07dic 2023
Incontro Restaurant & Drink: la raffinata cucina di Ivan Mancin
Articolo di: Fabiano Guatteri

Dopo un anno siamo tornati a Incontro Restaurant & Drink, a Milano, di cui abbiamo scritto qui, e abbiamo trovato, in riferimento ai piatti provati, una cucina che, pur mantenendo lo stesso stile, in cui è sempre evidente la centralità del piatto, è per certi versi cambiata. Lo scorso anno avevamo apprezzato l’equilibrio delle portate anche in quelle in cui lo chef, Ivan Mancin, utilizzava molti ingredienti, e che, talvolta, richiedevano di essere interpretate. Ora, invece, i piatti comunicano in modo più chiaro la propria narrazione: vogliono essere immediati, prodotti con solide tecniche culinarie e anche quando implicano una certa complessità, non sono di complicata lettura.

 

 

Il menu


L’ostrica fritta servita con una maionese al pomodoro e crema di basilico (foto 1), ci porta ad Auguste Escoffier dove nella sua Guida alla Grande Cucina, nel capitolo dedicato agli hors-d’œvre scrive “ciò che queste preparazioni non hanno in termini di quantità, dovrà essere compensato da un’estrema finezza di gusto, e di una cura nella disposizione tale da renderle irreprensibili”. Citazione che trova piena corrispondenza con questa prima portata per finezza di gusto e diposizione nel piatto. La croccantezza superficiale dell’ostrica  protegge la morbidezza succosa del frutto e il gusto salino è levigato dalla dolcezza della maionese e dal tocco morbido e profumato della salsa al basilico. Da aggiungere che il fritto è di leggerezza aerea.

 

Vi sono preparazioni che includono numerosi ingredienti e altre, invece, che utilizzano sostanzialmente un solo ingrediente mostrandone tutte le sfaccettature. Ed è, questo, il caso dei Cappellacci ripieni di funghi porcini, brodo di parmigiano, crudité di fungo e fungo fritto servito con polvere di porcino (foto 2). Il porcino è il protagonista, cucinato in più modi, e ogni sapore ha una propria consistenza: avvolgente e cedevole nella farcia della pasta; delicato e croccante nel fritto; umami e morbido nella cottura in padella; minerale e tenero in crudità, con la sapida delicatezza del brodo a fare da sfondo.

 

Per introdurre la portata successiva vorremmo sottolineare che mentre la cultura occidentale focalizza precipuamente il gusto e pertanto enfatizza il sapore dei cibi con soffritti, intingoli, fondi, quella giapponese predilige la consistenza. Il sashimi, per esempio, ha una sola salsa perché vuole evidenziare non tanto i sapori, ma le diverse consistenze dei singoli tagli. Veniamo al trancio di ventresca di tonno mediterraneo scottato accompagnato da un chutney di lampone con cipolla caramellata e aceto balsamico (foto 3). La ventresca è la parte più pregiata e in questo piatto se ne valorizza la consistenza: la cottura, quanto basta, lascia tutta la tensione “croccante” della polpa che la cottura prolungata vanificherebbe, ma al tempo stesso la texture acquista più tono rispetto a quella del pesce crudo. Il risultato è un piatto tecnicamente perfetto. La presenza del chutney conferisce un tocco agrodolce.

 

Come i funghi trovano il loro trionfo nei cappellacci, un altro ingrediente lo rivela nel Sorbetto al lampone, semifreddo al lampone, lampone fresco, lampone croccante e salsa di lampone (foto 4). Anche in questo piatto al diversificarsi dei sapori del lampone si differenziano le consistenze dove la temperatura negativa gioca un ruolo fondamentale.

 

 

Conclusione


Riteniamo che lo chef, per quanto abbiamo sperimentato, abbia sostenuto nell’ultimo anno un lavoro di ricerca sugli ingredienti  smussando, limando, sottraendo, così da scongiurare qualsiasi ridondanza. Ciò ha portato a piatti agili, ma non per questo superficiali, in quanto quella di Ivan Mancin è una cucina complessa, ma dotata di un linguaggio chiaro, definito, compiuto. Va inoltre riconosciuta la professionalirà di Federico Anibaldi che gestisce la sala.

1

2

3

4

Indirizzo : Via Alfonso Lamarmora 36 Milano
Telefono : 392 78 51 446
Articoli Simili
I più letti del mese
Il saluto del Villaggio delle Uova è un mare di colori… con i palloncini
Saranno protagonisti i palloncini, con le loro forme più disparate, che, il 6 e 7 Maggio saranno gli assoluti protagonisti del parco a tema alle porte di Pavia. Miriadi di colori e forme per dire arrivederci alla prossim... Leggi di più
KISEN EXPERIENCE, VIAGGIO FUSION IN ESTREMO ORIENTE
Kisen di via Gian Giacono Mora, a Milano, è un ristorante fusion, il primo nato dei 3 Kisen, dei quali uno in via Moscova di cui abbiamo detto qui, e uno a Busto Arsizio.   Dire fusion è corretto, ma non esaustivo in q... Leggi di più
OLIO OFFICINA FESTIVAL - CONDIMENTI PER IL PALATO & LA MENTE
In merito alle proprietà nutrizionali dell’olio extra vergine d’oliva non ci sono dubbi. E’ considerato un alimento nutraceutico, ossia un cibo medicina per le sue proprietà che giovano al benessere fis... Leggi di più
FISH&CHEF CELEBRA IL DECENNALE ATTRAVERSO LA CUCINA D’AUTORE
Dal 6 al 13 maggio 2019 riflettori accesi per la 10a edizione di Fish&Chef, il lago di Garda ci conquista. Dieci anni di Fish&Chef, grandi festeggiamenti per onorare la kermesse volta a raccontare il territorio del lago... Leggi di più
I SETTANT’ANNI DELLA CANTINA RUGGERI
La Cantina Ruggeri è nota per la qualità dei suoi Valdobbiadene Prosecco. L’azienda ha compiuto ora 70 anni, ma è tesa al futuro, più che al passato.   E questa tensione si concretizza attraverso la realizzazione... Leggi di più
Diciotto Magnum di vini bianchi e rossi per San Valentino
Facciamo seguito all’articolo Sedici Magnum di Bollicine per San Valentino (cliccare qui),  per passare dalle bollicine ai formati magnum per bianchi e rossi.     Alto Adige pinot nero riserva doc Praepositus 20... Leggi di più
CALAMARI RIPIENI SFUMATI CON LUGANA
DIVINO FESTIVAL, L’EVENTO ENOGASTRONOMICO SICILIANO PIÙ COOL
Sono 13 anni che i buongustai – locali e non, visto che arrivano anche i turisti che visitano la Sicilia – si danno appuntamento a Castelbuono per il DiVino Festival, quest’anno in programma dal 2 al 4 ... Leggi di più
“SAFARI NIGHT”: MIRO OSTERIA DEL CINEMA INCONTRA IL 1930 COCKTAIL BAR
Il 21 luglio arriva Safari Vol 1, il primo appuntamento nato dalla collaborazione tra il ristorante con il giardino nascosto nel cuore di Brera e il secret bar più famoso di Milano Cos’hanno in comune MIRO, osteri... Leggi di più
DONNE DEL VINO DELLA LOMBARDIA: MAGIA ED ELEGANZA DEL PINOT NERO
Milano sempre in movimento, Milano che non si ferma mai così come le Donne del Vino della Lombardia che in occasione della 5ª edizione della Milano Wine Week, la settimana milanese del vino, ripropone una degustazione a ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.