20lug 2018
LAMBRUSCO DI SORBARA OMAGGIO A GINO FRIEDMANN
Articolo di: Fabiano Guatteri

Lambrusco di Sorbara Omaggio a Gino Friedmann, Cantina di Carpi e Sorbara.
L’enologia italiana negli ultimi decenni ha trovato la propri identità, sia pur tra inevitabili contraddizioni. La valorizzazione dei vitigni autoctoni, la loro promozione, la capacità, in alcuni casi di toglierli dall’oblio, hanno dato forma a una tendenza ormai consolidata. Sono nati in questo modo numerosi ottimi vini da vitigni un tempo destinati agli uvaggi, dal Grillo al Pecorino, così che la vitivinicoltura italiana ha trovato la propria visione identitaria reale. Ciò significa, in ultima istanza, conferire un’identità territoriale ai singoli vini. Un esempio è il Lambrusco di Sorbara Omaggio a Gino Friedmann.

 

Il Lambrusco per una serie di fattori che possono mescolare il pregiudizio a politiche di produttive discutibili, non trovava molte segnalazioni nelle guide specializzate. Ma dalla fine del secolo scorso ha intrapreso un percorso virtuoso. La Cantina di Carpi e Sorbara, nata come Cantina sociale di Carpi agli inizi del Novecento, negli anni, grazie all’assorbimento di altre realtà produttive locali, si è espansa sino ad arrivare nel 2012 alla fusione con la storica cantina di Sorbara, diventando così la Cantina di Carpi e Sorbara. Oggi è una realtà che conta 1200 soci produttori e che utilizza avanzate metodologie produttive per perseguire una costante ricerca della qualità.

 

Produce più varietà di Lambrusco e tra queste il Lambrusco di Sorbara Omaggio a Gino Friedmann che ha una prerogativa, ossia non viene prodotto con un mix di uve lambrusco come d’abitudine avviene, ma unicamente con la varietà Sorbara. Si tratta di un vitigno autoctono di antiche origini che mutua il nome dalla frazione di Sorbara del comune di Bomporto, nel Modenese. Il grappolo a causa di un’anomalia floreale è soggetto ad acinellatura, ossia alla produzione di grappoli in parte dotati di chicchi minuscoli, di pochi millimetri di diametro così che nei chicchi completamente sviluppati si concentrano gli zuccheri e le sostanze che definiranno il profilo del vino. Ed è questa una caratteristica nel panorama del Lambrusco che appartiene solo alle uve Sorbara così da farne un vitigno di pregio. Omaggio a Gino Friedman è vinificato in rosato, con presa di spuma in autoclave e sosta sulle fecce nobili.

 

Alla degustazione possiede colore rosato lampone scarico con riflessi rubino tenue dotato di spuma fine ed evanescente; il profumo è complesso, floreale e fruttato, vinoso con sentori di rosa e viola essiccate, ricordi di frutta matura di ribes rosso, di lampone, di ciliegia, di prugna , di prugnolo. In bocca l’impatto è di grande piacevolezza, vivace, fresco, di trama snella e vibrante; è un vino asciutto, spalla acida ben pronunciata, accompagnato da note minerali, con sapidità finale.

 

Temperatura di servizio: 10-12 °C
Abbinamenti: E’un vino fresco che si abbina a frittura di paranza, frutti di mare gratinati, ma anche ai piatti della tradizione modenese come cotechino e zampone perché dotato di acidità e ricco di carbonica, entrambi antagonisti del grasso sia dei fritti, sia dei salumi.
Nota emozionale: Primavera non bussa, lei entra sicura (Fabrizio De André)

 

Gino Friedmann, nato a fin Ottocento e morto nel 1964, svolse un ruolo fondamentale per lo sviluppo della campagna modenese. Nacque in una famiglia agiata che possedeva più di 300 ettari, si laureò in giurisprudenza, ma presto abbandonò le aule del Tribunale per occuparsi della proprietà intraprendendo un programma di sviluppo che coinvolse tutte le produzioni locali dando un forte impulso di modernizzazione. Si occupò pertanto dei settori lattierocasearia, allevamento suinicolo, vitivinicolo, cerealicolo. La sua opera di promozione portò alla nascita nel 1913 della Cantina Sociale Cooperativa di Nonantola; nel 1922 incoraggiò la costituzione della Federazione Nazionale delle Cantine Sociali di cui assunse la presidenza. E’ stato il principale promotore della cooperazione ponendosi come punto di riferimento dell’enologia modenese e non solo.

