06ago 2021
COMI 107, A COMO IL RISTORANTE CHE FA LA DIFFERENZA
Articolo di: Fabiano Guatteri

A distanza di un anno siamo tornati da Comi 107,  il ristorante che il giovane chef Federico Comi ha aperto con la moglie Tiani Taurisiano, di cui abbiamo scritto qui.

 

La Cucina

Come abbiamo già avuto modo di dire, la cucina di Comi 107 si stacca notevolmente dalle formule turistiche in quanto è decisamente di ricerca realizzata con sicurezza grazie alle proprie solide basi tecniche.

 

Un tratto distintivo è dato dall’utilizzo della frutta in alcune preparazioni salate, piccole pennellate che completano il gusto del piatto senza prevaricarlo. La cucina è sfaccettata e comprende contaminazioni gastronomiche sia occidentali, sia orientali. In sala Tiani Taurisiano accoglie gli ospiti con attenta professionalità.

 

Il Menu

 

Prima delle portate del menu, abbiamo provato alcuni amuse-bouche definiti da leggerezza e al tempo stesso completezza di sapore. Gamberi marinati con mousse di avocado e succo di lime e golose crocchette di trippa di baccalà dove il pesce rappresenta una farcia cremosa, fondente (foto 1). E ancora crostini di pan brioche con burro montato e acciughe del Cantabrico.

 

Vorremmo anche dire della bontà del pane, e della focaccetta di grano arso che con il burro diventa irresistibile.

 

2 spaghi - calamaro cotto a bassa temperatura con uova di pesce volante, mela verde, tabasco verde e ostrica (foto 2).
Gli spaghetti di calamaro, ossia la sacca del calamaro tagliata sottile, grazie al tipo di cottura sono piacevolmente morbidi, ed esaltano la consistenza “schioppettante” delle uova di pesce volante. Poi incontriamo la salina croccantezza dell’ostrica Gillardeau e ancora la croccantezza della mela tagliata a dadini che entra con garbo nella coralità dei sapori con una vivace nota asprigna.

 

Sapore di mare - Capasanta arrosto, burrata, mayonese di riccio di mare, riccio, insalata riccia e granita di salicornia (foto 3).
Le intensità del riccio conquistano il palato, ed è una presa in ostaggio di grande piacevolezza, rinfrescata dalle note erbacee dell’insalata e dell’alga. Ma l’ingresso trionfale è quello della capasanta ammantata di una deliziosa crosticina in cui affondare i denti per arrivare alla morbidezza e alla dolcezza del frutto, la noce, dolcezza ripresa dalla succosa burrata. Ed è il sapore dolce di sfondo del piatto che attenua il più intenso e spiccato gusto umami del riccio e della maionese.


Grazie nonna - Ravioli con ripieno di rana pescatrice, salsa di datterino giallo, pomodoro confit leggermente affumicato e cipolla rossa (foto 4).
Il nome anticipa la tradizionalità del piatto, con i ravioli che, grazie a un ripieno nobile e a una rassicurante salsa, appagano il gusto. A ciò si aggiunga la nota di contemporaneità fornita dalle delicate nuance dolci e fumé del pomodoro e dalla croccantezza leggermente pungente della cipolla rossa.


Ventresca di Tonno, Foie Gras e Ciliegie (foto 5).
Lo chef supera sé stesso e se la ciliegia non ci fosse, il piatto non avrebbe la stessa suadenza e la stessa completezza. Foie gras adagiato su tonno condito con ragù di ciliegia: questi tre componenti vanno portati alla bocca congiunti cosicché, chiudendo gli occhi per non perdere una sola sfumatura gustativa, si possa godere di un’esplosione di sapori dove ciascuno valorizza gli altri. Le note ematiche del foie gras si fondono con la sapidità del tonno, e la componente zuccherina della ciliegia addolcisce la traccia amarognola del fegato. Le dominanti note umami e saline, sono ingentilite dalla presenza della ciliegia che conferisce morbidezza e rotondità di sapore, e amplia lo spessore aromatico del piatto.

 

Meringa estiva con crema al limone e frutto della passione (fig 6).
Un guscio di meringa da spezzare con il cucchiaio e aprire come uno scrigno: le note dolci e fresche puliscono il gusto, lo rinfrescano.

