10dic 2023
Wagyu Masterclass a Milano organizzata da Wagyu Company
Articolo di: Fabiano Guatteri

Japan Livestock Export Promotion Council  promuove nel mondo una delle eccellenze del Giappone la Wagyu Beef. Per l’appuntamento italiano ha scelto di affidarsi a Lorenzo Ferraboschi, Maiko Takashima e Cristiano Nonis (titolari di Wagyu Company),  incaricandoli di organizzare una Master Class rivolta a stampa e professionisti del settore horeca. Un’occasione per un approfondimento su questa meravigliosa carne che ha coinvolto e ha visto la partecipazione di: il presidente del consorzio Toshiro Kawashina, il console del Giappone in Italia, lo zootecnico Takuo Sukigara, il maestro del taglio Tomohiro Tanaka, Lorenzo Aniello de I Due Cippi (7° World’s Best Steak Restaurants).

 

 

Che cosa è?


Wagyu è un termine composto da due sillabe “Wa”, significa Giappone, e “Gyu” vuol dire manzo, quindi il significato finale è “manzo giapponese”. Identifica alcune razze di bovini del Sol Levante allevate in diverse zone del Giappone con il marchio “Wagyu Japan Beef”, l’unico che certifica la vera e autentica carne di manzo Wagyu giapponese. Sono contraddistinte da una carne estremamente marezzata (la texture è caratterizzata da fitte e sottili striature di grasso che ricordano alla vista quelle del marmo, si chiama shimofuri), dona elevata morbidezza, estrema succosità, sapore intenso ma delicato. Il suo grasso contiene anche alti livelli di acido oleico, un acido grasso che ha un punto di fusione a una temperatura inferiore a quella del corpo umano (20°).
Questo significa che quando lo mangiamo, si scioglie letteralmente in bocca.

 

Altra importante caratteristica è il suo gusto unico. Infatti quando viene riscaldato a 80° gradi, sviluppa uno specifico aroma che non si trova in altre specie di manzo.

L’autenticità e l’alta qualità del manzo sono rigorosamente protette da tre sistemi:

 

Registrazione del Pedigree
La registrazione del pedigree dei bovini Wagyu ha mantenuto la purezza delle linee di sangue per oltre 100 anni e solo le razze pure al 100% possono essere registrate e chiamate “Wagyu”. A tutti i bovini viene rilasciato un certificato di registrazione alla nascita e questo è la prova che la razza è pura Wagyu al 100%. Il certificato di registrazione viene stampato con il disegno del naso del vitello, unico per ogni vacca come l’impronta digitale umana.

 

Sistema di Classificazione
La Qualità della carne è controllata da un sistema di classificazione ufficiale. La carcassa viene giudicata oggettivamente da selezionatori certificati della Japan Meat Grading Association in base a due fattore: il grado di resa della carne e il grado di qualità della carne.
II gradi della resa sono classificati in tre categoria ABC in base al rapporto finale di carne.
Il grado di qualità invece è classificato da 5 a 1 in ordine decrescente di qualità, in base a quattro criteri: marezzatura (beef marbling standard), colore della carne, qualità del grasso, compattezza e consistenza della carne.

 

Il Beef Marbling Standard è suddiviso in 12 punteggi, i più alti, dal 12 all’8 sono classificati come Grado 5.

Vi sono quindi un totale di 15 classi in base alla resa e alla qualità, il 75% della carne “Wagyu” è attualmente classificata come carne eccellente, A5 o A4. Questa eccezionale qualità dovuto all’elevato potenziale genetico della popolazione Wagyu giapponese che viene costantemente migliorato negli anni, grazie agli sforzi dei produttori e degli allevatori giapponesi.

Facendo un paragone con altre razze, come quella australiana alimentata a cereali, è per la maggior parte classificata come B3 o B2, mentre il prime-cut, ovvero la qualità più elevata degli Stati Uniti, rappresenta solo il 10% della carne classificata.

 

Tracciabilità
A ogni capo bovino nato in Giappone viene assegnato un numero di identificazione di 10 cifre. Questo numero viene mantenuto per tutta la filiera, dalla nascita alla vendita e consente di conoscere quando e dove è nata la carne bovina e dove è stata lavorata. I campioni di DNA di tutti i bovini vengono raccolti e conservati in Giappone, quindi l’autenticità può essere facilmente verificata eseguendo un test di corrispondenza del DNA.

Infine, il Japan Lvestock Products Export Promotion Council ha sviluppato un rilascio di certificati che utilizza codici QR per ottenere facilmente sull’autenticità e la qualità del manzo Wagyu acquistato: data di nascita, sesso, razza, registrazione del pedigree, luogo di produzione, data di lavorazione e il grado.

La produzione di carne bovina in Giappone nel 2020 è stata di 477.000 tonnellate e rappresenta meno della metà della produzione canadese. Il Wagyu rappresenta circa il 48% e quasi tutti, il 98%, provenivano dal Wagyu nero giapponese. Sebbene esistano altre tre razze classificate come Wagyu giapponese (Marrone giapponese, Corno corto giapponese e Polled giapponese), la loro produzione di carne è solo dell'1%, molto piccola. Il volume delle esportazioni ammonta a circa
8.000 tonnellate e quindi è molto prezioso sul mercato globale.

 

Il Giappone ha splendidi ambienti naturali, caratterizzati per oltre il 70% da terreni montuosi e da abbondanti fonti di acqua sorgiva naturale. La maggior parte degli allevamenti e degli allevamenti da ingrasso in Giappone sono a conduzione familiare e hanno un numero di bovini piuttosto ridotto, rispetto a quelli del Nord America. I bovini Wagyu vengono trattati con grande cura, dal controllo sanitario quotidiano all'alimentazione con concentrati ricchi di proteine e foraggi grossolani come la paglia di riso giapponese. Il riso è l’alimento base giapponese e viene coltivato nelle risaie e il compost Wagyu è tornato nelle risaie, quindi è una sorta di circolazione sostenibile delle risorse naturali.

 

Il bestiame è curato come un membro della famiglia. Ad esempio, negli allevamenti ricevono nomi individuali e negli allevamenti da ingrasso vengono spazzolati regolarmente. Il benessere degli animali è molto rispettato nella produzione Wagyu. Grazie agli ambienti naturali, alla buona cura e all'alimentazione nutriente, i bovini Wagyu vengono allevati in condizioni sane fino all'età di 28-30 mesi con un peso di circa 800 kg.

 

In Italia
Tra i principali importatori di Wagyu in Italia troviamo appunto Wagyu Company realtà imprenditoriale nata dall’idea di Maiko Takashima e Lorenzo Ferraboschi ( ideatori anche dei progetti sakecompany.com , sakeya.it, sakesommelierassociation.it di cui Lorenzo è referente per l’Italia). Una vera e propria boutique di carne di differenti allevatori di prefetture diverse, oltre ad essere distributore per l’Italia della celeberrima Wagyu Kobe.

La Masterclass si è conclusa con una degustazione di carni diversamente cucinate e di pairing Wagyu - Sake.

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.