19apr 2024
Roberto Rondelli: passione enologica a Dolceacqua
Articolo di: Fabiano Guatteri

Abbiamo incontrato Roberto Rondelli, proprietario dell’omonima azienda agricola, piccola realtà, con una produzione destinata a una nicchia di wine lover, in un press lunch organizzato a Milano dall’agenzia di comunicazione PR Comunicare il Vino presso il ristorante illiberty Milano

 

Per l’occasione ha presentato, guidandone la degustazione, il Dolceacqua Roja (foto 1) insieme con altre quattro etichette ottenute da uve rossese, vermentino e pigato attualmente in produzione; ha inoltre proposto due etichette annata 2015, un Vermentino e un Dolceacqua, che rappresentano il passato, pertanto con uno stile di vinificazione diverso da quello attuale (foto 2) .

 


Le premesse


C’è chi il vino lo fa per professione e chi, come Roberto Rondelli che lo vinifica per passione. Ed è una passione che lo ha portato nel 2000, aveva diciotto anni, a diventare vignaiolo. Nel vigneto che era stato del nonno, ormai abbandonato, con l’aiuto paterno mette a dimora barbatelle soprattutto di rossese per dare il via a un progetto, allora ancora in nuce, che con gli anni avrebbe preso forma e corpo.

 

Siamo nella zona DOC di Dolceacqua patria del Rossese, nell’estremo ponente ligure a ridosso del Comune di Ventimiglia, poco distante dal confine francese.

 

Qui allignano le vigne  Roberto Rondelli, più precisamente nel comune di Camporosso, nella Roja, valle esposta a Nord. Il corpo principale dell’azienda si sviluppa su 3,5 ettari, nella vigna Migliarina, una delle 33 Nomeranze (Menzioni Geografiche Aggiuntive) della DOC Dolceacqua. Un secondo ramo dell’azienda si colloca in località Montecurto, a un chilometro da Migliarina su un versante più caldo, esposto a Sud.

 

Ed è in questo comprensorio che nel 2009, dopo anni di ricerca e di viaggi, Roberto Rondelli produce il suo primo vino vinificandolo totalmente in acciaio, ma già l’anno successivo comincia a introdurre il legno per dar vita a vini più complessi e longevi.

 

L’amore per il vino, la vigna, implica anche il rispetto per la madre terra, e pertanto adotta i principi del biologico con attenzione anche alla biodinamica. E in cantina il conseguente rispetto per le uve comporta l’impiego misurato della solforosa e l’utilizzo dei lieviti indigeni. Inoltre dato che la potatura ad alberello, come spiega Roberto Rondelliè la prima strategia in considerazione del cambiamento climatico e dell’approvvigionamento idrico, nel 2016 ho meso a dimora una nuova linea di uve rossese ad alberello con ottimi risultati pur trattandosi di una vigna non irrigata”.

 

 

I vini proposti 

 

 

Vigna Ciotti Terrazze dell’Imperiese Bianco IGT 2023 (foto 3)
È prodotto con uve pigato della Vigna Ciotti nella parte più fresca di Migliarina, dove i filari dimorano ad altitudini più elevate e sono maggiorente ombreggiati. Il suolo è di argille dette marne azzurre, terre bianche che tendono all’azzurro quando sono umide, frammiste a ciottoli di altra matrice geologica. La vinificazione è in bianco con fermentazione in vasche di acciaio; il vino matura in acciaio sui lieviti fini per 5-6 mesi, per poi proseguire l’affinamento in bottiglia. Nel calice si presenta delicatamente fruttato, e ha come caratteristica principale la verticalità, un sorso croccante.

 

Birbante Terrazze dell’Imperiese Bianco IGT 2023 (foto 4)
Nasce da uve vermentino. La parcella si trova nell’area più calda della valle, molto ben esposta. Il suolo è di marna azzurra. Dopo la raccolta 1/3 delle uve è vinificato con macerazione del mosto sulle bucce, mentre le restanti uve sono vinificate in bianco. Le due partite sono successivamente assemblate ed elevate in tonneau per almeno sei mesi a contatto con i lieviti fini. Come il Pigato comunica freschezza, ma anche grassezza. Il suolo inoltre trasmette note saline evidenti anche nel finale del sorso e nella persistenza.


Arenaria Dolceacqua DOC 2023 (foto 5)
Le uve rossese delle vigne coltivate principalmente sul suolo chiamato Flysch di Ventimiglia, sono vinificate in vasche di acciaio con il 30% dell’uva intera. La fermentazione si svolge in 5- 10 giorni, dipendentemente dalla temperatura. Dopo la torchiatura, il vino matura in acciaio per circa sei mesi sino all’imbottigliamento. Ha tutta la vivace freschezza di un rosso giovane, con sentori di fragola, e con una piacevole aromaticità dettata dalla gioventù.


