21mar 2022
LO STILE DALL’ACCENTO COSMOPOLITA DELLE NUOVE ETICHETTE DI WALTER LODALI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Forse non ci facciamo caso, ma quando acquistiamo un vino, l’etichetta ci comunica una prima sensazione, come dire, sublimale e se questa si traduce in una percezione negativa, in luogo di approfondire la conoscenza di quel prodotto, passiamo a un altro. E Walter Lodali, che abbiamo presentato con la sua azienda qui,  giustamente vuole che i suoi vini siano apprezzati ancor prima di stapparli.

 

Così si è rivolto alla SGA di Bergamo, che gli addetti ai lavori conoscono, in quanto leader nel mondo della creazione delle wine labels. Alexander Williams,Marketing & Communication SGA, in un incontro stampa con Walter Lodali organizzato dall’agenzia di comunicazione Multimendia alla Cantina Piemontese di Milano, ci ha illustrato il lungo, articolato percorso che ha portato alla realizzazione delle attuali etichette. Queste, rispetto alle precedenti, sono segnatamente diverse, lasciando però una avvertibile continuità.

 

Tutto è nato da una lunga intervista della SGA a Walter Lodali, servita a focalizzare le sue peculiarità personali, individuali, afferenti alla storia della famiglia e dell’azienda. Da qui sono nate dieci proposte ciascuna con per caratteristica la capacità di evidenziare i vari aspetti emersi. Si è proceduto con ulteriori selezioni sino ad arrivare a due ipotesi, una delle qualità ha visto Walter Lodali identificarsi.

 

Nel formulare le proposte il primo aspetto da considerare, come spiega Alexander Williams, è il marchio aziendale ossia se lasciarlo, o modificarlo e in tal caso come. Le etichette Lodali riproducevano uno stemma araldico di fantasia e pertanto non essendo rappresentativo della famiglia è stato tolto o, meglio, sostituito.

 

Per la collezione classica è stato realizzato un simbolo, un monogramma, un gioco di sovrapposizioni e di contrasti molto attuale, molto elegante in cui sono riprodotte le iniziali di Lodali. Si tratta di un marchio pensato per durare nel tempo, ed esprime, per utilizzare le garbate quanto proprie parole di Williams, una classicità contemporanea.

 

Le etichette delle Riserve Chardonnay, Barbera, Barolo e Barbaresco, la collezione dedicata al padre, ne portano il nome, Lorens, ossia Lorenzo in dialetto piemontese. La scritta in corsivo non è casuale, ma riprende la calligrafia di Lorenzo Lodali, riprodotta grazie allo studio di un suo tema scolastico datato 1950. E sempre in omaggio al padre, come precisa Walter Lodali “abbiamo voluto dar vita ad una grafica elegante, grazie allo sfondo avorio”.

 

Inoltre è, stato recuperato il lettering in quanto appartiene alla storia aziendale. E’ stato pertanto ripreso attualizzandolo. E’ un lettering forte, che si impone sull’etichetta, ed è più incisivo rispetto a quello precedente.

 

L’obiettivo del restyling, ossia creare un nuovo abito in grado da un lato di rappresentare l’evoluzione della Cantina e dall’altro trasmettere la storia di ogni bottiglia, è stato, a nostro avviso, pienamente realizzato. Vorremmo aggiungere che conferisce una nota di cosmopolitismo che prima non si avvertiva. Cosmopolitismo totalmente sintonico con quello del vino che le etichette raccontano.

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
IL FESTIVAL DOVE IL CIBO È PROTAGONISTA: PARMA LE 4 P DEL FOOD&PEOPLE
Il festival fa cultura dove il cibo è protagonista,  a Parma le 4 P del “Food&People”   P come : Parmigiano, Pasta, Pomodoro, Prosciutto. E come Parma, naturalmente. È stata presentata la seconda edizione di Gola Gola... Leggi di più
SAN VALENTINO È: IO, TE E DUBL
Una cena romantica, una sorpresa scintillante, un brindisi con il Metodo Classico Dubl. DUBL è la linea di Metodo Classico firmata da Feudi Di San Gregorio e nata per interpretare i vitigni tipici irpini attraverso la pi... Leggi di più
QUANDO IL RUM È MADE IN ITALY
Sino al secolo scorso l’Italia era nota quasi esclusivamente per le grappe, oltre a piccolissime oltre alla liquoristica di ispirazione casalinga cui vanno aggiunte piccole e meno note produzioni di distillati di f... Leggi di più
CENA BENEFICA AL MORO DI MONZA CON TRE CHEF OSPITI AI FORNELLI
Gli chef Carlo Andrea Pantaleo del Milano 37 di Gorgonzola, Michele Mauri de La Piazzetta di Origgio Varese, Fabio Silva del Derby Grill di Monza, e i padroni di casa Salvatore e Vincenzo Butticè del Ristorante Il Moro d... Leggi di più
DEGUSTAZIONE DI SAKE PREGIATI DELLA SAKE COMPANY AL WAGAMAMA
Si è recentemente tenuta una degustazione di sake della Sake Company abbinati ai piatti di Wagamama (foto 2) ristorante di cucina asiatica ispirata ai sapori del Giappone.   Ha condotto in modo esauriente la degustazio... Leggi di più
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.