02mar 2022
FontinaMI, LA FONTINA D’ALPEGGIO A MILANO INTERPRETATA DA 7 REPUTATI CHEF
Articolo di: Fabiano Guatteri

Sappiamo tutti che il Gruyère è svizzero, il Camembert francese e lo Stilton inglese, ma la Fontina? Sì, certo è italiana, ma di che regione? Pensavamo che fosse scontata la risposta ossia della Valle d’Aosta, ma Andrea Barmaz (foto1), Presidente del Consorzio Produttori e Tutela della DOP Fontina ci ha spiegato che in realtà una buona parte degli italiani ritiene che sia piemontese.

 

Per cui ribadendo l’origine valdostana di questo formaggio vorremmo ricordare che si tratta di una produzione casearia eroica con le mandrie portate nel periodo estivo negli alpeggi, dove i pascoli si rovano ad altitudini che superano spesso 2000 metri di altitudine (foto 2). I prati d’alta montagna incontaminati, ricchi di varietà vegetali contribuiscono ad arricchire il latte di colore, intensità aromatiche, sapore, proprio come il terreno influisce sul vino. L’esposizione, l’altitudine, il suolo, il microclima fanno si che anche pascoli poco distanti tra loro possano essere definiti da una vegetazione di erbe e di fiori molto diversificata così che ciascuno comunichi al latte e quindi alla Fontina, differenti peculiarità.

 

Si tratta di un formaggio grasso a pasta semicotta, prodotto con latte intero vaccino di un’unica mungitura. Le forme hanno crosta sottile colore marrone chiaro che con il protrarsi dell’affinamento assume tonalità brune. Al taglio la pasta è liscia, morbida con occhiatura sporadica, di colore paglierino che, nelle forme d’alpeggio, vira al giallo; l'odore è deciso, pieno e caratteristico; il sapore è dolce, intenso fondente.

 

Ma un formaggio così merita una giusta valorizzazione. A promuoverlo ci ha pensato il Consorzio Produttori e Tutela della DOP Fontina che con la campagna FontinaMi ha portato le migliori forme d’Alpeggio a Milano dove sette magnifici chef milanesi le hanno interpretate ai fornelli. E le proprie creazioni le hanno messe in carta per sette giorni. Abbiamo scritto “migliori forme” con cognizione di causa in quanto vincitrici del Modon d’Or 2021,  concorso in cui giurie di esperti dopo varie selezioni attribuiscono il premio alle tre forme ritenute migliori, e sono quelle giunte a Milano.

 

Abbiamo degustato le creazioni di Daniel Canzian (foto 3), nel suo ristorante di via Castelfidardo DanielCanzian Ristorante. Per l’occasione oltre a piatti decisamente insoliti e di grande equilibrio abbiamo potuto assaggiare il formaggio in “purezza” per apprezzarne la struttura, la dolcezza accompagnata dalla sapidità, la testura fondente, preparandoci così a degustare la Fontina “cucinata”.

 

Abbiamo così approcciato lo Gnocco fritto con Fontina fondente, polvere di peperone crusco e cipollotto (foto 4), una vera armonia di sapori dove la fragile sapidità dello gnocco si mescola all’abbraccio suadente del formaggio e alla dolcezza del peperone crusco, mentre l’impertinente pungenza del cipollotto vivacizza la preparazione.

 

Ma la sorpresa l’ha riservata il piatto forte. Com’è noto, la Fontina ancor di più se in fonduta, è tradizionalmente abbinata alla polenta. E’ un abbinamento consolidato, radicato. Nell’immaginario sembra di vedere in una baita di montagna la polenta che cuoce sbuffando nel paiolo al calore del camino. Lo chef Canzian ha voluto mantenere questo binomio, ma proponendo una chiave di lettura diversa. Il nome del piatto è Sfoglie croccanti di bianco perla, Trevisana e Fontina Dop d’Alpeggio. La farina di mais utilizzata è la pregiata biancoperla; la polenta viene ridotta in sfoglie alternate agli altri ingredienti quindi una fonduta di Fontina viene versata a completamento del piatto (foto 5, video 6).

 

La croccantezza, la sonorità, forniscono il timbro della portata proponendo un gioco di consistenze. Le sfoglie, per farsi pienamente apprezzare, vogliono essere prese con le mani quindi intinte nella fonduta come fosse una sorta di dipping sauce così da portare il formaggio ora morbido, ora cremoso, nella centralità del piatto mentre le note amaricanti della Trevisana esaltano, per contrasto, la dolcezza lattea propria della Fontina.

