24set 2023
Intelligenza artificiale e turismo. La parola a Febo Leondini
Articolo di: Fabiano Guatteri

In attesa del BTO - Be Travel Onlife, che si svolgerà a Firenze il 22 e il 23 novembre che tratterà anche il tema Intelligenza Artificiale e Turismo, abbiamo chiesto a un esperto del settore di darci una chiave di lettura per approcciarci all’argomento.

 

Abbiamo pertanto chiesto a Febo Leondini  (foto 1) di spiegarci come l’Intelligenza Artificiale (AI - Artificial Intelligence) possa essere di supposto al turismo. Ci siamo rivolti a Leondini in quanto professionista competente: Imprenditore nella Distribuzione Beverage nell'Horeca per 35 anni, Consigliere di amministrazione Birra Castello SpA per 11 anni, Consigliere di amministrazione MGM Restaurant Srl da 6 anni, Consigliere di Beverage Network da 4 anni, Consigliere di Assobirra da 3 anni, Presidente AFDB da 3 anni, Lecturer LUISS Business School nel Master in Trade Management, membro dello staff tecnico di Italgrob, advisor strategico alla presidenza di Birra Castello SpA.

 

 

Leondini fa subito una premessa:

attualmente qualunque piattaforma di Intelligenza Artificiale non disppone di un’intelligenza vera e propria, ma di replicabilità su base statistica, e pertanto, anche in un futuro prossimo l’obiettivo non è sostituire l’uomo.

 

Quindi, nell’ambito del turismo non siamo alla ricerca di un robot che sostituisca una guida o un cameriere, ma siamo alla ricerca di una piattaforma che aumenti le capacità professionali di un cameriere o di una guida. Detto questo mentre se si chatta con Chabot non c’è nessuna interlocuzione, quando ci si rivolge a un gemello digitale (digital twin) ci si rapporta a una piattaforma che reagisce molto velocemente, e che utilizzando un algoritmo statistico, che sequenzia lettere e parole in base alla probabilità di occorrenze, genera un dialogo tra umani e macchina.

 

Per essere più chiaro: se chiediamo al gemello digitale chi sia Dante noi stiamo conducendo una ricerca storica, mentre lui si limita a rispondere con la stringa di caratteri seguente più probabile.

 

 

Per cui uomo e macchina sono su due piani di comunicazione diversi.
Sì, però, e qui sta l’aspetto interessante dell’Intelligenza Artificiale, quando si ha un’interazione con un gemello digitale, basato su ChatGPT ad esempio, in realtà si tende a umanizzare il rapporto. L’Intelligenza Artificiale è come la bellezza: sta negli occhi di chi guarda, per cui, pur sapendo che dall’altra parte abbiamo una calcolatrice, ciò nonostante a mano a mano che iniziamo un rapporto di discussione, questo rapporto si umanizza.

 

Inizia pertanto un processo per cui essere umano e piattaforma avviano una sorta di schismogenesi che porta il primo ad interagire con sempre maggiore coinvolgimento e la seconda ad aumentare le proprie capacità sintattiche. Allora con l’Intelligenza Artificiale siamo di fronte a un ibrido, a qualcosa che non è senziente, ma nello stesso tempo contribuisce ad aumentare le interazioni tra individui.

 

 

Perché è un ibrido?
È un ibrido perché attribuiamo consapevolmente all’AI capacità che non ha, ma contestualmente la piattaforma ne esplicita gli effetti simulandone il possesso. In questo senso siamo di fronte a un ibrido, e questo è chiaro, socio-tecnico nel senso che la ragione d’essere dell’AI si palesa con e tra gli esseri umani e con e tra le altre piattaforme. Chiarito questo diventa palese il ruolo dell’Intelligenza Artificiale.

 

 

Per cui venendo al turismo
Gli utilizzi sono limitati solo dalla fantasia del creatore, cioè da noi. Al momento ho realizzato, su piattaforma creata da Memori SrL, tre gemelli digitali verticali rispettivamente sulla birra, sul vino, sull’horeca; è in via di approntamento un quarto che avrà il compito di affiancare il turista nello sviluppo di una esperienza di visita. Pertanto, il gemello digitale è una piattaforma con cui il singolo turista può confrontarsi e apprendere di più su prodotti che non conosce e dall’altra parte interagisce nel caso abbia bisogno di un’informazione, per esempio al ristorante per chiedere quale vino abbinare a un piatto fornendo un intervallo di prezzi o organizzando una serie di proposte esperienziali finalizzate a rendere indimenticabile il soggiorno. In ogni momento sappiamo di aver parlato a una calcolatrice, ma nello stesso tempo abbiamo umanizzato quella risposta e attraverso questa umanizzazione abbiamo interagito con il sommelier cameriere del ristorante.

