16feb 2021
BOB IL SAPERE DEL BERE MISCELATO: LA DRINK LIST
Articolo di: Fabiano Guatteri

Aggiornamento febbraio 2021

 

Empathy è la nuova drink list di Bob che rappresenta una svolta più intima e ancor più sofisticata, (forse generata dalla attuale situazione attuale che sta cambiando così tanto le abitudini), che ha portato il racconto del locale a modularsi su note molto delicate, ma allo stesso esteticamente ricercate, dove la tecnica e la grande esperienza di Cesar si uniscono per offrire, ancora una volta, una proposta di altissima qualità, concettuale e tecnica.

 

La nuova  drink list è si concretizza in un nuovo rituale che permette di dialogare in modo diretto con i clienti attraverso un linguaggio semplice, chiaro e sintetico, che si rivela dalle pagine del menu e svela i drink protagonisti della carta. Si riscontra subito una delicata leggerezza grafica, elegante che fa leva sulla sintesi delle parole incisive, e dalle tenui note cromatiche che riportano alle suggestioni estetiche del drink.

 

Anche il progetto iconografico (curato da Ost Design Comunicazione), si rifà e si sviluppa seguendo una personale interpretazione del concetto di empatia: rappresentando i nuovi drink, otto nuovi signature, come oggetti animati che diventano statue e dialogano con un ambiente architettonico inserito in un contesto formale minimale, spogliato di ogni elemento accessorio ( foto 12 e 13). Il tutto sembra immerso in un mondo onirico, ma in grado di comunicare la sinergia tra la forma, il contenuto e la tecnica di realizzazione dei drink, tutti nati dalla mente creativa di Cesar Araujo.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

BOB (foto 1) è un cocktail bar dove alla drink list si accosta la carta degli stuzzichini e di veri e propri piatti che però fanno da sfondo all’offerta del locale dove il bere miscelato è il protagonista. L’ambiente è caratterizzato da un sovrapporsi di ottone, ferro, mattoni, vetri anneriti, che ne determinano lo stile.
Ci sono tanti aspetti che ci portano ad apprezzare BOB grazie anche al percorso esclusivo che propone, attraverso un’esperienza quantomeno inconsueta.

 

Abbiamo parlato con Cesar Araujo (foto 2), head barman del locale; Cesar ci ha presentato una drink list insolita nella forma e nella sostanza. Sapori e aromi sono calibrati e mai troppo penetranti: ricordi latini (Cesar è peruviano) si mescolano con altri giapponesi, così da farci vivere, in alcune miscele, esperienze nikkei (la fusion della cultura gastronomica giapponese con quella peruviana); in altri mix Oriente e Occidente comprendono altre aree geografiche. Ma prima di entrare nel merito di alcuni cocktail va detto che la drink list dedica a ogni preparazione una pagina con la descrizione del cocktail e con un’immagine metropolitana notturna, una foto di strada. Avvicinando alla pagina lo smartphone (occorre scaricare l’app Aria) la foto si anima (video 3), le luci delle insegne lampeggiano, i rumori di strada si liberano nell’aria (nel video 4 la copertina della drink list).

 

Di fatto all’esperienza implicita del bere un cocktail si sommano le immagini pulsanti della drink list. A ogni cocktail è dedicata una pagina che lo ambienta. E’ la street art che si intesse con la mixology art: si tratta di un progetto innovativo, forte, coinvolgente, ed è sicuramente una esperienza da provare almeno una volta.

 

I cocktail di Cesar Araujo sono da assaporare con attenzione perché ogni particolare è estremamente curato non solo nella scelta degli ingredienti utilizzati, del calice o del bicchiere, ma persino del ghiaccio che è prodotto dall’hoshizaki (foto 5), la macchina giapponese che produce cubetti trasparenti, densi che si sciolgono molto lentamente così da non annacquare il cocktail.

 

Alle preparazioni oltre agli stuzzichini che propone la cucina si possono scegliere dim sum homemade che comprendono Bao e Dumpling (foto 6 alcuni dumpling). Ci sono anche piatti per chi volesse cenare: paste, pesce, carne, insalate, crudi. Non mancano i vini e non si contano le etichette dei distillati provenienti da tutto il mondo.

 

Abbiamo provato due cocktail in cui si evidenziano influssi latini e orientali.

 

Il primo è Desire (foto 7 video 8) che si ispira alla piña colada che conosciamo caratterizzata dal colore bianco impenetrabile. Qui ha un mood completamente diverso. Innanzitutto come si presenta: essendo chiarificata con la tecnica fat washing (in questo caso milk washing) è insolitamente trasparente. Inoltre il rum è sostituito con tequila e cachaça, che hanno aromi meno morbidi. I sapori, sono ingentiliti dalla tecnica washing e si complicano di sbuffi di tè matcha, nota nobile rafforzata da quella tesa dello Champagne che completa la bevanda.

