22giu 2019
MASSIMO BOTTURA, IL CIRCO 8 E 1/2 DEI SAPORI: 24 GRANDI CHEF AL MENI
Con Massimo Bottura la sesta edizione di Al Meni al Circo 8 e ½ dei Sapori
Articolo di: Michele Pizzillo

Dal circo di Federico Fellini a quello pensato dallo chef Massimo Bottura probabilmente per una sorta di omaggio al grande regista riminese. E tutto nella piazza di Rimini intitolata proprio a Fellini dove, sabato 22, alzerà il tendone colorato del "Circo 8 e 1/2 dei sapori" per la sesta edizione di "Al Meni" - in dialetto romagnolo 'Le Mani', dal titolo di una poesia di Tonino Guerra - la grande kermesse ideata dallo chef numero uno al mondo per mettere in scena – in due giorni - una grande celebrazione della cucina e dei prodotti dell'Emilia Romagna – qualcuno dice per far scendere verso il mare il grande pacchetto di prelibatezze che costeggia la millenaria Via Emilia -, chiamando a raccolta 24 chef, talenti della cucina per creare piatti irripetibili.

 

Un altro degli obiettivi di Massimo Bottura è quello di rendere accessibile il mondo della cucina stellata, con la possibilità di poter assaporare i grandi piatti a costi molto accessibili, grazie anche al clima di festa popolare che si viene ad animare attorno al circo di piazza Fellini. Tant’è vero che fuori dal grande tendone colorato, ci sarà il mercato dei produttori di eccellenza della Regione che vanta un paniere di 44 prodotti fra DOP e Igp; i baracchini di street food dei cuochi stellati; il gelato ispirato dalle ricette degli chef e gli artigiani di Matrioska che si danno appuntamento per presentare il meglio della loro creatività fatta rigorosamente “a mano”. Evidenzia, giustamente Massimo Bottura "la nostra regione ha una qualità di materie prime talmente straordinarie che noi dobbiamo solo toccarle con rispetto per farle esprimere. Dall'estero ci guardano. E vedono che siamo una regione che sa aspettare 25 anni prima di assaggiare un aceto balsamico tradizionale, perché sappiamo ancora sognare".

 

E, così, grazie alla città di Rimini e a dodici fra i migliori chef dell'Emilia Romagna, affiancati da altrettanti colleghi internazionali, chiamati a rotazione a esibirsi nella cucina a vista all'ombra del circo, proporranno piatti irripetibili, a prezzi da street food. La sesta edizione di Al Meni avrà poi una particolare attenzione verso i temi cari alla città di Rimini, in particolare sostenibilità ambientale e recupero delle eccedenze alimentari. Anche perché questo è l'anno in cui questa città adotta “plastic free” anche sulla spiaggia, con una nuova ordinanza balneare che dispone il divieto della vendita di bevande in bicchieri o con cannucce di plastica usa e getta.

 

Al Meni ha deciso di aderire a Romagna Plastic Free/ 2023: un protocollo d'intesa proposto dall'associazione “Basta plastica in Mare” con l’obiettivo di eliminare la plastica monouso. Per cui, durante i due giorni dell’evento, per l'offerta delle preparazioni gastronomiche si utilizzeranno le stoviglie compostabili. L'obiettivo è quello di arrivare ad essere il primo evento libero dai rifiuti di plastica monouso e puntare sul riuso e sul riciclo . Tutti i produttori e i punti street food gourmet utilizzeranno unicamente carta o materiali biodegradabili per la somministrazione al pubblico. Verranno moltiplicati i punti di distribuzione di acqua gratuita a salvaguardia dell'ambiente, in collaborazione con Hera, evitando l'utilizzo di bottiglie di plastica e limitando la produzione di rifiuti ed inquinamento, così come l'utilizzo di contenitori per la raccolta differenziata. 

 

Il parterre degli chef protagonisti degli show cooking capitanati da Bottura è composto dai cuochi di Chef to Chef, affiancati da talenti stranieri anche per incentivare gli incontri fra culture diverse. Ad aprire gli show cooking programmati quest’anno, Davide di Fabio, sous chef dell'Osteria Francescana di Modena. A cui seguiranno Franco Cimini e Giovanni Cuocei che porteranno con loro materie prime prodotte direttamente. Poi Rino Duca o Mario Ferrara, che fondono la propria tradizione del sud natio con quella regionale creando cucine di personalità uniche . Ci sarà Luca Marchini, stellato modenese e Marco Cavallucci, dopo anni di militanza alla guida di uno dei ristoranti che ha fatto la storia gastronomica della nostra regione, ora applica la propria intinta esperienza su formati e preparazioni più tradizionali.

 

Ancora, Matteo Salbaroli e Michele Bacilieri, Raffaele Liuzzi è la sua cucina creativa, il milanese Mattia Borroni prestato alla Romagna. Mentre, fra gli chef stranieri di questa edizione, c’è l’albanese Bledar Kola e i canadesi Colombe Saint Pierre, esploratrice della diversità gastronomica del Quebec e Jefferson Alvarez che racconta i profumi del sud America dando già un nome assolutamente iconico al suo Cacao di Vancouver. Simone Tondo è una icona di Al Meni avendo partecipato a tutte le edizioni, a lui si aggiunge quest'anno quello che è stato il maestro di tutti gli italiani espatriati a Parigi, Giovanni Passerini che per primo ha portato la cucina italiana contemporanea nella capitale francese. Senza dimenticare Marie Victorine Manoa di Lione ma, anche, Evenlyn e Kim di Inari di Helsinki o Francisco Cardenas, sous chef argentino del Kadeau Copenhagen nonché la chef tailandese Dalad Kambhu, il londinese Tom Anglesea e l’inglese Jordan Bailey. 

 

Il programma proposto da Massimo Bottura è veramente enorme e, quindi, impossibile da sintetizzare in una articolo. Il consiglio è quello di visitare il sito della manifestazione cliccando qui,  per poter programmare al meglio la partecipazione al grande circo di Massimo Bottura ma, anche, per non perdere nessuno dei grandi momenti previsti per questa edizione di Al Meni. Come, per esempio, il mercato delle specialità emiliano-romagnole allestito sul lungomare; lo spazio dedicato al gelato artigianale in collaborazione con Mo.Ca. e i docenti della Carpigiani Gelato University; le attività di Slow Food Emilia Romagna "Mare bene comune" con laboratori, incontri, assaggi e il cibo di strada a base di pesce. Navigando nel sito, le sorprese non finiranno mai.

.

1

Photo Credits

Photo 1 : https://www.almeni.it/gli-chef-circo-8-e-mezzo/
Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.