09set 2022
TENUTA DI GHIZZANO: IL TERRITORIO TOSCANO RACCONTATO DAI VINI MIMESI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Abbiamo già avuto modo di presentare Tenuta di Ghizzano  in occasione di un incontro virtuale con Ginevra Venerosi Pesciolini, la patronne dell’Azienda, di cui abbiamo scritto qui

 

 

Centralità aziendale

 

Introduciamo ora due vini, Mimesi Vermentino e Mimesi Rosso (foto 1) gli ultimi nati, espressioni della filosofia produttiva della Tenuta che vede la propria centralità nel rispetto e nella valorizzazione del frutto. Rispetto che privilegia il lavoro manuale in luogo di quello svolto utilizzando i mezzi meccanici. Pertanto le uve sono raccolte a mano, così come manuale è la cernita degli acini diraspati; la pigiatura avviene con i piedi, il modo più soffice per ottenere il mosto. Infatti questa pratica rompe circa il 60-70% degli acini e pertanto, non schiacciandoli interamente è più morbida, più modulata. Inoltre le fasi di vinificazione si succedono senza utilizzo di pompe, senza ricorso a tanti rimontaggi. Nello specifico i vini Mimesi sono elevati in anfora in quanto questa, grazie alla particolare porosità, consente un’ottimale maturazione del vino favorendone la micro-ossigenazione senza cedere tannini o altre sostanze proprie del legno.

 

Coerentemente con il rispetto della natura la conduzione aziendale, non solo del vigneto, ma a anche dell’uliveto e delle colture cerealicole, è Biologia (Certificazione Suolo e Salute) e Biodinamica (Certificazione Demeter).

 

Mimesi Costa Toscana IGT Vermentino 2020 (foto 2)

 

La 2020 è stata una buona annata con piogge a giugno che hanno favorito lo sviluppo della vite. Per contro il periodo siccitoso da luglio a metà agosto, ha favorito un'invaiatura consistente. Il 17 agosto una forte pioggia ha spinto la maturazione fenolica ai livelli desiderati. I vini 2020 sono pieni, eleganti e ben equilibrati.
Le uve vermentino sono raccolte in cassette da 20 kg, e dopo la cernita gli acini selezionati sono refrigerati a 16 °C per 48 ore. La fermentazione si svolge in vasche di cemento e si protrae per 48 ore.

Il vino è elevato 4 mesi sulle fecce fini in anfore TAVA, prodotte con un impasto ceramico esclusivo brevettato che garantisce porosità controllata ed elevata capacità di isolamento termico. Ciò ha permesso di ottenere un Vermentino con una freschezza più ovattata.

Bottiglie prodotte 2000 bottiglie.

 

Note gustative
Giallo paglierino con riflessi dorati.
Al naso si riconoscono frutti a polpa gialla, sfumature agrumate, poi note floreali, timidi ricordi di macchia mediterranea, e ancora fugace sensazione di porfido.
In bocca l’ingresso è sottile, quindi si fa più incalzante, ed è un incalzare garbato. Il sorso è pulito, verticale, lungo con nuance saline che insieme all’acidità forniscono eleganza al vino.

 

Abbinamenti
Cappesante gratinate, filetti di sogliola in salsa al vino bianco, salumi nobili.

 


Mimesi Terre di Pisa DOC Rosso 2018 (foto 3)

 

L’annata 2018 ha avuto un decorso regolare e ciò ha permesso lo svolgimento di una maturazione progressiva che ha contribuito alla complessità aromatica del frutto. Le piogge primaverili e di inizio estate hanno favorito lo sviluppo della pianta. La vendemmia si è svolta senza precipitazioni significative. Il livello di maturazione fenolica è stato raggiunto gradualmente.La fermentazione del pigiato avviene in vasche di cemento, quindi il vino è elevato per 14 mesi in anfore cocciopesto Drunk Turtle materiale che garantisce una micro ossigenazione controllata, ottenendo prodotti non ossidati, ma evoluti. Il vino affina 12 mesi in bottiglia.

Bottiglie prodotte 1215


Note gustative
Colore rosso rubino con sfumature granate.
Ricchezza olfattiva data da profumi fruttati, frutta estiva come la prugna, la mora, ma anche ricordi agrumati, oltre a sentori floreali di viola, di liquirizia e balsamici.
In bocca è pieno, ampio, rotondo, con una piacevole tensione acida salata. Ritroviamo la frutta già percepita in fase olfattiva; il tannino è maturo, ben intessuto e il sorso è mantenuto lungo dalla freschezza.

 

Abbinamenti
Gyoza di wagiu, tagliata di controfiletto, formaggi di lungo affinamento

 


Conclusioni

 

I vini Mimesi della Tenuta di Ginevra Venerosi Pesciolini, sono accomunati dallo stile che ha la propria centralità nella valorizzazione del frutto:
nel vigneto grazie all’allevamento delle uve in conduzione biologia e biodinamica, rispettando la maturità fenolica;
in cantina adottando procedure morbide, senza forzature, dalla pigiatura ai rimontaggi, all’utilizzo di vasi vinari rispettosi dei caratteri varietali.
Il risultato: riproduzione dell’identità territoriale senza mediazioni; potenziamento dell’esprit del vino; piacevolezza della beva che non rinuncia alla complessità.

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
IL GRANDE EVENTO DELL’ASSOCIAZIONE VITICOLTORI DI GREVE IN CHIANTI
I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la prop... Leggi di più
ZENI1870 E IL MUSEO DEL VINO MULTIMEDIALE
Dopo quasi due anni di lavoro dedicato alla raccolta e alla catalogazione di foto e di reperti, è stato inaugurato l’Album Digitale del Museo del Vino di Zeni1870, risultato di una collaborazione con vari attori qu... Leggi di più
SARANNO FAMOSI - PROMESSE MANTENUTE, A CURA DI PAOLA RICAS
Il libro “Saranno Famosi” mutua il nome dall’omonima rubrica del mensile La Cucina Italiana, pubblicata quando il magazine era diretto da Paola Ricas. La rubrica era curata da Tony Cuman raffinato somme... Leggi di più
Matteo Torretta è il nuovo chef di  El Porteño Gourmet Milano
El Porteño Gourmet è un ristorante argentino inaugurato nel dicembre del 2019 in pieno centro cittadino, in via Speronari 4.   L’interior design (foto 1 e 2) è firmato da Angus Fiori architects, studio curatore d... Leggi di più
CARNEVALE, MA CON STILE, DA MARCHESI 1824
In occasione di Carnevale, Marchesi 1824 e il Pastry Chef Diego Crosara presentano chiacchiere, tortelli, torte e biscotti decorati in tema carnevalesco.   Ecco le proposte Tortelli: selezione di tortelli vuoti, uvett... Leggi di più
LE GUIDE FOOD DORCHESTER COLLECTION DOVE SCOPRIRE LE METE PIÙ INSTAGRAMMABILI
Le #DCmoments City Guides, ossia e guide ai monumenti e ai siti di interesse architettonico e artistico delle città in cui sono presenti gli hotel Dorchester Collection si sono rivelate progetto vincitore degli Shorty Aw... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.