20lug 2020
BOB IL SAPERE DEL BERE MISCELATO: LA DRINK LIST
Articolo di: Fabiano Guatteri

BOB (foto 1) è un cocktail bar dove alla drink list si accosta la carta degli stuzzichini e di veri e propri piatti che però fanno da sfondo all’offerta del locale dove il bere miscelato è il protagonista. L’ambiente è caratterizzato da un sovrapporsi di ottone, ferro, mattoni, vetri anneriti, che ne determinano lo stile.
Ci sono tanti aspetti che ci portano ad apprezzare BOB grazie anche al percorso esclusivo che propone, attraverso un’esperienza quantomeno inconsueta.

 

Abbiamo parlato con Cesar Araujo (foto 2), head barman del locale; Cesar ci ha presentato una drink list insolita nella forma e nella sostanza. Sapori e aromi sono calibrati e mai troppo penetranti: ricordi latini (Cesar è peruviano) si mescolano con altri giapponesi, così da farci vivere, in alcune miscele, esperienze nikkei (la fusion della cultura gastronomica giapponese con quella peruviana); in altri mix Oriente e Occidente comprendono altre aree geografiche. Ma prima di entrare nel merito di alcuni cocktail va detto che la drink list dedica a ogni preparazione una pagina con la descrizione del cocktail e con un’immagine metropolitana notturna, una foto di strada. Avvicinando alla pagina lo smartphone (occorre scaricare l’app Aria) la foto si anima (video 3), le luci delle insegne lampeggiano, i rumori di strada si liberano nell’aria (nel video 4 la copertina della drink list).

 

Di fatto all’esperienza implicita del bere un cocktail si sommano le immagini pulsanti della drink list. A ogni cocktail è dedicata una pagina che lo ambienta. E’ la street art che si intesse con la mixology art: si tratta di un progetto innovativo, forte, coinvolgente, ed è sicuramente una esperienza da provare almeno una volta.

 

I cocktail di Cesar Araujo sono da assaporare con attenzione perché ogni particolare è estremamente curato non solo nella scelta degli ingredienti utilizzati, del calice o del bicchiere, ma persino del ghiaccio che è prodotto dall’hoshizaki (foto 5), la macchina giapponese che produce cubetti trasparenti, densi che si sciolgono molto lentamente così da non annacquare il cocktail.

 

Alle preparazioni oltre agli stuzzichini che propone la cucina si possono scegliere dim sum homemade che comprendono Bao e Dumpling (foto 6 alcuni dumpling). Ci sono anche piatti per chi volesse cenare: paste, pesce, carne, insalate, crudi. Non mancano i vini e non si contano le etichette dei distillati provenienti da tutto il mondo.

 

Abbiamo provato due cocktail in cui si evidenziano influssi latini e orientali.

 

Il primo è Desire (foto 7 video 8) che si ispira alla piña colada che conosciamo caratterizzata dal colore bianco impenetrabile. Qui ha un mood completamente diverso. Innanzitutto come si presenta: essendo chiarificata con la tecnica fat washing (in questo caso milk washing) è insolitamente trasparente. Inoltre il rum è sostituito con tequila e cachaça, che hanno aromi meno morbidi. I sapori, sono ingentiliti dalla tecnica washing e si complicano di sbuffi di tè matcha, nota nobile rafforzata da quella tesa dello Champagne che completa la bevanda.

 

Il Mai Tai ispira Malamente cocktail che utilizza il rum (foto 9 video 10). E’ anch’esso realizzato con la tenica del fat washing (milk) e comprende bourbon whiskey, rum, amaretto salato e uno sciroppo 5 Spezie (cannella, anice stellato, pepe di Sichuan, chiodi di
garofano, semi di finocchio) che porta in Oriente. Lo sciroppo avendo un diverso peso specifico galleggia sul cocktail senza mescolarsi ( il liquido rosso nella foto 9) e pertanto le nuance speziate rimangono separate conferendo al cocktail una maggiore ampiezza.

