02mar 2022
FontinaMI, LA FONTINA D’ALPEGGIO A MILANO INTERPRETATA DA 7 REPUTATI CHEF
Articolo di: Fabiano Guatteri

Sappiamo tutti che il Gruyère è svizzero, il Camembert francese e lo Stilton inglese, ma la Fontina? Sì, certo è italiana, ma di che regione? Pensavamo che fosse scontata la risposta ossia della Valle d’Aosta, ma Andrea Barmaz (foto1), Presidente del Consorzio Produttori e Tutela della DOP Fontina ci ha spiegato che in realtà una buona parte degli italiani ritiene che sia piemontese.

 

Per cui ribadendo l’origine valdostana di questo formaggio vorremmo ricordare che si tratta di una produzione casearia eroica con le mandrie portate nel periodo estivo negli alpeggi, dove i pascoli si rovano ad altitudini che superano spesso 2000 metri di altitudine (foto 2). I prati d’alta montagna incontaminati, ricchi di varietà vegetali contribuiscono ad arricchire il latte di colore, intensità aromatiche, sapore, proprio come il terreno influisce sul vino. L’esposizione, l’altitudine, il suolo, il microclima fanno si che anche pascoli poco distanti tra loro possano essere definiti da una vegetazione di erbe e di fiori molto diversificata così che ciascuno comunichi al latte e quindi alla Fontina, differenti peculiarità.

 

Si tratta di un formaggio grasso a pasta semicotta, prodotto con latte intero vaccino di un’unica mungitura. Le forme hanno crosta sottile colore marrone chiaro che con il protrarsi dell’affinamento assume tonalità brune. Al taglio la pasta è liscia, morbida con occhiatura sporadica, di colore paglierino che, nelle forme d’alpeggio, vira al giallo; l'odore è deciso, pieno e caratteristico; il sapore è dolce, intenso fondente.

 

Ma un formaggio così merita una giusta valorizzazione. A promuoverlo ci ha pensato il Consorzio Produttori e Tutela della DOP Fontina che con la campagna FontinaMi ha portato le migliori forme d’Alpeggio a Milano dove sette magnifici chef milanesi le hanno interpretate ai fornelli. E le proprie creazioni le hanno messe in carta per sette giorni. Abbiamo scritto “migliori forme” con cognizione di causa in quanto vincitrici del Modon d’Or 2021,  concorso in cui giurie di esperti dopo varie selezioni attribuiscono il premio alle tre forme ritenute migliori, e sono quelle giunte a Milano.

 

Abbiamo degustato le creazioni di Daniel Canzian (foto 3), nel suo ristorante di via Castelfidardo DanielCanzian Ristorante. Per l’occasione oltre a piatti decisamente insoliti e di grande equilibrio abbiamo potuto assaggiare il formaggio in “purezza” per apprezzarne la struttura, la dolcezza accompagnata dalla sapidità, la testura fondente, preparandoci così a degustare la Fontina “cucinata”.

 

Abbiamo così approcciato lo Gnocco fritto con Fontina fondente, polvere di peperone crusco e cipollotto (foto 4), una vera armonia di sapori dove la fragile sapidità dello gnocco si mescola all’abbraccio suadente del formaggio e alla dolcezza del peperone crusco, mentre l’impertinente pungenza del cipollotto vivacizza la preparazione.

 

Ma la sorpresa l’ha riservata il piatto forte. Com’è noto, la Fontina ancor di più se in fonduta, è tradizionalmente abbinata alla polenta. E’ un abbinamento consolidato, radicato. Nell’immaginario sembra di vedere in una baita di montagna la polenta che cuoce sbuffando nel paiolo al calore del camino. Lo chef Canzian ha voluto mantenere questo binomio, ma proponendo una chiave di lettura diversa. Il nome del piatto è Sfoglie croccanti di bianco perla, Trevisana e Fontina Dop d’Alpeggio. La farina di mais utilizzata è la pregiata biancoperla; la polenta viene ridotta in sfoglie alternate agli altri ingredienti quindi una fonduta di Fontina viene versata a completamento del piatto (foto 5, video 6).

 

La croccantezza, la sonorità, forniscono il timbro della portata proponendo un gioco di consistenze. Le sfoglie, per farsi pienamente apprezzare, vogliono essere prese con le mani quindi intinte nella fonduta come fosse una sorta di dipping sauce così da portare il formaggio ora morbido, ora cremoso, nella centralità del piatto mentre le note amaricanti della Trevisana esaltano, per contrasto, la dolcezza lattea propria della Fontina.

