13feb 2023
San Valentino al ristorante (a Milano)
Articolo di: Michele Pizzillo

In quale ristorante festeggiare San Valentino?

 

Ba Restaurant – Via Raffaello Sanzio 22 – tel. 02.4693206 - Milano
Per celebrare la festa degli innamorati e dell’amore, questa insegna di cucina cinese fine dining ha pensato ad un menù degustazione in cui si alternano eccellenze culinarie che omaggiano la cucina orientale come la sequenza di amuse bouche e una raffinata (e afrodisiaca) selezione di ostrica e caviale, con Ostrica Sorlut servita con caviale Kaluga Amur, gelatina di soia e aceto di riso e finger lime. Si prosegue con un carpaccio di Wagyu e gli iconici Dim Sum, proposta simbolo del ristorante, con cavolo viola e astice, barbabietola rossa e capesante, spinaci e verdure, black cod e tartufo nero pregiato e infine anatra piccante e ciuffi di porro. A seguire un’animella alla brace con soia dolce e spezie, anacardi tostati all’aceto di riso e peperoncino croccante, con un contorno carota in agrodolce e poi degli sfiziosi spaghetti di soia al King Crab, degli spaghetti di soia saltati con polpa di king crab e asparagi, bianco d’uovo e tobikko. Non manca la capasanta XO, scottata, con purea di topinambur, salsa XO, guarnite con chips di prosciutto di Parma e il Cui Pi Zhu Rou, pancia di maialino da latte dalla cotenna croccante, con composta di mele e salsa all’aglio nero fermentato. Per concludere un pre dessert con sorbetto al mandarino per prepararsi all’ultima portata finale, grande protagonista della serata: Cuore, un cremoso cioccolato bianco profumato al lime, con composta di lamponi, savoiardo al pistacchio, gelato con infuso di petali di rosa e pepe.
Il menù di San Valentino costa 130€ a persona, bevande escluse.


Berton – Via Mike Bongiorno 13 - tel. 02.67075801 - Milano
Il grande Andrea Berton per San Valentino propone un menù degustazione davvero speciale con piatti come:
Brodo di carciofo e patate;
Capesante alla griglia con cavolo nero e zucca;
Tortelli di ossobuco con brodo allo zafferano;
Scampo con porro, salsa di cocco e curry verde;
Filetto di vitello in crosta con carota all’arancia;
Mela verde e coriandolo;
Girella di mango, lamponi con gelato al tè affumicato.
Il costo è di 195 euro per persona, bevande escluse.
Aggiungendo la polenta morbida, burro al mais, fondita di Grana Padano riserva Ferrari e tartufo nero, il costo è di 230 euro.
C’è la possibilità di 2 portate al tartufo nero (250 euro) o tre portate al tarufo nera a 270 euro per persona sempre bevande escluse.


Casa Lucia – Via Carlo Ravizza 2 – tel. 02.4986691 - Milano
Storica eccellenza milanese che in occasione della giornata degli innamorati propone un menù ad hoc con ingredienti dalle proprietà afrodisiache, in grado di scatenare la fantasia e stimolare il desiderio, come il peperoncino, lo zenzero, i frutti di mare e il cioccolato. Insomma, lo chef Fiore non si è risparmiato a ideare un menù per stregare i sensi, grazie alle speciali proprietà inebrianti delle materie prime scelte, ai bilanciati ma intensi contrasti di sapori, ai giochi di colori e alle illusioni visive offerti da piatti come:
antipasto di raviolo di mare (tartare di salmone e gambero rosso con velo di seppia cruda condito con arancia e zenzero e servito con un’infusione di agrumi, karkafè e jalapenos);
primo piatti di risotto burrata e scampi (risotto Riserva San Massimo mantecato con burrata, scampo scottato, bisque e salsa verde piccante);
secondo di rombo chiodato (trancio di rombo chiodato con salsa alle vongole, zafferano e millefoglie di patate al tartufo);
dessert di tortino al cioccolato (tortino al cioccolato fondente con cuore morbido di lamponi).
Il costo di questo menù degustazione è di 60 €., con bevande e coperto a parte.