 

Questi e gli altri cocktail in carta li trovate qui

 

Ma prescindere dalla presentazione della drink list sono gli equilibri degli ingredienti in cui i sapori e gli aromi si possono mescolare o rimanere separati, il côté che più ci intriga di BOB. Sono cocktail che si possono bere senza fretta proprio per la qualità del ghiaccio che alla fine rimane nel bicchiere appena smussato, bello da ammirare nella su trasparenza adamantina (foto 11).

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

Indirizzo : Via Pietro Borsieri 30 Milano
Articoli Simili
I più letti del mese
PECK –UOVA DI PASQUA 2018 | LE NUOVE CREAZIONI DI GALILEO REPOSO
Una Pasqua luminosa e colorata quella firmata Peck per il 2018.
 Galileo Reposo, pastry-chef della maison, quest’anno ha lavorato il cioccolato giocando su luce e colori, dando vita a tre raffinati e golosi capolav... Leggi di più
SI È CHIUSA LA VENTESIMA EDIZIONE DI SUMMA
Domenica 9 aprile circa 1.400 visitatori internazionali hanno preso parte al ventennale di Summa, la kermesse organizzata da Alois Lageder a Casòn Hirshprunn e Tòr Loewengang (Magrè, BZ)   Presenti oltre 500 ospiti al ... Leggi di più
LIVE WINE 2018 | IL SALONE INTERNAZIONALE DEL VINO ARTIGIANALE
LIVE WINE. Il Salone Internazionale del Vino Artigianale alla sua quarta edizione. Sabato 3, Domenica 4 e Lunedì 5 Marzo torna l’evento più importante dell’anno dedicato alle produzioni vitivinicole artigiana... Leggi di più
PIER52, RISTORANTE PER OGNI STAGIONE
Aggiornamento 12 febbraio 2016 San Valentino “Sapore di sale, sapore di mare” cantava Gino Paoli e chissà quante storie d'amore sono nate sulle note della sua canzone! Del resto anche a tavola - stando alle cronache di... Leggi di più
AL VIA I NUOVI CORSI DELL’ACCADEMIA GUALTIERO MARCHESI
Ritornano anche per il nuovo anno scolastico i corsi dell’Accademia milanese  del Maestro Gualtiero Marchesi, con un ricco calendario e tante novità.  I corsi per gourmet, una proposta unica per appassionati e ama... Leggi di più
“PIZZA IN BRERA” DA BIOESSERÌ CON LELLO RAVAGNAN DEL GRIGORIS
Una imperdibile degustazione del piatto più emblematico della cucina italiana. Bioesserì Brera, ristorante biologico nel centro di Milano, ospita lunedì 11 dicembre Lello Ravagnan del Grigoris di Mestre (Ve). Alla prima ... Leggi di più
A SAN VALENTINO DILLO CON UN VINO... O CON UN DRINK
I vini di San Valentino: Moscato di Trani Di Filippo Una cena romantica conclusa con un vino altrettanto romantico per il suo colore dorato, la freschezza del bouquet e la dolcezza del gusto?. E’ quanto di meglio... Leggi di più
AUTOCHTONA 2017 14° FORUM DEI VINI AUTOCTONI: I TRE LAGREIN
Tasting Lagrein 2017: tre i premi assegnati: uno per ognuna delle tipologie più tipiche del Lagrein di Alto Adige. Fresco quando rosato, scuro e corposo adatto a buon invecchiamento oppure fruttato e pieno: il Lagrein ha... Leggi di più
HA APERTO IL CAFFÈ PASTICCERIA ROSCIOLI IN PIAZZA BENEDETTO CAIROLI A ROMA
Il distretto gourmet nel cuore di Roma si allarga e spazia nella pasticceria e nella caffetteria. Alessandro e Pierluigi Roscioli hanno rilevato la storica Pasticceria Bernasconi e hanno creato la loro personale versione... Leggi di più
I RISTORANTI ADERENTI AL PROGETTO LOL CONTRO LO SPRECO... I PRIMI 10
Il progetto LoL- “LeftOver Lovers” voluto e promosso da De-Lab, di cui abbiamo scritto qui e qui, si sta avvicinando alla fase operativa. I ristoranti salentini che hanno aderito al progetto di sensibilizzazi... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.