05lug 2021
RISTORANTE BORGIA MILANO, CHEF GIACOMO LOVATO
Articolo di: Dirce Bottardi

Dopo la pandemia da Covid 19 si parla tanto di ripartenza e questo è proprio un nuovo inizio.
Avevo lasciato Giacomo Lovato lo scorso autunno alla vigilia del secondo lockdown all'Enoteca Regionale Lombarda, quando era appena ritornato a Milano dove era cresciuto nei ristoranti stellati di Claudio Sadler e Carlo Cracco, prima di andare a dirigere lo Snowflake a Breuil - Cervinia.
E adesso che i locali riaprono, ritrovo lo chef varesino che dal mese scorso guida la cucina di Borgia Milano in via Washington, un locale elegante dal design contemporaneo con bistrot aperto per colazioni, pranzi veloci e aperitivi di giorno e ristorante la sera.

 

Un'avventura propiziata dall'incontro con Edoardo Borgia, patron del ristorante dal profilo insolito: psicologo di formazione, appassionato di vini e convertito al fine dining.

 

Per entrambi si è trattato di un'alchimia che ha esaltato le competenze di ognuno dando vita, oltre al consueto menu à la carte, a due proposte di degustazione: la prima una sorta di capsule collection gastronomica con i cavalli di battaglia di Giacomo Lovato (70 €); la seconda, una non comune esperienza enogastronomica blind denominata Psyche, in cui l'ospite risponde a domande sui propri gusti e propensioni a tavola prima di fare un viaggio multisensoriale a partire dal palato (80 €).

 

Cosa vi aspetta in questa esplorazione guidata con garbo dal maître Tiziano Sotgia?

 

Innanzitutto, siate certi dell'effetto sorpresa della cosa che non sarà mai uguale anche se ripetuta, considerando la stagionalità degli ingredienti e gli approvvigionamenti della cantina.

 

Assaggerete almeno sei portate che ben rappresentano la cucina contemporanea di Lovato fatta di influssi francesi nelle tecniche e nelle preparazioni, proposte le sue che possono essere abbinate (opzione vivamente consigliata al costo di 40 €) ad altrettanti vini scelti con maestria dal sommelier Devis Giuliano in una cantina con oltre 200 etichette selezionate tra vini nazionali, stranieri, birre artigianali e saké.

 

Per abbandonarsi all'avventura gastro-ludica al buio che sta per iniziare serve sapere che la cucina dello chef del Borgia è frutto di conoscenza dei prodotti, trasformazione impeccabile, invenzione con poche concessioni a ingredienti asiatici e, soprattutto, non eccede in effetti speciali fini a se stessi.
Si parte con l'aperitivo dove uno Champagné rose' brut Vertus Blanc de Noir (Fourny et fils) viene servito con Tuile all'alga nori, salsa bagna cauda e polvere di cipolla bruciata (foto 1).

 

Dicevamo invenzione in cucina: è questo il caso del profumato Finto pomodoro con pesca, pepe sechuan, olio all'aneto, acqua di pomodoro e vaporizzione all'aneto, abbinato a sorpresa ad un calice di Retzina (Kamara) (foto 2).

 

Grande esito anche per la ricciola in olio cottura, emulsione al plancton, polvere di alga nori e foglia di shiso scottata con tartare di ricciola (foto 3). Portata questa accompagnata da un Alsace Riesling Gran Cru 2017 (Domaine Boxler).
Molto buono per sapori e consistenze l'etereo Waffle con tartare di Fassona piemontese preparato con pastella al sifone e sempre nella farcia con robiola affumicata, caviale e cerfoglio (foto 4); il tutto degustato con un Pampaneo Airen 2019 (Bodega Bruno Ruiz).

 

Tra i primi, si distingue il Risotto alle rape rosse dove la barbabietola, così di moda e inflazionata, è qui presente in cottura, sotto forma di brodo e brunoise, e nella decorazione come polvere disidratata. Il piatto è completato da pepe rosa e ricotta affumicata (foto 5): ingredienti ai quali va il merito di controbilanciare la zuccherinità di questo ortaggio. Il risotto era abbinato a un pinot nero Cheverny Rouge La Caillère Qvevri 2017 (Thiert Puzelat).

 

Inattesa la Zucchina trombetta cotta al BBQ, con scapece di zucchina, yogurt e menta, aglio orsino, fiori di zucchina e borragine (foto 6): tutti sapori esaltati da uno strepitoso zibibbo vinificato secco Orange 2019 (Abbazzia S. Giorgio).

 

Ben riuscito il connubio salato-dolce del Petto d'anatra 'jus di manzo', pesche nettarine fondenti al lampone, coulis di lampone e acetosella (foto 7), servito con un calice di Bastarda 2018 (Fedellos do Couto).

