18ago 2022
LA COLLEZIONE DI FRANCIACORTA ROSÉ FIRMATA MIRABELLA
Articolo di: Fabiano Guatteri

Mirabella è una realtà vinicola franciacortina definita da precise scelte non sempre convenzionali connesse sia all’impiego dei vitigni, sia a metodi di vinificazione. Abbiamo avuto modo di scrivere dell’azienda in più occasioni, ossia qui, qui  e qui, per cui rimandiamo a questi articoli la sua storia, per focalizzarci ora, dopo una breve quanto necessaria presentazione, su tre Franciacorta Rosé, etichette che abbiamo degustato in occasione di una visita all’azienda in accompagnamento a un menu realizzato dallo chef Simone Breda del Ristorante Sedicesimo Secolo Stella Michelin,.

 

 

L’azienda

 

Alla guida dell’Azienda l’enologo Teresio Schiavi, il fondatore, e i figli Alberto e Alessandro  (nella foto 1 da sinistra Alberto, Teresio e Alessandro)), anch’essi enologhi dei quali il primo si occupa dell’accoglienza e del commerciale, ma con tutte le conoscenze di un tecnico mentre Alessandro è l’enologo in completa sintonia con le decisioni prese collegialmente con il padre e il fratello.

 

Per quanto riguarda gli aspetti distintivi, l’azienda ha da sempre creduto nel valore del pinot bianco, vitigno abbandonato da molti perché più “difficile”, dello chardonnay con il quale prima degli anni ottanta era confuso. In realtà nel corso degli anni soprattutto con il riscaldamento climatico, il vitigno è diventato sempre più importante e strategico. Al contrario dello chardonnay che possiede una maggiore acidità iniziale, che degrada molto velocemente, il pinot bianco ha sì un’acidità non alta, ma non la perde. Inoltre la pienezza di bocca del pinot bianco è tangibile. Il vitigno è presente in misura variabile in tutti i Franciacorta della maison, dal base ai millesimati perché assieme a chardonnay e pinot nero crea una struttura completa.

 

Per onorare questo vitigno è stato prodotto il Pinot Bianco Brut Nature, ossia un pinot bianco che non può fregiarsi della denominazione Franciacorta in quanto il disciplinare non prevede un vino prodotto unicamente con questo vitigno, che negli uvaggi non deve superare il 50%.
Per quanto riguarda la vinificazione, l’azienda da cinque anni scarica le cassette direttamente in pressa per scongiurare la possibilità di rotture degli acini che possono succedere sul tavolo di selezione o sul nastro, con conseguente fuoriuscita di mosto che oltre a ossidarsi, diventa terreno fertile per la proliferazione di batteri e microorganismi indesiderati con conseguente ricorso a solfiti e ad altri prodotti di sintesi, mentre limitare i solfiti è un obiettivo enologico dell’azienda.

Un aspetto innovativo riguarda le tecniche di illimpidimento dei mosti. Dalle tradizionali chiarificazioni statiche in cui il mosto, raffreddato sosta 12-24 ore, si è passati alle fluttuazioni con lavaggi di azoto per illimpidire i mosti più rapidamente e con minor dispersione di freddo. Il processo dura 3-4 ore senza dover raffreddare eccessivamente i mosti che poi andrebbero scaldati per prepararli alla fermentazione.

Inoltre se l’annata non è stata troppo calda, viene svolta la malolattica, che trasforma l’acido malico che è verde e vegetale in acido lattico più morbido e rotondo. Questa fermentazione permette di ridurre, quando non eliminare, gli zuccheri. In tal modo in luogo della dolcezza dovuta all’aggiunta di zuccheri con la liqueur, si privilegia la morbidezza ottenuta in parte con la malolattica e in parte con i lunghi affinamenti. La morbidezza, rispetto alla dolcezza, essendo una sensazione tattile, è molto più coinvolgente, meglio distribuita sul palato. La malolattica, inoltre, comunica maggiore complessità perché arricchisce i profumi, e conferisce un’acidità non tagliente, ma più di larghezza.

 


I vini degustati

 

Nascono così la collezione di Franciacorta Rosé Mirabella, prodotta, come detto, con una quota di pinot bianco per ridurre l’impatto aggressivo e troppo grasso dello chardonnay, e per influire positivamente sul nervo acido e talvolta astringente del pinot nero.