Classico Trattoria Contemporanea & Cocktail Bar – Via Marcona 6 – Milano
Ristorante di proprietà della famiglia Murray, con la proposta di una visione contemporanea della trattoria italiana, caratterizzata dall'impronta mediterranea dello chef Massimiliano Ciocchetti. Un concept in grado di coniugare il gusto per la buona cucina, l'atmosfera conviviale e la passione per i drink e i cocktail, all'interno di una location elegante e raffinata. Che per San Valentino propone un menù speciale che comprende:
Amuse bouche: Ostrica “L’es Marie Morganes”, gocce di champagne “Tourchet Brut”, caviale “Siberiana Sturgeon”;
Venere: Gamberi rossi di Mazara del Vallo, insalata di rose, zenzero e mandorle; Nighiri di battuto di manzo su riso shari in tutte le salse;
Efesto (a scelta): Riso Carnaroli gran riserva, pistilli di zafferano, foie gras arrostito, liquirizia e limone candito; Calamarata, zabaione salato profumato al “Bouche Brut”, gamberi rossi di Mazara;
Eros: Tournendos Rossini di “Classico”, con foie gras arrostito, tartufo nero e Madeira;
Edone: Cheesecake ai frutti di bosco e rosa canina;
Bacco:Tisana alcolica alle spezie “afrodisiache”.Tutto per 100 euro a coppia.

Cocciuto – Via Procaccini – tel. 331.2182267 - Milano
Il menu “Cocciuto in Love” e una speciale atmosfera contribuiranno a rendere ancora più magica la serata del 14 febbraio. Nella proposta, firmata dal team di chef e pizzaioli, figurano il "carpaccio di ombrina mediterranea con salsa di pere marinate, croccante di quinoa bio e zest di limone Costiera" (ed è il primo baci, con accompagnamento calice di Franciacorta brut Cantina Elisabetta Abrami) . Poi ci sono le pizze innamorate (servite con un calice di Dolcetto d’Alba Madonna di Como Cantina Massimo Penna) che sono fior di latte km=, ristretto di peperone Nocera rosso, ricotta di bufala campana dop al profumo di zenzero, emulsione di maracuja, peperoncino cornetto Pontecorvo dop, crumble di cacao amaro, olio extra vergine Tonda Iblea, basilico fresco; fior di latte km0, guanciale stagionato di Cinta Senese, patate peruviane al sale Maldon, tartufo nero umbro, zest di bergamotto calabrese, olio evo Tonda Iblea, basilico fresco. Per concludere con una dolcezza come cioccolato amaro, soffice di lamponi, frutti rossi, clementine Piana di Sibari, yogurt casereccio, velo croccante accompagnato a Akoya Moscato spumante dolce.
Il costo è di 55 €.


DaDa in Taverna – Via Morigi 8 – tel. 02.36755232 – Milano (foto 1)
Per celebrare la festa degli innamorati, gli chef Paolo Anzil e Davide La Grotteria sono pronti con un menù da “perdere la testa” per offrire una serata perfetta, proprio come la desideriamo. Tutto in cinque portate a base di uno degli ingredienti considerati fra i più afrodisiaci per eccellenza, come il pesce con molluschi e crostacei, preparati con diverse cotture, in diverse consistenze. E, quindi un’entrée di cappasanta ai carboni, cardo gobbo del Monferrato, con bagna cauda alle ostriche; segue un antipasto molto complesso come la terrina d’astice e the jasmine, brodo di spinaci e cardamomo. Il primo si gioca su sapori e consistenze: Zuppetta tiepida di grano cotto e zenzero, insalata d’inverno cotta e cruda, bottarga di muggine. Si prosegue con un piatto davvero particolare non solo per i suoi profumi e sapori ma anche per l’estetica e le scelte cromatiche: Corba rossa del Gargano cotta alle fave di cacao, scalogno fondente, amaranto e fiori di broccolo (due piatti serviti contemporaneamente: in uno il pesce con l’amo - a simboleggiare la conquista del cuore della persona amata - e nell’altro, il filo con le sole guarnizioni previste per questa pietanza). E per sugellare questo inno culinario a Eros e ai suoi seguaci, tra gli ingredienti per questo appuntamento non poteva certo mancare il frutto della passione scelto per un finale in bellezza e dolcezza, proposto come sorbetto con foglia ostrica, castagne e mela verde.
Tutto con 70 euro bevande escluse. Il consiglio è quello di scegliere un abbinamento di vini al calice al costo di 30 euro per persona oppure di champagne al costo di 50 euro per persona.


