01lug 2022
PROGETTO CEMBRA: NUOVO CORSO DEI VINI CEMBRA CANTINA DI MONTAGNA
Articolo di: Fabiano Guatteri

Abbiamo incontro l’enologo Stefano Rossi con il team Cembra Cantina di Montagna per la presentazione di una gamma di vini completamente rinnovata in un incontro con la stampa organizzato dall’agenzia di comunicazione Thurner PR, presso il ristorante Spazio di Niko Romito.

 

 

La Cantina

 

Cembra Cantina di Montagna,  è una cooperativa nata 70 anni orsono. Conta attualmente 320 conferitori per 300 ettari di vigneto che allignano in ripide pendenze ad altitudini comprese tra 500 e 900 metri, in terreni di porfido rosso che garantiscono longevità ai vini.

 

 

Il progetto

 

La Cantina ha varato Progetto Cembra, un percorso evolutivo teso alla qualità assoluta dei propri vini con l’intento di insistere sull’unicità del territorio. Unicità data da un insieme di fattori quali la spiccata la salinità del terreno, l’elevata altitudine dei vigneti, le escursioni termiche e il clima di montagna. Cinque i vini nati dal Progetto Cembra ossia Trentodoc Oro Rosso, Müller Thurgau 2020, Chardonnay 2020, Riesling 2020, Pinot Nero 2019 (foto 1).

 

Progetto Cembra, si evidenzia anche dal packaging delle bottiglie dove viene riproposto il concetto di montagna, concetto semplice, ma forte, evidenziato dal triangolo ritagliato all’interno dell’etichetta che rappresenta, la vetta. Attraverso il triangolo è possibile vedere il vino e questa è la sintesi del progetto: riuscire a vedere la montagna, la Val di Cembra, attraverso il vino. Ed è la capacità di far vivere il territorio attraverso i propri prodotti la priorità cui tende il Progetto. 

 


I vini in degustazione

 

Oro Rosso Trentodoc, Dosaggio Zero, Riserva 2017 (foto 2)
Prodotto unicamente con uve chardonnay, a dosaggio zero per esprimere al meglio la potenzialità del territorio. Sono state selezionate uve allevate a 600-750 metri di altitudine con bassa gradazione zuccherina per favorire la seconda fermentazione, e mantenere una grande freschezza. Queste due caratteristiche, bassa gradazione zuccherina ed elevata acidità, in Val di Cembra si ottengono dall’uva matura, per cui non raccolte in anticipo, né sottoposte ad alcun tipo di forzatura. Dop la vendemmia le uve sono portate velocemente alla pressa Marmonier che permette, grazie a una pressatura segnatamente delicata, di ottenere un mosto fiore di elevata qualità. Il mosto è poi decantato a freddo; seguono la fermentazione e la maturazione del vino sui lieviti per 6 mesi in acciaio. La seconda fermentazione ha luogo in bottiglia dove il vino sosta 48 mesi prima della sboccatura.

Note gustative
Nel calice possiede colore paglierino percorso da minute bollicine. Il profumo è fruttato, note di mela, di pasta di nocciola, di fiore. In bocca è verticale: il sorso è teso, lungo; acidità e mineralità conferiscono fine eleganza.

 


Chardonnay Trentino 2020 (foto 3)
È ottenuto da sole uve chardonnay di vigneti posti tra 500 e 650 metri di altitudine ottimamente esposti; in cantina le uve sono sottoposte a pressatura soffice; fermentazione e maturazione in serbatoi di acciaio inox ma in parte anche in piccole botti di rovere francese.

Note gustative
Possiede colore giallo paglierino, al naso è fruttato con ricordi di mela, mango, sfumature agrumate e floreali. In bocca è pieno strutturato, fresco, elegante, lungo.

