19ott 2023
Dolce e piccante come il provolone
Articolo di: Michele Pizzillo

Se prendi un prodotto eclettico come il Provolone Valpadana e un’atmosfera sognante come Napoli o meglio, Villa Cilento, beh prevedere che sarà una serata da ricordare per quanti riusciranno a partecipare, è una scommessa vinta. Tutto questo avverrà giovedì 19 ottobre, con “Sweet Or Spicy Night Out”, una serata evento che il Consorzio di Tutela Provolone Valpadana ha voluto replicare a Napoli dopo aver sedotto, lo scorso marzo, i romani con un apéro show nella Capitale. Con Napoli, poi, agli estimatori del suo formaggio dop, il Consorzio di Tutela Provolone Valpadana aggiunge anche la vista mozzafiato sull’isola di Capri, da una delle dimore storiche di Posillipo, dove il gusto inconfondibile del formaggio lombardo si unirà alla musica e alla danza, in un crescendo di suggestioni ed emozioni.
L’evento gratuito, aperto al pubblico dalle 19:30 alle 21 ospiterà 250 e appassionati che potranno partecipare gratuitamente, accreditandosi cliccando qui. 
Protagonista indiscusso della serata sarà il Provolone Valpadana DOP, nella sua duplice anima dolce e piccante: i napoletani avranno il piacere di concedersi una degustazione gourmet per esplorare le sfumature di gusto del formaggio, nella sua purezza, e per apprezzarne le potenzialità di abbinamento. Ad accoglierli, un menu che esalta accostamenti di sapori e consistenze oltre che esclusivi percorsi di food pairing.
Sarà una serata che promette grandi emozioni: nel palcoscenico di Villa Cilento, il pubblico potrà, tra un assaggio e l’altro di Provolone Valpadana DOP, lasciarsi coinvolgere dalla bellezza della musica e dall’eleganza della danza.
“Anche per la terza annualità del nostro progetto di valorizzazione del Provolone Valpadana DOP abbiamo voluto una serata evento per un ampio pubblico che sempre più, riconosce e apprezza l’assoluta qualità e la grande versatilità del nostro formaggio. A Roma, lo scorso marzo, abbiamo superato di gran lunga le aspettative raggiungendo un parterre incredibile di appassionati. Oggi, con la scelta di Napoli, come meta di questo apéro show, vogliamo ancora di più suggellare l’incontro tra due diverse tradizioni che hanno dato vita ad un formaggio unico nel suo genere: la cultura casearia delle “paste filate” del sud della penisola e la vocazione lattiero-casearia della Pianura Padana” – commenta Giovanni Guarneri, Presidente del Consorzio di Tutela.
L’apéro show “Sweet Or Spicy Night Out rientra nell’ambito delle attività promozionali previste dal progetto “Choose Your Taste, Sweet Or Spicy, Only From Europe”, campagna triennale voluta dal Consorzio, che gode del co-finanziamento dalla Commissione Europea e si propone di migliorare il grado di riconoscibilità dei prodotti a marchio europeo di qualità e aumentarne competitività e consumo. Che, per il Provolone Valpadana vede impegnati 11 caseifici produttori e circa 700 aziende agricole autorizzate a conferire il latte che nel 2022 ha raggiunto la produzione di 70.000 le tonnellate di latte, trasformato in 7.100 tonnellate di Provolone Valpadana DOP e più di 600.000 forme. Numeri importanti che vanno fatto conoscere ai consumatori, per questo il Consorzio di tutela svolge anche attività di informazione e ricerca per promuovere il consumo e la conoscenza del Provolone Valpadana, sostenendo anche diverse attività legate alla sostenibilità ambientale, economica e sociale.
C’è da aggiungere che con questo “viaggio” a Napoli, il provolone Valpadana si avvicina un po' a quelle che sono le terre di coloro che avrebbero avviato la produzione di questo straordinario prodotto nel bresciano. Cioè, i fratelli Margiotta, di Muro Lucano - cittadina della Basilicata quasi a ridosso della Campania – che nel 1874 aprirono quella che chiamarono fabbrica di caciocavallo e, contestualmente, insegnarono ai casari padani, che producevano solo grana e stracchino, come si lavorava la pasta filata.
A questo punto – dal nostro punto di vista campanilistico visto che abbiamo le stesse origini lucane - si potrebbe anche dire che se i Margiotta non si fossero trasferito dalla Basilicata a Brescia, probabilmente non avremmo goduto del piacere di gustare un grande prodotto come il Provolone Valpadana DOP; però, i padani, potrebbero obiettare: e chi avrebbe potuto assicurare la stessa abbondanza di latte che abbiamo noi? Allora, lasciamo perdere questi discorsi e godiamoci il Provolone Valpadana che è uno dei vanti della casearia italiana.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
IL GRANDE EVENTO DELL’ASSOCIAZIONE VITICOLTORI DI GREVE IN CHIANTI
I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la prop... Leggi di più
ZENI1870 E IL MUSEO DEL VINO MULTIMEDIALE
Dopo quasi due anni di lavoro dedicato alla raccolta e alla catalogazione di foto e di reperti, è stato inaugurato l’Album Digitale del Museo del Vino di Zeni1870, risultato di una collaborazione con vari attori qu... Leggi di più
SARANNO FAMOSI - PROMESSE MANTENUTE, A CURA DI PAOLA RICAS
Il libro “Saranno Famosi” mutua il nome dall’omonima rubrica del mensile La Cucina Italiana, pubblicata quando il magazine era diretto da Paola Ricas. La rubrica era curata da Tony Cuman raffinato somme... Leggi di più
Matteo Torretta è il nuovo chef di  El Porteño Gourmet Milano
El Porteño Gourmet è un ristorante argentino inaugurato nel dicembre del 2019 in pieno centro cittadino, in via Speronari 4.   L’interior design (foto 1 e 2) è firmato da Angus Fiori architects, studio curatore d... Leggi di più
CARNEVALE, MA CON STILE, DA MARCHESI 1824
In occasione di Carnevale, Marchesi 1824 e il Pastry Chef Diego Crosara presentano chiacchiere, tortelli, torte e biscotti decorati in tema carnevalesco.   Ecco le proposte Tortelli: selezione di tortelli vuoti, uvett... Leggi di più
LE GUIDE FOOD DORCHESTER COLLECTION DOVE SCOPRIRE LE METE PIÙ INSTAGRAMMABILI
Le #DCmoments City Guides, ossia e guide ai monumenti e ai siti di interesse architettonico e artistico delle città in cui sono presenti gli hotel Dorchester Collection si sono rivelate progetto vincitore degli Shorty Aw... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.