26ott 2023
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Articolo di: Fabiano Guatteri

Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano male.

 

E se cediamo alla tentazione di un cibo “goloso”, spesso lo consumiamo quanto basta e magari con qualche senso di colpa che certo non giova alla salute.

 

Ma questa chiave di lettura è in parte superata perché salutare non significa necessariamente cibo “punitivo” e la bontà può anche essere la caratteristica di un cibo sano.

 

Considerato che le festività sono ormai alle porte prendiamo il caso del panettone, il dolce natalizio per definizione, irrinunciabile, però da consumare una sola volta l’anno perché tra zuccheri e grassi…

 

È, questa, una convinzione che dobbiamo correggere perché nelle persone la percezione è quella dello sgarro, del peccato e delle sue conseguenze. Il Panettone, o Lievitato, o Dolce di Natale, invece, deve essere accessibile, deve dare piacere senza far accendere l’area limbica del senso di colpa. Deve e può essere mangiato non una, ma 5 volte perché è composto da materie prime nutrizionalmente ineccepibili.

 

Si ma come? Ci sono progetti che nascono par caso, altri che vengono pensati, ragionati e che vedono la luce al momento giusto, quando tutte le energie si concentrano. È ciò che è accaduto a maggio, quando Marianne Giordanengo, fondatrice di Top Chef Intelligent Gastronomy, Monia Caramma, Sustainable Food Researcher e Carlo Cracco, chef hanno intrapreso una sfida che molti definivano impossibile: realizzare un lievitato composto solo da farine di cereali antichi veri (Monococco e Maiorca), lievito madre, senza zucchero raffinato e conservanti.


Il risultato è un Dolce natalizio che può essere consumato in più occasioni perché salutare, senza zuccheri (foto 1).

 

Gli autori lo hanno presentato in Galleria nel Ristorante Cracco a Milano insieme con Ilaria Caneva pastry chef (foto 2 da sinistra Carlo Cracco, Ilaria Caneva, Marianne Giordanengo e Monia Caramma).


È facile produrre un Panettone con farine ad alto indice di glutine (W350 e superiore), con i conservanti, lo zucchero raffinato e la spinta dei lieviti industriali. Ci si può dilettare con i sofismi sulle guarnizioni ma la sostanza rimane invariata: lo si mangia e si sente subito il peso.

La vera sfida fisica ed intellettuale è lavorare con materie prime naturali, grezze, è creare un prodotto accessibile, aperto, che faccia ritornale la voglia di mangiare senza sensi di colpa, dubbi. È creare un dolce che venga mangiato con soddisfazione.

Con questo obbiettivo Monia Caramma ha formulato il Lievitato che è stato realizzato, con la supervisione di Carlo Cracco, da Ilaria Caneva, pastry chef.

 

Carlo Cracco spiega che “questo lievitato è molto attento alla composizione degli elementi, alla filiera e alle farine. Gli esperimenti sono durati più di 4 mesi e la difficoltà più grande era l’assenza di grassi e zuccheri. Grazie al cioccolato gran cru São Tomè siamo riusciti a bilanciare l’impasto. E la granella di cacao sulla glassa ha aumentato l’aromaticità. Non è stato assolutamente semplice muoversi fuori dalla pasticceria classica, perché non avevamo riferimenti storici, abbiamo dovuto ricettare tutto da capo. Il primo risultato, che possiamo definire un prototipo, è stupefacente”.

 

Una bella sfida che potrebbe aprire la via a una nuova realtà nella cucina dolce.

 

Dall’indagine condotta da Food Insight nel 2022 emerge chiaramente la volontà del 52% dei consumatori (intervistati in tutto il mondo) di voler mangiare con consapevolezza spostando gli acquisti su prodotti integrali, freschi, di filiera certa, a ridotto contenuto di zuccheri e materie prime raffinate.

Mindful eating  e clean eating  sono i due termini che emergono sempre di più non solo nelle ricerche web ma anche nei corsi di alimentazione.

