11mar 2024
La migliore cantina e la migliore taste experience a Carate Brianza
Articolo di: Stefania Turato

Che c’è di innovativo
Nel Regno della Mixology
Cosa mi ha emozionato di più
Riassaggerei
La prossima volta

 

Sensazionale, emozionale, evocativo. IL RITO  a Carate Brianza.

 

Arrivo con la pioggia come nei migliori film di suspense. Zona industriale riqualificata e luci soffuse.

 

Il luogo in cui entro mi procura subito agio. Dopo l’entrata mi sento subito in un mondo ovattato, sospeso e leggero.

 

 

Mi ci è voluta una altra giornata di pioggia per scrivere di RITO, il nuovo locale nella alta Brianza. La forza evocativa della mente mi sorprende.
Dunque, entro e mi sento subito abbracciata. L’interno di RITO è soffice e colorato.

 

Fiori, specchi, boccettine sugli scaffali ristrutturati di una farmacia, soffitti alti, scale. Amo in tempo zero, l’interior design.

 

Poi incontro gli amici e la serata è perfetta.
Ma cosa ho assaggiato? Cosa ho bevuto?
D’abitudine, leggo il giornale dalla fine e la descrizione dei vini pure. Perdonate, tali difetti ma il motivo è unico: voglio subito le buone notizie dal quotidiano e le cose che preferisco tenere a mente e riassaggio da ultime (modus operandi di una Sommelier)

 

Mi trovo da IL RITO con Massimo, empatico, gioviale, sensibile al gusto. Ha scelto personalmente le materie prime di cui son fatte le preparazioni in carta e quando le descrive al tavolo è come se lui tornasse bambino. Quello che ha voluto, è rivivere della sua vita, (le buone notizie, appunto) sensazioni della sua infanzia con sapori, profumi, consistenze e sostanze che lasciano il segno.

 

C’è riuscito, ve ne accorgerete perché, se lo conoscerete, vi sembrerà di entrare in casa sua. Non c’è la formalità di un ristorante. Ci sono sorrisi all’entrata, saluti e l’invito ad accomodarsi.

 

Le zone del RITO sono ben divise per conversazioni amicali e intime oppure di grande respiro. Si può spendere poco per assaggi e tapas e sbizzarrirsi tra le proposte food & cantina.
Ciò che c’è di innovativo è il riutilizzo; lo spreco si riduce al minimo per ottenere altre materie impiegate perché portatrici di nuovo gusto come il burro dal Patanegra, l’acqua di fermentazione per l’impasto nella pizza.

 

I Padellini  o La Pizza.  Due proposte. Due opportunità per incuriosire i sensi.

 

Una chicca del RITO è la cena in cantina. Non poteva mancare un tavolo vista cantina. Una cena per San Valentino valeva un prezzo interessante da far girare la testa all’amato/a dedicato solo a pochissimi posti e solo per veri wine lovers. Vista d’insieme e dall’alto sugli interni del locale, vista sulle bottiglie ricercate nei nomi più quotati del territorio nazionale. Questo è il gioco di Fabio che segue vendita e acquisti dei vini.


Massimo Pasqual e Fabio Citterio hanno scelto per deliziare il palato, oltre a 200 etichette e si aggiungono distillati di ottima qualità che trovano spazio per abbinamenti proprio con le pizze e i padellini.

 

Quanto possano essere deliziosi, siate certi che sarà un RITO grazie a:

 

Formaggi di Ferdy Wild nella bergamasca

 

Patanegra 5J  del quale sono Brand Ambassador  

 

Soppressata 

 

Mozzarella e Fior di Latte di Dassogno

 

Farina  del Molino Viva la Farina del Piemonte

 

Capperi di Kazzen a Pantelleria 

 

Semetella di Nocera Umbra per ortaggi 

 

Fungolog  

 

il Maiale tranquillo di Betella 

 

e la migliore versione di Massimo è la sua! Clicca qui per ascoltarla 

 

Qualche spunto divertente per andarci? I Buoni da regalare e condividere da50, 100 e 200 euro

 

Troverete tanti prodotti ospiti tra i quali il Wagyu Onishi per un giro in Giappone si tratta di una preparazione prodotta durante il periodo Edo, la carne di Wagyu era considerata così pregiata da essere riservata solo all’imperatore e ai daimyo, i più potenti tra i samurai?

Era considerato un simbolo di status e prestigio, e veniva utilizzato per impressionare e onorare i guerrieri più nobili e valorosi.

