29lug 2022
TENUTE GREGU, VINI DI GALLURA. LA COLLEZIONE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Raffaele Gregu, in rappresentanza della famiglia proprietaria di Tenute Gregu,  ha presentato la collezione aziendale in un incontro con la stampa organizzato dall’agenzia di comunicazione

PR Comunicare il Vino  presso il ristorante Frades Porto Cervo di Milano

 

 

Tenute Gregu

 

La famiglia Gregu produceva vino già negli anni venti del secolo scorso in Barbagia, poi la viticoltura venne abbandonata sino a un passato prossimo quando un ramo della famiglia, ossia Antioco Gregu con i figli Raffaele e Federico, trasferitosi in Gallura riprese a vinificare acquistando nel 2011 un vigneto storico.  

 

Nasce così Tenute Gregu, azienda innovativa, con grande carica e grande passione. La tenuta dimora a 450- 500 metri di altitudine, su suolo granitico e conta 46 ettari dei quali 30 a vigneto: 25 ettari a vermentino, cinque ettari a canonau, bovale, carignano, syrah e merlot. Il vigneto si divide in due parcelle poste su due livelli con una differenza di altitudine di circa 70 metri. La proprietà si trova in una zona ventosa battuta dal maestrale con un’escursione termica tra dì e notte che dopo ferragosto raggiunge circa 12-15 °C.

Altitudine, suolo, escursione termica, contribuiscono a definire il vino: il terreno conferisce forza alle piante oltre a mineralità alle uve; il vento contribuisce a mantenere i grappoli sani e spirando dal mare apporta salinità, mentre lo sbalzo di temperatura arricchisce il patrimonio aromatico delle uve.
 


I vini prodotti

 

Quattro i vini prodotti, due bianchi da uve vermentino, un rosato e un rosso da uve canonau (foto 1).
 

 

Rías Vermentino di Gallura DOCG 2021 (foto 2)

 

Potremmo definirlo l’welcome wine della Casa ed è il bianco da portare quotidianamente a tavola, fresco e immediato È prodotto unicamente con uve vermentino delle piante più giovani, raccolte da metà settembre ai primi di ottobre: mosto e bucce sono subito separati e la fermentazione avviene in acciaio con lieviti selezionati così come la maturazione, per mantenere i profumi primari del vitigno. Il vino matura per 4 mesi sui lieviti, quindi è imbottigliato.

 

Note gustative
Colore giallo paglierino con sfumature verdi.
Al naso sentori floreali con ricordi di ginestra e di frutta a polpa gialla come l’albicocca, poi ricordi di melone e sentori agrumati.
In bocca è immediato, con acidità equilibrata, e note minerali saline.
 
 
Selenu Vermentino di Gallura Superiore DOCG 2020 (foto 3)

 

Di sole uve vermentino delle vigne più vecchie, vendemmiate le prime 2 settimane di ottobre, seguendo le fasi fenologiche delle uve per raccoglierle quasi tardivamente.
L’annata 2020 è stata particolare, di fatto torrida, con problemi di maturazione, e piogge in epoca vendemmiale. Il vento ha asciugato tutto ma ciò non ha impedito che si formasse la botrite nobile che ha permesso di raggiungere la giusta concentrazione, nonché maturazione. Si tratta però di un evento eccezionale, non facilmente ripetibile.

 

Note gustative

Colore giallo paglierino

Al naso evidenti ricordi di frutta a polpa gialla quali albicocca e pesca, floreali di ginestra e mineralità.
In bocca sensazioni di frutta e di fiori già percepite in fase olfattiva. L’impatto è morbido, senza rinunciare a una vena di freschezza, con lungo finale arricchito dalle note conferite dalla botrite. È un vino longevo capace di una sorprendente evoluzione in bottiglia, ben esemplificata dall’annata 2014 in cui si evidenziano sentori di idrocarburi.
 
 
Sirè Cannonau di Sardegna DOC Rosato 2021 (foto 4)

 

È prodotto con 100% uve canonau appositamente selezionate, con permanenza del mosto sulle bucce in pressa di 3-4 ore. Segue la vinificazione in bianco e il vino matura sui lieviti per diversi mesi. Da rilevare che i celebrati rosé provenzali sono prodotti anche con uve grenache ossia cannonau.

