09ott 2022
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Articolo di: Fabiano Guatteri

Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenienza, sconvolge alcune certezze considerato che è invalsa la convinzione che sia proprio il territorio a determinarne la qualità. A proporre una diversa narrazione ci ha pensato Luigi Dattilo (foto 1) titolare con il fratello Angelo di Appennino Food (foto 2), azienda che ha per core business la selezione dei tartufi, in un press lunch presso l’Hub di Identità Golose.

 

Luigi Dattilo ha spiegato che a sancire la qualità di un tartufo non è tanto la zona di provenienza, quanto il clima perché il tartufo è meteoropatico. Conseguentemente se un anno in una determinata regione si saranno realizzate le condizioni climatiche ottimali alla nascita e allo sviluppo del tartufo, sarà lì che si coglieranno gli esemplari migliori.

“Parlare di qualità solo perché il tartufo arriva da una zona rinomata non basta ed è limitativo” precisa Dattilo.

 

Per inciso, l’esperienza sul campo di Luigi Dattilo precede la nascita della sua azienda fondata nel 1994 per la selezione di funghi e tartufi. L’azienda negli anni è stata protagonista di una grande crescita espandendosi non solo in Italia, ma anche nel mercato alimentare mondiale.

 

La passione dei due fratelli, ha fatto sì che l’Azienda, nata con il nome di Appennino Funghi e Tartufi e trasformatasi successivamente in Appennino Food, diventasse un punto di riferimento nel suo settore. Quasi trent’anni d’esperienza assicurano la scelta delle migliori materie prime e l’estrema cura nella loro lavorazione. Le più recenti tecnologie garantiscono prodotti sicuri, certificati e tracciabili. Tutti i derivati del tartufo (creme, burro, oli…) sono confezionati senza conservanti, acidificanti, fecola di patate…

 

Ma per qualità del tartufo che cosa si intende?
“La qualità” spiega Luigi Dattilo “è data dal fattore PCC, acronimo di Profumo, Consistenza e Colore”.

 

L’intensità aromatica del tartufo non è strettamente proporzionale alla qualità, in quanto se è troppo forte, troppo penetrante non va bene: “il profumo deve essere
rotondo, armonioso, non deve inoltre sapere di cantina, né di stantio o avere un carattere troppo arrogante”.

 

La consistenza è data dalla maturazione: se il tartufo è molto consistente, legnoso è acerbo; se morbido, ha passato la sua maturazione. Il tartufo deve essere sodo.

 

Il colore varia secondo la varietà, ma il criterio da adottare riguarda la brillantezza, esattamente come deve essere l’occhio del pesce fresco: deve essere brillante, non aver patine.

 

Al mondo esistono 100 varietà di tartufo, ma solo 5-6 sono riconosciute commestibili. L’Italia li produce tutte 5-6. Nello scorso dicembre (2021) è stata iscritto alla Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO per “Cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali”.

 

Appennino Food risiede in località Savigno, Valsamoggia, in provincia di Bologna, terra del tartufo bianco e si occupa del prodotto a livello nazionale.

 

Per quanto riguarda la conservazione, la criticità del tartufo risiede nel calo peso fisiologico, non solo per una questione economica, ma perché ciò comporta il deperimento del prodotto. Problema che Appennino Food si è posto e risolto dopo due anni di studi. Ha infatti infatti realizzato un progetto che non è solo una teca espositiva (foto 3), ma un vero e proprio habitat realizzato con tecnologie avanzate e un nuovissimo sistema di emanazione di umidità a ultrasuoni. Una sofisticata tecnologia che, scinde la molecola dell’acqua, la rende leggera e crea una sorta di “nebbiolina” che avvolge il tartufo, ne conferisce il giusto equilibrio e soddisfa uno dei bisogni principali di questo fungo ipogeo, essendo costituito per l’80% d’acqua

 

La Teca lavora “su chiamata del tartufo” perché all’interno vi è un igrometro che viene puntato con la percentuale di umidità del tartufo, in modo che il fungo viva in maniera ottimale, prosegua il suo percorso di maturazione, senza deperire. In questo modo si riduce il calo di peso e si può disporre di prodotto sempre, estremamente performante.

 

Ma una volta arrivato a casa se non si può consumare subito il tartufo come come si conserva? E’ preferibile consumarlo entro uno - due giorni conservato in un contenitore di vetro con carta assorbente tipo Scottex. Il tartufo tende a liberarsi della propria umidità, ma l’acqua a sua volta sviluppa indesiderate muffe. Pertanto una volta che la carta ha assorbito l’umidità , va sostituita con altra asciutta, e ciò due volte la giorno. L’utilizzo del riso come metodo di conservazione è inappropriato in quanto l’amido priva rapidamente il tartufo della sua umidità.

 

Ad acquistare i tartufi, e gli altri prodotti, da Appennino Food sono spesso cuochi anche internazionali che di rivolgono direttamente all’azienda oppure all’e-shop.
Un’apposita equipe censisce i tartufi in arrivo, li fotografa, per ciascuna varietà riporta in un’apposita scheda tutte le informazioni utili.

 

Abbiamo avuto modo di degustare i due tartufi di stagione ossia il Tartufo Nero Uncinatum e il Bianco Pregiato, in piatti proposti dalla cucina dell'Hub, il primo, più delicato, con una tartare di manzo (foto 4), e il secondo, maggiormente intenso, con pasta ripiena (foto 5).

 

E chi ama i tartufi, per tornare alla frase iniziale, ogni mese dell’anno ne troverà uno con caratteristiche diverse perché non esistono solo il Tartufo Bianco Pregiato (Tuber magnatum Pico) e il Tartufo Nero Pregiato (Tuber melanosporum). All' e-shop di Appennino Food troverà mese per mese il tartufo di stagione, o i tartufi,  disponibile.

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.