 

Sarebbe però un torto non ricordare anche gli altri chef convolti in FontinaMi e loro piatti

 

Oltre a
Chef Daniel Canzian
Sfoglia croccante di bianco perla Trevisana e Fontina DOP d’Alpeggio fondente
Daniel Canzian Ristorante
E sempre
Chef Daniel Canzian
Tortino di zucca, fonduta alla Fontina DOP d’Alpeggio e amaretti
La Centrale – Daniel Canzian

 

Si sono inoltre cimentati ai fornelli

 

Chef Claudio Sadler (1 stella Michelin)
Pizza di cardi e cotechino con spuma di fonduta di Fontina DOP d’Alpeggio, polvere di cipolle rosse
Chic’n Quick


Chef Francesco Passalacqua
Millefoglie di cotechino e Fontina DOP d'Alpeggio con cime di rapa
Chunk

 

Chef Andrea Sconfienza
“Il mare incontra la montagna”: Fonduta di Fontina DOP d’Alpeggio all’aglio nero con gamberi di Mazara al sesamo bianco e polvere di liquirizia
Risotto cucinato in brodo di fieno con erba somaro e foglia di Fontina DOP fritta
“La fassona va in montagna”: Tartare di Fassona, fonduta di Fontina DOP d’Alpeggio, al profumo di arancia
Ciz Cantina e Cucina


Chef Tommaso Arrigoni (1 Stella Michelin)
Cotechino del Sergio Motta, purea di nocciole e patate, latte di Fontina DOP d’Alpeggio soffiato e polvere di tartufo
Innocenti Evasioni

 

Chef Matteo Scibilia
Cubi golosi di Fontina DOP d'Alpeggio con scaglie di tartufo nero e peperoncini verdi lombardi sott'aceto “tighe”
Piazza Repubblica

 

Chef Roberto Tornari
Fontina DOP d’Alpeggio in carrozza saracena con erbette e verza all'aglio dorato e salvia
Risotto al cavolo nero con pancetta croccante e fondente di Fontina DOP d’Alpeggio
Millefoglie di lingua cotta a bassa temperatura, zucca, Fontina DOP d’Alpeggio e salsa al cren
Testina Milano

1

2

3

4

5

6

Articoli Simili
I più letti del mese
ACCADE A NATALE | IL PANETTONE IN TRE RACCONTI
Questo periodo prevede che il Panettone sfili nelle Hit Parade di Re Panettone e a Panettoni d’Italia, portato con i guanti (di lattice, che brutto) con punteggi che vanno tra i 75 e i 90 dando indicazioni sui Pane... Leggi di più
BACCALÀ IN UMIDO BIANCO A REGOLA D’ARTE
IL MENU DEI VINI. QUANDO SONO I VINI A SCEGLIERE I PIATTI
I vini, come i piatti, non vanno serviti casualmente
. Ciò perché un buon banchetto richiede altrettanto buoni vini.
 Il menu dei vini.C’è chi dice che il vino vale metà pasto e pertanto se non è presente, o se n... Leggi di più
LA RETE DELLA RISTORAZIONE ITALIANA CRESCE E RINNOVA LE RICHIESTE AL GOVERNO: 8 LE MISURE ESSENZIALI
La ristorazione e uno tra i settori più colpiti ed è in grave sofferenza. Non vi sono certezze se non i costi sempre più  insostenibili di una chiusura prolungata Ma i ristoratori cosa dicono?Dopo il primo aèpello sottos... Leggi di più
IL MENU CON VISTA DELLA TERRAZZA TRIENNALE
Gualtiero Marchesi spiegava che l’antipasto svolge un ruolo importante perché, per usare le sue parole, “dà il timbro” all’intero menu. In qualche modo se piace sveglia l’interesse gastronom... Leggi di più
I CALICI DI SAN VALENTINO: 40 VINI PIÙ 4 CONFEZIONI REGALO
Resta sempre un appuntamento importante la ricorrenza di San Valentino e, a volte, con risvolti sociali davvero rilevanti, per le iniziative che può stuzzicare un simile evento. Un aspetto, quello sociale che, secondo no... Leggi di più
LA GENISIA TORREVILLA: PARTIAMO DALLE BASI | UNA NUOVA LINEA PRODUTTIVA
E’ sicuramente un’esperienza non comune degustare le basi di un vino ancor prima di assaggiarlo. Ma cosa sono le basi? Alla produzione di alcuni spumanti, ma non solo, possono concorrere più vini con caratter... Leggi di più
DOSSIER NUTRIZIONE E GELATO. IL GELATO È ALIMENTO SANO? FACCIAMO CHIAREZZA
L’IGI – Istituto del Gelato Italiano  è nato nel 1991 voluto dalle industrie gelatiere più intraprendenti ed attente al prodotto, con lo scopo di far conoscere e promuovere il gelato italiano. Nel 1993 l&rsqu... Leggi di più
NESPRESSO PRESENTA ARABICA ETHIPIA HARRAR E ROBUSTA HARRAR
Nespresso che racconta la nascita del caffe’, e la sua storia. Nespresso presenta le nuove Limited Edition che celebrano i luoghi d’origine e la nascita del caffè, dando inizio a un percorso di racconto della... Leggi di più
SCUOLA LA ZOLLA, MILANO: CROWDFUNDING PER BLOG E BIBLIOTECA DIGITALE
Scuola La Zolla, Milano: Crowdfunding per Zolleggiamo, blog e biblioteca digitale. E’ partita sulla piattaforma Eppela – e terminerà il 18 marzo- la campagna di crowdfunding, lanciata dalla Scuola Cooperativa La Zolla d... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.