27mar 2023
Al The Manzoni è arrivata la primavera
Articolo di: Fabiano Guatteri

Al The Manzoni sarete accolti in un ambiente creato da Tom Dixon,  designer del Design Research Studio di Londra che ha prediletto per gli arredi elementi di acciaio, ottone, pietra lavica, marmo, capaci di comunicare sensazioni di grezzo, di naturale. Il motore del ristorante, ossia la cucina, vede alla guida Giuseppe Daniele chef formatosi in cucine del livello di Antonio Guida, di Niko Romito  di Luigi Taglienti; al suo fianco Gabriele Fiorino sous chef e Halit Gadja pastry chef.

 

La carta dei cibi nasce da un’ispirazione, una sorta di pensiero guida che dopo Dynamo e Magnete (i nomi delle carte precedenti) ha generato Ùl|tra dal latino “oltre”, “al di là”, “più che”, “di qualità superiore alla norma”, “di massimo grado”, “di condizione superlativa” che costituisce la proposta gastronomica primaverile.
Con Ùl|tra Giuseppe Daniele e il suo staff, una brigata di circa 10 persone, si spinge oltre la linea di demarcazione, più in là delle sensazioni: è come gettare la palla oltre il confine, per poi raggiungerla.

 

 

Il menu degustazione

 

 

Appetizer e antipasti

 

Dopo piccoli assaggi (foto 1), appetizer in cui sapori di tartufo, di patè di escabeche si sono alternati affrontiamo un antipasto vegetariano-vegano, ossia Carciofo arrosto, purea di melanzane, arachidi, confettura di pomodoro e vaniglia (foto 2).
Il carciofo, è adagiato sulla purea di melanzane preparata utilizzando unicamente la polpa, eliminando pertanto la buccia dal sapore erbaceo, condita con menta, aceto che comunicano una nota vivace. La purea cremosa, il carciofo sodo e al tempo stesso tenero, trovano nelle arachidi tostate il contrappuntò crunchy che genera giochi di consistenze. Inoltre le sfumature leggermente amarognole del carciofo, glassato in un fondo di verdure, armonizzano con la dolcezza della confettura di pomodoro e vaniglia.

 

Quaglia in tre consistenze, prugne e patata soffiata (foto 3);  lo chef in un solo piatto ha applicato tre differenti tecniche di cottura, ciascuna per valorizzare al meglio una parte del volatile ossia petto, ali, coscia e sovraccoscia. Insaporisce la portata il fondo di cottura della quaglia leggermente addolcito dall’impiego di prugne disidratate.

 

 

Primi piatti


Tortelli d’anguilla in salsa alla pizzaiola di pomodori picadilly (foto 4) costituiscono un piatto molto caratterizzato, con la farcia della pasta che stuzzica la curiosità gastronomica.
L’anguilla viene marinata a lungo per sgrassarla, quindi è cotta nel roner per circa 2 ore a bassa temperatura. La polpa è emulsionata con pepe, sale, limone con l’aggiunta di poco olio essendo un pesce già grasso ed è impiegata per farcire i tortelli a loro volta serviti nella salsa pizzaiola e per aggiungere sapidità sono guarniti con salicornia. Ci sono particolari rivelatori che permettono di capire meglio la cucina di uno chef; per esempio in questa portata, la centralità è data tortelli che ci sono piaciuti sorprendendoci per delicatezza, grazie a come è stata trattata e cucinata l’anguilla, ma ciò non ci ha impedito di apprezzare la salsa di accompagnamento, che nella sua semplicità, nel suo ruolo secondario, rivela una bontà non facile da riscontrare, grazie all’ingrediente e al saper fare dello chef.

 

 

Secondi piatti

 

Coniglio ripieno, cicoria, salsa ai pinoli e fondo piccante (foto 5). Il coniglio disossato è farcito con un ripieno che comprende polpa di coniglio, lonza di maiale, bietole, erbe aromatiche, spezie e viene cucinato sotto vuoto a 65 °C per 2 ore e mezzo. E’ servito su letto di cicoria saltata, con una salsa di pinoli ottenuta con il pacojet  utilizzando unicamente pinoli tostati, acqua frizzante e sale. Lo stile della cucina, che va all’essenza dell’ingrediente, si esprime anche in piatti come questo, ossia complessi, ma senza cercare concentrazioni di sapori eccessive: il gusto armonioso è ingentilito dalla deliziosa salsa di pinoli che conferisce una nota elegante alla portata.

 

 

Dessert


Cremoso al frutto della passione, caramello, pasta kataifi e uovo di cioccolato farcito con crema catalana (foto 6): la dolcezza della preparazione è equilibrata dai tocchi aciduli del frutto della passione che donano freschezza.

1

2

3

4

5

6

7

Indirizzo : via Alessandro Manzoni 5 Milano
Telefono : +39 02 8909 4348
Articoli Simili
I più letti del mese
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
Botticino Noventa: i grandi vini di un piccolo territorio
Noventa è un’ azienda vitivinicola a conduzione famigliare di Botticino Mattino, borgo nel cuore della zona DOC bresciana Botticino.   Fondata nel 1970, la cantina dispone di 11 ettari vitati di proprietà disposti... Leggi di più
EAST MARKET, L’EVENTO VINTAGE MILANESE TORNA DOMENICA 22 MAGGIO 
Nuovo appuntamento con East Market, l’evento del vintage milanese dedicato a privati e professionisti, dove tutti possono comprare, vendere e scambiare. 300 selezionati espositori da tutta Italia tornano con miglia... Leggi di più
Intelligenza artificiale e turismo. La parola a Febo Leondini
In attesa del BTO - Be Travel Onlife, che si svolgerà a Firenze il 22 e il 23 novembre che tratterà anche il tema Intelligenza Artificiale e Turismo, abbiamo chiesto a un esperto del settore di darci una chiave di lettur... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.