21set 2020
TANCREDI: VISTA LAGO E SAPORE DI MARE
Articolo di: Michela Brivio

Avete presente quando si dice "pieds dans l' eau"? Ecco cosa significa. Lo capite dall’immagine ma soprattutto sedendovi in uno dei loro tavoli a picco sul lago, tra acqua e cielo (foto 1). E anche quando finirà la bella stagione l’effetto sarà comunque quello, perché saranno pochissimi i metri tra voi e lago nella sala vetri  (foto 2).

 

Sirmione, pranzo in settimana, giornata splendida di settembre con un sole un po’ timido e clima perfetto per accomodarsi ancora nell’outdoor panoramico. I pescatori chiamano questo specchio d’acqua Baia del Tancredi, da cui il nome legato al cantante lirico Pasero che aveva una villa di proprietà di fronte al ristorante.

 

Anche qui c’è musica, suonata in cucina da Roberto Stefani con la sua band e cantata in sala dal padrone di casa Arnaldo Damiani e il suo coro. Insieme da un anno si sono trovati subito sulle stesse note ed è una cosa che non rimane solo tra loro ma si sente e arriva in un dialogo continuo e armonioso tra dentro e fuori, fondamentale soprattutto quando il cuoco è un cuoco che cucina e sta poco in sala. Nessuna interruzione tra un brano e l’altro, solo pause per godersi la vista e la compagnia accompagnati dalla melodia delle onde. E’ uno spartito elegante, fine, goloso, rotondo e facilmente apprezzabile tutti, con note francesi soprattutto nelle salse, eccellenti.

 

Arnaldo prima era in cucina, dopo aver rilevato e rinnovato totalmente il locale nel 2009 con altri quattro soci, Amedeo Baroni, Antonio Minervini, Alberto Scheli e Leonardo Cirillo, da una trentina d’anni nel settore e ognuno con un proprio locale.

 

Roberto invece, classe ’82 e bresciano di origine (foto 3), prima di attraccare qui ha un trascorso con importanti esperienze, come quelle al Pellicano di Porto Ercole, al Mandarin di Bodrum e Milano e all’Albereta di Erbusco. E’ emozionato ed è emozionante quando parla di Antonio Guida, la persona, il cuoco e il professionista che gli ha insegnato a essere meticoloso e scrupoloso in cucina. Bravo il maestro ma bravo anche l’allievo che ora dimostra tutto quanto acquisito aggiungendo la sua bella firma a un menù che parla interamente di mare, tranne giustamente una proposta di carne per portata, ha una visione internazionale, e parte dalla selezione delle migliori materie prime.

 

C’è anche il territorio però, in un dolce finale che omaggia il lago in una maniera davvero eccezionale e divertente perché diventa gioco da giocare. E’ come ricevere un messaggio: sapore di mare come scelta imprenditoriale ma sapore di lago nel cuore. E questo dolce arriva dritto proprio qui. Dish signature. Intoccabile. Prima di raccontarlo faccio i complimenti alla pasticcera Elisa Modica, per la mano fresca, leggera e non dolce, come dev’essere alla fine di un percorso. Ori del Garda: cedro, olive e capperi (Foto 4).

 

Un puzzle che non si deve comporre ma scomporre fino a farlo sparire, anche con il dito nel piatto talmente è buono. Il cedro, sotto forma di gel e bavarese, poggia su uno strato di dacquoise alle nocciole. L’oliva diventa goccia di zabaione, così come il cappero servito anche come gelato, il tutto da intervallare a piacere. Finito il gioco che succede? Ti rimane il ricordo a lungo tanto che vorresti ripeterlo a breve.

 

E questo succede anche in altri assaggi e guarda a caso c’è ancora il territorio tra gli ingredienti. Il primo è uno dei nuovi antipasti, che ho il piacere di assaggiare in anteprima, capasanta americana brasata con burro di cacao, salsa al bagòss e liquirizia in polvere. Qualità, cottura, equilibrio, golosità. Sarà un successo nella nuova carta. Il secondo i ravioli farciti con “Morro” di baccalà, crema di ceci, yogurt greco e nero di seppia. Anche questo avvolgente, nel ripieno che incontra il condimento in un’armonia tra dolce e sapido davvero piacevole. La sfoglia è impeccabile.

 

Salsa ancora grande protagonista nella triglia di scoglio farcita, scampi in pasta kataifi, pesca, peperone e salsa thai (Foto 5). E’ ancora l’elemento che fa la differenza e dà la svolta.
I piatti sono curatissimi anche nella presentazione e per la vista è una bella soddisfazione tra location e tavola! Non c’è solo Roberto in cucina e in sala nella presentazione dei piatti vengono nominati anche gli altri componenti della brigata, Pasquale De Mizio e Salvatore Russo (Foto 6).