DanielCanzian Ristorante – Via Castelfidardo angolo San Marco – tel. 02.63793837 - Milano
Lo chef Daniel Canzian dedica due speciali proposte alla serata del 14 febbraio, una da scoprire in
esclusiva al ristorante e una disponibile per il delivery.
Il menù degustazione che sarà servito ai tavoli del suo bel locale con cucina a vista è il seguente:
Piccoli snack di apertura;
Capesante, maracuja e ricci di mare;
Insieme, un piatto indimenticabile;
Zuppa d’astice in crosta;
Torta Margarita;
Piccola pasticceria.
Il costo è di 110 €. per persona.
Abbinando i vini Ancestrale Due Valli 2020, Trebbiano Cantina Imperatori 2018, Kurtatsch pinot nero riserva 2019, Luna Storta Montelvini, il costo è di 140 euro per persona.
Nella formula da asporto, invece, sono dispomibili gli "Gnocchi dorati e ripieni di baccalà mantecato, salsa al tartufo nero". Entrambe le proposte si chiudono con la romantica "Torta Margherita", una lemon tart di meringa alla francese, con petali di cioccolato bianco e cuore di limone.


Fondazione Prada Ristorante Torre – Via Lorenzini 14 – tel. 02.23323910 - Milano (foto 2)
Un menu degustazione in cinque atti quello proposto dal resident chef Lorenzo Lunghi del ristorante della Fondazione Prada. Un menù che creerà un dialogo ideale tra l’autentica tradizione italiana e una sua reinterpretazione in chiave contemporanea. E, quindi, stagionalità, ingredienti freschi e abbinamenti inediti come:
Spigola con kaki, noci e brodo di patate;
Carciofi con nocciole, olandese, lardo e tartufo;
Agnolotti di cardi, burro, levistico, cedro e foglie di cappero;
Pesce del giorno con cozze e broccolo fiorato;
Mousse calda al cioccolato, gelato al caffè e nocciole.
Completa l’offerta un welcome signature cocktail e un amuse-bouche.
Prezzo: 110 euro a persona.


Locale – Via Domenico Cirillo 12 –te. 02.36588110 - Milano (foto 3)
E’ un posto che utilizza materie prime d’eccellenza a km0 e, per festeggiare San Valentino, ha scelto una speciale collaborazione con Ympetu Jewels, brand di gioielli artigianali in stile boho-chic, realizzati a mano e in edizioni limitate con minuteria gold filled 14k, pietre preziose e semipreziose. E, così, il ristorante si trasforma in un pop-up store esclusivo dove, oltre a gustare lo speciale menu di San Valentino, è possibile anche acquistare un dono prezioso per la propria dolce metà o, perché no, per sé stessi.
Questo lo speciale menu di San Valentino:
Amuse bouche: Boccone di ravanello in agro, nocciole e crema al tarassaco;
Con le mani: Carciofo fritto, riduzione di vino e Burbero di pecora;
Una sottile metafora sul dopocena: Raviolo di coniglio, cardi, fondo bruno e taleggio;
Io mare tu montagna: Doppia tartare come Capperi, acciughe e noci; e Foie gras e frutti rossi;
Valentina per San Valentino: Mousse al cioccolato bianco con inserto di curd al limone, gelee al lampone e crumble alla mandorla.