 

 

Utilizzi pratici?
L’Intelligenza Artificiale può servire:
per agevolare o ridurre i tempi di addestramento del personale di sala;
per veicolare politiche commerciali che vengono messe sui terminali di comanda dei camerieri;
per essere partner di uno chef perché, contrariamente all’essere umano, si ricorda tutto, per esempio le caratteristiche di un ingrediente che in un momento di confusione possono essere dimenticate;
per pianificare visite e un percorso esperienziale; il gemello digitale è geolocalizzato il che significa che alla stessa domanda dà risposte diverse a secondo da dove ci rivolgiamo.

 

Per esempio una catena di alberghi ha un cliente che rimarrà 15 giorni in Italia, pernottando in varie città. In merito al cliente la catena ha informazioni di quando prenota, le info di arrivo e di partenza. Può, pertanto, fornire all’ospite un codice QR collegato al gemello digitale che sa dove si trova e che in base al luogo dà consigli, costruendo un percorso esperienziale: dove andare a mangiare, cosa vedere, cosa visitare. Sicuramente il cliente si rivolgerà alla reception per avere indicazioni, ma con il gemello artificiale si aumenta il rapporto con la clientela.

 

Al BTO verrà presentata una piattaforma, con applicato un modulo di ricordo nel senso che dalle info di login la piattaforma sarà in grado di riconoscere la persona che si sta collegando ricordando le ultime battute scambiate. Pertanto, tornando al nostro cliente della catena alberghiera, al prossimo collegamento si troverà a parlare con “qualcuno” che si ricorda di lui e che ha condiviso con lui un’esperienza sui cui esiti costruirne una nuova.


Pertanto, come ha spiegato in modo esaustivo Febo Leondini l’Intelligenza Artificiale, almeno quella attuale, non ha lo scopo di sostituire l’operatore umano, né potrebbe farlo, ma di migliorarne le capacità così da consentire la costruzione di una CE B2C, o B2B e B2E, sempre migliori.

1

2

Photo Credits

Photo 2 : Gerd Altmann da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
CAPODANNO CINESE AL BON WEI
L’anno della Tigre consolida i legami tra la cucina cinese e l’Amarone della Valpolicella. Infatti, in occasione del capodanno cinese - nel 2022 in Cina inizia l’1 febbraio - che per il loro oroscopo è ... Leggi di più
MALCESINE, BORGO MEDIEVALE COVID FREE DOVE TRASCORRERE VACANZE TRA LAGO E MONTI
Malcesine (foto 1) è un borgo medievale di 3700 abitanti; si trova all’estremo nord della sponda veronese del Lago di Garda, al confine con Trentino e Lombardia. Il centro, che conserva l’impianto urbanistico... Leggi di più
A PANTELLERIA NASCE UN PASSITO COLLETTIVO, IL PASSITO DELLA SOLIDARIETÀ| DE BARTOLI
Quest’anno Pantelleria produrrà un esclusivo passito collettivo, il Passito della Solidarietà. De Bartolie Bartoli  è un nome più che famoso nell’ambito dell’enologia pantesca e marsalese, ma non solo p... Leggi di più
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padell... Leggi di più
LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I VITIGNI RESISTENTI
Nasce la rete di imprese Resistenti Nicola Biasi, sei aziende agricole in sei territori diversi tra Friuli, Veneto e Trentino, guidate da Nicola Biasi, miglior giovane enologo d’Italia per Vinoway e Cult Oenologist... Leggi di più
GOLOSARIA WINE MILANO 23 APRILE 2022: 7 VARIAZIONI DI LAMBRUSCO
L’odierna edizione di Golosaria Wine ha visto la partecipazione di parte dei produttori della regione Emilia Romagna. Hanno presenziato cantine produttrici dei vini Lambrusco, Colli Bolognesi e delle Doc romagnole.... Leggi di più
TORNA IL MERCATINO DI NATALE ALTOATESINO ONLINE DI PUR SÜDTIROL
Un’esperienza di shopping unica per scoprire i sapori e i profumi dell’Alto Adige.   Torna la vetrina virtuale dove i produttori dell’Alto Adige possono presentare le proprie eccellenze. Tante le idee... Leggi di più
L’Aura Ronchi di Brescia IGT 2022, il rosato Noventa
Noventa è un’azienda vitivinicola con sede a Botticino, cittadina nel cuore dell’omonima zona vinicola Doc in provincia di Brescia.   Nata nel 1970, la cantina è proprietaria di 11 ettari vitati disposti a ... Leggi di più
L’ECOSOSTENIBILE NATURÆ GIN FRUCTETUM È IL MIGLIORE GIN ITALIANO?
Naturæ Gin  è un brand che produce gin ecosostenibili ispirati alla natura. Fondato a giugno 2021 da due amici appassionati di gin, Diego Sgarbossa, tecnico dei servizi della ristorazione, e Carlo De Filippo, perito agra... Leggi di più
INSALATA DI BACCALÀ, SEPPIA, NERVETTI E OLIVE DI GAETA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.