28set 2020
LAGO DI COMO LUXURY: IL SERENO E LA CUCINA STELLATA DI RAFFAELE LENZI
Articolo di: Laura Biffi

E’ una delle location più esclusive del Lago di Como e considerato tra gli alberghi più belli d’Italia, affacciato direttamente sull’acqua, elegantissimo, discreto e silenzioso, ha fatto del design raffinato dell’archistar Patricia Urquiola, di un eden nel verde opera del botanico francese Patrick Blanc e di un’eccezionale cucina stellata green i suoi tratti peculiari.

 

E’ Il Sereno, un resort 5 stelle L, con servizi di altissimo livello: 30 suites dagli ampi terrazzi, vista a 360° sul lago attraverso delle grandi vetrate terra cielo che creano nelle camere un’atmosfera magica grazie al riflesso della luce e ai colori del lago. All’interno un design sofisticato che gioca sulle sfumature dei travertini e sulle tonalità calde delle pareti in noce e una spa dove farsi coccolare con trattamenti esclusivi, all’esterno la meravigliosa piscina riscaldata e il prezioso giardino affacciato su un paesaggio rilassante e suggestivo (Foto 2,3,4,5)

 

In un contesto di lusso ed eccellenza come Il Sereno non poteva mancare una nicchia enogastronomica stellata, è il Berton al lago, ristorante 1 stella Michelin all’interno della struttura, guidato dall’ Executive chef di origini partenopee Raffaele Lenzi. Lo chef Lenzi, dopo diversi anni di formazione all’estero, rientrato in Italia passa attraverso le cucine di Elio Sironi, Pino Lavarra e Stefano Baiocco per approdare infine al Sereno dove porta la sua idea di cucina improntata sul benessere della persona e sul vegetale nel rispetto della stagionalità. (Foto 6, 7)

 

Il gusto asiatico frutto dei numerosi viaggi e delle esperienze nelle cucine straniere, il mondo vegetale che come una madeleine di Proust riporta ai pranzi domenicali in famiglia a Napoli, in cui la mamma preparava svariate verdure con diverse cotture e l’ attenzione ad un’ alimentazione sana sono i cardini della cucina di Raffaele Lenzi che si trovano ben espressi nei tre menu proposti al Berton al lago.

 

Contrasti”: è un percorso basato sulla contrapposizione tra sapori e sulle differenze delle culture gastronomiche a cui lo chef Lenzi si ispira, “Fidarsi”: per chi abbia voglia di lasciarsi guidare dal mood dello chef e “Radici, tuberi e vegetali”: un’esaltazione della materia prima vegetale e della sua stagionalità.

 

Il menu Radici, tuberi e vegetali è un vero e proprio viaggio gastronomico alla scoperta del mondo vegetale dello chef Raffaele Lenzi, che propone un menu di carattere, in cui il vegetale è ben interpretato, anche nell’estetica del piatto e reso distintivo con fermentazioni o abbinamenti di pesti, brodi e golosissime creme dalle texture setose.

 

Dagli amuse bouche spicca un delizioso tempeh di lenticchie e albicocca che coniuga una pacata croccantezza alla dolcezza avvolgente del frutto (foto 8), si passa poi ad un’eccezionale misticanza di ben 30 erbe e fiori eduli con un dressing di cetriolo fermentato, è un tripudio di colori e sapori, che racchiude in realtà un golosissimo segreto sotto le foglie: una pappa al pomodoro ben eseguita (foto 9). Segue un piatto che è un’autentica coccola autunnale golosa: il fungo declinato in varie forme, cardoncello con pesto di menta e radice di loto e una piacevole meringa ai finferli, il tutto accompagnato da un saporito brodo di pregiati funghi Shitake e da una mousseline a regola d’arte (foto 10).

 

Molto piacevole anche il gioco di contrasti tra cremosità e croccantezza dei ravioli di grano saraceno, robiola di Roccaverano ed erbette (foto 11), seguiti da spaghetti con un burro di pistacchi molto goloso e rapanelli fermentati (foto 12). Altro accenno all’ autunno alle porte si trova nella verza cotta nel tè Sencha dal sapore molto delicato accompagnata da una gustosa spuma di porri e da un sorbetto salato di pera Nashi .

 

L’ ultima portata prima del dessert è una vera sorpresa: una foglia di borragine nasconde un peperone morbido e delizioso ( foto 13). Il dessert è anticipato dalla piccola pasticceria per introdurre le nuove dolcezze al palato, si parte dalla pacatezza di una piccola pannocchia ai semi di chia, pepe di Timut e cioccolato, al tacos di sesamo, kiwi e cetriolo per arrivare ai piacevolissimi sentori della radice di scorza nera e liquirizia ( foto 14) e della pesca cotta in osmosi di pesche fermentate e timo . Infine il dessert: un fresco minestrone di frutta e verdura dai tratti autunnali (foto 15) e dalle mille sfumature al palato, in un’ avvolgente spuma di mandorle e amaretti, succo di pompelmo e cioccolato.

 

Anche la sala del Berton al Lago è gestita con grande attenzione e competenza, la squadra è giovane, professionale ed appassionata. La carta dei vini è frutto di una scelta sapiente ed oculata ed è incentrata in gran parte sui vini del territorio italiano, tutte le regioni ed i migliori vini sono ben presenti, notevole anche la selezione delle grandi maison di Champagne (foto 16).

 

I vini in abbinamento: Tenuta Pfitscher, Sauvignon Blanc Saxum – Castello della Sala , Antinori, Cervaro della Sala 2012 – Quintodecimo, Via del Campo 2018 – Le Macchiole, Scrio 2013.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.