Mediterranea - Piazza Tre Torri 1 – Milano
Per il giorno più romantico dell’anno, il locale si tinge di rosa e propone a tutti gli innamorati una selezione di piatti sfiziosi da condividere con la propria dolce metà. Dedicato a tutti gli amanti della buona cucina, l’innovativo brand che propone piatti bilanciati e basati sulla dieta mediterranea, offre la possibilità di un menù degustazione a 80€ a coppia, acqua e coperto inclusi, che dopo un benvenuto con due calici di bollicine, si prosegue con la degustazione di pane di Davide Longoni e olio evo varietà coratina pugliese di Frantoio Muraglia a cui segue un hummus di barbabietola e ceci. Si prosegue con un primo a scelta tra una vellutata di cavolfiore e gel di pomodoro oppure uno sfizioso risotto mantecato alla crema di radicchio. Per i secondi, a disposizione degli ospiti una scelta tra ombrina al gel di Aperol e verdure all'inglese oppure un esclusivo petto di anatra cotto a bassa temperatura, riduzione di Ripasso della Valpolicella e frutti rossi, con un contorno di cardi saltati. Due proposte inedite e raffinate, che strizzano l’occhio al fine dining e che promettono di essere gustose e bilanciate allo stesso tempo, in perfetto stile Mediterranea. Per concludere in dolcezza, una cheesecake ai frutti di bosco da far perdere la testa!


Mi View Restaurant – Viale Achille Papa 30 - tel. 02.78612732 - Milano (foto 4)
Si potrebbe festeggiare l’amore che lega gli innamorati con Milano “ai propri piedi”. E sì, perché il Mi View Restaurant si trova, in cima alla Torre WJC del Portello (ventesimo piano) con l’executive chef Cristian Spagnoli che ha appena studiato tre degustazioni all’insegna di un continuo crescendo di sapori e odori, con un tocco anche scenografico, come se non bastasse lo skyline di Milano a disposizione dei commensali che possono pranzare e cenare in una location in grado come poche di regalare una vista totalizzante sulla città. C’è, così, il menù “Espressione”, ideale per conoscere la prima volta il concept di cucina del Mi View e la mano dello chef con “Ostrica d’a-mare”, un’ostrica francese con passion fruit e cardamomo; gli “Stones”, che nel piatto nascondono una bavarese al foie gras e ciliegia fermentata; “Il sigaro”, un cannolo di pollo Campese, morchelle, Parmigiano Reggiano “Vacche Rosse” con crema di patate e crumble salato. I primi in degustazione sono “Il risotto selvatico”, un Carnaroli veneto mantecato al Bagòss con sedano verde Ercole e chiocciole al Franciacorta, quindi i “Ricci in testa”, piatto iconico del ristorante rappresentato da uno spaghetto Verrigni trafilato all’oro, ricci di mare, testina di vitello e grue di cioccolato. Le due main course sono il “Volo pindarico”, petto di piccione stagionato 45 giorni nel burro di cacao, pralinato alla nocciola, sentori di sambuco, e il “Ricordo d’Oriente”, un’anguilla glassata al vino rosso e miele, tempeh alla soia. A chiudere “Sicilia-Tokyo, andata e ritorno”, un gelato al latte di mandorla, gel di Sakè, ginepro e amarene, e il “Millefrolle”, cremoso al cioccolato, nocciole e sale, crumble e gelato al caffè.
C’è, anche, il percorso da sei portate - “Intrecci” - per rimarcare la volontà di degustare i piatti in una precisa sequenza di gusto. L’esordio è affidato al “French Toast”, un pan brioche al pepe, gambero rosso di Mazara, Wagyu, cardoncello. Quindi “Un solo boccone” a base di Wagyu, foie gras e tartufo nero. A seguire “La cattedra del Presidente”, rombo, gambero e tartufo nero, zuppa di vongole, purea di carota bianca e arance. Si prosegue con “Al contadino non far sapere...”, rappresentato da un tortello all’agnello, fonduta di Roccaverano, rapa rossa e gel di pere. Infine “Velluto”, sella di capriolo, chorizo, cous cous di farro umbro. A chiudere un nuovo dessert destinato a diventare un simbolo del Mi View, non a caso con un nome che richiama la città: “Sem a Milan” è un cremoso allo zafferano, gelato al midollo, acidità di mandarino, servito con una “nebbia scenografica”. A scegliere i vini giusti per il viaggio “sopra Milano” ci pensa Monica Angeli, che cura la carta dei vini (oltre 300 etichette italiane ed estere).