 

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
GIORNATE FAI DI PRIMAVERA: 25° EDIZIONE
Sabato 25 e domenica 26 marzo 2017 il Fondo Ambiente Italiano festeggia i 25 anni con aperture in 1000 luoghi straordinari di tutta Italia. Un’occasione unica per varcare la soglia di chiese, ville, borghi, palazzi, aree... Leggi di più
IL RISTORANTE DIDATTICO TASTE DEDICA AI GIOVANI 9 APPUNTAMENTI
Cool Container Music & Food. Il ristorante didattico Taste dedica ai giovani 9 appuntamenti sfiziosi tra dj set, live music e arte. 7 - 24 settembre 2017 Taste, Piazza Dante - Bergamo. La rivoluzione dei tempi moderni è... Leggi di più
LAMBRUSCO DI SORBARA OMAGGIO A GINO FRIEDMANN
Lambrusco di Sorbara Omaggio a Gino Friedmann, Cantina di Carpi e Sorbara.L’enologia italiana negli ultimi decenni ha trovato la propri identità, sia pur tra inevitabili contraddizioni. La valorizzazione dei vitign... Leggi di più
VÒCE, IL NUOVO SPAZIO DI AIMO E NADIA: CAFFETTERIA, LIBRERIA E RISTORANTE
Rispettando la sequenza – il 700 francese, l’800 austro-ungarico, il 900 italiano – dei palazzi che tra piazza della Scala, via Manzoni e piazza Belgioioso costituiscono il complesso di Intesa San Paolo... Leggi di più
TANCREDI: VISTA LAGO E SAPORE DI MARE
Avete presente quando si dice "pieds dans l' eau"? Ecco cosa significa. Lo capite dall’immagine ma soprattutto sedendovi in uno dei loro tavoli a picco sul lago, tra acqua e cielo (foto 1). E anche quando finirà la... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: ROSSI SICILIANI ZISOLA E DOPPIOZETA MAZZEI
Filippo Mazzei, amministratore delegato con il fratello Francesco di Mazzei 1435 ha presentato su piattaforma zoom in un incontro con la stampa organizzato dall’Agenzia di comunicazione ZED COMM di Milano i vini Si... Leggi di più
MOMENTI GOURMAND 2.0: I PIACERI DEL PALATO A PORTATA DI CLICK
La ricerca di vente-privee delinea la nuova frontiera dell’eFood&Wine e della convivialità. Il rapporto tra consumatori e mondo del Vino e della Gastronomia negli ultimi anni ha subito una vera e propria mutazione, comp... Leggi di più
IL VIAGGIO NEL PASSATO ALL’AUBERGE DE LA MAISON, PARTE DAI MENÙ DI MONTAGNA
Il Viaggio nel passato proposto dall’Auberge de La Maison, parte dai Menù di Montagna.   Premessa: il Contesto Storico-Sociale La paura, il timore e le negatività associate alla montagna e ai suoi abitanti, veng... Leggi di più
PRENDIAMO RESPIRO: SIMPOSIO TRA ARTE, NATURA E VINO
Sabato 15 maggio, nel cuore dell’alta Brianza, il giardino-vivaio Passoni Fiori di Merate aprirà le porte al pubblico per offrire una s esperienza sensoriale tra natura, arte e vino. Un’occasione unica, per r... Leggi di più
PRESENTATA A MILANO LA STAGIONE 2018/2019 DEL TEATRO MENOTTI
E’ stata presentata a Milano la Stagione 2018/19 del Teatro Menotti, l’ultima prima di presentare nel 2019 il cinquantenario (1969/2019). L’occasione è stata anche quella di anticipare il prossimo spett... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.