27giu 2019
INCONTRARE IGINIO MASSARI IN TOUR CON MOLINO DALLAGIOVANNA
Il Meet Massari e le farine Dallagiovanna
Articolo di: Laura Biffi

 

Incontrare Iginio Massari per un workshop di pasticceria? Si può, grazie a Molino Dallagiovanna, azienda piacentina che dal 1832 produce farine di qualità, che ha organizzato in collaborazione con Carra Distribuzione ed Eurovo, un tour italiano del Maestro Igino Massari che ha già toccato le città di Torino e Firenze e farà tappa il prossimo 23 settembre a Palermo ( foto 2).

 

Molino Dallagiovanna è oggi una realtà internazionale che esporta in oltre quaranta paesi del mondo con un volume d’affari di 28,5 milioni di Euro e annovera tra i suoi clienti i migliori pasticceri italiani e francesi. L’altissima professionalità e qualità delle farine di Molino Dallagiovanna è arrivata fino a creare oltre 50 tipologie di serie, dalla linea senza glutine e senza lattosio alle miscele su misura, fino alle farine specifiche per pizza con le virtù del germe di grano studiate per i vari settori alimentari: pasticceria, pizzeria, pasta e pane, fino all’Arte Bianca. Le farine Dallagiovanna nascono e terminano il loro percorso nei laboratori di analisi e ricerca dell’azienda, dove i grani sono testati e la protagonista è l’opera finita, lavorata dalle sapienti mani dei Maestri, provata e riprovata dagli allievi dei corsi e dei workshop tematici organizzati dal Molino. Lo storico stabilimento produttivo nelle campagne del piacentino rappresenta lo stato dell’arte in ambito di tecnologie molitorie con due impianti Bülher a 18 laminatoi, con una macinazione lenta e a freddo, il tutto gestito in modo computerizzato. A questo si aggiunga un metodo di lavoro sapiente e antico che cura ogni singola fase produttiva con grande attenzione. Basti pensare che ancora oggi, tutto il grano viene lavato in appositi macchinari per migliorare le prestazioni tecniche della materia prima in termini di umidità, eliminando ogni impurità, fin dalla prima fase di lavorazione. 

 

Il secondo appuntamento del tour Meet Massari 2019, dopo la città di Torino ha visto come protagonista Firenze ed è stato un grande successo di pubblico professionale con oltre 300 partecipanti. Il format porta in giro per l’Italia il maestro dei maestri per consentire a tutti i professionisti, ai giornalisti e ai food lover di conoscere i segreti e le tecniche più complesse della pasticceria italiana. Nella città del giglio accanto al Maestro Igino Massari si sono succeduti i pastry chef: Denis Dianin, Achille Zoia e Domenico Di Clemente (foto 3). Anche il presidente di AMPI (Accademia Maestri Pasticceri Italiani), Gino Fabbri, ha voluto portare i saluti di tutti gli accademici. 

 

“Il giro d’Italia che in questi anni sto facendo mi dà grandi sensazioni, la gente è molto attenta.- afferma Iginio Massari - Ogni città è ricca delle sue tradizioni e del suo sapere e in ogni luogo ho cercato di valorizzare le caratteristiche utilizzando i prodotti del territorio. Alla base di tutto però c’è sempre e solo la farina. E da anni io ho scelto Molino Dallagiovanna, un prodotto ricco di competenza ed esperienza.” 

 

Il numero uno della pasticceria italiana, durane l’evento, ha riproposto in una veste completamente nuova il Babà, che ha presentato in una versione verticale e conica, il croissant, di cui ha spiegato minuziosamente la ricetta e la schiacciata fiorentina, uno di quei dolci semplici e tradizionali, che nascono come ricetta povera, preparata nei periodi festivi per rallegrare le tavole delle feste, in questo caso di Carnevale. È una torta piuttosto bassa, solitamente di forma rettangolare o quadrata, che viene servita spolverizzata di zucchero a velo e tagliata a striscioline o a quadrotti. E’ aromatizzata con l'arancia, della quale si utilizzano sia il succo sia la buccia grattugiata (foto 4,5,6).

 

Accanto al Maestro Igino Massari, è salito sul palco anche Domenico Di Clemente ( foto 7 ), pastry chef del Four Seasons Hotel di Firenze. Dopo una lunga gavetta nelle migliori pasticcerie italiane e una profonda esperienza all’estero in particolare a Londra, dove ha lavorato alla corte di Alain Ducasse, Di Clemente ha intrapreso il percorso della pasticceria nella ristorazione dei grandi hotel cinque stelle lusso che gli ha consentito di confrontarsi con tanti professionisti internazionali e con ingredienti di tutto il mondo.

