17nov 2020
MASCHERINE ANTI COVID: QUELLO NON VENE MAI SPIEGATO E CHE LE RENDE INEFFICACI
Articolo di: CityLightsNews

In tempo di coronavirus, distanziamento e uso delle mascherine sono le due raccomandazioni che vengono in continuazione ripetute dalle autorità competenti in quanto permettono di quantomeno ridurre la diffusione del virus. Come si suol dire il virus cammina con le nostre gambe e quindi siamo noi i potenziali diffusori di Covid-19. Ovviamente la diffusione dipende dalle nostre modalità comportamentali.

 

Uscendo di casa si possono incontrare le varie tipologie di potenziali diffusori.

 

Anzitutto quelli che non portano la mascherina (anche se è vietato) che però si vedono a distanza e si possono evitare.

 

Poi ci sono quelli con il naso scoperto, in quanto, supponiamo, non riescono a capire che i tamponi rinofaringei riguardano il naso proprio perché è la porta d’ingresso privilegiata dal virus. Il problema è che sono pericolosi perché oltre a inspirare, espirano per cui è come se fossero senza mascherina, ma anche questi, sia pure più da vicino di quelli senza mascherina, si individuano e pertanto si possono evitare.

 

Poi ci sono quelli, fortunatamente la maggioranza, che indossano le mascherine correttamente, però… il virus si diffonde anche in questi casi. A prescindere da come indossarle, manipolarle, riporle, ciò su cui non si insiste abbastanza, è che le mascherine hanno una durata limitata a poche ore e non tutte sono protettive per chi le usa. 

 

La mascherina chirurgica, per esempio, per quanto sia molto diffusa, non è considerata Dispositivo di Protezione Individuale. Serve soprattutto a bloccare le secrezioni respiratorie di chi le indossa così da non permettere di diffondere il virus: sono infatti testate nel senso dell’espirazione, ossia dall’interno verso l’esterno, ma non proteggono chi le indossa (protezione 20 %); inoltre dopo 6-8 ore di utilizzo vanno buttate perché non sono più efficaci. Le mascherine chirurgiche sono molto diffuse, ma se si spiegassero i limiti e soprattutto la breve durata della protezione si utilizzerebbero con maggiore cautela soprattutto quando le distanze di sicurezza non sono rispettate.

 

Dispositivi di Protezione Individuale sono invece le mascherine FFP1-FFP2-FFP3 proteggono chi le indossa e, se senza valvola, anche gli altri.

 

Le mascherine  denominate con le sigle FFP1 (72-80 % di capacità filtrante), FFP2 (92-94% di capacità filtrante) FFP3 (98-99% di capacità filtrante) sono le più sicure oltre a essere le più costose.

 

Ma attenzione. Se la mascherina è classificata R significa che, come quella chirurgica, è monouso e pertanto non serve indossarla per più giorni: è quasi come non averla.

 

Le altre classificate NR possono essere riutilizzate secondo le indicazioni riportate (cambiando i filtri, con trattamenti di diverso tipo).

 

Tutto ciò per dire che le mascherine utilizzate sono spesso inadeguate e non offro una copertura totale. Se controllassimo le mascherine di chi le indossa, molto probabilmente scopriremmo che la maggioranza di queste non è efficace o non è più efficace, e anche i lockdown perdono di efficacia. Tra due persone che indossano mascherine filtranti  non ”scadute”, invece, i rischi si avvicinano allo zero.

 

Ma in tutto gli altri casi? E sempre distanziamento.

1

Photo Credits

Photo 1 : Foto di Engin Akyurt da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
PICASSO, DE CHIRICO, MORANDI | 100 CAPOLAVORI DEL XIX E XX SECOLO
Il 20 gennaio scorso è stata inaugurata a Palazzo Martinengo a Brescia la mostra Picasso, De Chirico, Morandi: 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane, un viaggio nell’arte nella stori... Leggi di più
PROVATI PER VOI: ALTOC A MAGENTA | MARKET E RISTORANTE CON UNA MARCIA IN PIÙ
Siamo tornati alToc (di cui abbiamo scritto qui). La posizione è strategica, veramente comoda da raggiungere e impossibile da non notare, affacciato sulla rotonda della Boffalora Malpensa all’incrocio fra le dirett... Leggi di più
Harry Brompton’s London Alcoholic Ice Tea
Chi ama le bevande moderatamente alcoliche, deve prima o poi provare Harry Brompton’s London Alcoholic Ice Tea non solo perché un tè di 4 gradi alcolici è una novità assoluta, ma anche per la qualità degli ingredienti ch... Leggi di più
IL SEGRETO DEI VINI DELLA TENUTA DI GHIZZANO? LA PIGIATURA CON I PIEDI
I vini in breve Tenuta di GhizzanoIl Ghizzano Bianco 2019Cuvée di uve uve vermentino 50%, trebbiano 35% malvasia 15%, vinificazione in acciaio e affinamento in vasche di cemento. Il 30% dell’uvaggio macera per 4 m... Leggi di più
IL PREMIO FRANCESCO ARRIGONI ALLA FONDAZIONE ONLUS FRANCESCA PECORARI
Il Premio Arrigoni alla Fondazione Onlus friulana Pecorari, la solidarietà dell'enogastronomia per progetti di valore!   La consegna il 4 maggio a Sotto il Monte Giovanni XXIII (Bg) con anche una importante cena di ben... Leggi di più
A SLICE OF UNUSUAL – IL 2018 FIRMATO HENDRICK’S GIN
Hendrick’s Gin  il brand scozzese, che da sempre si distingue per originalità, invita ad approcciarsi al nuovo anno in modo inusuale, a partire dalla data d’inizio, con vari appuntamenti in calendario e un&rs... Leggi di più
PORTA IN TAVOLA IL PIACERE DEI PIATTI PREPARATI A REGOLA D’ARTE
Mancano ormai pochi giorni a Pasqua e, come da tradizione, organizzerete a casa vostra il classico pranzo pasquale. Quest’anno però, oltre che ai vostri parenti, avete deciso di invitare anche alcuni dei vostri amici più... Leggi di più
MILANO WHISKY FESTIVAL AND FINE SPIRITS
Milano Whisky Festival and Fine Spirits: nuova identità e nuovi spazi per celebrare insieme gli spirits più amati. L'11 e 12 novembre 2017, in occasione della 12° edizione, gli organizzatori del Milano Whisky Festival ha... Leggi di più
RISTORANTI. SI RIAPRE: CHI HA GIÀ APERTO, CHI APRIRÀ E QUANDO
Dopo la quarantena imposta da Coronavirus è cominciata una nuova fase, la riapertura . Alcuni ristoranti hanno già alzato la saracinesca, altri riapriranno a breve. Eccone alcuni non solo a Milano   MilanoAperti Chate... Leggi di più
PERCEBES CROSTACEI DALLA GALIZIA… PURCHÉ DE SOL
E’ il caso di parlare dei percebes, perché sono sempre più reperibili anche se, considerati i prezzi, non potranno avere una grande diffusione in Italia e rimarranno un prodotto di nicchia. Sono crostacei cirripedi, il ... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.