 

Sarebbe però un torto non ricordare anche gli altri chef convolti in FontinaMi e loro piatti

 

Oltre a
Chef Daniel Canzian
Sfoglia croccante di bianco perla Trevisana e Fontina DOP d’Alpeggio fondente
Daniel Canzian Ristorante
E sempre
Chef Daniel Canzian
Tortino di zucca, fonduta alla Fontina DOP d’Alpeggio e amaretti
La Centrale – Daniel Canzian

 

Si sono inoltre cimentati ai fornelli

 

Chef Claudio Sadler (1 stella Michelin)
Pizza di cardi e cotechino con spuma di fonduta di Fontina DOP d’Alpeggio, polvere di cipolle rosse
Chic’n Quick


Chef Francesco Passalacqua
Millefoglie di cotechino e Fontina DOP d'Alpeggio con cime di rapa
Chunk

 

Chef Andrea Sconfienza
“Il mare incontra la montagna”: Fonduta di Fontina DOP d’Alpeggio all’aglio nero con gamberi di Mazara al sesamo bianco e polvere di liquirizia
Risotto cucinato in brodo di fieno con erba somaro e foglia di Fontina DOP fritta
“La fassona va in montagna”: Tartare di Fassona, fonduta di Fontina DOP d’Alpeggio, al profumo di arancia
Ciz Cantina e Cucina


Chef Tommaso Arrigoni (1 Stella Michelin)
Cotechino del Sergio Motta, purea di nocciole e patate, latte di Fontina DOP d’Alpeggio soffiato e polvere di tartufo
Innocenti Evasioni

 

Chef Matteo Scibilia
Cubi golosi di Fontina DOP d'Alpeggio con scaglie di tartufo nero e peperoncini verdi lombardi sott'aceto “tighe”
Piazza Repubblica

 

Chef Roberto Tornari
Fontina DOP d’Alpeggio in carrozza saracena con erbette e verza all'aglio dorato e salvia
Risotto al cavolo nero con pancetta croccante e fondente di Fontina DOP d’Alpeggio
Millefoglie di lingua cotta a bassa temperatura, zucca, Fontina DOP d’Alpeggio e salsa al cren
Testina Milano

1

2

3

4

5

6

Articoli Simili
I più letti del mese
IL FESTIVAL DOVE IL CIBO È PROTAGONISTA: PARMA LE 4 P DEL FOOD&PEOPLE
Il festival fa cultura dove il cibo è protagonista,  a Parma le 4 P del “Food&People”   P come : Parmigiano, Pasta, Pomodoro, Prosciutto. E come Parma, naturalmente. È stata presentata la seconda edizione di Gola Gola... Leggi di più
SAN VALENTINO È: IO, TE E DUBL
Una cena romantica, una sorpresa scintillante, un brindisi con il Metodo Classico Dubl. DUBL è la linea di Metodo Classico firmata da Feudi Di San Gregorio e nata per interpretare i vitigni tipici irpini attraverso la pi... Leggi di più
QUANDO IL RUM È MADE IN ITALY
Sino al secolo scorso l’Italia era nota quasi esclusivamente per le grappe, oltre a piccolissime oltre alla liquoristica di ispirazione casalinga cui vanno aggiunte piccole e meno note produzioni di distillati di f... Leggi di più
CENA BENEFICA AL MORO DI MONZA CON TRE CHEF OSPITI AI FORNELLI
Gli chef Carlo Andrea Pantaleo del Milano 37 di Gorgonzola, Michele Mauri de La Piazzetta di Origgio Varese, Fabio Silva del Derby Grill di Monza, e i padroni di casa Salvatore e Vincenzo Butticè del Ristorante Il Moro d... Leggi di più
DEGUSTAZIONE DI SAKE PREGIATI DELLA SAKE COMPANY AL WAGAMAMA
Si è recentemente tenuta una degustazione di sake della Sake Company abbinati ai piatti di Wagamama (foto 2) ristorante di cucina asiatica ispirata ai sapori del Giappone.   Ha condotto in modo esauriente la degustazio... Leggi di più
L’ORIGINALE DOBBIACO DI LATTERIA TRE CIME
L’Originale Dobbiaco di Latteria Tre Cime: il formaggio che racchiude il sapore unico dell’Alto Adige!  Dici Originale Dobbiaco, dici Latteria Tre Cime!  Questo formaggio è il prodotto più noto di Latteria Tr... Leggi di più
PROVATI PER VOI: GOOD BLUE; FAST-FOOD DI PESCE HEALTY E SOSTENIBILE
La bella notizia è che Fast-food non fa più necessariamente rima con junk-food, ma questo per fortuna avviene già da tempo e fa veramente piacere sapere che quasi sempre i progetti e le start-up che alzano il livello del... Leggi di più
MOVIMENTO TURISMO DEL VINO LOMBARDO: #iorestoacasa MA NON RINUNCIO AL VINO
Se è problematico andare per negozi ad acquistare bottiglie e magnum, con #viniinmovimento il Movimento Turismo del Vino Lombardo porta il vino a casa.   Alcune cantine che aderiscono al Movimento, infatti, elencate qu... Leggi di più
LA CUCINA DEI FRIGORIFERI MILANESI
Le vetrate dei Frigoriferi Milanesi,  così come quella del loro ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi,  riflettono l’immagine dell’edificio di fronte sull’altro lato della strada (foto 1). Si co... Leggi di più
ESTATE IN ALTO ADIGE: IL PICCOLO PARADISO DEL MASO PFLEGERHOF (1/4)
In Alto Adige il Maso Pflegerhof è un’oasi verde che coltiva 500 varietà di piante, erbe officinali ed aromatiche tutte da scoprire. ( Foto 2 )   Arroccato sui pendii intorno a Sant’ Osvaldo di Castelrotto ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.