 

Di Clemente ha presentato “il mio zuccotto fiorentino” una ricetta innovativa per un dolce antico che ci porta indietro ai tempi di Caterina de’ Medici.  È un classico dolce che prende il suo nome dal copricapo del tempo. All’epoca veniva realizzato solo con zucchero e ricotta stratificati all’interno di un elmo che veniva conservato nelle ghiacciaie di neve. Con i secoli la ricetta è stata rivista ed è stato introdotto il pan di Spagna, il cioccolato e l’Alchermes della Farmacia di Santa Maria Novella. 

 

Per il suo zuccotto Di Clemente ha selezionato della linea LeDivine, una delle nuove linee di Molino Dalla Giovanna, la farina Sofia, sviluppando un pan di Spagna fatto al sifone con un innesto di azoto che ha permesso alla farina di dare il massimo del suo potenziale, ottenendo un prodotto morbido e fragrante. Il pastry chef ha poi impiattato il suo zuccotto scomposto in una versione di grande livello artistico, con una sfera sottilissima in cioccolato e una morbida sorpresa ricoperta d’oro all’interno. La guarnizione con piccoli quadrati di gelatina all’Alchermes ( Foto 1)

La giornata si è conclusa con la degustazione per tutti i presenti delle le ricette realizzate.

 

Meet Massari è l’occasione migliore per i professionisti per vedere all’opera i grandi maestri della pasticceria italiana, conoscere nuove ricette, assistere all’interpretazione di grandi classici. Per partecipare è necessario iscriversi ckuccando qui (sino a esaurimento posti). Il Prossimo appuntamento è fissato per il 23 settembre a Palermo.

1

2

3

4

5

6

7

Articoli Simili
I più letti del mese
ARTBOX, IL NUOVO MAGAZINE DEDICATO A MOSTRE ITALIANE E INTERNAZIONALI
È Parigi il filo conduttore della prima puntata di Artbox, il nuovo magazine dedicato a mostre italiane e internazionali, in onda mercoledì 11 gennaio su Sky Arte HD alle 20.45. Punto di partenza, l'avveniristica Fondat... Leggi di più
ALLA STATALE DI MILANO ESPOSTA UN’IMPONENTE OPERA DI JANNIS KOUNELLIS
E’ stata recentemente inaugurata all’Università degli Studi di Milano in Via Festa del Perdono 3 dal Rettore Prof. Gianluca Vago e dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, Senza titolo 2005, l&rsq... Leggi di più
Alto Adige Pinot Nero Riserva Mazon Hofstatter
Ci sono vini che non passano inosservati, in quanto non sono solo eccellenti, ma hanno un proprio fascino, una spiccata personalità. Analogamente alla bellezza umana chese non è supportata da personalità è vuota, così co... Leggi di più
LA DOC MONTEPULCIANO D’ABRUZZO COMPIE 50 ANNI
Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo è molto attivo nel promuovere vini che, come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo che, per quanto noti, non hanno ancora un riconoscimento ampio quanto ... Leggi di più
ETNA, LA VITA DI UN GRANDE VULCANO | WINE TASTING
Voglia d'Estate, di brezza marina, di vento tra i capelli? Ti aspettiamo venerdì 19 gennaio a Treviso, giusto per te un wine tasting sui vini dell'Etna, sapidità come salsedine sulla pelle, freschezza e massima eleganza ... Leggi di più
TARTARE AL MISO SENZA UOVA
MILANO-BOLOGNA: DUE CITTÀ DUE PRIMATI... DA GUINNESS
Due città, Milano e Bologna. Due contesti diversi, l’Adunata degli Alpini nel primo caso, gli eventi di FICO nell’altro. La mortadella sotto la Madonnina, la sfoglia di pasta all’ombra delle Due Torri. ... Leggi di più
I MIGLIORI COCKTAIL DEL LAGO DI COMO ALLA COMO LAKE COCKTAIL WEEK
Sorseggiare un ottimo cocktail vista lago, fare un cocktail tour in barca o imparare a creare a casa cocktail perfetti ? Si può, dal 3 al 7 luglio, la prima edizione della Como Lake Cocktail Week, una 5 giorni all’... Leggi di più
Hennessy 250 Collector Blend, un Cognac di 250 anni
La Maison Hennessy compie quest’anno  250 anni, un quarto di millennio percorso grazie alla capacità imprenditoriale delle generazioni che si sono succedute. Le due famigli legate al brand, Hennessy e Fillioux, hanno sap... Leggi di più
"L'ESEMPIO È LA PIÙ ALTA FORMA DI INSEGNAMENTO"
Se è vero che il futuro dipende da ognuno di noi, allora il futuro è già. 
L’unico modo per intravederne le mosse è di fare un passo indietro. 
Nel caso della cucina, un passo indietro fino alle radici dei nostri s... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.