22set 2018
FOOD AL TEMPO DI BREXIT
Articolo di: Dirce Bottardi

Pranzi in casa senza prelibatezze, ristoranti con la carta del menù impoverita, supermercati con qualche scaffale vuoto: sarà questo l’impatto della Brexit sullo stile di vita inglese, almeno per quello che riguarda il cibo? Quali le conseguenze per l’industria alimentare targata UK?


A queste domande ha cercato di rispondere il giornalista Jay Rayner in un recente articolo pubblicato su The Observer e ripreso da The Guardian, raccogliendo dati statistici, testimonianze di coltivatori, allevatori, aziende della trasformazione e logistica che operano nella filiera del cibo, senza trascurare le posizioni di ricercatori, accademici e politici britannici.
Lo scenario che ne risulta racconta una grande incertezza e un clima di preoccupazione allarmante, poiché il Regno Unito produce il 49% del fabbisogno nazionale degli alimenti dei quali si nutre: non è quindi autosufficiente, oltre a non avere scorte alimentari.


In sintesi, l’articolo ipotizza che, con la Brexit e l'abbandono della UE, le importazioni di prodotti alimentari da altri paesi europei richiederanno tempi più lunghi e costi maggiori, mentre restano ancora da individuare mercati alternativi per l'approvvigionamento. Un esempio evidente sono le carni: le leggi di alcuni stati permettono pratiche vietate sia da EU che da UK (come il cloro per il lavaggio dei polli, o l’utilizzo di ormoni negli allevamenti bovini degli Stati Uniti).


Le aziende alimentari inglesi a tutt’oggi non sanno prevedere cosa succederà e non hanno fatto investimenti per accrescere la loro capacità produttiva; in risposta al cambiamento, un’impresa della trasformazione ha delocalizzato un terzo delle attività fuori dal paese (che perderà così posti di lavoro e soldi delle tasse). Con l’abbandono delle UE la Gran Bretagna vedrà poi ridursi la disponibilità di forza lavoro proveniente da altri stati europei per campi e stalle, a causa della prevedibile (e tuttora non risolta) difficoltà per ottenere i visti di ingresso. Inevitabile anche in questo caso, un incremento dei costi connessi.


Con una produzione agricola penalizzata dalla geografia, il Regno Unito si è abituato in questi anni a consumare frutta e verdura importata dai paesi EU (come Spagna, Italia, Paesi Bassi o Polonia), prodotti che sulle tavole inglese non apparivano in passato. Escludendo la pasticceria, che cosa vi viene in mente della cucina inglese oltre a fish & chips, porridge, sandwich e whiskey ? Forse nulla. Eppure Londra è diventata negli ultimi anni un crocevia importante per le cucine straniere e i nuovi stili alimentari, a tutti i livelli: dall'alta gastronomia fino a quella pop, complici programmi televisivi di grande successo. Una rivoluzione golosa resa possibile anche dalla tradizione culinaria nazionale che non ha mai primeggiato.

 

Con la Brexit si metterebbe in atto un cambiamento epocale cominciato oltremanica poche decadi fa, con la scoperta dei sapori delle ex colonie, come è avvenuto nelle curry houses, gli economici ristoranti indiani divenuti popolari in tutto la nazione, tanto da essere ribattezzati British curry houses. Da allora la curiosità per il cibo e le sperimentazioni ai fornelli inglesi, sono diventati una moda che non ha smesso di crescere. Tra queste la cucina italiana è stata un'apripista della primissima ora, grazie a persone come Antonio Carluccio, e ha poi sedotto lo chef inglese Jamie Oliver, al quale si deve una catena di ristoranti dedicati con menu rivisti e corretti secondo il palato locale.


In attesa di vedere cosa accadrà dopo il 29 marzo 2019 e se non interverranno nuovi sviluppi, il Regno Unito ritornerà un po' al suo splendido isolamento, quello che abbiamo studiato sui libri di scuola. E, forse, farà più fatica a definirsi cool Britannia. Perlomeno a tavola.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
APERITIVO IN CONCERTO AL TEATRO MANZONI IL 15 GENNAIO
Spettacolarità, coinvolgimento, creatività, originalità: sono i tratti che contraddistinguono ancora una volta la trentaduesima edizione della rassegna musicale “Aperitivo in Concerto” 2016-2017 ospitata al Teatro Manzon... Leggi di più
EAST LOMBARDY ATTERRA NELL’ISOLA DI ITALY LOVES FOOD
L’Aeroporto di Milano Bergamo, terzo scalo italiano con un movimento di oltre 11 milioni di passeggeri nel 2016 e un trend costantemente positivo, continua a migliorare la qualità dell’offerta retail & food. A meno di u... Leggi di più
MOSNEL IMBANDISCE I VIGNETI: SABATO 10 GIUGNO E DOMENICA 11 GIUGNO 2017!
Mosnel è circondata da 39 ettari di vigneti condotti con agricoltura biologica: un parco incontaminato dove è possibile passeggiare, andare in bicicletta, fare nordic walking e anche… picnic. In particolare sabat... Leggi di più
Corti Abbadesse: la campagna a Milano
LeCorti Abbadesse non è solo un negozio, e neppure soltanto un luogo di ristoro, ma uno spazio che racchiude entrambe le dimensioni. Ogni giorno alle Corti Abbadesse arrivano prodotti freschi creati e raccolti nelle und... Leggi di più
GAGGIA MILANO PARTNER DI PRÉT-À-PARLER
Gaggia Milano partner di Prét-à-Parler: quando le petit déjeuner  incontra il classico espresso italiano. Prét-à-Parler è ben più di una scuola di lingue: è un insieme di iniziative volte a coinvolgere le persone che de... Leggi di più
BELVEDERE VODKA ‘VODKA PRODUCER OF THE YEAR’ PER IL SECONDO ANNO
Belvedere Vodka ‘Vodka Producer of the Year’ per il secondo anno all’International Spirits Challenge 2016   Belvedere Vodka, prima luxury vodka al mondo, ha vinto il titolo di ‘Vodka Producer of the Year’ per il seco... Leggi di più
PUNTATA DEDICATA ALLA RICERCA DELLE RADICI ATTRAVERSO L'ARTE
La dodicesima puntata di ArtBox, in onda mercoledì 14 giugno alle 20.45 su Sky Arte HD, è dedicata alla ricerca delle origini e delle radici attraverso l'arte. Una ricerca che portò Kandinskij tra le popolazioni indigen... Leggi di più
AMMASSO 2013 BARONE MONTALTO ROSSO TERRE SICILIANE IGT
Barone Montalto è un’azienda nata nel 2000 in provincia di Trapani con l’ obiettivo di far conoscere l’inconfondibile autenticità dei vini siciliani ricorrendo anche alla tecnologia in cantina, ma per valorizzarne l’anim... Leggi di più
CANALETTO E BELLOTTO | DUE ARTISTI A CONFRONTO
Al genio pittorico e all’intelligenza creativa di due grandi artisti del Settecento europeo: Antonio Canal, detto “il Canaletto” (Venezia 1697-1768) e suo nipote Bernardo Bellotto (Venezia 1722-Varsavia 1780) le Gallerie... Leggi di più
 TINATA DI MONTEVERRO, ROSSO SENSUALE PER FESTEGGIARE SAN VALENTINO
Il Tinata di Monteverro, un rosso sensuale per festeggiare San Valentino: la scelta ideale per scaldare l’atmosfera  È la festa degli innamorati, ma spesso si trasforma in una ricerca spasmodica di un regalo “speciale” ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.