20mar 2020
CONSOLIAMOCI CON LE ZEPPOLE, A DOMICILIO
Articolo di: Michele Pizzillo

Che festa è senza zeppole (foto 1)? E, oltretutto in una situazione che abbiamo bisogno e voglia di sentirci uniti e condividere sempre più momenti piacevoli in casa propria. Così, Vincenzo Santoro (foto 2), patron-maestro pasticcere di una storica pasticceria milanese, la Martesana, attraverso il servizio del "quality delivery" Cosa Porto, ha garantito la consegna di zeppole a domicilio. Servizio che continuerà anche nel futuro, sia per approvvigionarsi di zeppole, sia delle bontà che Santoro offre tutti i giorni nei sui tre locali milanesi (in via Cagliero, in via Paolo Sarpi e in zona Sant’Agostino, nei pressi dell’entrata di via Olona del Museo della Scienza).

 

E chi non vive a Milano, cosa deve fare per gustare un’ottima zeppola, anche dopo San Giuseppe, visto il particolare momento che stiamo attraversando?

 

Ci ha pensato Kenwood Club, con la proposta di “Zeppole di San Giuseppe con cooking chef gourmet” e, sarebbe un’ottima idea preparare in tutti i momenti piacevoli, magari aggiungendo qualche tocco personale nella decorazione, per essere pronti a fare delle zeppole straordinarie al momento che festeggeremo la liberazione da un ospite per niente gradito e che ha stravolta la nostra vita. Ecco, potrebbe essere un’idea fare delle zeppole il simbolo della nuova liberazione – in questo caso non solo dell’Italia ma di tutto il mondo - impiegando, con l’impastatrice planetaria, solo 30 minuti per la preparazione e altri 30 per la cottura.

 

La ricetta è semplice.
Ingredienti per 10 zeppole:

250 ml di acqua, 120 gr di burro, 50 gr di zucchero semolato, 2 gr di sale, 250 gr di farina 00, 5 uova medie, 1 limone.

 

Per l’impasto sistemare la frusta gommata: versare l'acqua, il latte, il burro a pezzetti e il sale nella ciotola del Cooking chef Gourmet; impostare il programma Pasta Choux e confermare. Nel primo passaggio il programma porta a bollore l'acqua. Seguire le indicazioni sul display e confermare ogni passaggio. Nel secondo passaggio aggiungere la farina, il lievito, la scorza del limone grattugiata poi confermare. In questa fase il programma porta a cottura l'impasto. Nel terzo passaggio aggiungere le uova uno alla volta in modo che l'impasto possa assorbire il primo, aggiungere il secondo e così via.

 

Cottura: trasferire il composto in una capace sac a poche con bocchetta a stella e formare dei cerchi da 10cm di diametro circa su carta da forno; ripassarli 2 volte in modo da ottenere dei cerchi spessi; infornare in forno preriscaldato a 180° per 10 minuti poi abbassare a 170° e continuare la cottura per altri 20 minuti circa fino a doratura.

 

Impiattamento: una volta pronte le zeppole aprire lo sportello e lasciarle asciugare con il calore residuo del forno; tagliare le zeppole a metà poi farcirle con la crema pasticcera, formare un ciuffo anche al centro e sistemare l'amarena sciroppata.

 

E, così, in ogni angolo d’Italia, si possono degustare un ottimo dolce che va sempre bene, anche dopo la Festa di San Giuseppe. Anche perché è un dolce facilmente destagionalizzabile.

1

2

Articoli Simili
I più letti del mese
SARTORIAL: DA CERESIO7 LA MIXOLOGY SPOSA LA MODA
Ceresio7 è uno dei luoghi più rappresentativi della “Milano da bere” contemporanea e d’estate è il posto ideale per godersi uno dei migliori aperitivi della città a bordo piscina affacciati su uno skyli... Leggi di più
FUMETTI E ALTA CUCINA AL RISTORANTE LES PETITES MADELEINES
Les Petits Madeleines, il ristorante del Turin Palace Hotel , nel 2017 in occasione della mostra al Gam “L’emozione dei colori nell’arte”, creò un piatto in grado di fondere arte e gastronomia di ... Leggi di più
Trancetti di salmerino di montagna, in panure di mandorle tostate, arrostiti su guazzetto di porcini, patate e chiffonade di porro fritto
INCONTRO RESTAURANT & DRINK: UNA GIOVANE, FRIZZANTE GRANDE CUCINA
Un ristorante gestito da due giovani, Federico Anibaldi in sala, Ivan Mancin in cucina, è sempre promettente, perché chi non ha molti anni di professione alle spalle è spesso disponibile a mettersi in discussione. Cuochi... Leggi di più
BERLINER WEIN TROPHY E CANNONAU SUELZU
Il  Berliner Wein Trophy, il concorso vinicolo internazionale indetto dall’agenzia DWM Deutch Wein Marketing che, con il patrocinio dell’OIV – Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino &ndash... Leggi di più
FAÌVE ROSÉ BRUT, NINO FRANCO. L’ESTATE È ROSA
Faìve è la definizione dialettale di faville , le piccole fiammelle di fuoco che si staccano da un grande falò e danzano nel cielo. Faìve è il nome del Rosé Brut di casa Nino Franco: Merlot, Cabernet Franc, metodo Charma... Leggi di più
Funghi e tartufi al Villaggio delle Zucche
Al Villaggio delle Zucche Pura Vida Farm ogni fine settimana dal 9 Settembre al 12 Novembre non mancheranno giochi, laboratori, scorribande sui trattorini a pedali ed elettrici, piccole jeep e temi di intrattenimento sem... Leggi di più
ESPERIENZA LAZIALE 50° FISAR 1972-2022 E VILLA SIMONE
Il patron Piero Costantini era menzionato nella pubblicazione di Luigi Veronelli vignaioli storici di cui ho una copia gentilmente inviatami da Luigi, firmata.   Ormai una rarità, il Cannellino è un vino “in via ... Leggi di più
MONTELIO E I "PICNIC DAL VIGNAIOLO" IN OLTREPÒ PAVESE FIRMATI FIVI
Sabato 19 e Domenica 20 arriva in Oltrepò  l’edizione 2021 del Picnic dal vignaiolo organizzata dalla Delegazione Oltrepò di FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti).    “L’evento Picnic dal... Leggi di più
UNA, DIECI BOTTIGLIE PER PAPÀ: VINI, LIQUORI, DISTILLATI
Sì, anche il papà ha la propria festa. Non è festeggiata come quella della mamma, è come dire, "facoltativa" perché se ci si dimentica non succede nulla. Ma il papà, se festeggiato, è ovviamente contento e magari di nasc... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.