09set 2022
TENUTA DI GHIZZANO: IL TERRITORIO TOSCANO RACCONTATO DAI VINI MIMESI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Abbiamo già avuto modo di presentare Tenuta di Ghizzano  in occasione di un incontro virtuale con Ginevra Venerosi Pesciolini, la patronne dell’Azienda, di cui abbiamo scritto qui

 

 

Centralità aziendale

 

Introduciamo ora due vini, Mimesi Vermentino e Mimesi Rosso (foto 1) gli ultimi nati, espressioni della filosofia produttiva della Tenuta che vede la propria centralità nel rispetto e nella valorizzazione del frutto. Rispetto che privilegia il lavoro manuale in luogo di quello svolto utilizzando i mezzi meccanici. Pertanto le uve sono raccolte a mano, così come manuale è la cernita degli acini diraspati; la pigiatura avviene con i piedi, il modo più soffice per ottenere il mosto. Infatti questa pratica rompe circa il 60-70% degli acini e pertanto, non schiacciandoli interamente è più morbida, più modulata. Inoltre le fasi di vinificazione si succedono senza utilizzo di pompe, senza ricorso a tanti rimontaggi. Nello specifico i vini Mimesi sono elevati in anfora in quanto questa, grazie alla particolare porosità, consente un’ottimale maturazione del vino favorendone la micro-ossigenazione senza cedere tannini o altre sostanze proprie del legno.

 

Coerentemente con il rispetto della natura la conduzione aziendale, non solo del vigneto, ma a anche dell’uliveto e delle colture cerealicole, è Biologia (Certificazione Suolo e Salute) e Biodinamica (Certificazione Demeter).

 

Mimesi Costa Toscana IGT Vermentino 2020 (foto 2)

 

La 2020 è stata una buona annata con piogge a giugno che hanno favorito lo sviluppo della vite. Per contro il periodo siccitoso da luglio a metà agosto, ha favorito un'invaiatura consistente. Il 17 agosto una forte pioggia ha spinto la maturazione fenolica ai livelli desiderati. I vini 2020 sono pieni, eleganti e ben equilibrati.
Le uve vermentino sono raccolte in cassette da 20 kg, e dopo la cernita gli acini selezionati sono refrigerati a 16 °C per 48 ore. La fermentazione si svolge in vasche di cemento e si protrae per 48 ore.

Il vino è elevato 4 mesi sulle fecce fini in anfore TAVA, prodotte con un impasto ceramico esclusivo brevettato che garantisce porosità controllata ed elevata capacità di isolamento termico. Ciò ha permesso di ottenere un Vermentino con una freschezza più ovattata.

Bottiglie prodotte 2000 bottiglie.

 

Note gustative
Giallo paglierino con riflessi dorati.
Al naso si riconoscono frutti a polpa gialla, sfumature agrumate, poi note floreali, timidi ricordi di macchia mediterranea, e ancora fugace sensazione di porfido.
In bocca l’ingresso è sottile, quindi si fa più incalzante, ed è un incalzare garbato. Il sorso è pulito, verticale, lungo con nuance saline che insieme all’acidità forniscono eleganza al vino.

 

Abbinamenti
Cappesante gratinate, filetti di sogliola in salsa al vino bianco, salumi nobili.

 


Mimesi Terre di Pisa DOC Rosso 2018 (foto 3)

 

L’annata 2018 ha avuto un decorso regolare e ciò ha permesso lo svolgimento di una maturazione progressiva che ha contribuito alla complessità aromatica del frutto. Le piogge primaverili e di inizio estate hanno favorito lo sviluppo della pianta. La vendemmia si è svolta senza precipitazioni significative. Il livello di maturazione fenolica è stato raggiunto gradualmente.La fermentazione del pigiato avviene in vasche di cemento, quindi il vino è elevato per 14 mesi in anfore cocciopesto Drunk Turtle materiale che garantisce una micro ossigenazione controllata, ottenendo prodotti non ossidati, ma evoluti. Il vino affina 12 mesi in bottiglia.

Bottiglie prodotte 1215


Note gustative
Colore rosso rubino con sfumature granate.
Ricchezza olfattiva data da profumi fruttati, frutta estiva come la prugna, la mora, ma anche ricordi agrumati, oltre a sentori floreali di viola, di liquirizia e balsamici.
In bocca è pieno, ampio, rotondo, con una piacevole tensione acida salata. Ritroviamo la frutta già percepita in fase olfattiva; il tannino è maturo, ben intessuto e il sorso è mantenuto lungo dalla freschezza.

