22giu 2022
L’ALTA CUCINA ANCESTRALE DI MILANO 37 RESTAURANT
Articolo di: Fabiano Guatteri

La cucina del fuoco in qualche modo ci ha sempre affascinato anche perché, nella sua semplicità, non ammette errori. E Milano 37 Restaurant era una reputata griglieria a vocazione carnivora. “Era” non perché abbia smesso l’attività, ma in quanto ha cambiato la propria filosofia culinaria, senza però abbandonare il fuoco come tecnica culinaria portante.

 

Innanzitutto la squadra: lo Chef Carlo Andrea Pantaleo, vorremmo chiamarlo maestro di griglia; il Patron, nonché padre di Carlo Andrea, Luigi Pantaleo; il Maître Enrico Rizzo e il Direttore Creativo Food & Beverage Gennaro Vitto.

 

Lo chef con grande padronanza e disinvoltura utilizza il fuoco per preparare piatti vegetariani e di pesce e solo secondariamente di carne, ribaltando quindi l’impostazione che aveva caratterizzato il ristorante precedentemente. Abbiamo voluto chiamare Carlo Andra Pantaleo maestro di griglia dopo aver sperimentato la sua capacità di dosare le cotture non solo per durata, ma anche per intensità. Gli ortaggi utilizzati provengono in buona parte dall’orto attiguo, curato dallo chef stesso, dove coltiva un’ampia gamma di aromatiche come erba pepe, santoreggia di montagna, cerfoglio, stelvia da zucchero, origano cinese, verbena, timo limone, aneto, cinque varietà di basilico e via elencando.
Ciò per dare rilevanza anche alla sostenibilità che è un punto di riferimento di Milano 37.

 

Da dove cominciare? Dal benvenuto dello Chef (foto 1). Una piccola collezione di assaggi: Spuma di patate alla brace, polvere di cappero e chips di fregola soffiata; Chips di cavolo nero, con burrata e paprika; Tentacolo di piovra alla brace, con marmellata di limoni e maionese alla soia; Sarda alla beccafico glassata con salsa teriyaki, tutto da gustare il religioso silenzio nell’ordine indicato dove non si cade mai nel banale e con una sarda al beccafico che invita, ma non solo lei, a ordinarne un intero piatto.

 

Poi comincia la sfilata.

 

Melanzana cotta al carbone, cipolline borettane in agro, pane croccante, con concentrato di pomodoro (foto 2).

Le cipolline borretane agrodolci sono anch’esse passate sui carboni, e la polvere di olio al basilico richiama il formaggio grattugiato utilizzato nella parmigiana tradizionale. Lo chef insiste sull’importanza di valorizzare gli ingredienti anche poveri, come quelli della parmigiana.
La cottura alla brace della melanzana, ne concentra il sapore facendone la protagonista, non solo per il gusto che dà il timbro al piatto, ma per la morbidezza quasi cremosa. Gli altri ingredienti completano la preparazione anche con giochi di consistenza grazie alle cialde.

 

Calamaro cotto alla brace con gazpacho, olive della Riviera Ligure, olio al prezzemolo (foto 3).
Il calamaro risulta tenero, dal sapore “dolce” ben abbinato al fresco gazpacho che duetta con l’olio extra vergine d’oliva il quale vira sulla dolcezza, anziché sulle note polifenoliche. L’insieme è di grande equilibrio, tecnicamente armonico.


Spaghetto "Pastificio Manta", aglio, olio e peperoncino, fior di latte e gambero crudo di Mazara (foto 4).
La crema di aglio che condisce la pasta è ottenuta dall’aglio privato del germe, portato più volte in ebollizione, cotto in latte e panna per circa 4-5 ore così da togliere qualsiasi nota pungente e aggressiva, e per esaltarne, piuttosto, la dolcezza; è il protagonista della salsa cremosa che condisce la pasta cui si aggiungono gli altri ingredienti; notevole la dolcezza dei gamberi che porta il gusto ad allargarsi su sfumature di dolcezza.

 

Maialino, paprika, erbe amare e ricci di mare (foto 5).
Il maialino, il solo piatto di carne del nostro menu, ovviamente cotto alla brace, è accompagnato da due salse, una di erbe amare, l’altra di ricci di mare. Si può degustare la carne passandola ora nell’una ora nell’altra sala, ma il consiglio è di mescolarle perché così facendo ne originano una nuova di grande equilibrio dove le note più amaricanti si stemperano. In ogni caso il sapore umami, vagamente iodato del riccio, fornisce una sorprendente complessità al sapore del piatto allungandone la persistenza.