Ricevere in dono un pezzo di Wagyu era segno di rispetto e ammirazione Federica al servizio in sala è stata carismatica e nella descrizione dei vini, mi ha conquistata.

 

Nel regno della Mixology

 

Da oggi puoi provare la pizza 'Orobica' con lo stracchino di Bruna Alpina di Ferdy Wild  in abbinamento con il Gin Tonic, prodotto da loro a base di fiori di sambuco, biancospino e violetta, completato da tonica all’abete rosso e polvere di angelica.” e io non vedo l’ora di tornarci proprio per riassaggiarlo.

 

La cosa che mi ha emozionato di più. La pizza dedicata alla nonna Carmela da dove forse, tutto ha avuto origine. E ancora la Parmigiana... ricordi d'infanzia che solo Massimo vi può raccontare a cominciare dalle sei ore di lievitazione per l’impasto utilizzato.

 

Come a casa di nonna…Carmela

 

Ricorderai quando tornavi a casa da scuola e trovavi la nonna in cucina che preparava il sugo di pomodoro lasciandolo sul fuoco per ore, avendo sempre cura di non bruciarlo, in cui metteva i sapori dell’orto come l’aglio, l’origano e il basilico.

Quella cucina che si affacciava sull’orto dove la vedevi sempre andare avanti e indietro da quella porta sempre aperta a prendere tutto quello che piantava e curava con amore.

Ricorderai il calore del fuoco in cucina, il profumo e il gusto del sugo che ‘pippiava’ per ore e ore, sentendo quella sensazione di casa, di famiglia, di amore.

Il gusto delle cose semplici di una volta creano delle emozioni forti, che però ti rimangono per sempre nella mente e nel cuore.

Tra tutti gli stimoli sensoriali, gli odori sembrano innescare i ricordi più vivaci ed emotivi.

Insomma una ricetta vera e propria che ritroverai sulla pizza chiamata: “Come a casa di nonna Carmela”, dove il sugo va sul fuoco per 6 ore con un soffritto di aglio Rosso di Nubia siciliano (presidio Slow Food), in cui si aggiunge a fine cottura il basilico fresco Ligure.

 

La selezione delle pizze in padellino che ho assaggiato sono nelle foto e che

 

Riassaggerei gli abbinamenti pensati per l’occasione:

 

Sarde fresche fritte con ketchup pomodoro caramella fermentato, finocchietto, sale Maldon abbinato con il rifermentato in bottiglia da vitigno Piwi Solaris di Pojer Sandri

 

Con il Sake da riso Carnaroli, prodotto utilizzando lieviti di vino, per la fermentazione come per lo spumante. In questo caso abbinato con la pizza padellino Pane burro e alici del Cantrabrico affinate due anni, spinate, al profumo di limone, rosmarino, sale Maldon per montare il burro.

 

Con Otro (foto 4), mele, rosmarino, salvia, passion fruit dissetante, nato dalla partnership Colzani (del cioccolato) e Andrea Bezzecchi dell’Acetaia San Giacomo è stata abbinata la Mio Orto 2.0 con l’impasto farina 1, mais e riso ross e un tripudio di ortaggi. Apoteosi di delicatezza e equilibrio.

 

Il tocco alcolico finale del brandy e mosto di Lagrein Merlino (foto 5), vino liquoroso di Pojer Sandri è andato bene con i padellini dolci. Può piacere anche coi formaggi e non dimenticherei  Menaresta Sidro Madre (foto 6) prodotto con le mele della  Valtellina, altrettanto sfizioso.

 

La prossima volta, non resisterei alla tentazione della pizza all’anguria “Oh my God”con la base di pomodoro giallo, ‘nduja e capperi. Oltre che esotico, lo penso cibo erotico.
I giochi di Massimo sono fantasiosi, impossibile rinchiuderli in una descrizione.

 

Ho adorato il padellino chiamato in menù, Porca Loca al foie gras a cubetti al forno e in padella in fondo bruno, acqua di fieno e mais per l’impasto. On Top, prosciutto crudo croccante, lampone in gel, cipolle ripassate … e L’Assoluto di Patanegra 5J 100% Bellota, non serve descriverlo, serve assaggiarlo. Che dite?
Immancabili, imperdibili sono stati i padellini dolci e ci si immerge in coulis di frutti rossi, pan brioche, acetosella, nocciole, cacao, crema chantilly... Non vi pare di essere nel paese dei balocchi?
#pizzaltegamino #pizzagourmet #pizzeriagourmet #gourmet #pizza #pizzapizzapizza

1

2

3

4

5

6

7

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.