 

Abbiamo provato anche un limoncello homemade di grande piacevolezza.

 

Ad accompagnare il menu TM Brut Metodo Classico Tenuta Montemagno, rosé da uve barbera affinato 24 mesi su lieviti per la presa di spuma, sorso teso, verticale, persistente (foto 7). 

 

Nella foto 8 Federico Comi e Tiani Taurisiano

 

Conclusioni
La cucina di Federico Comi è elegante e di grande equilibrio. Dopo un anno di distanza, abbiamo notato che non solo gli elevati standard qualitativi si sono mantenuti, ma avvertiamo una maggiore consapevolezza nell’elaborazione dei piatti. Le tecniche cucinarie si alternano così che lo chef modella forme e sapori plasmando le materie prime per raggiungere le sfumature gustative che vuole comunicare. E sono sfumature da cogliere perché fanno parte della stilistica dello chef: sorsi di sapore che sostengono l’ingrediente, o gli ingredienti, principale. L’attenzione per i sapori, a volte concordanti, altre volte in contrasto, non solo valorizzano la percezione gustativa delle portate, ma ne esaltano anche la godibilità grazie all’attenzione per le consistenze.

1

2

3

4

5

6

7

8

Indirizzo : Via Borgo Vico 107 Como
Telefono : 0312495982
Articoli Simili
I più letti del mese
CAPODANNO CINESE AL BON WEI
L’anno della Tigre consolida i legami tra la cucina cinese e l’Amarone della Valpolicella. Infatti, in occasione del capodanno cinese - nel 2022 in Cina inizia l’1 febbraio - che per il loro oroscopo è ... Leggi di più
MALCESINE, BORGO MEDIEVALE COVID FREE DOVE TRASCORRERE VACANZE TRA LAGO E MONTI
Malcesine (foto 1) è un borgo medievale di 3700 abitanti; si trova all’estremo nord della sponda veronese del Lago di Garda, al confine con Trentino e Lombardia. Il centro, che conserva l’impianto urbanistico... Leggi di più
A PANTELLERIA NASCE UN PASSITO COLLETTIVO, IL PASSITO DELLA SOLIDARIETÀ| DE BARTOLI
Quest’anno Pantelleria produrrà un esclusivo passito collettivo, il Passito della Solidarietà. De Bartolie Bartoli  è un nome più che famoso nell’ambito dell’enologia pantesca e marsalese, ma non solo p... Leggi di più
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padell... Leggi di più
LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I VITIGNI RESISTENTI
Nasce la rete di imprese Resistenti Nicola Biasi, sei aziende agricole in sei territori diversi tra Friuli, Veneto e Trentino, guidate da Nicola Biasi, miglior giovane enologo d’Italia per Vinoway e Cult Oenologist... Leggi di più
GOLOSARIA WINE MILANO 23 APRILE 2022: 7 VARIAZIONI DI LAMBRUSCO
L’odierna edizione di Golosaria Wine ha visto la partecipazione di parte dei produttori della regione Emilia Romagna. Hanno presenziato cantine produttrici dei vini Lambrusco, Colli Bolognesi e delle Doc romagnole.... Leggi di più
TORNA IL MERCATINO DI NATALE ALTOATESINO ONLINE DI PUR SÜDTIROL
Un’esperienza di shopping unica per scoprire i sapori e i profumi dell’Alto Adige.   Torna la vetrina virtuale dove i produttori dell’Alto Adige possono presentare le proprie eccellenze. Tante le idee... Leggi di più
L’Aura Ronchi di Brescia IGT 2022, il rosato Noventa
Noventa è un’azienda vitivinicola con sede a Botticino, cittadina nel cuore dell’omonima zona vinicola Doc in provincia di Brescia.   Nata nel 1970, la cantina è proprietaria di 11 ettari vitati disposti a ... Leggi di più
L’ECOSOSTENIBILE NATURÆ GIN FRUCTETUM È IL MIGLIORE GIN ITALIANO?
Naturæ Gin  è un brand che produce gin ecosostenibili ispirati alla natura. Fondato a giugno 2021 da due amici appassionati di gin, Diego Sgarbossa, tecnico dei servizi della ristorazione, e Carlo De Filippo, perito agra... Leggi di più
INSALATA DI BACCALÀ, SEPPIA, NERVETTI E OLIVE DI GAETA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.