08mar 2019
EUGENIE BRAZIER LA PRIMA GRANDE DAME DELLA CUCINA TRISTELLATA FRANCESE
Articolo di: Laura Biffi

E’ il 1895, la Belle Époque e la Francia è in fermento per l’avanzare della crescita economica: sono gli anni dell’Affaire Dreyfuss, dell’ Impressionismo nell’arte, della nascita del cinema da parte dei fratelli Lumière, del cabaret, del can can e delle guinguette. E’ l’avvento della maison di alta gioielleria Van Cleef and Arpels, della Renault, dell’esposizione universale a Parigi (foto 2), della costruzione della Tour Eiffel e della prima linea della metropolitana (foto 3 e 4) . In quell’anno, il villaggio di La Tranclière tra Bourg-en-Bresse e Lione dà i natali alla prima chef stellata di Francia: Eugénie Brazier.

 

Eugénie nasce nella profonda Francia rurale da una famiglia contadina e la vita non si presenta facile per lei: a 10 anni infatti perde la madre, frequenta la scuola solo d’inverno perché durante le altre stagioni lavora come custode di animali in alcuni allevamenti, dove impara anche i primi rudimenti della cucina. A 19 anni resta incinta e la sua condizione per la mentalità dei tempi è irrevocabile: impossibile tollerare una ragazza-madre con un figlio avuto fuori dal matrimonio, suo padre la mette alla porta.

 

Ma Eugénie è una giovane donna coraggiosa, affronta la realtà e si trasferisce a Lione, all’epoca la seconda città di Francia dopo Parigi; lì, assunta come balia in una famiglia borghese di produttori di pasta, è successivamente incaricata della cucina ed è proprio da quel momento che ne farà la sua vocazione.


La Belle Époque vede fiorire a Lione moltissimi ristoranti chiamati “bouchons”, sono tutti gestiti da cuoche, le “mères” (madri) uscite delle famiglie borghesi per aprire la propria attività dove la cucina è semplice ma raffinata, genuina, basata sulle ricette tradizionali e i prodotti locali, in primis il pollame, un’ eccellenza della vicina Bresse che è sempre presente nelle preparazioni culinarie . Alla fine della prima guerra mondiale Eugénie è cuoca nelle cucine del rinomato bouchon della famosa Mère Filloux che diventerà la sua mentore.

 

Nel 1921 apre il suo primo ristorante a Lione: La Mère Brazier (foto 5). I tempi sono difficili ma grazie alla sua bravura, al suo essere molto esigente, agli elogi del Principe dei Gastronomi Curnonsky e al Club des Cent, la sua cucina è la più richiesta della città. Nel 1929 apre un altro bouchon a Col de la Luère a Pollionnay nelle campagne di Lione e nel 1932 i suoi ristoranti sono insigniti delle due stelle Michelin, nel 1933 per entrambi gli indirizzi è la volta delle tre stelle (foto 6).

 

Da quel momento Eugénie Brazier e i suoi bouchon diventano l’emblema di Lione e della sua cucina, è richiesta dai migliori ristoranti e alberghi del mondo dal Ritz di Parigi al Waldorf Astoria di New York, ma ama troppo il suo paese e resterà per sempre in quella che lo stesso Curnonsky definì la capitale mondiale della gastronomia: Lione.

 

Nel 1946 il ventenne Paul Bocuse varca la soglia di Col de la Luère come apprendista e inizierà così il suo percorso da chef proprio in uno dei templi dalla tradizione lionese dove oltre a cucinare mungeva vacche e coltivava l’orto perché la mère Brazier pretendeva che tutto fosse fatto tradizionalmente à la maison.

 

Eugénie, dopo essere stata riconosciuta una delle migliori chef di Francia e del mondo muore nel 1977 e dopo la sua morte, la casa editrice Rizzoli pubblica la sua bibbia in inglese: La Mère Brazier, the mother of French cooking (foto 7); una donna che resterà per tutte le chef un esempio di quella forza data dalla passione per la cucina che si trasforma in capacità e dedizione portando all’eccellenza.

 

Alla memoria dei gourmet restano i suoi piatti più famosi che sono tutt’ora sulle tavole di alcuni tra i migliori ristoranti regionali: dai carciofi al foie gras, alle quenelle di luccio alla salsa Nantua a base di gamberi di fiume, all’aragosta con la salsa Belle Aurore, fino alla poularde de Bresse demi-deuil cotta insieme al tartufo nero e alla galette Chabraninof a base di mele caramellate nel burro e flambate al rhum.

 

1

2

3

4

5

6

7

Articoli Simili
I più letti del mese
Roner
La Roner è una distilleria altoatesina che produce grappe in purezza e aromatizzate con bacche, radici, piccoli frutti, e distillati di frutta, ossia ottenuti dalla distillazione di frutta opportunamente macerata. La pri... Leggi di più
ESCLUSIVA MOËT & CHANDON AL TEMPORARY LOUNGE @ LARINASCENTE
Lo spazio Temporary Lounge @ laRinascente  al primo piano in piazza del Duomo a Milano sino all'11 gennaio  sarà interamente ed esclusivamente dedicato agli Champagne Moët & Chandon per essere luogo di incontro dove con... Leggi di più
iFOODQ UN NUOVO MODO DI INTENDERE LA QUALITÀ
E’ nato iFOODQ, il primo Food Quality Web Hub Italiano. Disquisire di qualità alimentare... ben venga, in quanto è il presupposto imprescindibile che deve caratterizzare qualsiasi prodotto. Le tutele teoricamente n... Leggi di più
IL GARDA DOC DEBUTTA AL FESTIVAL LETTERATURA DI MANTOVA 2017
Il nuovo spumante Garda Doc, creato dal Consorzio di tutela omonimo, è stato presentato ieri in anteprima a Mantova al Festival Letteratura, quest'anno alla sua 21esima edizione, e dove, per tutta la durata dell'evento, ... Leggi di più
LE PRUGNE IN CUCINA, LA CALIFORNIA E LO CHEF
Le prugne della California non sono solo uno dei superfrutti naturalmente nutritivi ma sono, anche, un prodotto molto versatile in cucina. Addirittura dagli abbinamenti insospettati. E, per passare dalle parole ai fatti,... Leggi di più
GRANDE CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA VODKA BELUGA
La Vodka russa Beluga lancia in novembre una grande campagna affissioni, che coinvolge le metropoli di tutti i suoi principali mercati internazionali. Per l’Italia, le due città prescelte per la pubblicità outdoor sarann... Leggi di più
Negroamaro
Si è tenuto allo showroom JVstore di Jannelli&Volpi a Milano un percorso sensoriale condotto dall’ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino) Lombardia sul Negroamaro e altri vini salentini. Numerose e qualificate ... Leggi di più
PIOVRA CONFIT E GRIGLIATA CON POMODORINI ASCIUGATI AL FORNO CREMA DI MELANZANE E BURRATA
CAROL RAMA, LEONE D’ORO ALLA CARRIERA ALLA BIENNALE DI VENEZIA 2003
Dopo Barcellona, Parigi, Espoo, Dublino la grande mostra retrospettiva dedicata all’artista Carol Rama (1918-2015) è sbarcata alla GAM di Torino. L’artista, autodidatta, iniziò a dipingere fin dalla prima adolescenza e, ... Leggi di più
VIDEOINTERVISTA WALTER DI GEMMA, CABARETTISTA

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.