Nel 1982 nasce il Franciacorta Rosé, nel 2009 Dom, la Riserva e quest’anno Demetra Rosé Millesimato.

 

 

Franciacorta Rosé 2017 (foto 2)

 

È il sunto dei pinot nero dell’azienda, per cui non c’è un legame per età del vigneto o per singola vigna. L’età media dei vigneti è di circa 28 anni. Nasce oltre che da uve pinot nero (45%), da chardonnay (45%) e da pinot bianco (10%). Il pinot nero viene fatto macerare e solo nelle annate in cui c’è scarsità di colore è aggiunto alla liqueur Pinot nero vinificato in rosso.
I grappoli sono pressati sofficemente con resa del 65%; il mosto del pinot nero è lasciato macerare 24-48 per l’estrazione del colore. La fermentazione ha luogo in vasche di cemento. Il tiraggio si effettua la primavera successiva alla vendemmia e la presa di spuma si protrae per 30 mesi cui fanno seguito almeno 3 mesi di affinamento dalla sboccatura. È un brut con circa 7 g/l di zuccheri residui. Nel 2019 il Rosé è stato il primo Franciacorta della storia a essere incluso nella classifica dei Top 100 stilata dalla prestigiosa rivista americana Wine Spectator. https://www.winespectator.com/

 

Note gustative
Colore cipolla ramata
Al naso si avvertono sentori di piccoli frutti e ricordi di crosta di pane appena sfornato; lasciando il vino nel calice i profumi, evolvendo, evidenziano nuance di miele.
In bocca si coglie la struttura conferita dal pinot nero e il vino è immediato, di grande bevibilità con morbidezza ben bilanciata dall’acidità matura.


DØM Riserva Franciacorta Dosaggio Zero 2012 (foto 3)

 

Prodotto solo nelle annate più felici con uve pinot nero (60%), pinot bianco (25%) e chardonnay (15%), utilizzando esclusivamente le uve del vigneto Mirabella cru riconosciuto a livello catastale, le cui uve danno stabilità di colore. Il vigneto è nato con l’azienda e pertanto le viti hanno circa 40 anni. La vendemmia viene effettuata da selezionatori specializzati che raccolgono solo i grappoli migliori e integri. La pressatura è leggera, con resa del 50% per valorizzare le caratteristiche varietali. Il pinot nero è lasciato macerare 24-30 per l’estrazione del colore. La fermentazione ha luogo per il 70% della massa in vasche di cemento e per il restante 30% in barrique dal secondo sino al quinto passaggio, andando a caricare solo lo chardonnay. Dopo il tiraggio il vino permane sui lieviti circa 100 mesi quindi affina sei mesi dopo la sboccatura.

 

Note gustative
Colore rosa antico con riflessi ramati.
Profumo di piccoli frutti, note di lieviti, ricordi vanigliati.
In bocca, in piena corrispondenza con quanto percepito in fase olfattiva, note fruttate, cui si uniscono ricordi di pepe e zafferano in un sorso avvolgente.

 

Demetra Rosé Millesimato Franciacorta Brut Nature 2015 (foto 4)

 

Demetra è linea di Nature della Maison. Il Rosé, millesimo 2015 è stato sboccato nel novembre 2021 con rabbocco dello stesso vino senza aggiunta di zuccheri. Il trait d’union con agli atri due rosati è dato dalla bevibilità e dalla mineralità.
Le uve non provengono da un vigneto specifico, ma percentuale elevata dal cru Mirabella. Questa etichetta non sarà prodotta tutti gli anni ma solo nelle migliori annate. Comprende pinot nero con una quota complessiva di 50%, chardonnay 35%, mentre il pinot bianco 15%, resta il marchio di fabbrica, il vitigno che lega gli altri due. La pressatura è leggera, con resa del 50%, il pinot nero è lasciato macerare 18-24 ore per l’estrazione del colore. L’80% del mosto vinifica in vasche di cemento, mentre il 20% in barrique non nuove e solo per lo chardonnay. Il tiraggio avviene la primavera successiva alla vendemmia e il vino permane sui lieviti minimo 70 mesi cui seguono sei mesi di affinamento dopo la sboccatura.

 

Note gustative
Color buccia di cipolla ramata tenue
Al naso è fruttato con ricordi agrumati, delicate note tostate e profumi con vaghe nuance di mirto.
In bocca insistono note floreali, agrumate, note di lievito, piacevole freschezza e mineralità.

