05gen 2022
UNA BEFANA A MISURA DI BAMBINO SOLO DI DOLCI
Articolo di: Michele Pizzillo

Da sempre l’Epifania è un momento di condivisione e di complicità tra grandi e piccini, fatto di simpatiche Befane, di appassionanti racconti e di tante dolci sorprese. E’ vero che ad attendere l’Epifania sono i più giovani perché è una festività che permette la scoperta di altre dolcezze rispetto ai tradizionali panettoni, pandoro e, come rammentano i Vergani – celebri produttori milanesi di dolci lievitati – le veneziane in particolare a Capodanno. Infatti, le tradizionali calze rappresentano il trionfo di torroncini, cremini, caramelle. Dolcezze che i più grandi – e parliamo di genitori e di nonni - non disdegnano affatto, tanto che qualcuno nel rito della calza che di notte porta la Befana (?), intravede una sorta di ritorno agli anni giovanili di chi si prende il compito di fungere da Befana, appunto, per la gioia di figli o nipoti.

 

Nella gallery che presentiamo, abbiamo inserito prodotti a tema e, quindi, quelli che generalmente i ragazzi si aspettano, senza disdegnare però, una gran bella fetta di panettone che in questi giorni già è possibile reperire a prezzi di saldi. Potremmo dire che danno l’avvio alla stagione dei grandi sconti, senza che gli operatori commerciali debbano attendere i provvedimenti delle autorità competenti che stabiliscono la data dei saldi. I dolci di Natale, insomma, non sono sottoposti ad alcun regolamento, tant’è che spesso si trovano a prezzi scontati già in pieno periodo di festa.

 

Una gallery che presenta prodotti che vanno sempre bene quando si avverte il desiderio di mettere sotto i denti qualcosa di piacevole o concludere il pasto con un piccolo dolcetto che potrebbe essere anche un semplice torroncino o cioccolatino. E, quindi, una selezione di solo prodotti da mangiare. Abbiamo escluso vino, liquori, birra visto che la festa è dei ragazzi. Per questo abbiamo anche citato una iniziativa promossa da una fondazione - la Ronald McDonald, impegnata nella creazione di case di accoglienza per famiglie di bambini che sono costretti a curarsi in centri lontani dalla propria città – che vuole raccogliere 150mila pasti da donare a chi non ha niente. Ci è sembrata una segnalazione calzante perché decisa da un ente che aiuta i ragazzi.

 

Ecco la Gallery


Varese - Il cammello dolce

 

Varese celebra l’Epifania con il cammello dolce di pasta sfoglia (foto 2). Prodotto solo il 6 gennaio, è un omaggio alla tradizione. E, quindi, un solo giorno per gustare una prelibatezza che non racconta solo di una leggenda, ma è testimone di solidarietà e vuole essere beneaugurante per l’anno appena iniziato. Il portale del turismo varesino, per visualizzarlo cliccare qui, promosso dalla Camera di Commercio rende omaggio a questa tradizione che trova le radici nel passaggio del Barbarossa dalla Città Giardino. Infatti, per quanto le origini del cammello di pasta sfoglia non siano del tutto chiare, i pasticceri di Varese concordano sul fatto che possano essere ricondotte alla spiritualità del viaggio dei Re Magi. Secondo la leggenda, infatti, le reliquie dei Magi furono rubate da Federico Barbarossa nella chiesa di Sant’Eustorgio a Milano e, nel loro cammino verso la Germania dove furono donate all’arcivescovo di Colonia, fecero una sosta a Varese.

 

La forma fa riferimento alla cavalcatura tipica dei Magi, anche se, secondo la tradizione questi si spostavano nei loro viaggi con cavallo, cammello ed elefante, simboli dei continenti Europa, Africa e Asia. Proprio a ricordo di questo passaggio, i pasticceri di Varese vollero realizzare un dolce particolare, dando vita a una tradizione unica e molto sentita, che addirittura andava ben oltre i normali rapporti di concorrenza tra i mastri pasticceri.

 

“Mio nonno mi ha raccontato più volte che, quando insieme ai suoi due fratelli decise nel 1919 di trasferirsi da Milano a Varese e aprire una pasticceria in corso Matteotti, fu proprio il pasticcere vicino, dell’allora pasticceria Garibaldi, a prestargli lo stampo per fare i cammelli, il dolce tipico dell’Epifania di cui lui non sapeva nulla”, racconta Gabriela Ghezzi, terza generazione della Pasticceria Ghezzi che con i suoi 102 anni di storia è la più antica della città.

