21dic 2018
IL PANETTONE: DA UN’ ANTICA LEGGENDA AL LUSSO CONTEMPORANEO
Articolo di: Laura Biffi

La leggenda narra che durante un Natale sul finire del 1400 nel Castello Sforzesco di Milano, il Duca Ludovico Maria Sforza detto “Il Moro” intrattenesse insieme alla consorte Beatrice d’Este i suoi ospiti con un sontuoso banchetto natalizio ricordato per la ricchezza delle innumerevoli portate. Nella sala delle feste, la corte riunita per l’occasione assisteva tra un servizio e l’altro a giochi, spettacoli, danze e musiche, lo scalco dirigeva sapientemente coppieri e trincianti nel servizio, mentre nelle cucine, credenzieri e cuochi plasmavano prelibatezze a pieno ritmo. Solo in pasticceria regnava lo sconforto, i dolci in forno erano bruciati e il pasticcere era nella più totale disperazione: l’assenza del dolce avrebbe infatti compromesso la buona riuscita del pranzo di Natale e creato un enorme imbarazzo ai Duchi di Milano davanti ai loro ospiti. ( foto 1 ). La fortuna volle che su una credenza il giovane aiutante Toni avesse lasciato un pane arricchito con uvette e scorza d’arancia candita che egli stesso aveva cotto, si decise quindi di servire proprio quel pane che profumava di burro e dolcezze. I Duchi di Milano apprezzarono la novità del dolce inconsueto e chiesero chi avesse preparato quella bontà, la risposta arrivò immediata: “E’ il pan del Toni “. Così è nato il panettone.


Oggi il livello di qualità del panettone è altissimo e gli eventi che lo celebrano come il re dolce della tavola delle feste sono numerosi, a Milano ben tre negli ultimi due mesi (Re Panettone, i Maestri del Panettone e gli Artisti del Panettone), a cui si aggiunge il panettone artistico al cioccolato di 332 kg e 150 cm di altezza del maître chocolatier Davide Comaschi. Certificato dalla commissione del Guinness dei Primati come il più grande panettone del mondo è stato presentato con grande stupore del pubblico per dimensioni e decorazioni in Galleria Vittorio Emanuele lo scorso 16 dicembre. 


Tra le molteplici offerte dei migliori pasticceri italiani (di cui abbiamo parlato qui) abbiamo selezionato una rosa ristrettissima di panettoni di lusso, degni della tavola di un re per eleganza nel gusto o decorazioni :

 

Sal De Riso: Salvatore de Riso, ha creato Oro Puro, il lusso per eccellenza, richiesto anche dai Principi del Quatar, è un panettone al cioccolato farcito con una crema di finissimo fondente Sur del Lago al 72%, proveniente da piantagioni selezionate della miglior area di produzione del Venezuela di Domori e interamente ricoperto di foglia d’oro (foto 2).


Marchesi 1824: una delle migliori pasticcerie storiche di Milano che sin dal 1824 ha fatto del suo panettone un vanto, oggi coadiuvata dal pluripremiato pastry chef Diego Crosara propone oltre al panettone classico, dei meravigliosi panettoni con ingredienti di altissima qualità, sinonimo di assoluta eleganza e decorati a mano da esperti pasticceri. I sofisticati decori sono frutto di un’attenta ricerca che trae ispirazione dall’architettura e dai ricami dei primi del ‘900 ( foto 3,4,5 ).

 

Knam: Ernst Knam stupisce con il suo Knamettone, prodotto tutti gli anni ma ogni volta diverso, in edizione limitata e numerata è un capolavoro di cioccolato, a base di fondente Perù Pachiza al 70% presente sia nell’impasto che nella copertura è arricchito con pere semi candite e mandorle sabbiate ( foto 6 ).

 

Ivan & Masa: un sodalizio artistico-culinario basato sulla raffinatezza del gusto, l’eleganza e l’originalità nel decoro frutto dell’armonia tra la cultura gastronomica orientale e quella occidentale fa di Ivan & Masa una delle eccellenze gastronomiche del panorama milanese. Il loro panettone classico è arricchito con scaglie di cioccolato Belga Callebaut al 70%, castagne, scorze di arancia candite al naturale e i profumi del Natale: cannella, noce moscata, zenzero e vaniglia del Madagascar . Il Colompane è impreziosito da mandorle tostate e pistacchi freschi del Mediterraneo, estratto naturale biologico di fior d’arancio, morbide albicocche confites e zenzero ( foto 7 ).


Armani/Dolci : la Maison di moda Armani presenta nella sua raffinata collezione di dolcezze per il Natale 2018 dei panettoni custoditi in un’esclusiva cappelliera avvolta da carta rosso acceso con riflessi metallizzati tono su tono. A completare l’elegante packaging un nastro gros grain con il logo Armani/Dolci in oro. Realizzati con un lievito madre selezionato da un ceppo fermentato negli anni Trenta, che garantisce un aroma unico e lunga freschezza, ingredienti di altissima qualità come le scorze d’arancia Navel candite di Sibari, i cedri Diamante e la vaniglia del Madagascar i panettoni per il Natale 2018 di Armani/Dolci sono proposti nella versione classica o con pere candite e gocce di cioccolato sia nel classico formato da 1 kg sia in quello da 100 grammi (foto 8).

1

2

3

4

5

6

7

8

Photo Credits

Photo 6 : Francesco Mion
Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.