22set 2018
FOOD AL TEMPO DI BREXIT
Articolo di: Dirce Bottardi

Pranzi in casa senza prelibatezze, ristoranti con la carta del menù impoverita, supermercati con qualche scaffale vuoto: sarà questo l’impatto della Brexit sullo stile di vita inglese, almeno per quello che riguarda il cibo? Quali le conseguenze per l’industria alimentare targata UK?


A queste domande ha cercato di rispondere il giornalista Jay Rayner in un recente articolo pubblicato su The Observer e ripreso da The Guardian, raccogliendo dati statistici, testimonianze di coltivatori, allevatori, aziende della trasformazione e logistica che operano nella filiera del cibo, senza trascurare le posizioni di ricercatori, accademici e politici britannici.
Lo scenario che ne risulta racconta una grande incertezza e un clima di preoccupazione allarmante, poiché il Regno Unito produce il 49% del fabbisogno nazionale degli alimenti dei quali si nutre: non è quindi autosufficiente, oltre a non avere scorte alimentari.


In sintesi, l’articolo ipotizza che, con la Brexit e l'abbandono della UE, le importazioni di prodotti alimentari da altri paesi europei richiederanno tempi più lunghi e costi maggiori, mentre restano ancora da individuare mercati alternativi per l'approvvigionamento. Un esempio evidente sono le carni: le leggi di alcuni stati permettono pratiche vietate sia da EU che da UK (come il cloro per il lavaggio dei polli, o l’utilizzo di ormoni negli allevamenti bovini degli Stati Uniti).


Le aziende alimentari inglesi a tutt’oggi non sanno prevedere cosa succederà e non hanno fatto investimenti per accrescere la loro capacità produttiva; in risposta al cambiamento, un’impresa della trasformazione ha delocalizzato un terzo delle attività fuori dal paese (che perderà così posti di lavoro e soldi delle tasse). Con l’abbandono delle UE la Gran Bretagna vedrà poi ridursi la disponibilità di forza lavoro proveniente da altri stati europei per campi e stalle, a causa della prevedibile (e tuttora non risolta) difficoltà per ottenere i visti di ingresso. Inevitabile anche in questo caso, un incremento dei costi connessi.


Con una produzione agricola penalizzata dalla geografia, il Regno Unito si è abituato in questi anni a consumare frutta e verdura importata dai paesi EU (come Spagna, Italia, Paesi Bassi o Polonia), prodotti che sulle tavole inglese non apparivano in passato. Escludendo la pasticceria, che cosa vi viene in mente della cucina inglese oltre a fish & chips, porridge, sandwich e whiskey ? Forse nulla. Eppure Londra è diventata negli ultimi anni un crocevia importante per le cucine straniere e i nuovi stili alimentari, a tutti i livelli: dall'alta gastronomia fino a quella pop, complici programmi televisivi di grande successo. Una rivoluzione golosa resa possibile anche dalla tradizione culinaria nazionale che non ha mai primeggiato.

 

Con la Brexit si metterebbe in atto un cambiamento epocale cominciato oltremanica poche decadi fa, con la scoperta dei sapori delle ex colonie, come è avvenuto nelle curry houses, gli economici ristoranti indiani divenuti popolari in tutto la nazione, tanto da essere ribattezzati British curry houses. Da allora la curiosità per il cibo e le sperimentazioni ai fornelli inglesi, sono diventati una moda che non ha smesso di crescere. Tra queste la cucina italiana è stata un'apripista della primissima ora, grazie a persone come Antonio Carluccio, e ha poi sedotto lo chef inglese Jamie Oliver, al quale si deve una catena di ristoranti dedicati con menu rivisti e corretti secondo il palato locale.


In attesa di vedere cosa accadrà dopo il 29 marzo 2019 e se non interverranno nuovi sviluppi, il Regno Unito ritornerà un po' al suo splendido isolamento, quello che abbiamo studiato sui libri di scuola. E, forse, farà più fatica a definirsi cool Britannia. Perlomeno a tavola.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.