 


Conclusioni

 

Dall’approfondimento della conoscenza dell’azienda e dalla degustazione dei Franciacorta Rosé, ciò che è emerso e che qui il vino si fa in vigna, ed è in vigna che, anche grazie alla conduzione bio, si rispettano la biodiversità e quindi il frutto da cui si vuole ottenere la massima qualità. In cantina prima il mosto poi il vino sono trattati il meno possibile e l’uso delle barrique è estremamente calibrato. Il risultato:  vini ben delineati, per nulla omologati, dotati di piacevole bevibilità con morbidezza tattile ben integrata a un’acidità matura, non verde.

 

1

2

3

4

5

6

Photo Credits

Photo 1 : Del Prato
Articoli Simili
I più letti del mese
FESTIVAL DELLE BIRRETTE #FOLKEDITION: TRE GIORNI DI BALLI E MUSICA
Festival delle Birrette #FolkEdition: una festa lunga tre giorni con balli e musica popolare. A mare culturale urbano, dal 25 al 27 maggio 2018 III edizione del Festival delle birrette  di cui abbiamo detto qui:  tre gi... Leggi di più
LIFE IS A BUBBLE E IL PAS DOSÉ ANGELO LE VIGNE DI ALICE
Le Vigne di Alice, è una giovane azienda a conduzione femminile nata nel 2005 per opera di  Cinzia Canzian, nella zona del Conegliano Valdobbiadene Docg.   La filosofia aziendale è da subito volta alla valorizzazione d... Leggi di più
LA GIORNATA FAI D’AUTUNNO | CITYLIFE E LE TRE TORRI MILANESI
Domenica 16 ottobre è il giorno della “Fai Marathon 2016”, la Giornata Fai d’Autunno dedicata alla scoperta dei luoghi più belli d’Italia. Oltre 600 i siti aperti in 150 città lungo tutta la Penisola, grazie a 3.500 giov... Leggi di più
20 MAGGIO 2020 GIORNATA MONDIALE DELLE API
Albert Einstein disse che “Se un giorno le api dovessero scomparire, all’uomo resterebbero solo quattro anni di vita”. E se il genio avesse ragione? E, comunque, ha fatto bene Rigoni di Asiago, azienda ... Leggi di più
LA PIZZA PROVOCA SETE E GONFIORE? CAMBIA PIZZERIA
Un ristoratore chiese a un cliente che aveva appena cenato nel suo locale, se gli fosse piaciuta la sua cucina, e questi rispose che glielo avrebbe saputo dire il giorno dopo. Ed è una risposta molto saggia perché la bon... Leggi di più
WORLD PASTRY STAR 2019: LA PASTICCERIA DALLA CREATIVITA’ AL SUCCESSO ( 1/2 )
Il World Pastry Stars 2019, ( di cui abbiamo parlato qui ) il Congresso di Pasticceria Internazionale organizzato da Italian Gourmet, patrocinato dall’Accademia Maestri Italiani Pasticceri ( AMPI ) e da Relais Dess... Leggi di più
CON UNDUETRIS PRANZETTO DI CITTERIO LA SCHISCETTA È SANA E GIAPPONESE
Con “Unduetris Pranzetto” di Citterio la “schiscetta” è sana e si ispira al design giapponese Citterio, insieme all’Associazione culturale “Il Furoshiki”, ci spiega l’arte ... Leggi di più
PINOT NERO OLTREPÒ PAVESE, VINO DI TERROIR
In una mattina tardo autunnale nella suggestiva location che ospitava la storica Taverna Moriggi, abbiamo partecipato a un evento dedicato all’Oltrepò Pavese, o meglio, al Pinot Nero dell’Oltrepò. Si è parlat... Leggi di più
I 100 PIATTI DEL PROSECCO DI SANDRO BOTTEGA
L’autore de I 100 Piatti del Prosecco, Sandro Bottega, ha voluto raccontare la gastronomia della terra del Prosecco attraverso la raccolta di cento ricette a partire dagli stuzzichini da servire con l’aperiti... Leggi di più
CARNEVALE AMBROSIANO, I VINI, LE CHIACCHIERE E LA ROSA
C’era una volta il Carnevale Ambrosiano. E sì, bisogna proprio cominciare così a raccontare anche gli eventi in corso, come lo storico Carnevale di Milano che dopo quattro giorni senza baldoria, purtroppo, si concl... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.