17set 2023
Festa di fine campagna tra canti, balli, chef stellati e pizzaioli
Articolo di: Michele Pizzillo

C’è la festa della vendemmia e quella del vino, del pane e della mietitura, senza dimenticare gli eventi organizzati per esaltare molti piatti tipici. Ma la festa di fine campagna per celebrare la conclusione del raccolto ci sembra che sia davvero una novità molto originale e, probabilmente, può essere frutto solo dell’inventiva napoletana. E, infatti, la

 

Festa di fine campagna si svolge proprio in provincia di Napoli, nel “cuore” del pomodoro San Marzano Dop, cioè, a Pagani. Qui, infatti, la famiglia Marrazzo che da quattro generazioni conserva i sapori di un territorio unico per bellezza, appena termina la raccolta del pomodoro, organizza un evento che celebra la fine del raccolto ma attraverso un tour del territorio, nonché canti, balli, bancarelle tradizionali e la presenza di chef stellati e maestri pizzaioli con l’obiettivo di esaltare la cultura e le tradizioni di un popolo in tutta la sua eccellenza e bellezza.

 

Essendo Pagani noto come il paese di "Santi e artigiani”, l’evento comincia con la visita al più antico quartiere del paese il cui nome coincide con il marchio aziendale: Casa Marrazzo, luogo in cui tra gli antichi palazzi si raccontano le tradizioni popolari e l’italianità che caratterizzano l’essenza dell’azienda.

 

Visto che qui i Santi sono di casa, con San Marzano al centro di tutto, il viaggio prosegue con la visita al santuario del ‘700 della Madonna del Carmelo, soprannominata Madonna delle Galline, da sempre accompagnata dalla statua della Dea Lamia del primo millennio a.C. Un ulteriore tuffo nel passato, per ricordare quando i contadini festeggiavano l’aver riempito i depositi e assicurato alla propria famiglia il sostentamento per tutto l’inverno.

 

A questo punto è il momento della visita ai campi di pomodoro San Marzano Dop (foto 1), eccellenza e tradizione territoriale dell’Agro Nocerino-Sarnese che Casa Marrazzo esalta nelle sue conserve che con il passare degli anni (la storia aziendale è datata 1900) sono divenute oggetti artistici oltre che un’eccellenza del made in Italy capace di modificare le abitudini dei popoli.

 

Per questo è immancabile una sorte di incontro tra sacro e profano: un corteo di musicisti e danzatori che accompagnano i contadini di Casa Marrazzo a ringraziare la Madonna con i doni e i canti della tradizione (foto 2). A questi ringraziamenti, l’azienda aggiunge quelli a coloro che contribuiscono alla riuscita della produzione, come i contadini, la manovalanza e tutti gli operatori del settore.

 

Conclusione con una cena stellata caratterizzata da banchetti street food di chef e pizzaioli come il bistellato Andrea Aprea (foto 3), Francesco Franzese, Giovanni Mariconda, Michele De Blasio, Anna Belmattino e la pizzeria 50 Kalò, che per l’occasione propongono piatti e pizze che esaltano gli ottimi prodotti di Casa Marrazzo, come friarielli, carciofi interi grigliati, filetti di peperoni, albicocche candite e l’immancabile pomodoro San Marzano Dop.

 

La storia di Casa Marrazzo inizia con Pasquale, per continuare con il figlio Carmine e dopo di lui Teresa e Gerardo che continuano ad avere un rispetto reverenziale verso la materia prima, ascoltando i tempi della natura e aspettarli; conservare in modo naturale senza alterazioni dei sapori veri e tipici; valorizzare il fattore umano come componente indispensabile per una produzione artigianale e avere cura dell’ambiente come patrimonio da lasciare ai propri figli.

 

E, poi, c’è l’obbligo di rispettare le direttive del Re e di Re, qui, ce n’è uno solo: il Pomodoro San Marzano, simbolo dell’Agro Sarnese Nocerino e dalle caratteristiche (forma, polpa, colore, sapore, profumo) che lo rendono unico.

 

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.