 

Particolare – Via Gerolamo Tiraboschi 5 – tel. 02.47755016 - Milano
Con il suo suggestivo giardino interno riscaldato e la cucina semplice ma ricercata dello chef Andrea Cutillo, è un approdo sicuro all’interno di una location elegante e arredata con uno stile ispirato agli anni ‘50 e ‘60. Un ristorante che si pone l’obiettivo di trasmettere agli ospiti quel “particolare” unico e indimenticabile, in grado di lasciare il segno. Come si deduce dal menù che propone per San Valentino.
E, cioè:
Tartare di gamberi, patata americana affumicata, cipolla in agrodolce e alga nori;
Uovo croccante all’amatriciana;
Risotto mantecato al timo, porcini, crudo di gambero e bisque;
Pancia di maialino, salsa soia e miele, cavolo cinese;
Morone al burro, lemon pepper, cime di rapa;
Tiramisù Particolare.
Il costo è di 70€ a persona vini esclusi.

 

Quadri Bistrot – Via Solferino 48 – tel. 02.47755505 - Milano
Per San Valentino, Quadri Bistrot ha deciso di accontentare tutti proponendo due diversi format che rispecchiano le due anime del locale Martedì 14 febbraio, infatti, sarà possibile scegliere tra una degustazione più smart e veloce al Cocktail bar, oppure optare per una cena fine dining, più raffinata e rilassata al Bistrot. La proposta del Cocktail bar avrà un prezzo di 65€ a persona, e comprende una selezione speciale di portate, in cui i grandi protagonisti sono i due drink pensati appositamente per l’occasione, Mr. Mez & Mrs. Cosmo, rispettivamente reinterpretazioni del Negroni e del Cosmopolitan. Il menù degustazione del Bistrot invece è disponibile al prezzo di 130€ a persona e si rivolge agli amanti della cucina sofisticata, sempre alla ricerca di accostamenti audaci: il menù degustazione di 7 portate in cui spiccano i piatti simbolo dello chef. Per iniziare un Benvenuto dello chef e l’uovo con latte, caviale e cipollina. Si prosegue con un signature dish quale il tonno rosso crudo con cocco, lime e salsa di soia e la capasanta con burro bianco al caviale e spinaci. Non mancano i Ravioli croccanti, piatto iconico di chef Riccardo Quadri e un riso di zucca e tartufo nero. Come secondo l’agnello, con carciofi e spuma e per concludere una Tartelletta di lamponi da condividere con la propria dolce metà. Un percorso degustazione dalle note incredibilmente romantiche, che accompagnerà le coppie di innamorati in una serata all’insegna dell’arte culinaria.


Ristorante Borgia – Via Washington 56 – tel. 02.48021442 - Milano (foto 5)
La proposta è un esclusivo menù per regalare a tutti gli innamorati un’esperienza raffinata e charmant, capace di soddisfare il palato e risvegliare i sensi. Un unico menù degustazione che accompagnerà gli innamorati in un excursus tra sapori afrodisiaci e profumi estasianti che si apre con due antipasti leggeri ma ricchi di profumi e sfumature gustative: Gambero rosso di Mazara Del Vallo, pistacchi di Bronte e riccio di mare e Carpaccio di barbabietola, olio al fumo, salsa latte ai tre pepi e bergamotto. I primi guardano entrambi alla tradizione ma, se i Tortellini di carne e mortadella in brodo di sedano rapa, croste di parmigiano e ginepro e semi di senape agrodolce strizzano l’occhio alla cucina regionale, il Risotto al dashi, funghi shitake e caviale siberiano è indubbiamente influenzato da suggestioni più internazionali. Appetitosi anche i due secondi piatti che compongono questa stuzzicante proposta: la più delicata Dadolata di astice, maionese agrodolce di pomodoro, cipolla rossa e olive taggiasche precede il corposo Controfiletto di cervo affumicato al timo e alloro, composta di mela Golden, cannella e anice stellato e salsa allo yogurt e aglio nero. A San Valentino è d’obbligo finire in dolcezza e l’irresistibile matrimonio tra lampone e cioccolato rappresenta l’happy ending perfetto.
Lo speciale menù di San Valentino ha un costo di 150€, con l’aggiunta di 70€ per l’abbinamento con 6 calici di vino.

