17nov 2020
MASCHERINE ANTI COVID: QUELLO NON VENE MAI SPIEGATO E CHE LE RENDE INEFFICACI
Articolo di: CityLightsNews

In tempo di coronavirus, distanziamento e uso delle mascherine sono le due raccomandazioni che vengono in continuazione ripetute dalle autorità competenti in quanto permettono di quantomeno ridurre la diffusione del virus. Come si suol dire il virus cammina con le nostre gambe e quindi siamo noi i potenziali diffusori di Covid-19. Ovviamente la diffusione dipende dalle nostre modalità comportamentali.

 

Uscendo di casa si possono incontrare le varie tipologie di potenziali diffusori.

 

Anzitutto quelli che non portano la mascherina (anche se è vietato) che però si vedono a distanza e si possono evitare.

 

Poi ci sono quelli con il naso scoperto, in quanto, supponiamo, non riescono a capire che i tamponi rinofaringei riguardano il naso proprio perché è la porta d’ingresso privilegiata dal virus. Il problema è che sono pericolosi perché oltre a inspirare, espirano per cui è come se fossero senza mascherina, ma anche questi, sia pure più da vicino di quelli senza mascherina, si individuano e pertanto si possono evitare.

 

Poi ci sono quelli, fortunatamente la maggioranza, che indossano le mascherine correttamente, però… il virus si diffonde anche in questi casi. A prescindere da come indossarle, manipolarle, riporle, ciò su cui non si insiste abbastanza, è che le mascherine hanno una durata limitata a poche ore e non tutte sono protettive per chi le usa. 

 

La mascherina chirurgica, per esempio, per quanto sia molto diffusa, non è considerata Dispositivo di Protezione Individuale. Serve soprattutto a bloccare le secrezioni respiratorie di chi le indossa così da non permettere di diffondere il virus: sono infatti testate nel senso dell’espirazione, ossia dall’interno verso l’esterno, ma non proteggono chi le indossa (protezione 20 %); inoltre dopo 6-8 ore di utilizzo vanno buttate perché non sono più efficaci. Le mascherine chirurgiche sono molto diffuse, ma se si spiegassero i limiti e soprattutto la breve durata della protezione si utilizzerebbero con maggiore cautela soprattutto quando le distanze di sicurezza non sono rispettate.

 

Dispositivi di Protezione Individuale sono invece le mascherine FFP1-FFP2-FFP3 proteggono chi le indossa e, se senza valvola, anche gli altri.

 

Le mascherine  denominate con le sigle FFP1 (72-80 % di capacità filtrante), FFP2 (92-94% di capacità filtrante) FFP3 (98-99% di capacità filtrante) sono le più sicure oltre a essere le più costose.

 

Ma attenzione. Se la mascherina è classificata R significa che, come quella chirurgica, è monouso e pertanto non serve indossarla per più giorni: è quasi come non averla.

 

Le altre classificate NR possono essere riutilizzate secondo le indicazioni riportate (cambiando i filtri, con trattamenti di diverso tipo).

 

Tutto ciò per dire che le mascherine utilizzate sono spesso inadeguate e non offro una copertura totale. Se controllassimo le mascherine di chi le indossa, molto probabilmente scopriremmo che la maggioranza di queste non è efficace o non è più efficace, e anche i lockdown perdono di efficacia. Tra due persone che indossano mascherine filtranti  non ”scadute”, invece, i rischi si avvicinano allo zero.

 

Ma in tutto gli altri casi? E sempre distanziamento.

1

Photo Credits

Photo 1 : Foto di Engin Akyurt da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
PAOLO-STELLA-E-SAMMONTANA-PER-ANT
Quando la presentazione di un libro può raggiungere diversi obiettivi e molto positivi per la collettività. Paolo Stella, autore del libro “Per Caso (tanto il caso non esiste)”, pubblicato da Mondadori, a due... Leggi di più
MURALIA, VINI MAREMMANI DALL’ACCENTO INTERNAZIONALE
Abbiamo incontrato Stefano Casali (foto 1), in rappresentanza della Società Agricola Muralia, a un press lunch organizzato dall’Agenzia di Comunicazione PR Comunicare il Vino al ristorante il liberty di Miano. E&rs... Leggi di più
CACCIA AL TARTUFO CON IL TARTUFAIO E PRANZO AL TARTUFO
L’iniziativa di Savini Tartufi propone la Truffle Bite Experience, una mattina con pranzo che ruota attorno al tartufo. L’esperienza si svolge in Toscana, in un casolare in collina che domina 30 ettari di bo... Leggi di più
I MIGLIORI COCKTAIL DEL LAGO DI COMO ALLA COMO LAKE COCKTAIL WEEK
Sorseggiare un ottimo cocktail vista lago, fare un cocktail tour in barca o imparare a creare a casa cocktail perfetti ? Si può, dal 3 al 7 luglio, la prima edizione della Como Lake Cocktail Week, una 5 giorni all’... Leggi di più
CARPACCIO BATTUTO CON PORCINI E FIORI DI ZUCCHINA
A OMEGNA IL CANNOLO PIÙ LUNGO DEL MONDO
Al Forum Omegna (VB) il prossimo 11 dicembre, alle ore 10:00, l’appuntamento sarà con il Cannolo più lungo del mondo. Oltre 30 metri di lunghezza per 10 centimetri di diametro e più di duecento chilogrammi di ricot... Leggi di più
ENRICO RIZZI PRESENTA LA SUA “COLLEZIONE NATALE 2022” AL PARK HYATT
Il Natale di Enrico Rizzi  è sicuramente tra i più promettenti considerato l’ampio assortimento che offre la collezione presentata al Park Hyatt: macarons, praline, gianduiotti, cioccolati, caramelle, marrons glacé... Leggi di più
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padell... Leggi di più
CHEF CLAUDIO SADLER E CHAMPAGNE NICOLAS FEULLATTES: LA PIZZA DI CECI
A OLIO OFFICINA FESTIVAL 2021 IN DIRETTA STREAMING
Olio Officina Festiva si terrà quest’anno i giorni 4, 5 e 6 febbraio 2021, con un extra, domenica 7, interamente dedicato agli assaggi degli oli extra vergini di oliva.La pandemia, oltre a non permettere la realizz... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.