 

È stata poi la volta della pasticceria scandita da Pre-dessert: gelato alla nocciola, terra al cioccolato, nocciola sabbiata, liquirizia e timo limone

 

Per dessert Ananas caramellato, vaniglia, cocco e gelato alla salvia (foto 6), che riproduce il piacevole nonché esotico sapore della piña colada accompagnata dal refrigerante del gelato.

 

E infine con il caffè piccola pasticceria: gelato al basilico (b. greco, b. limone, b. thailandese, b. genovese e b. lattuga), panna cotta al pistacchio su un frollino, tartelletta con crema pasticcera e frutti rossi, marshmallow lievemente abbrustolito al momento tanto per ricordare il valore dell’orto.

 

Conclusione
Quindi? Cosa dire di questa cucina. È poliedrica, è una cucina che spazia. Considerarla solo del fuoco non è esaustivo. Se ne coglie l’ampiezza dall’elaborazione delle salse, dall’utilizzo di ingredienti che forniscono pennellate dall’accento internazionale ad alcuni piatti, dal costante equilibrio del rapporto acidità - morbidezza cui si uniscono talvolta calibrate note umami.

 

1

2

3

4

5

6

Photo Credits

Photo 4 : Giordana Talamona
Articoli Simili
I più letti del mese
QUATTRO TENDENZE COCKTAIL RIVOLUZIONERANNO IL MODO DI BERE NEL 2018
La mixology che verrà: Diageo reserve world class individua quattro tendenze cocktail. Dai migliori bartender del mondo che rivoluzioneranno il modo di bere nel 2018. La cocktail culture è all’apice a livello inter... Leggi di più
ACCADE A NATALE | IL PANETTONE IN TRE RACCONTI
Questo periodo prevede che il Panettone sfili nelle Hit Parade di Re Panettone e a Panettoni d’Italia, portato con i guanti (di lattice, che brutto) con punteggi che vanno tra i 75 e i 90 dando indicazioni sui Pane... Leggi di più
BACCALÀ IN UMIDO BIANCO A REGOLA D’ARTE
IL MENU DEI VINI. QUANDO SONO I VINI A SCEGLIERE I PIATTI
I vini, come i piatti, non vanno serviti casualmente
. Ciò perché un buon banchetto richiede altrettanto buoni vini.
 Il menu dei vini.C’è chi dice che il vino vale metà pasto e pertanto se non è presente, o se n... Leggi di più
LA RETE DELLA RISTORAZIONE ITALIANA CRESCE E RINNOVA LE RICHIESTE AL GOVERNO: 8 LE MISURE ESSENZIALI
La ristorazione e uno tra i settori più colpiti ed è in grave sofferenza. Non vi sono certezze se non i costi sempre più  insostenibili di una chiusura prolungata Ma i ristoratori cosa dicono?Dopo il primo aèpello sottos... Leggi di più
IL MENU CON VISTA DELLA TERRAZZA TRIENNALE
Gualtiero Marchesi spiegava che l’antipasto svolge un ruolo importante perché, per usare le sue parole, “dà il timbro” all’intero menu. In qualche modo se piace sveglia l’interesse gastronom... Leggi di più
I CALICI DI SAN VALENTINO: 40 VINI PIÙ 4 CONFEZIONI REGALO
Resta sempre un appuntamento importante la ricorrenza di San Valentino e, a volte, con risvolti sociali davvero rilevanti, per le iniziative che può stuzzicare un simile evento. Un aspetto, quello sociale che, secondo no... Leggi di più
DOSSIER NUTRIZIONE E GELATO. IL GELATO È ALIMENTO SANO? FACCIAMO CHIAREZZA
L’IGI – Istituto del Gelato Italiano  è nato nel 1991 voluto dalle industrie gelatiere più intraprendenti ed attente al prodotto, con lo scopo di far conoscere e promuovere il gelato italiano. Nel 1993 l&rsqu... Leggi di più
LA GENISIA TORREVILLA: PARTIAMO DALLE BASI | UNA NUOVA LINEA PRODUTTIVA
E’ sicuramente un’esperienza non comune degustare le basi di un vino ancor prima di assaggiarlo. Ma cosa sono le basi? Alla produzione di alcuni spumanti, ma non solo, possono concorrere più vini con caratter... Leggi di più
SCUOLA LA ZOLLA, MILANO: CROWDFUNDING PER BLOG E BIBLIOTECA DIGITALE
Scuola La Zolla, Milano: Crowdfunding per Zolleggiamo, blog e biblioteca digitale. E’ partita sulla piattaforma Eppela – e terminerà il 18 marzo- la campagna di crowdfunding, lanciata dalla Scuola Cooperativa La Zolla d... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.