 

Un gesto di generosità per rispettare la tradizione, ma anche un gesto di accoglienza e unità che oggi può trovare un nuovo significato. “I cammelli vengono realizzati esclusivamente per la festa dell’Epifania e nascono di pasta sfoglia semplice - prosegue Ghezzi -. Poi sono arrivati quelli farciti con creme o panna, di pasta frolla con marmellata o crema e la frutta: l’importante è però tenere fede alla forma e alla tradizione”. Da Varese questa usanza negli ultimi anni si è estesa anche alla provincia.
Per tutti i dettagli, anche per trascorrere a Varese il weekend dell’Epifania cliccare qui.


Haribo e le Calzastoria

 

Se li leggi attentamente, le ricerche di mercato quasi sempre riservano delle sorprese che, il più delle volte sono veramente piacevoli. Come quella che riguarda la voglia degli italiani per la lettura. Infatti, da una ricerca appena fatta conoscere da Haribo (azienda tedesca che produce caramelle gommose alla frutta e la liquirizia, che ha festeggiato 100 anni di attività l’anno scorso), scopriamo che negli ultimi anni molti italiani di ogni età si sono scoperti amanti della lettura (+2,3% il fatturato complessivo del settore nel 2020). E, per tutti questi appassionati lettori, Haribo, per la Befana (e, ci auguriamo per sempre) ha creato le divertenti Calzastorie: delle calze da riempire di caramelle e leccornie, proprio come vuole la tradizione, ma rivisitate in una chiave tutta nuova.

 

Con il concept “Le Avventure della Befana” (foto 3 e 4), Haribo unisce infatti l’intramontabile simbolo dell’Epifania al piacere della lettura delle storie a fumetti. Acquistando tre prodotti Haribo a scelta il consumatore avrà subito in omaggio una Calzastoria. Questa divertente mega calza, pronta per essere riempita con le gommose più amate di sempre, racconta anche delle appassionanti avventure illustrate, che vedono protagonisti la Befana e l’iconico Orsetto d’Oro haribo.
Il finale delle storie? Si trova sul sito dedicato haribocalzastorie.it, attivo fino al 7 gennaio, o semplicemente scansionando il QR code direttamente dalla Calzastoria. Accedendo al sito sarà possibile trovare tutte le Avventure della Befana disponibili e le versioni dei racconti in bianco e nero, pronte per essere scaricate e colorate da grandi e piccini.

 

Sperlari – La storia del torrone

 

Senza Sperlari non c’è Befana. D’altronde sono 185 anni che la fabbrica di Cremona delle dolcezze più incredibili è sempre pronta per proporre una calza piena di bontà. Una dolcezza che si raddoppia magari scegliendo le calze che contengono due prodotti diversi come Befana Mix. Senza dimenticare che sono disponibili le confezioni che hanno già assicurato momenti felici a Natale e a Capodanno e aggiungendo la dolcezza dei torroni e i morbidelli di croccanti nocciole, di mirtilli, al cacao e mirtilli, la Befana diventa anche una festa al profumo di frutta. Da qualche settimana, poi, la famiglia Sperlari si è allarga con una dolce novità grazie all’incontro di gianduia e caramello salato che ha dato vita a Zanzibar Caramel Dorè Salato: un goloso ripieno gianduia con nocciole intere e granella di caramello croccante, ricoperto dal gusto intenso del caramel dorè salato. E che dire dei tartufi assortiti torroncino e nero oppure gianduia nonché la golosità del pistacchio. Tutte golosità che può offrire un’azienda impegnata nella valorizzazione della tradizione italiana tant’è che nel 2021 Sperlari è entrata nel Registro dei marchi storici di interesse nazionale, riconoscimento ricevuto dal Ministero dello Sviluppo Economico.

 

Marchesi 1824 - Calze della Befana

 

La pasticceria milanese meta preferita di una elegante clientela cosmopolita non si sottrae al rito della Calza della Befana. Così, in occasione dell'Epifania 2022, Marchesi 1824 e il pastry chef Diego Crosara presentano delle preziose Calze della Befana, fatte con tessuti riciclati che prendono nuova vita nelle eleganti calze in seta color vischio, il tradizionale tartan blu e l'iconico tartan rosso. Le calze contengono una selezione di friabili torroncini con mandorle, gianduiotti assortiti, caramelle fondant, sfere al cioccolato assortite e lecca lecca. E, così, il simbolo dello stile milanese, con le sue preparazioni eccellenti, gli ambienti eleganti e il servizio impeccabile, accompagna i momenti di convivialità tra gusto artigianale e creatività raffinata. Fedele alle sue tradizioni basate sull’accurata selezione delle materie prime, l’alta maestria pasticciera e l’attenzione ai dettagli ha pensato anche ai ragazzi, con prodotti in vendita presso la storica pasticceria in Via Santa Maria alla Porta, presso le sedi milanesi di Via Monte Napoleone e Galleria Vittorio Emanuele II, nonché presso la pasticceria sita a Londra al 117 di Mount Street, Mayfair e sul sito cliccando qui.

