08set 2023
Rohesia Rosato Cantele, il miglior rosé italiano
Articolo di: CityLightsNews

Il mensile Gentleman, incrociando i dati di sei guide enologiche italiane, ha stilato la Top 10 dei Vini Rosé. Rohesia Negroamaro Rosato Cantele (foto 1) ha ricevuto il massimo punteggio ed è pertanto il Numero Uno d’Italia.

 

Nella classifica si sono posizionati rispettivamente secondo e terzo i prestigiosi rosati Five Roses Leone de Castris e Bardolino Chiaretto Classico Kenya Guerrieri Rizzardi. Seguono gli altri rosati, ossia Le Flery Rosato 2021 Pescaja, Brezzarossa Bolgheri Rosato 2021 Campo al Pero, Valtenesi Chiaretto Molmenti 2018 Costaripa Mattia Vezzola, Cerasuolo d’Abruzzo Superiore Villa Gemma 2021 Masciarelli, Faragola 2021 Placido Volpone, Clo’ De Girolle Negroamaro Rosato 2021 Garofano, e Cerasuolo d’Abruzzo ‘Roas-ae’ 2021 di Torre dei Beati.

 

Rohesia Negroamaro Rosato 
Rohesia Rosato si è rivelata così la migliore espressione del vitigno negroamaro che in questa referenza rivela la sua nobiltà. A valorizzarlo al meglio la famiglia Cantele (foto 2), che è alla guida dell’azienda, la cui storia merita di essere, sia pur brevemente, raccontata. Non è infatti pugliese, ma di origine veneta, e si trasferì in Puglia nel 1950.

 

Nel 1979 Augusto Cantele, enologo formatosi alla scuola di Conegliano Veneto, con il padre e il fratello Domenico fondò l’attuale Azienda a Guagnano, nel cuore del Salento, comune vicinissimo a Salice Salentino. Augusto, forte non solo della formazione enologica, ma anche di esperienze professionali maturate sul campo, ha saputo conferire ai vini un’impronta internazionale, utilizzando in alcuni casi l’affinamento le barrique. Percorso seguito successivamente da Gianni e Paolo (foto 3) figli di Augusto, e da Umberto e Luisa figli di Domenico e adottato anche per i vitigni autoctoni così da ottenere referenze eleganti, definite dall’equilibrio di zuccheri residui, acidità, tannino, alcol e Rohesia Negroamaro Rosato è, in merito, esemplare.

Per produrlo le uve negroamaro dopo la raccolta, sono pressate e lasciate macerare a temperatura controllata, ossia a 10-12 °C per 24 ore, in modo da trasmettere i caratteri varietali dell’uva al mosto e al tempo stesso limitare l’estrazione dei tannini. La fermentazione del solo mosto si svolge in acciaio a temperatura controllata. Il vino ottenuto matura sui lieviti nobili per circa 4 mesi prima di essere imbottigliato.

 

 

Riportiamo qui le nostre note gustative

Colore oro rosso con riflessi ramati.
Al naso è ampio, fruttato con ricordi di ciliegia e di piccoli frutti, oltre che di melagrana e nota vegetale di elicriso cui si unisce un delicato profumo di rosa mattutina.
In bocca è morbido, rotondo, con sorso ben equilibrato dalla vena fresca; note saline che si integrano a nuance di pasticceria appena accennate e sul finale un ritorno fruttato di fragola. Acidità e tocchi salini, più in generale minerali, conferisco eleganza al vino.

 

Abbiamo recensito Rohesia Rosato qui.  

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.