22gen 2022
IL RISTORANTE GIAPPONESE DEL MAESTRO ICHIKAWA A MILANO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Abbiamo conosciuto Ichikawa Haruo, quando era al ristorante Yio, che con lui conquistò, prima realtà giapponese in Italia, la stella Michelin che tutt’ora meritatamente detiene. Poi, dalla sua partenza non abbiamo più avuto notizie. Recentemente è tornato a Milano e ha aperto il suo ristorante, Ichikawa  appunto.

 

Si tratta di un piccolo locale con una sala all’ingresso e, separata da una parete divisoria, una seconda sala più piccola dove si cena alla barra. Nella prima sala si ordina alla carta, mente alla barra Ichikawa serve ai commensali un menu degustazione molto articolato, a 120 euro. In carta vi è una discreta scelta di sushi, ma non per questo definiremmo Ichikawa sushi bar, per la presenza di piatti che spostano il baricentro del ristorante in cucina. Va però detto che si tratta di un sushi magistrale per rapporto riso-pesce, per consistenza e sapore del riso, per selezione del pesce coprendendo anche crostacei e molluschi, e per il loro taglio.

 

Pertanto sicuramente una visita a questo ristorante solo per il sushi vale in ogni caso il viaggio, ma ci permettiamo di insistere sul valore di altri piatti. Wagyu sarada (foto 1) è una portata preparata con il pregiatissimo bovino giapponese (wagyu) affettato sottilmente che avvolgere gamberi crudi ed il piatto è servito caldo. E’ una preparazione che si presenta in umido colorata da uova di salmone e da ortaggi tra cui i ravanelli che con la propria croccantezza ampliano il ventaglio di consistenze della portata oltre a vivacizzarne le noti umami e sapide con fresche note pungenti.

 

E in merito alle consistenze, e ai sapori, è da provare lo Zuke Maguro (foto 2). Si tratta di filetto dorsale e ventresca di tonno sbollentati 20 secondi in acqua, passati in acqua e ghiaccio, quindi messi a marinare in una salsa che comprende salsa di soia, mirin, wasabi, yuzu, quindi affettati a sashimi. La ventresca ha la dolcezza delle parti grasse che conferiscono consistenza fondente , mentre il filetto è più compatto, sapido; a guarnirlo maionese al wasabi.

 

Succede in alcuni ristoranti giapponesi, pur trovando grande soddisfazione nei piati, rimanere delusi dal tempura. Come tutti i fritti, a una prima valutazione puramente gustativa, segue la seconda, a distanza di tempo, dettata dalla digeribilità, ossia dallo stomaco. Il tempura (foto 3) di Ichikawa supera brillantemente i due “esami”. Per leggerezza, vorremmo definirlo un fritto aereo e la consistenza tenera-croccante raggiunge la perfezione.

 

Per quanto riguarda la digeribilità, usciti dal ristorante si fa dimenticare. Ancora un patto di carne di manzo, questa volta in salsa Yakiniku (foto 4) a base di salsa di soia addensata, servtro con verdure e semi di sesamo. La salsa è cremosa, la carne segnatamente tenera dal gusto morbido, avvolgente.

 

Carta dei vini di una certa ricercatezza e selezione di sake.

1

2

3

4

Indirizzo : Via Lazzaro Papi 18 Milano
Telefono : 02.47750431
Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.