13set 2020
USI E ABUSI DEL ROSMARINO IN CUCINA
Articolo di: Fabiano Guatteri

William Shakespeare, nell’Amleto fa dire a Ofelia, rivolta al fratello “There's rosemary, that's for remembrance”, ossia propone il rosmarino perché rafforza la memoria.

 

Ma questa è una sola delle doti di questa pianta. Dal punto di vista gastronomico, ed è ciò che qui ci interessa, il suo passaggio in cucina non passa inosservato. Ha una potente carica aromatica e se vogliamo aromatizzare un olio ce ne rendiamo subito conto. Mettendo un rametto di rosmarino in una bottiglia di vino bianco si ottiene una bevanda stimolante che può ricordare vagamente la Retsina greca. In cucina, proprio per l’intensità aromatica, non va utilizzato con tutti i cibi .

 

E’ l’erba giusta per marinare la carne di manzo prima di cuocerla alla griglia, ma va bene anche con quelle ovine che sono molto intense. Rispetto ai pesci si abbina sicuramente all’anguilla comunque si cucini ed è adatto a profumare i carpioni in genere.

 

Però, visto che non ha la delicatezza del prezzemolo, andrebbe evitato con i piatti delicati. Una sogliola al burro potrà essere aromatizzata dalla salvia, ma non dal rosmarino che ne coprirebbe il sapore gentile. Ma ciò vale anche per le carni bianche, Il petto di pollo al rosmarino saprebbe soprattutto di rosmarino. Ma anche una saporita braciola di maiale, così come un nodino di vitello, armonizza sicuramente meglio con una foglia di salvia, mentre il filetto di maiale, che è una carne rossa, si lascia accompagnare dal rosmarino. Per contro con i ceci, unito in un soffritto di olio e aglio, si sposa a meraviglia,

 

Un’avvertenza: se destiniamo il rosmarino a una lunga cottura leghiamolo con un filo di cotone per evitare che disperda i sui aghi nella preparazione, perché questi sono alquanto spiacevoli se capitano in bocca. Non che mangiare il rosmarino faccia male, ma non è gradevole se masticato, sia per la consistenza coriacea, sia per il sapore quasi amaro che non è piacevole come quello del basilico. Né tritato risolve il problema perché pur sempre disturba la masticazione e deforma il gusto della preparazione che dovrebbe valorizzare.

 

Se proprio vogliamo unirlo a un ripieno o a un involtino, per “depotenziarne” le criticità tagliamo, che non vuol dire tritiamo, le foglie con un coltello come in una sorta di brunoise, per cui a pezzetti piccolissimi, della stessa lunghezza dello spessore della foglia, piuttosto meno che più. Solo allora il sapore si distribuirà omogeneamente e masticandolo la consistenza sarà impercettibile. In questo modo potremo cospargerlo sulla tagliata di manzo o sugli scottadito, ma anche sulle patate al forno o fritte.

1

Photo Credits

Photo 1 : Leszek Hus da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
IL BUONO IN TAVOLA: IN SANT’EUSTORGIO I PRODOTTI AGRICOLI LOMBARDI
Il Buono in TavolaBuono in Tavola, da martedì 16 Gennaio ritorna a Milano all’ombra della Basilica di Sant’Eustorgio con il meglio della produzione agricola lombarda a chilometro “vero”.  Tra le n... Leggi di più
DEBUTTI MILANESI: LA PIZZA IN TEGLIA ROMANA DI PIZZOTTELLA
In effetti è proprio la prima volta che a Milano si inaugura un locale dedicato solo all’autentica pizza in teglia romana, ossia Pizzottella, ed è proprio il caso di dire: “Era ora”!   Com’è pos... Leggi di più
EL GRAN BURGHER DE MILÀN, NEL MENÙ DE LE BICICLETTE
E adesso chi glielo dice alla famosa catena americana degli archi d'oro che ha preso d'assalto tutto il mondo con il suo famoso burgher? Si, perché a Le Biciclette - che sembra un angolo del newyorchese Red Rooster sui ... Leggi di più
BOCUSE D’OR: ANNUNCIATI I 4 CHEF CHE RAPPRESENTERANNO L'ITALIA
BOCUSE D’OR: annunciati a Milano i 4 chef che rappresenteranno l'Italia nella prossima edizione  Chissà lo stupore e l'orgoglio dei cuochi del Mugello e del gelataio di Urbino che Caterina de' Medici  portò in Fra... Leggi di più
ABRUZZO PASSERINA SUPERIORE DOP FERZO 2016
L’Abruzzo enologico trova in Codice Citra  la realtà vitivinicola più rappresentativa. Fondata nel 1973 riunisce nove cantine sociali. Da pochi anni il Consorzio ha lanciato Ferzo, una nuova linea costituita da pic... Leggi di più
CHAMPAGNE E GELATO, APRE A MILANO IL CONCEPT STORE CERDINI & QUENARDEL
Può sembrare un accostamento insolito quello tra le bollicine francesi il gelato e i Macaron, eppure la Maison de Champagne J. Henri Quenardel, fondata a Ludes nel 1906, da molti anni proprio insieme con la famiglia Cerd... Leggi di più
BIG PEAT IN EDIZIONE LIMITATA PER IL NATALE 2015
Il Premium Islay Vatted Malt Scotch Whisky Big Peat, della Douglas Laing & Co., lancia sul mercato italiano la sua edizione limitata per le Festività Natalizie del 2015. Imbottigliato alla gradazione piena di 53,8 % vol... Leggi di più
FAUSTO MELOTTI: QUANDO LA MUSICA DIVENTA SCULTURA
Al castello di Miradolo l’11 novembre apre la grande mostra “Fausto Melotti. Quando la musica diventa scultura”, organizzata dalla Fondazione Cosso. Artista poliedrico, considerato uno dei protagonisti ... Leggi di più
A UN PASSO DAL CIELO (W LA MAFIA). ORA A MILANO
A un passo dal cielo è il terzo spettacolo della rassegna PALCO OFF: un'occasione per incontrare la Sicilia negli spettacoli, negli incontri e nelle degustazioni di cibi e vini nei giorni 27, 28, 29 gennaio 2017   Aldo... Leggi di più
TARASSACO: POTENTE DEPURATIVO, AMICO DEL FEGATO
Il tarassaco è chiamato anche dente di leone, soffione o insalata matta: si tratta di una pianta erbacea che cresce spontaneamente nei prati dalla primavera e per molti mesi dell’anno, e che difficilmente viene coltivata... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.