 

Un paio di dettagli a dimostrazione dell’attenzione a ogni sfumatura: il pane, fatto in casa, di semola, ai cereali e i grissini sono serviti su una struttura di vetro, ideale per lasciare trasparire e riflettere il lago, accompagnati da una mini-cloche con burro di Normandia montato. Passando ad ambienti più intimi, anche il bagno è curatissimo, con ceramiche contemporanee, tocchi vintage, spazzolino e dentifricio monouso in dotazione.

 

Il finale è una lunga chiacchierata, come al solito e piace a me. Mi arriva tanto amore per il proprio lavoro, l’umiltà, la dedizione e l’entusiasmo, con un occhio che ha la trasparenza e la pulizia dell’acqua, sia di lago o di mare.

 

Ristorante Tancredi
Via XXV Aprile, 75 Sirmione (BS)
+39 030 990 43 91
Dal Martedì alla Domenica: 12.00 – 14.30 / 19.00 – 22.30
Chiuso il lunedì

1

2

3

4

5

6

Indirizzo : Via XXV Aprile 75 Sirmione
Telefono : +39 030.9904 91
Articoli Simili
I più letti del mese
BOTTEGA BRERA | IL NUOVO DESIGN E BOOKSHOP NEL CORTILE D’ONORE DEL MUSEO
Con grande entusiasmo e passione James Bradburne, direttore generale della Pinacoteca  e della Biblioteca Braidense, affiancato da Massimo Vitta Zelman, patron di Skira Editore, ha presentato in conferenza stampa la nuov... Leggi di più
CANTINA PRODUTTORI ERBALUCE DI CALUSO: LA COOPERATIVA È UNA COSA SERIA
E’ un squadra che oggi conta circa 150 produttori riuniti nel 1975, si tratta dei soci della Cantina Produttori Erbaluce di Caluso, quel vino bianco piemontese che fu il primo ad ottenere la Doc nel 1967 e dal 2010... Leggi di più
LA PATATA DI BOLOGNA D.O.P. SANA E SOSTENIBILE, TUTTA NATURALE!
La Patata di Bologna D.O.P. è un prodotto d’eccellenza dalle qualità organolettiche eccezionali. Virtuosa per natura, è una patata sana e sostenibile, perfettamente in linea con i trend e gli stili alimentari attua... Leggi di più
IL BUONO IN TAVOLA: IN SANT’EUSTORGIO I PRODOTTI AGRICOLI LOMBARDI
Il Buono in TavolaBuono in Tavola, da martedì 16 Gennaio ritorna a Milano all’ombra della Basilica di Sant’Eustorgio con il meglio della produzione agricola lombarda a chilometro “vero”.  Tra le n... Leggi di più
EL GRAN BURGHER DE MILÀN, NEL MENÙ DE LE BICICLETTE
E adesso chi glielo dice alla famosa catena americana degli archi d'oro che ha preso d'assalto tutto il mondo con il suo famoso burgher? Si, perché a Le Biciclette - che sembra un angolo del newyorchese Red Rooster sui ... Leggi di più
DEBUTTI MILANESI: LA PIZZA IN TEGLIA ROMANA DI PIZZOTTELLA
In effetti è proprio la prima volta che a Milano si inaugura un locale dedicato solo all’autentica pizza in teglia romana, ossia Pizzottella, ed è proprio il caso di dire: “Era ora”!   Com’è pos... Leggi di più
BOCUSE D’OR: ANNUNCIATI I 4 CHEF CHE RAPPRESENTERANNO L'ITALIA
BOCUSE D’OR: annunciati a Milano i 4 chef che rappresenteranno l'Italia nella prossima edizione  Chissà lo stupore e l'orgoglio dei cuochi del Mugello e del gelataio di Urbino che Caterina de' Medici  portò in Fra... Leggi di più
BIG PEAT IN EDIZIONE LIMITATA PER IL NATALE 2015
Il Premium Islay Vatted Malt Scotch Whisky Big Peat, della Douglas Laing & Co., lancia sul mercato italiano la sua edizione limitata per le Festività Natalizie del 2015. Imbottigliato alla gradazione piena di 53,8 % vol... Leggi di più
CHAMPAGNE E GELATO, APRE A MILANO IL CONCEPT STORE CERDINI & QUENARDEL
Può sembrare un accostamento insolito quello tra le bollicine francesi il gelato e i Macaron, eppure la Maison de Champagne J. Henri Quenardel, fondata a Ludes nel 1906, da molti anni proprio insieme con la famiglia Cerd... Leggi di più
FAUSTO MELOTTI: QUANDO LA MUSICA DIVENTA SCULTURA
Al castello di Miradolo l’11 novembre apre la grande mostra “Fausto Melotti. Quando la musica diventa scultura”, organizzata dalla Fondazione Cosso. Artista poliedrico, considerato uno dei protagonisti ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.