 

 

McDonald’s e Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald – donazione pasti caldi

 

La Fondazione che la catena McDonald’s ha intitolato al suo fondatore, Ronald McDonald’s è un'organizzazione non profit nata nel 1974 negli Stati Uniti e presente da noi dal 1999, con l'obiettivo di creare, trovare e sostenere progetti che contribuiscono a migliorare in modo diretto la salute e il benessere dei bambini e delle loro famiglie. Un bambino gravemente malato deve spesso curarsi lontano dalla sua città. Fondazione Ronald si propone di costruire, acquistare o gestire Case Ronald ubicate nelle adiacenze di strutture ospedaliere e Ronald McDonald Family Room, situate direttamente all’interno dei reparti pediatrici, per offrire ospitalità e assistenza ai bambini malati e alle loro famiglie durante il periodo di cura o terapia ospedaliera.

 

In questo periodo festivo sta portando avanti un’altra iniziativa con l’obiettivo di mettere insieme 150mila pasti caldi da donare alle persone in difficoltà. Il progetto si chiama “Sempre aperti a donare” e, per raggiungere l’obiettivo dei 150mila pasti, ha coinvolto Banco Alimentare (foto 5), partner operativo prezioso anche per l’individuazione delle associazioni locali a cui destinare le donazioni, la Comunità di Sant’Egidio, a cui McDonald’s e Fondazione si affiancano per il sostegno ai senza dimora, e con altri enti e associazioni caritative locali distribuiti sul territorio nazionale. Un gesto concreto che coinvolge in prima persona i team dei ristoranti che si occuperanno della preparazione dei pasti distribuiti agli enti benefici locali e a chi si trova in difficoltà e che ribadisce l’impegno continuativo di McDonald’s e di Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald a supporto delle persone e dei territori in cui opera. E’ facile intuire che per il successo di questo progetto attuato la prima volta l’anno scorso, con il coinvolgimento di 185 ristoranti in 120 diverse città italiane, per un totale di oltre 140mila pasti donati a più di 200 associazioni ed enti benefici locali, è fondamentale la partecipazione dei ragazzi e, quindi, la Befana potrebbe essere una grade attrattiva, anche perché “Sempre aperti a donare” è aperto fino al 31 marzo 2022.

 

 

Ritter

 

Il primo grande produttore di tavolette di cioccolato ad approvvigionarsi di cacao 100% sostenibile e certificato per la sua intera gamma di prodotti, Ritter, per riempire la calza delle sue dolcezze, si presenta con i suoi Mini, Ritter Sport avvolti in un imballaggio realizzato con materie prime rinnovabile e, quindi, una bag di carta che può essere riciclata e riutilizzabile. All’interno delle nuove bag in carta, la stessa qualità e bontà di sempre. E, cioè, 3 varianti ed ognuna contiene un assortimento di Ritter Sport Mini della linea di riferimento e, cioè: Colorful Variety. Yogurt, cornflakes, gianduia, marzapane, nocciole, biscotto e Latte in 7 gusti ricoperti da cioccolato al latte o vellutato cioccolato fondente. Poi Special Nuts: nocciole intere, fondente con nocciole intere e Bianco con nocciole intere. Cacao Selection, che poi è il nuovo modo di essere fondente, quello di Ritter Sport. Con pasta di cacao mono origine in diverse intensità: L’Extra Intenso 81% con cacao dal Ghana, L’Intenso 74% con cacao dal Perù, L’Aromatico 61% con cacao dal Nicaragua e L’Equilibrato 55% con cacao proveniente dal Ghana. Per un’esperienza avvolgente con soli 3 o 4 ingredienti.
La bag in carta certificata FSC va a sostituire il vassoio in cartoncino avvolto nella plastica trasparente, permettendo un risparmio di 15 tonnellate di film plastico all'anno rispetto al confezionamento precedente. Ritter Sport lavora da tempo per utilizzare materiali di imballaggio alternativi provenienti da fonti rinnovabili, in modo da ridurre l’utilizzo di materie plastiche. Ove possibile utilizza già materiali riciclati e dal 2018 utilizza fibre certificate FSC per le proprie confezioni in cartone.