 

Il Mai Tai ispira Malamente cocktail che utilizza il rum (foto 9 video 10). E’ anch’esso realizzato con la tenica del fat washing (milk) e comprende bourbon whiskey, rum, amaretto salato e uno sciroppo 5 Spezie (cannella, anice stellato, pepe di Sichuan, chiodi di
garofano, semi di finocchio) che porta in Oriente. Lo sciroppo avendo un diverso peso specifico galleggia sul cocktail senza mescolarsi ( il liquido rosso nella foto 9) e pertanto le nuance speziate rimangono separate conferendo al cocktail una maggiore ampiezza.

 

Questi e gli altri cocktail in carta li trovate qui

 

Ma prescindere dalla presentazione della drink list sono gli equilibri degli ingredienti in cui i sapori e gli aromi si possono mescolare o rimanere separati, il côté che più ci intriga di BOB. Sono cocktail che si possono bere senza fretta proprio per la qualità del ghiaccio che alla fine rimane nel bicchiere appena smussato, bello da ammirare nella su trasparenza adamantina (foto 11).

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

Indirizzo : Via Pietro Borsieri 30 Milano
Articoli Simili
I più letti del mese
Il saluto del Villaggio delle Uova è un mare di colori… con i palloncini
Saranno protagonisti i palloncini, con le loro forme più disparate, che, il 6 e 7 Maggio saranno gli assoluti protagonisti del parco a tema alle porte di Pavia. Miriadi di colori e forme per dire arrivederci alla prossim... Leggi di più
KISEN EXPERIENCE, VIAGGIO FUSION IN ESTREMO ORIENTE
Kisen di via Gian Giacono Mora, a Milano, è un ristorante fusion, il primo nato dei 3 Kisen, dei quali uno in via Moscova di cui abbiamo detto qui, e uno a Busto Arsizio.   Dire fusion è corretto, ma non esaustivo in q... Leggi di più
OLIO OFFICINA FESTIVAL - CONDIMENTI PER IL PALATO & LA MENTE
In merito alle proprietà nutrizionali dell’olio extra vergine d’oliva non ci sono dubbi. E’ considerato un alimento nutraceutico, ossia un cibo medicina per le sue proprietà che giovano al benessere fis... Leggi di più
FISH&CHEF CELEBRA IL DECENNALE ATTRAVERSO LA CUCINA D’AUTORE
Dal 6 al 13 maggio 2019 riflettori accesi per la 10a edizione di Fish&Chef, il lago di Garda ci conquista. Dieci anni di Fish&Chef, grandi festeggiamenti per onorare la kermesse volta a raccontare il territorio del lago... Leggi di più
I SETTANT’ANNI DELLA CANTINA RUGGERI
La Cantina Ruggeri è nota per la qualità dei suoi Valdobbiadene Prosecco. L’azienda ha compiuto ora 70 anni, ma è tesa al futuro, più che al passato.   E questa tensione si concretizza attraverso la realizzazione... Leggi di più
Diciotto Magnum di vini bianchi e rossi per San Valentino
Facciamo seguito all’articolo Sedici Magnum di Bollicine per San Valentino (cliccare qui),  per passare dalle bollicine ai formati magnum per bianchi e rossi.     Alto Adige pinot nero riserva doc Praepositus 20... Leggi di più
CALAMARI RIPIENI SFUMATI CON LUGANA
DIVINO FESTIVAL, L’EVENTO ENOGASTRONOMICO SICILIANO PIÙ COOL
Sono 13 anni che i buongustai – locali e non, visto che arrivano anche i turisti che visitano la Sicilia – si danno appuntamento a Castelbuono per il DiVino Festival, quest’anno in programma dal 2 al 4 ... Leggi di più
“SAFARI NIGHT”: MIRO OSTERIA DEL CINEMA INCONTRA IL 1930 COCKTAIL BAR
Il 21 luglio arriva Safari Vol 1, il primo appuntamento nato dalla collaborazione tra il ristorante con il giardino nascosto nel cuore di Brera e il secret bar più famoso di Milano Cos’hanno in comune MIRO, osteri... Leggi di più
DONNE DEL VINO DELLA LOMBARDIA: MAGIA ED ELEGANZA DEL PINOT NERO
Milano sempre in movimento, Milano che non si ferma mai così come le Donne del Vino della Lombardia che in occasione della 5ª edizione della Milano Wine Week, la settimana milanese del vino, ripropone una degustazione a ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.