 

Abbinamenti
Gyoza di wagiu, tagliata di controfiletto, formaggi di lungo affinamento

 


Conclusioni

 

I vini Mimesi della Tenuta di Ginevra Venerosi Pesciolini, sono accomunati dallo stile che ha la propria centralità nella valorizzazione del frutto:
nel vigneto grazie all’allevamento delle uve in conduzione biologia e biodinamica, rispettando la maturità fenolica;
in cantina adottando procedure morbide, senza forzature, dalla pigiatura ai rimontaggi, all’utilizzo di vasi vinari rispettosi dei caratteri varietali.
Il risultato: riproduzione dell’identità territoriale senza mediazioni; potenziamento dell’esprit del vino; piacevolezza della beva che non rinuncia alla complessità.

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
GIORNATE FAI DI PRIMAVERA: 25° EDIZIONE
Sabato 25 e domenica 26 marzo 2017 il Fondo Ambiente Italiano festeggia i 25 anni con aperture in 1000 luoghi straordinari di tutta Italia. Un’occasione unica per varcare la soglia di chiese, ville, borghi, palazzi, aree... Leggi di più
IL RISTORANTE DIDATTICO TASTE DEDICA AI GIOVANI 9 APPUNTAMENTI
Cool Container Music & Food. Il ristorante didattico Taste dedica ai giovani 9 appuntamenti sfiziosi tra dj set, live music e arte. 7 - 24 settembre 2017 Taste, Piazza Dante - Bergamo. La rivoluzione dei tempi moderni è... Leggi di più
LAMBRUSCO DI SORBARA OMAGGIO A GINO FRIEDMANN
Lambrusco di Sorbara Omaggio a Gino Friedmann, Cantina di Carpi e Sorbara.L’enologia italiana negli ultimi decenni ha trovato la propri identità, sia pur tra inevitabili contraddizioni. La valorizzazione dei vitign... Leggi di più
VÒCE, IL NUOVO SPAZIO DI AIMO E NADIA: CAFFETTERIA, LIBRERIA E RISTORANTE
Rispettando la sequenza – il 700 francese, l’800 austro-ungarico, il 900 italiano – dei palazzi che tra piazza della Scala, via Manzoni e piazza Belgioioso costituiscono il complesso di Intesa San Paolo... Leggi di più
TANCREDI: VISTA LAGO E SAPORE DI MARE
Avete presente quando si dice "pieds dans l' eau"? Ecco cosa significa. Lo capite dall’immagine ma soprattutto sedendovi in uno dei loro tavoli a picco sul lago, tra acqua e cielo (foto 1). E anche quando finirà la... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: ROSSI SICILIANI ZISOLA E DOPPIOZETA MAZZEI
Filippo Mazzei, amministratore delegato con il fratello Francesco di Mazzei 1435 ha presentato su piattaforma zoom in un incontro con la stampa organizzato dall’Agenzia di comunicazione ZED COMM di Milano i vini Si... Leggi di più
MOMENTI GOURMAND 2.0: I PIACERI DEL PALATO A PORTATA DI CLICK
La ricerca di vente-privee delinea la nuova frontiera dell’eFood&Wine e della convivialità. Il rapporto tra consumatori e mondo del Vino e della Gastronomia negli ultimi anni ha subito una vera e propria mutazione, comp... Leggi di più
PRENDIAMO RESPIRO: SIMPOSIO TRA ARTE, NATURA E VINO
Sabato 15 maggio, nel cuore dell’alta Brianza, il giardino-vivaio Passoni Fiori di Merate aprirà le porte al pubblico per offrire una s esperienza sensoriale tra natura, arte e vino. Un’occasione unica, per r... Leggi di più
IL VIAGGIO NEL PASSATO ALL’AUBERGE DE LA MAISON, PARTE DAI MENÙ DI MONTAGNA
Il Viaggio nel passato proposto dall’Auberge de La Maison, parte dai Menù di Montagna.   Premessa: il Contesto Storico-Sociale La paura, il timore e le negatività associate alla montagna e ai suoi abitanti, veng... Leggi di più
PRESENTATA A MILANO LA STAGIONE 2018/2019 DEL TEATRO MENOTTI
E’ stata presentata a Milano la Stagione 2018/19 del Teatro Menotti, l’ultima prima di presentare nel 2019 il cinquantenario (1969/2019). L’occasione è stata anche quella di anticipare il prossimo spett... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.