03set 2019
AL RISTORANTE DI CUCINA INDIANA CITTAMANI LA CUCINA KAYASTH
Articolo di: Michele Pizzillo

Quattro serate riservate alla cucina Kayasth quelle organizzate da Ritu Dalmia (foto 2), chef-star in India, da due anni molto conosciuta anche noi, nel suo locale milanese di cucina indiana Cittamani.

 

Scegliendo, anche, di impegnarsi in prima persona, nella serata d’esordio, il 4 settembre, cucinando insieme ad Annothi Vishal (foto 3), scrittrice e giornalista enogastronomica indiana che da oltre un decennio mantiene viva la cucina tipica della sua comunità, Kayasth, una casta che in India, nel passato, ha sempre occupato i più alti uffici governativi e adesso ha raggiunto il successo in politica ma, anche, nelle belle arti e in vari campi professionali. Una tradizione gastronomica, unica nel suo genere in quanto riesce a conciliare elementi eterogenei appartenenti a tradizioni e influenze differenti e spesso contrapposti - cultura indù, musulmana e colonialismo inglese -, che per la prima volta approda a Milano, ovviamente nel ristorante di Ritu Dalmia, Cittamani, dove sarà possibile degustarla sino 7 settembre.

 

Questo il menù della cucina Kayasth interpretato dalle due star della cucina indiana.

 

amuse bouche
Kulle: cetrioli ripieni di piselli freschi, salsa al lime (foto 3);

 

small plates
Mangore: frittelle di lenticchie, semi di coriandolo in polvere;
Shani kebab: polpette di agnello rosolate in padella (foto 1);
Margul: polpette vegetali, foglie di fieno (trigonella) essiccate, filetto di pesce rosolato in padella;

 

plates
Badam pasande: spezzatino di carne scelta, con mandorle. (in quanto classe aristocratica, i Kayasths cucinavano solo con i migliori ingredienti, oppure
Mewa ke aloo: patate con frutta secca e semi indiani come chironji e semi di loto;

 

sides
Sookhi urad dal: lenticchie cotte n poca acqua, rosolate nel ghee cioè burro chiarificato, servite con cipolle dorate;
Gobhi aur kalonji: cavolfiore con semi di cipolla;
Baingan ka raita: yogurt affumicato e melanzane. (l’affumicatura, per gli indiani, è stata da sempre un’importante tecnica per infondere sapore agli alimenti).
Zimikand ki tahiri: igname e riso cotti nel dum, un vaso sigillato con spezie aromatiche;
Paratha: flatbresad (pane basso) indiano;

 

dessert
Makhane ki kheer: budino di riso e semi di loto;
Gajar halwa: budino dolce a base di carote.

 

Il menu Kayasth ha un costo di € 70 a persona e comprende due cocktail.

 

Prenotare al sito, o al numero telefonico, riporrtato sotto alle foto.

1

2

3

4

Indirizzo : Piazza Carlo Mirabello, 5 Milano
Telefono : 02.38240935
Articoli Simili
I più letti del mese
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
IL GRANDE EVENTO DELL’ASSOCIAZIONE VITICOLTORI DI GREVE IN CHIANTI
I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la prop... Leggi di più
ZENI1870 E IL MUSEO DEL VINO MULTIMEDIALE
Dopo quasi due anni di lavoro dedicato alla raccolta e alla catalogazione di foto e di reperti, è stato inaugurato l’Album Digitale del Museo del Vino di Zeni1870, risultato di una collaborazione con vari attori qu... Leggi di più
SARANNO FAMOSI - PROMESSE MANTENUTE, A CURA DI PAOLA RICAS
Il libro “Saranno Famosi” mutua il nome dall’omonima rubrica del mensile La Cucina Italiana, pubblicata quando il magazine era diretto da Paola Ricas. La rubrica era curata da Tony Cuman raffinato somme... Leggi di più
Matteo Torretta è il nuovo chef di  El Porteño Gourmet Milano
El Porteño Gourmet è un ristorante argentino inaugurato nel dicembre del 2019 in pieno centro cittadino, in via Speronari 4.   L’interior design (foto 1 e 2) è firmato da Angus Fiori architects, studio curatore d... Leggi di più
CARNEVALE, MA CON STILE, DA MARCHESI 1824
In occasione di Carnevale, Marchesi 1824 e il Pastry Chef Diego Crosara presentano chiacchiere, tortelli, torte e biscotti decorati in tema carnevalesco.   Ecco le proposte Tortelli: selezione di tortelli vuoti, uvett... Leggi di più
LE GUIDE FOOD DORCHESTER COLLECTION DOVE SCOPRIRE LE METE PIÙ INSTAGRAMMABILI
Le #DCmoments City Guides, ossia e guide ai monumenti e ai siti di interesse architettonico e artistico delle città in cui sono presenti gli hotel Dorchester Collection si sono rivelate progetto vincitore degli Shorty Aw... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.