29lug 2022
TENUTE GREGU, VINI DI GALLURA. LA COLLEZIONE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Raffaele Gregu, in rappresentanza della famiglia proprietaria di Tenute Gregu,  ha presentato la collezione aziendale in un incontro con la stampa organizzato dall’agenzia di comunicazione

PR Comunicare il Vino  presso il ristorante Frades Porto Cervo di Milano

 

 

Tenute Gregu

 

La famiglia Gregu produceva vino già negli anni venti del secolo scorso in Barbagia, poi la viticoltura venne abbandonata sino a un passato prossimo quando un ramo della famiglia, ossia Antioco Gregu con i figli Raffaele e Federico, trasferitosi in Gallura riprese a vinificare acquistando nel 2011 un vigneto storico.  

 

Nasce così Tenute Gregu, azienda innovativa, con grande carica e grande passione. La tenuta dimora a 450- 500 metri di altitudine, su suolo granitico e conta 46 ettari dei quali 30 a vigneto: 25 ettari a vermentino, cinque ettari a canonau, bovale, carignano, syrah e merlot. Il vigneto si divide in due parcelle poste su due livelli con una differenza di altitudine di circa 70 metri. La proprietà si trova in una zona ventosa battuta dal maestrale con un’escursione termica tra dì e notte che dopo ferragosto raggiunge circa 12-15 °C.

Altitudine, suolo, escursione termica, contribuiscono a definire il vino: il terreno conferisce forza alle piante oltre a mineralità alle uve; il vento contribuisce a mantenere i grappoli sani e spirando dal mare apporta salinità, mentre lo sbalzo di temperatura arricchisce il patrimonio aromatico delle uve.
 


I vini prodotti

 

Quattro i vini prodotti, due bianchi da uve vermentino, un rosato e un rosso da uve canonau (foto 1).
 

 

Rías Vermentino di Gallura DOCG 2021 (foto 2)

 

Potremmo definirlo l’welcome wine della Casa ed è il bianco da portare quotidianamente a tavola, fresco e immediato È prodotto unicamente con uve vermentino delle piante più giovani, raccolte da metà settembre ai primi di ottobre: mosto e bucce sono subito separati e la fermentazione avviene in acciaio con lieviti selezionati così come la maturazione, per mantenere i profumi primari del vitigno. Il vino matura per 4 mesi sui lieviti, quindi è imbottigliato.

 

Note gustative
Colore giallo paglierino con sfumature verdi.
Al naso sentori floreali con ricordi di ginestra e di frutta a polpa gialla come l’albicocca, poi ricordi di melone e sentori agrumati.
In bocca è immediato, con acidità equilibrata, e note minerali saline.
 
 
Selenu Vermentino di Gallura Superiore DOCG 2020 (foto 3)

 

Di sole uve vermentino delle vigne più vecchie, vendemmiate le prime 2 settimane di ottobre, seguendo le fasi fenologiche delle uve per raccoglierle quasi tardivamente.
L’annata 2020 è stata particolare, di fatto torrida, con problemi di maturazione, e piogge in epoca vendemmiale. Il vento ha asciugato tutto ma ciò non ha impedito che si formasse la botrite nobile che ha permesso di raggiungere la giusta concentrazione, nonché maturazione. Si tratta però di un evento eccezionale, non facilmente ripetibile.

 

Note gustative

Colore giallo paglierino

Al naso evidenti ricordi di frutta a polpa gialla quali albicocca e pesca, floreali di ginestra e mineralità.
In bocca sensazioni di frutta e di fiori già percepite in fase olfattiva. L’impatto è morbido, senza rinunciare a una vena di freschezza, con lungo finale arricchito dalle note conferite dalla botrite. È un vino longevo capace di una sorprendente evoluzione in bottiglia, ben esemplificata dall’annata 2014 in cui si evidenziano sentori di idrocarburi.
 
 
Sirè Cannonau di Sardegna DOC Rosato 2021 (foto 4)

 

È prodotto con 100% uve canonau appositamente selezionate, con permanenza del mosto sulle bucce in pressa di 3-4 ore. Segue la vinificazione in bianco e il vino matura sui lieviti per diversi mesi. Da rilevare che i celebrati rosé provenzali sono prodotti anche con uve grenache ossia cannonau.

 

Note gustative
Colore rosa scarico con riflessi di cipolla ramata.
Profumi fruttati di ciliegia, di amarena, di frutti di bosco.
In bocca è fresco, sapido, di piacevole bevibilità, fruttato.
 

 

Raighinas Cannonau di Sardegna DOC 2018 (foto 5)

 

Unicamente da uve cannonau, viene prodotto con lo stile della tradizione sarda, ossia complesso, concentrato. La macerazione del mosto sulle bucce si è protratta per 2 settimane per favorire l’estrazione. È l’unica etichetta della Maison che svolge la fermentazione malolattica. Il 20% del vino è elevato 6 mesi in tonneau da 500 litri il restante in acciaio; il legno utilizzato è di più passaggi, quasi esausto in quanto essendo il cannonau ricco di tannini si evita di aggiungerne altri utilizzando legni giovani. Affina 8 mesi in bottiglia.

 

Note gustative
Colore rubino intenso profondo
Profumo fruttato: frutta estiva matura, ciliegie, frutti di bosco e di rovo anche in composta, note balsamiche mediterranee.
In bocca è caldo, morbido, avvolgente, con vena fresca e lunga persistenza.

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.