 

Note gustative
Colore rosa scarico con riflessi di cipolla ramata.
Profumi fruttati di ciliegia, di amarena, di frutti di bosco.
In bocca è fresco, sapido, di piacevole bevibilità, fruttato.
 

 

Raighinas Cannonau di Sardegna DOC 2018 (foto 5)

 

Unicamente da uve cannonau, viene prodotto con lo stile della tradizione sarda, ossia complesso, concentrato. La macerazione del mosto sulle bucce si è protratta per 2 settimane per favorire l’estrazione. È l’unica etichetta della Maison che svolge la fermentazione malolattica. Il 20% del vino è elevato 6 mesi in tonneau da 500 litri il restante in acciaio; il legno utilizzato è di più passaggi, quasi esausto in quanto essendo il cannonau ricco di tannini si evita di aggiungerne altri utilizzando legni giovani. Affina 8 mesi in bottiglia.

 

Note gustative
Colore rubino intenso profondo
Profumo fruttato: frutta estiva matura, ciliegie, frutti di bosco e di rovo anche in composta, note balsamiche mediterranee.
In bocca è caldo, morbido, avvolgente, con vena fresca e lunga persistenza.

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
NUOVI ORIZZONTI PER POKE HOUSE: CHIUDE UN ROUND SERIE B DA €20 MILIONI
Poke House, ( ne abbiamo parlato qui ) il brand leader del poke in Europa, annuncia il perfezionamento di un round di finanziamento serie B da €20 milioni guidato da Eulero Capital, con il sostegno di FG2 Capital e ... Leggi di più
I GIOIELLI ITTICI DELL’ALASKA IN VETRINA A IDENTITÀ GOLOSE
I gioielli ittici dell’Alaska in vetrina alla XIII edizione di Identità Golose a Milano, dal 4 al 6 marzo, al MiCo, l’eccellenza della pesca del Pacifico in un elegante e raffinato menù realizzato dallo chef Alessio Taff... Leggi di più
ALTO FERMENTO E LA BIRRA IN OSTERIA | OSTERIA DI PORTA CICCA
La birra artigianale in Italia vanta un’ampia platea di estimatori attenti ai vari stili e a ogni sfumatura aromatica. In questo contesto trova spazio Alto Fermento  progetto che ha per mission la promozione delle ... Leggi di più
 CAPODANNO CINESE A MILANO, L’APPUNTAMENTO DA NON PERDERE
Il Capodanno cinese è ormai entrato, possiamo dire nella “toponomastica” dei festeggiamenti italiani, specialmente a Milano dove, il 25 gennaio, è diventato un appuntamento sempre più popolare, visto che tutt... Leggi di più
IL “PÂTÉ”, E NON “PATÈ”, LINGOTTO DA TAGLIARE. LA RICETTA FRANCESE
ETERNO FEMMINILE | UN FILM DI NATALIA BERISTAIN
Al Cinemino. Uscita: l’8 Marzo in occasione della giornata della donna.   Rosario (nome che in spagnolo è femminile) Castellanos non sembra una donna del suo tempo. Da studentessa universitaria introversa diventa ... Leggi di più
CRISTINA BIOLLO L’ARTISTA DEL VEGETARIANO
Abbiamo incontrato Cristina Biollo (foto 1) in occasione dell’inaugurazione del suo negozio milanese per il format Artisti del Vegetariano (foto 2). I prodotti esposti, ovviamente vegetariani, hanno un aspetto molt... Leggi di più
LA LIMITED EDITION SANPELLEGRINO FIRMATA TOILETPAPER
Tempo d’estate tempo più che mai di bibite, e tra queste le più celebrate Aranciata, Aranciata Amara e Chinò Sanpellegrino. Bevande più che mai attuali proposte ora in limited edition con packaging curato da TOILET... Leggi di più
QUASI 40 VARIETÀ DI OSTRICHE A CASA CON I LOVE OSTRICA
L’Italia è un paese tra i più ricchi di risorse enogastronomiche e questo ci rende molto felici di essere italiani e in Italia risiedere. Però come italini non nutriamo un grande interesse per le ostriche. Sino a n... Leggi di più
MASSIMO BOTTURA E ALAIN DUCASSE PER IL NUOVO REFETTORIO DI NAPOLI
Massimo Bottura (foto 1 a destra) ha appena inaugurato a Napoli “Social Tables Made in Cloister”, un altro pezzo del progetto di Food for Soul, l’associazione no profit creata dallo chef insieme alla mo... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.