è incontaminata.

 

Qui, per estrarre il sale, è utilizzata l’acqua dei geyser, che raggiunge la temperatura di 93 °C. Ed è questa energia geotermica naturale l’unica impiegata nel processo di lavorazione così che non vi sono emissioni né di anidride carbonica, né di metano. L’acqua del mare è raccolta in apposite vasche riscaldate sino a ottenere una salamoia molto salina; viene scaldata sin quando i cristalli di sale di forma piramidale affiorano in superficie per poi depositarsi sul fondo delle vasche. È quindi eliminato il liquido presente e i cristalli sono essiccati, grazie a un processo interamente manuale.

 

L’azienda produce sei sali hand harvested (raccolto a mano). Ne abbiamo provati quattro.

 

 

Flaky Sea Salt (Fiocchi di sale marino)

 

È sale marino con elevato contenuto minerale, croccante, puro, incontaminato,netto.
Perfetto per condire in quanto valorizza il sapore dei cibi, adatto anche per salamoie e salature da provare per la preparazione del gravad laks.

 

 

Birch Smoked Salt (Sale affumicato con legno di betulla)


I fiocchi di sale sono essiccati con fumo di betulla secondo l'antica tradizione islandese. Il legno di betulla comunica una particolare nota affumicata, intensa ma non pungente, e conferisce una garbata nota fumé, alle uova al burro, al risotto, ma anche al pesce al cartoccio o alla carne alla brace; da provare con il Margarita.

 


Lava salt (Sale lavico)

 

L’Islanda ha vaste aree coperte di lava nera prodotta dai vulcani che hanno formato l’isola e sono scoscese, frastagliate, spettacolari. Il sale è miscelato a carbone attivo che ne arrotonda il sapore così da renderlo più morbido, ma con uno spunto quasi piccante che vivacizza il gusto. Il colore nero, inoltre, caratterizza visivamente i piatti in cui viene utilizzato, per esempio un carpaccio di pesce.

 

 

Licorice Salt (Sale alla liquirizia)


Il sale è prodotto miscelandolo in fiocchi a radice di liquirizia persiana grezza. Il profumo è di liquirizia nera, pertanto con una nota dolce. Il mix genera note di nocciola tostata e un sapore intenso di liquirizia, con una nota che vira al dolce. Queste caratteristiche ne fanno un sale da utilizzare anche in pasticceria, da aggiungere a torte, per preparare il caramello salato, ma è da provare nella cucina salata soprattutto abbinato a selvaggina; la casa lo consiglia per salare i pop corn.

 

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
IL GRANDE EVENTO DELL’ASSOCIAZIONE VITICOLTORI DI GREVE IN CHIANTI
I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la prop... Leggi di più
ZENI1870 E IL MUSEO DEL VINO MULTIMEDIALE
Dopo quasi due anni di lavoro dedicato alla raccolta e alla catalogazione di foto e di reperti, è stato inaugurato l’Album Digitale del Museo del Vino di Zeni1870, risultato di una collaborazione con vari attori qu... Leggi di più
SARANNO FAMOSI - PROMESSE MANTENUTE, A CURA DI PAOLA RICAS
Il libro “Saranno Famosi” mutua il nome dall’omonima rubrica del mensile La Cucina Italiana, pubblicata quando il magazine era diretto da Paola Ricas. La rubrica era curata da Tony Cuman raffinato somme... Leggi di più
Matteo Torretta è il nuovo chef di  El Porteño Gourmet Milano
El Porteño Gourmet è un ristorante argentino inaugurato nel dicembre del 2019 in pieno centro cittadino, in via Speronari 4.   L’interior design (foto 1 e 2) è firmato da Angus Fiori architects, studio curatore d... Leggi di più
CARNEVALE, MA CON STILE, DA MARCHESI 1824
In occasione di Carnevale, Marchesi 1824 e il Pastry Chef Diego Crosara presentano chiacchiere, tortelli, torte e biscotti decorati in tema carnevalesco.   Ecco le proposte Tortelli: selezione di tortelli vuoti, uvett... Leggi di più
LE GUIDE FOOD DORCHESTER COLLECTION DOVE SCOPRIRE LE METE PIÙ INSTAGRAMMABILI
Le #DCmoments City Guides, ossia e guide ai monumenti e ai siti di interesse architettonico e artistico delle città in cui sono presenti gli hotel Dorchester Collection si sono rivelate progetto vincitore degli Shorty Aw... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.