 

Tre portate per il gran finale in dolcezza, la principale delle quali era la Mela verde osmotizzata, gelato all'aneto, crumble di mandorle, namelaka al cioccolato bianco, finocchi al ghiaccio e aneto vaporizzato (foto 8): un dessert leggero e rinfrescante compagno ideale per un saké Stella Muroka (Junmai Daiginjo).

Predolce e la Piccola pasticceria concludono il viaggio, e arrivati qui, sempre a proposito di oriente e invenzione in cucina, lasciatevi stupire dalla Finta oliva con namelaka di cioccolato bianco, olio extra vergine d'oliva e sale Maldon (foto 9): verrebbe da pensare ad un divertissement del cuoco se non fosse per la maestria che richiede.

 

Nella foto 10 lo staff di Borgia Milano

 

 

 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Photo Credits

Photo 1 : Jacopo Ventura
Photo 2 : Jacopo Ventura
Photo 3 : Jacopo Ventura
Photo 4 : Jacopo Ventura
Photo 5 : Jacopo Ventura
Photo 6 : Jacopo Ventura
Photo 7 : Jacopo Ventura
Photo 8 : Jacopo Ventura
Photo 10 : Jacopo Ventura
Indirizzo : via Washington 56 Milano
Telefono : 02.48021442
Articoli Simili
I più letti del mese
ARMONIE SENZA TEMPO. ALLA SCOPERTA DELLA LUGANA: UNA DOC PER 5 VARIETÀ
La Lugana o il Lugana? Per definire questo vino sono impiegati entrambi i generi , ma noi siamo fedeli alla scuola che vuole maschili i nomi dei vitigni e femminili quello dei vini, e pertanto scriviamo la Lugana esattam... Leggi di più
FRANCIACORTA IN LOVE | SAN VALENTINO IN CANTINA
Per il terzo anno consecutivo La Montina dedica due interi week end  alle coppie di innamorati in visita alla cantina. Monticelli Brusati – Non il solito San Valentino.  Questa l’idea che sprona da anni la c... Leggi di più
GRILLO AQUILÆ BIO TERRE SICILIANE IGP 2016 CVA CANICATTÌ
Della CVA Canicattì,  Cooperativa agrigentina, abbiamo parlato qui in occasione della degustazione di Scialo Nero D’Avola -Shyrah. Come detto si tratta di una Cooperativa fondata nel 1969. Trecento piccoli produtto... Leggi di più
OLIO OFFICINA FESTIVAL 2020. L’OLIO DEI POPOLI
Olio Officina Festival - il grande happening dedicato agli oli da olive e ai condimenti, giunto alla nona edizione - celebra il 60° anniversario della categoria merceologica "olio extra vergine di oliva" e il 10° anno di... Leggi di più
ARTISTI EMERGENTI CERCASI: LA NUOVA EDIZIONE DEL CONCORSO DELLA CANTINA KALTERN
Aggiornamento giugno 2021 fondo pagina               La Cantina di Caldaro, Cantina Kaltern dà il via alla quarta edizione di kunst.stück, il vino "opera d'arte" la cui etichetta, edizione limitata, è firmata da ... Leggi di più
LA MAMMA È SEMPRE LA MAMMA: POT-POURRI
Come festeggiare la mamma in epoca di coronavirus? Ecco alcune proposte   Cominciamo con una golosità   Praline   La Perla Cioccolato Torino L’azienda dolciaria propone per l’occasione un pack limited e... Leggi di più
TERRA GELATO: QUANDO IL GELATO È L’APERITIVO
Terra Gelato ha aperto i battenti nel 2018. E’ una gelateria artigianale in stile contemporaneo e rigorosamente italiano. Contemporaneità che si traduce nel rispetto delle materie prime regionali, selezionate attra... Leggi di più
CASTÈ LIVE A TEATRO CORTE PAGANINI, UN’ESTATE DI EVENTI
La rassegna Castè Live aprirà Lunedì 10 luglio alle 21,30 con “Solisti a Castè” un concerto eseguito da 24 solisti delle più rinomate orchestre italiane, che si riuniranno eccezionalmente in un suggestivo con... Leggi di più
LA CUCINA DI GIACOMO LOVATO ARRIVA A MILANO ALL'ENOTECA REGIONALE LOMBARDA
La scena gastronomica è così caleidoscopica che Milano potrebbe essere soprannominata la “città dell'appetito” perchè dopo Expo - dedicato proprio al cibo - le aperture in generale, e quelle dedicate a gastro... Leggi di più
SLOW COOKER: BRASATO DI MANZO MARINATO AL VINO ROSSO
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.