Il Monococco: ha una percentuale di glutine compresa tra il 3 e il 5%, contiene tutti gli aminoacdidi essenziali inclusa la lisina, è ricco di proteine (15-19%), è un prebiotico e quindi rispetta il microbiota.
In questo lievitato abbiamo utilizzato un Monococco di piccolissimi produttori, macinato integrale.
La Maiorca: farina mai geneticamente migliorata, la cui semente ancora si autoproduce nelle aziende agricole e nel corso dei secoli si è adattata al clima, al terreno. È un tenero con indice di glutine medio-basso, un colore giallo tenue naturale.

Lo sciroppo di riso integrale italiano valorizza le nostre risaie prendendo spunto da un metodo già noto da oltre 600 anni nella cultura orientale. Permette di dolcificare senza alzare l’indice glicemico e apporta minerali essenziali.

Il Lievitato è disponibile per pre-ordini che pervengano entro il 10 Novembre inviando un’email qui  Potrà essere spedito oppure ritirato presso il Ristorante Cracco in Galleria a Milano.

Punti cadine:

• È in ascesa la richiesta di prodotti gourmet privi di materie prime raffinate
• Territorialità e valorizzazione dei piccoli produttori
• Filiera nota
• Processo di lavorazione artigianale
• Zero zuccheri raffinati
• Mindful eating

 

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
CAPODANNO CINESE AL BON WEI
L’anno della Tigre consolida i legami tra la cucina cinese e l’Amarone della Valpolicella. Infatti, in occasione del capodanno cinese - nel 2022 in Cina inizia l’1 febbraio - che per il loro oroscopo è ... Leggi di più
MALCESINE, BORGO MEDIEVALE COVID FREE DOVE TRASCORRERE VACANZE TRA LAGO E MONTI
Malcesine (foto 1) è un borgo medievale di 3700 abitanti; si trova all’estremo nord della sponda veronese del Lago di Garda, al confine con Trentino e Lombardia. Il centro, che conserva l’impianto urbanistico... Leggi di più
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padell... Leggi di più
A PANTELLERIA NASCE UN PASSITO COLLETTIVO, IL PASSITO DELLA SOLIDARIETÀ| DE BARTOLI
Quest’anno Pantelleria produrrà un esclusivo passito collettivo, il Passito della Solidarietà. De Bartolie Bartoli  è un nome più che famoso nell’ambito dell’enologia pantesca e marsalese, ma non solo p... Leggi di più
LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I VITIGNI RESISTENTI
Nasce la rete di imprese Resistenti Nicola Biasi, sei aziende agricole in sei territori diversi tra Friuli, Veneto e Trentino, guidate da Nicola Biasi, miglior giovane enologo d’Italia per Vinoway e Cult Oenologist... Leggi di più
GOLOSARIA WINE MILANO 23 APRILE 2022: 7 VARIAZIONI DI LAMBRUSCO
L’odierna edizione di Golosaria Wine ha visto la partecipazione di parte dei produttori della regione Emilia Romagna. Hanno presenziato cantine produttrici dei vini Lambrusco, Colli Bolognesi e delle Doc romagnole.... Leggi di più
TORNA IL MERCATINO DI NATALE ALTOATESINO ONLINE DI PUR SÜDTIROL
Un’esperienza di shopping unica per scoprire i sapori e i profumi dell’Alto Adige.   Torna la vetrina virtuale dove i produttori dell’Alto Adige possono presentare le proprie eccellenze. Tante le idee... Leggi di più
L’Aura Ronchi di Brescia IGT 2022, il rosato Noventa
Noventa è un’azienda vitivinicola con sede a Botticino, cittadina nel cuore dell’omonima zona vinicola Doc in provincia di Brescia.   Nata nel 1970, la cantina è proprietaria di 11 ettari vitati disposti a ... Leggi di più
L’ECOSOSTENIBILE NATURÆ GIN FRUCTETUM È IL MIGLIORE GIN ITALIANO?
Naturæ Gin  è un brand che produce gin ecosostenibili ispirati alla natura. Fondato a giugno 2021 da due amici appassionati di gin, Diego Sgarbossa, tecnico dei servizi della ristorazione, e Carlo De Filippo, perito agra... Leggi di più
INSALATA DI BACCALÀ, SEPPIA, NERVETTI E OLIVE DI GAETA
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.