22nov 2022
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
Articolo di: CityLightsNews

La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.

 

È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giacimenti enogastronomici, ricchi cioè di prodotti quali gli asparagi selvatici e i turioni di Pungitopo, i funghi porcini di Cusano Mutri, i carciofi di Pietrelcina, i tartufi bianchi e neri pregiati, la mela annurca, il Caciocavallo, la Mozzarella di Bufala, di vini DOC e DOCG, del Taburno, del Sannio, di Solopaca, a base di Aglianico, Falanghina, Greco, dell’olio extravergine di oliva delle Colline Beneventane DOP e via elencando

 

Eccellenze che alimentano la dispensa della Locanda Radici (foto 1 interno) considerato che la cucina punta dritto all’essenza dei sapori più autentici e genuini, al gusto originario delle materie prime.

 

Dirige la cucina lo chef Angelo D’Amico che può vantare un curriculum di prim’ordine grazie alle esperienze di rilievo presso alcuni dei più apprezzati ristoranti in Italia e all’estero. Formatosi all’Istituto Alberghiero di Benevento, ha lavorato a Roma all’Eden con Enrico Derflinger, a Palazzo Sasso di Ravello con Anthony Genovese; al Cracco Peck a Milano con Carlo Cracco, a Oxford al Le Menoir di Raymond Blanc e a Parigi all’Arpege di Alain Passard. A seguire, ancora con Bernardino Lombardo e a Labico nel ristorante di Antonello Colonna come executive. Tale patrimonio esperienziale lo ha portato a confrontarsi con tecniche e tendenze contemporanee come pure con la cucina classica francese. Tutto ciò senza rinunciare alla cucina di casa, ai sapori veri, quelli intensi e forti del territorio, costantemente oggetto della sua indagine, della sua ricerca e, in ultimo, della rivisitazione più attuale.

 

La sua è una cucina sostenibile, in rapporto all’impatto ambientale, al risparmio energetico e al riflesso economico, capisaldi irrinunciabili nella gestione della Locanda Radici. Ciò grazie a Giuseppe D’Amico, laureato in ingegneria energetica, che ha sviluppato un complesso modello matematico-analitico che consente di valutare l’impatto ambientale di ogni piatto proposto. Risparmio energetico ed emissioni di CO2 (con lo scopo, evidente, di ridurle al minimo) diventano i parametri cardine monitorati dalla produzione della materia prima fino alla sua trasformazione. La selezione accurata dei fornitori, che non può più prescindere da questi parametri, e la particolare attenzione che segue nella realizzazione dei piatti, consente fin da ora di segnalare già nel menu, attraverso il simbolo del trifoglio, piatti particolarmente ecosostenibili.


Ogni piatto è depositario dell’intessersi di esperienze, di tecniche sia remote sia innovative e di riferimenti al territorio, dove i migliori sapori, quelli della memoria, sono restituiti attraverso proiezioni nuove ricche di picchi gustativi che sostengono il ricordo. Per esemplificare questo racconto basterà dire dell’Uovo croccante, Mozzarella di Bufala e tartufo (foto 2), la ricetta cliccando qui: il tuorlo fritto, al tempo stesso “croccante” e cremoso, è coperto da lamelle di tartufo (eccellente del beneventano) cui si aggiunge la mozzarella per completare la polifonia.

 

O come l’Agnello Laticauda: carré arrosto alla lavanda, pancia, polpetta di spalla con menta e pecorino (foto 3). Una preparazione in cui la razza autoctona Laticauda, viene valorizzata al meglio in tre diverse preparazioni per tre sue parti distinte. Un piatto che non nasce da una singola ispirazione ma da una somma di esperienze e considerazioni, arrivando ad affermare l’importanza di valorizzare ogni parte di un animale e quindi il valore della circolarità come elemento della sostenibilità in cucina.

 

Ma potremmo ancora dire del Tortello di Caciocavallo di Castelfranco in Miscano (foto 4).

 

E volendo riprendere il nome Locanda Radici, occorrono radici profonde e salde per proiettarsi tanto consapevolmente nel presente e ci vogliono radici che continuino a scavare. Anche nella memoria.

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
VIGNETI APERTI IN PIENA SICUREZZA: IL CALENDARIO
La lotta contro Covid continua e il MTV (Movimento turismo del Vino) non sta a guardare così che oltre a confermare gli appuntamenti storici con Cantine Aperte e Calici di Stelle, propone una novità, Vigneti Aperti. &ld... Leggi di più
RAB, BAR SOCIALE DOVE LAVORANO RAGAZZI DIVERSAMENTE ABILI
Rab, è un luogo di aggregazione; potremmo definirlo un bar sociale, un caffè letterario, dove lavorano ragazzi con disabilità intellettive e volontari dell’associazione Cooperativa Sociale Baracca Onlus  con l'obie... Leggi di più
5 +2 DELIVERY PER SAN SILVESTRO /CAPODANNO 2020
Vi proponiamo una piccola selezione di delivery per la cena si San Silvestro/Capodanno   Cibario Cibario propone una carta pensata per capodanno (foto 2) in cui scegliere tra antipasti quali Capesante gratinate con p... Leggi di più
INTERVISTA A DOMENICA PACE SCRITTRICE, BLOGGER...
Domenica Pace è autrice, presentatrice d’eventi e blogger di moda. E’ considerata da numerose case editrici per i premi letterari vinti grazie alle tematiche diversificate affrontate e per il suo stile di scr... Leggi di più
LA SCOPRITRICE DEL BRUCO MANGIA PLASTICA È LA PRIMA DONNA 2017
Federica Bertocchini  scopritrice del bruco mangia plastica è la Prima Donna 2017 Premio Casato Prime Donne 2017 alla biologa Federica Bertocchini e ai giornalisti Pietro di Lazzaro, Stefano Pancera e Vannina Patanè Fe... Leggi di più
UNIVERSO ASSISI DAL 21 AL 29 LUGLIO: IL FESTIVAL "IN SECRET PLACES"
Universo Assisi dal 21 al 29 luglio: il festival internazionale "in Secret Places" attesi Michael Nyman, Michele Placido e Antonella Ruggiero Universo Assisi 2018 “Universo Assisi – A Festival in Secret Plac... Leggi di più
MERINGHE O BATH BALLS?
LO CHAMPAGNE E I PIATTI NATALIZI: SEI PROPOSTE DI ABBINAMENTO
Per quanto lo Champagne sia sempre più destagionalizzato, servito nel corso dell’intero anno, è nel periodo natalizio che si stappano più bottiglie. Sicuramente sono tante le occasioni in cui proporre Champagne per... Leggi di più
CHIARA FERRAGNI INSIEME A NESPRESSO APRE IL SUO TEMPORARY CAFE’ A MILANO
Piazza del Carmine a Milano nel cuore di Brera si tinge di rosa Ferragni, la famosa imprenditrice digitale ha infatti appena aperto Nespresso x Chiara Ferragni Café in collaborazione con l’omonima azienda di caffè.... Leggi di più
FRITTATA IN STILE GIAPPONESE TAMAGOYAKI FARCITA AL BRIE E SCALOGNO
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.