09ott 2018
INTERVISTA A MANUEL MARZARI, ARTISTA PASTICCERE
Articolo di: Giuliana Fais

Classe 1981, occhi color pistacchio e viso sporcato solo da un filo di barba. Conosco Manuel Marzari, pastry chef, a un evento sul lago di Garda e da subito sento che è una voce fuori dal coro. Non il solito giovane chef armato di sola ambizione e voglia di celebrità. Dopo aver apprezzato le sue creazioni durante il cooking show, tra ganache al cioccolato e frolle vegane, voglio saperne di più. Sul suo biglietto da visita leggo: “Maestro di Dolcezze”. E questa mi sembra un’ottima ragione per approfondire. Mi iscrivo a un suo workshop e, tra spatole e sac á poche, Manuel si racconta.

 

Dove sei nato e come nasce la tua passione per la pasticceria?
Sono di Ala, un paesino del Trentino. La passione per l’arte pasticcera è stata una folgorazione. A 14 anni, sfogliando un album di fotografie di un noto pasticcere, rimasi stregato da alcune immagini che immortalavano delle sculture di ghiaccio e margarina di sua realizzazione. Da quel momento capii che scultura e pasticceria sarebbero state la mia vita.

 

Che studi hai seguito e quali esperienze lavorative ti hanno guidato nelle tue scelte?
Ho frequentato la scuola alberghiera. Terminati gli studi, appena ventenne, ho avuto la fortuna di entrare da Peck a Milano. Ho proseguito nell’alta ristorazione di hotel di lusso, in Alto Adige e sulla sponda bresciana del lago di Garda. Dopo aver scelto un percorso in autonomia, puntando a formazione e consulenza, ho deciso di propormi all’estero, con progetti di pasticceria innovativa. Spagna ed Australia sono stati i miei primi traguardi, presto sarà la volta di Germania, Dubai e Giappone.

 

Quali sono i tuoi punti di forza, gli argomenti per sbaragliare la concorrenza?
Sicuramente sono molto lontano dall’ideale tradizionale di pasticceria. Mi faccio conoscere al pubblico attraverso percorsi formativi e consulenze per piccole e grandi imprese. Il mio ultimo progetto ha visto la realizzazione di una linea di pasticceria gluten-free ed una vegana per un noto ristorante di Verona. Credo fermamente che preparare dolci sia, innanzi tutto, un atto di consapevolezza, mirato al rispetto di un’alimentazione sana e bilanciata. Scelgo accuratamente le materie prime che utilizzo, puntando alla continua ricerca di ingredienti inusuali da impiegare, sempre con un occhio alla salute, avvalendomi della collaborazione di esperti in nutrizione.

 

Come ti rapporti alla pasticceria vista in televisione?
Credo che solo chi vanta una valida preparazione professionale possa realmente farsi strada nel mondo della pasticceria. Il tutto accompagnato da grande passione e tanto sacrificio. La messa in scena televisiva ha creato una sorta di illusione, elevando i dolci casalinghi ad un livello non credibile.

 

Sogno nel cassetto?
Sto per aprire uno dei cassetti contenenti mille sogni: celebrare l’unione tra la mia professione e l’arte, mia grande passione. A Verona sarà di prossima apertura uno spazio, in parte espositivo, in cui mi dedicherò alla consulenza e formazione professionale e amatoriale. Nello show room esporrò le mie creazioni, che non saranno semplici prodotti di pasticceria, ma vere e proprie opere ispirate all’arte contemporanea. Insomma, sarà il mio regno, in cui si respireranno profumo di dolci e creatività.

 

Con queste premesse sentiremo ancora parlare del Maestro di Dolcezze.

Per visitare il sito di Manuel Marzari cliccare qui.
Nel suo sito è presente il calendario dei suoi corsi e workshop

 

Profumi di lamponi e cocco, un'opera di Manuel Marzari ( foto 2, 3))

 

Nota Biografica

La sua esperienza è a servizio della formazione e per consulenze personalizzate ad aziende; l’attenzione è rivolta all’organizzazione di corsi masterclass e workshop adatti sia a un target di professionisti, come di amanti dell’arte pasticcera. L’offerta del servizio di consulenza personalizzata, che ad oggi ha ottenuto ottimi riscontri in Italia, in Australia ed in Spagna, è rivolta principalmente ad aziende dolciarie, laboratori di pasticceria di alto livello, ristoranti ed hotel. Le sue dolci creazioni sono state ospiti di celebri ristoranti quali Peck a Milano, Palace Hotel Villa Cortine di Sirmione sul Garda (Bs), Fratelli Paradiso (Sydney, AU), Hotel Gran Baita presso Selva di Val Gardena (Bz), Lefay Resorts&Spa di Gargnano Lago di Garda, Bs), Alpina Dolomites Lodge Hotel (Alpe di Siusi, Bz), Veganima di Arco(Tn), Pasticceria Flora - Sweet Different (Verona).
E’ inoltre costante la partnership come docente presso CastAlimenti di Brescia, e l’azienda Miele Italia di Appiano (Bz).

1

2

3

Photo Credits

Photo 1 : Erica Angeli
Photo 2 : Manuel Marzari
Photo 3 : Manuel Marzari
Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.