 

Visionnaire Bistrot by Filippo Gozzoli – Piazza Cavour 3 – tel. 338.7415899 - Milano (foto 6)
L’elegante ristorante all’interno di Visionnaire Design Gallery, si tinge di passione per San Valentino grazie a un menu da condividere con la propria anima gemella. Tant’è vero che lo chef Filippo Gozzoli attende tutti gli innamorati che sono alla ricerca dell’atmosfera perfetta, per accompagnarli in un viaggio nella cultura gastronomica italiana contemporanea, attraverso grandi materie prime e fantasiose reinterpretazioni dei classici della tradizione.
Il menu si aprirà con un’entrée vegetale: Carciofo alle erbe, fonduta di caciocavallo e nepitella. L’antipasto è affidato alla Tartare di scampo, radicchio tardivo, burro di arachidi e pata negra, una pietanza dagli accostamenti particolari che genera un’esplosione di gusto. Anche il primo è a base di pesce e rivisita con creatività un grande classico della cucina piemontese: Raviolo del plin ai gamberi, con sughetto di crostacei, burrata e cedro candito. Come secondo piatto, Trancio di ombrina alla plancia, puntarelle alla romana, dressing di colatura e bottarga. Dolce finale con Millefoglie con crema pasticcera allo Strega e fragole.
Costo della cena con musica dal vivo: 280 € a coppia (vino e bevande incluse).

 

La curiosità

Pizzium e Crocca
Il14 febbraio pizze a forma di cuore per pranzi e cene romantiche
A San Valentino l’amore si festeggia anche a tavola. Perfetta per cene romantiche, pranzi tra amici e parenti, la pizza è un amore universale da condividere con chi si ama. Così Pizzium e Crocca, il 14 febbraio proporranno pizze a forma di cuore per pranzi e cene romantiche.
Vediamo i dettagli.
Da Pizzium, nei menu dei 35 punti vendita regionali in versione invernale potranno essere un’idea romantica per stupire con un piccolo gesto la persona amata. Tra le ricette del menu invernale da non perdere la Lombardia preparata su base bianca con fior di latte, crema di zola e zafferano, salamino mantovano e rucola. La Veneto con radicchio proposto su una pizza a base bianca, fior di latte d’Agerola, provolone affumicato, crema di radicchio e noci. La Trentino con fior di latte d'Agerola, speck igp, ricotta di bufala e broccoletti. La Piemonte con cornicione ripieno, fior di latte d’Agerola e funghi Fior di Bosco. La Toscana con il ragù di cinghiale e stracciatella. L’Umbria con salsiccia di Norcia, patate e fonduta di pecorino su base di provola affumicata d’Agerola. La Basilicata con peperone crusco abbinato ai friarielli spadellati su fior di latte d’Agerola. La Sardegna con base bianca, fior di latte d’Agerola, datterini gialli e rossi confit, tonno alletterato del Mediterraneo e origano.

Da Crocca (foto 7)
La pizza a forma di cuore altamente digeribile e leggera, sarà servita nella versione più romantica con diverse varianti e gusti. Partendo dall’impasto di base si possono ottenere infatti abbinamenti e farciture soddisfare i palati più esigenti. Dalla classica in versione senza lattosio, alle proposte più sfiziose come scarola e alici, salsiccia e friarielli, capocollo e stracciatella, zucca e pancetta, polpette e melanzane saranno disponibili a forma di cuore sia a pranzo sia a cena.

1

2

3

4

5

6

7

8

Photo Credits

Photo 4 : Andrea Cherchi
Photo 5 : Lido Vannucchi
Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.