 

Riesling Trentino 2020 (foto 4)
Nasce dalle omonime uve di vigne poste a 500-650 metri di altitudine, pressato sofficemente; il mosto macera sulle bucce, la fermentazione e l’affinamento si svolgono in acciaio e, una piccola parte, in legno.
Note gustative
Colore giallo paglierino; al naso si riconoscono profumi di pesca, note di pompelmo, albicocca, pietra focaia. In bocca è fresco, verticale, croccante, con piacevole nota salina, armonico


Muller Thurgau Trentino 2020 (foto 5)
Prodotto interamente con uve muller thurgau che dimorano a 700-900 metri slm; in cantina sono pressati i grappoli interi, quindi hanno luogo fermentazione e maturazione in acciaio.
Note gustative
Possiede colore giallo paglierino con sfumature verdi. Il profumo è floreale , si riconosce la rosa; è fruttato con ricordi di pesca e di agrumi, e nuance di erbe aromatiche quali la salvia. In bocca è fresco, verticale, vibrante, con note minerali ben delineate e nota salina.

 

Pinot nero Trentino 2019 (foto 6)
Le uve sono vendemmiate a 5-600 metri di altitudine. La macerazione è stata protratta e divisa
in tre fasi: macerazione prefermentativa di 5 giorni a 5 °C, così che cominciano a svilupparsi gli aromi, poi una macerazione tradizionale di circa 10-12 giorni, infine una macerazione post fermentativa lasciando il vino sulle sue vinacce.
Una parte del vino con le proprie vinacce, circa il 25 %, percentuale che può cambiare di anno in anno, è elevata da ottobre a febbraio in anfore Tava di terracotta di 7,5 hl, che permettono uno scambio di ossigeno con l’esterno analogo al legno, ma senza comunicare note di vaniglia e di tostatura. Il resto del vino matura invece in botti di legno e in serbatoi di acciaio. Tutto il vino è poi assemblato ed elevato in barrique.
Note gustative
Alla degustazione possiede colore rubino di buona intensità; profumi di piccoli frutti: ciliegie, mirtilli, ribes nero, nuance vanigliate e di liquirizia. In bocca è strutturato, senza essere concentrato, piacevole freschezza bene integrata come il tannino morbido e l’alcolicità.

 

Conclusione

I vini degustati non sono opulenti, estremamente strutturati, ma conservano la freschezza, l’eleganza tipicamente della montagna. Evidenziano inoltre le caratteristiche del loro teritorio, a partire dalla salinità comunicata dal suolo.

1

2

3

4

5

6

Articoli Simili
I più letti del mese
GOLF E BIOLOGICO: AL VIA l’XI EDIZIONE DEL TORNEO RIGONI DI ASIAGO
Il 2 aprile è partita l’undicesima edizione del Torneo Golf Rigoni di Asiago,  dal Molinetto Country Club di Cernusco sul Naviglio (MI) la manifestazione a scopo benefico, che combina sapientemente i valori dello s... Leggi di più
Il museo diffuso a Milano- Il VUMM
All' Università degli Studi di Milano  ma da oggi in molti luoghi della città e del mondo, il turista, lo studioso, il ricercatore potranno beneficiare del valore della raccolta e della virtualizzazione dei beni e delle ... Leggi di più
VERTICALE DI AGAPANTO BOLGHERI ROSSO PODERE CONCA DI SILVIA CIRRI
Abbiamo incontrato Silvia Cirri, patronne dell’Azienda Podere Conca di Bolgheri  nella sua casa milanese per un press lunch preceduto da una verticale di cinque annate di Agapanto Bolgheri rosso e da un’annat... Leggi di più
GRUSS CRÉMANT D’ALSACE | FRESCO, AGILE, DI GRANDE PIACEVOLEZZA
I vini alsazini sono garbati e piacevolmente profumati e, eccezion fatta per il pinot nero, sono tutti bianchi. Rappresentano il 20 % della produzione frncese. I più noti sono Gewurztraminer, Riesling, Sylvaner, Pinot gr... Leggi di più
L’ERBAMAT, UVA DI FRANCIACORTA | CUVÉE 1564, CASTELLO BONOMI
Si è tenuta presso il ristorante Ceresio7 di Milano una verticale di Cuvée 1564, Progetto Erbamat Castello Bonomi. Presenti Carlo Paladin, responsabile tecnico, Roberto Paladin, responsabile commerciale, Luigi Bersini, c... Leggi di più
GAMBERO ROSSO: PANE E PANETTIERI D’ITALIA
Gli esperti di Gambero Rosso hanno individuato 370 indirizzi dove il pane è ottimo e, quindi, si può andare a colpo sicuro per portare in tavola qualcosa di veramente esclusivo. Poi, da questi 370 grandi panettieri descr... Leggi di più
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.