 

Patatas Nana – ispirati dal poeta Federico Garcia Lorca

 

Il brand di patatine fritte in busta che punta sulla lavorazione artigianale e l’utilizzo di ingredienti semplici e di qualità, continua a rinnovarsi e lo fa in collaborazione con un’altra eccellenza del Made in Italy: la Giardiniera di Morgan. Le chips di Patatas Nana si uniscono alle verdure liofilizzate e polverizzate utilizzate da Morgan nella sua celebre Giardiniera creando cinque nuovi gusti di patatine: aglio nero, rapa rossa, limone in salamoia, cappero e peperone.
Come le Patatas Nana classiche sono fatte con solo tre ingredienti e senza conservanti, anche la Giardiniera di Morgan è senza compromessi: le verdure vengono prodotte solo da aziende agricole del territorio che coltivano in modo etico, sostenibile e nel pieno rispetto degli equilibri naturali, non vengono utilizzati additivi chimici e tutti i prodotti sono lavorati a mano. Da questa unione scandalosa sono nate le Patatas Nana di Morgan: le verdure vengono disidratate al 99% da Morgan tramite un processo di essiccazione naturale, vengono poi polverizzate e unite alle chips Patatas Nana con l’aggiunta di pochissimo sale marino.
Il progetto ha lo scopo di rivoluzionare il mercato delle chips in busta aromatizzate, grazie alla qualità e alla filosofia delle due aziende, che si contraddistinguono per l’utilizzo di prodotti 100% naturali, senza conservanti e aromi chimici. E, ovviamente, consigliati anche per l’alimentazione dei ragazzi. D’altronde Nana in spagnolo significa ninna nanna ed è proprio a Granada che lo chef italiano Michele Gilebbi ascolta i versi di Nana de Sevilla del poeta Federico García Lorca e ha subito l’intuizione di creare Patatas Nana, rilevando una vecchia friggitoria e trasformandola pian piano in quello che oggi è il laboratorio artigianale dove vengono prodotte le patatine.


Egalité – Un po' di Parigi a Milano

 

Per celebrare l’arrivo dei re magi la boulangerie francese propone la tradizionale Galette des Rois, meglio conosciuta come Torta dei Re Magi, e cioè, una dolce sfoglia che avvolge un ripieno di frangipane con una “speciale” sorpresa al suo interno. Questo speciale dolce si presente come un tortino basso a base di pasta sfoglia dorata con un ripieno di crema frangipane. Ma l’ingrediente più “curioso” è la fève, una piccola sorpresa che si nasconde nel suo impasto. In origine era una fava o un fagiolo, nel caso di Égalité, ritrae i personaggi della rivoluzione francese.
Per la Francia, la Galette des Rois rappresenta il dolce per eccellenza per celebrare la
venuta dei Re Magi. La tradizione di questo dolce ha origine medievale tanto da comparire già nelle cronache dell'anno Mille e come dolce tipico sulle tavole dei re di Francia. A partire dal 6 gennaio si dà l’avvio al gioco di “tirare a sorte un re o una regina”: il più anziano a tavola taglia la Galette in tante fette quanti sono gli ospiti, mentre il più piccolo si nasconde sotto il tavolo e decide a chi spetta ciascuna. Solo colui o colei che trovano la fève viene quindi eletto re o regina della giornata.
La Galette sarà disponibile per tutto il mese di gennaio, in tre differenti formati. Potrà
essere acquistata anche online con consegna direttamente a casa sul sito Smart Food Bio, all’interno della sezione “Speciale Francia” dedicata esclusivamente ai prodotti della
boulangerie milanese, per riceverlo direttamente a casa propria. Per Visitarne il sito cliccare qui.
 

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
BADIA DI MORRONA, I SODI DEL PARETAIO 2017
La famiglia Alberti produce vini Chianti dal 1939 e dispone di circa 110 ettari dei quali la metà sono coltivati a sangiovese. Tra i Chianti prodotti uno giovane, che si avvicina di più al vino quotidiano beverino e fres... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
AL MERCATINO "IL BUONO IN TAVOLA" PER SCOPRIRE I PRODUTTORI (1/2)
Aggiornamento 1 aprile 2019 Questo mese Il Buono in Tavola sarà presente per 5 martedì: il 2, il 9, il 16, il 23 e il 30 Aprile dalle 8:30 alle 14:30. Tra i jolly che caratterizzano l’edizione 2019, martedì fa il ... Leggi di più
SETTEMBRE GASTRONOMICO DI PARMA 2021
Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, la filiera del latte e quella del pomodoro possiamo dire che sono dominanti e non può essere diversamente, siamo a Parma, anzi nella Città Creativa della Gastronomia Unesco. Ma q... Leggi di più
SPAGHETTI AL LARDO CON CALAMARI, POLPO E COLATURA DI ALICI
ASPARAGI ALLE UOVA IN CEREGHIN E FORMAGGIO GRANA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.