Marna Blu Dolceacqua DOC 2022 (foto 6)
Le uve rossese provengono tutte da Migliarina e radicano in suolo di marna blu. La fermentazione spontanea ha luogo in vasche di acciaio e ha una durata di circa 15 giorni con pochi rimontaggi per contenere l’estrazione dei composti delle bucce. Se in botte vi è una quota eccedente di materiale solido tende alla riduzione pertanto dopo essere svinato viene lasciato brevemente decantare prima di essere travasato in tonneau dove è elevato per circa 10 mesi. È un vino complesso, di piacevole beva, succoso con sottile trama tannica

 

Roja Dolceacqua Superiore DOC 2022 (foto 1)
È figlio del Dolceacqua 2015. “Nel 2021 e nel 2022” Spiega Roberto Rondelli “abbiamo cambiato stile di vinificazione tenendo conto che erano cambiati i tempi e con essi il nostro approccio con il vino e soprattutto l’approccio con il consumatore. Abbiamo cambiato stile di vinificazione anche per poter fronteggiare il cambiamento climatico e per ottenere un vino che fosse attuale, caratteristico e capace di durare negli anni”.

Per produrlo è stata effettuata una selezione delle piante più in salute, più in equilibrio e con poca uva e vinificate in maniera tradizionale, limitando l’estrazione dei composti delle bucce, pertanto in piccole vasche di acciaio da 4-5 ettolitri senza rimontaggi, ma solo con follature manuali, non utilizzando pompe, ma secchi, per evitare che l’uva si sgretoli sfarinandosi producendo un odore non voluto. Il vino ottenuto è elevato 10-12 mesi in barrique di più passaggi e affina in bottiglia per diversi mesi. Ha profondità e pienezza, note fresche e saline ed esprime al meglio le caratteristiche del Rossese con grande equilibrio e balsamicità.

 

Dal 2015 non sono passati ancora dieci anni, ma nel frattempo la vinificazione ha trovato, dopo vari tentativi, un nuovo stile.

 

Vermentino Riviera Ligure di Ponente DOC 2015
È prodotto seguendo il classico protocollo di vinificazione del vino bianco, senza macerazioni, e con fermentazione e maturazione in vasche di acciaio. “Nel 2015” precisa Roberto Rondellipensavamo tutti al vino in modo differente. Negli ultimi anni sono cambiati tanti fattori, anche tante aspettative e io credo di aver trovato la mia quadra stilistica nei bianchi 2-3 anni fa. Fino ad allora erano tentativi di migliorarsi sempre di più, a volte dovendo tornare indietro. In ogni caso la 2015 è stata un’annata capolavoro, climaticamente perfetta”. Nel calice il vino è opulento, con toni salini e finale pulito e si colgono distinte note di idrocarburo.

 

Migliarina Dolceacqua DOC 2015
Come in Roja si è cercato di unire alla complessità una pronunciata bevibilità, nel Migliarina 2015 si è voluto dare maggiore concentrazione; basti dire che è stato elevato due anni in barrique, un anno in acciaio, quindi altri due anni in bottiglia. E’ un vino di struttura con un impatto olfattivo fruttato con ricordi di more, che cede il passo a note speziate ben espresse. In bocca è pieno, corposo, intenso.



1

2

3

4

5

6

7

Articoli Simili
I più letti del mese
KISEN EXPERIENCE, VIAGGIO FUSION IN ESTREMO ORIENTE
Kisen di via Gian Giacono Mora, a Milano, è un ristorante fusion, il primo nato dei 3 Kisen, dei quali uno in via Moscova di cui abbiamo detto qui, e uno a Busto Arsizio.   Dire fusion è corretto, ma non esaustivo in q... Leggi di più
OLIO OFFICINA FESTIVAL - CONDIMENTI PER IL PALATO & LA MENTE
In merito alle proprietà nutrizionali dell’olio extra vergine d’oliva non ci sono dubbi. E’ considerato un alimento nutraceutico, ossia un cibo medicina per le sue proprietà che giovano al benessere fis... Leggi di più
FISH&CHEF CELEBRA IL DECENNALE ATTRAVERSO LA CUCINA D’AUTORE
Dal 6 al 13 maggio 2019 riflettori accesi per la 10a edizione di Fish&Chef, il lago di Garda ci conquista. Dieci anni di Fish&Chef, grandi festeggiamenti per onorare la kermesse volta a raccontare il territorio del lago... Leggi di più
I SETTANT’ANNI DELLA CANTINA RUGGERI
La Cantina Ruggeri è nota per la qualità dei suoi Valdobbiadene Prosecco. L’azienda ha compiuto ora 70 anni, ma è tesa al futuro, più che al passato.   E questa tensione si concretizza attraverso la realizzazione... Leggi di più
CALAMARI RIPIENI SFUMATI CON LUGANA
Diciotto Magnum di vini bianchi e rossi per San Valentino
Facciamo seguito all’articolo Sedici Magnum di Bollicine per San Valentino (cliccare qui),  per passare dalle bollicine ai formati magnum per bianchi e rossi.     Alto Adige pinot nero riserva doc Praepositus 20... Leggi di più
DIVINO FESTIVAL, L’EVENTO ENOGASTRONOMICO SICILIANO PIÙ COOL
Sono 13 anni che i buongustai – locali e non, visto che arrivano anche i turisti che visitano la Sicilia – si danno appuntamento a Castelbuono per il DiVino Festival, quest’anno in programma dal 2 al 4 ... Leggi di più
BELVEDERE CAMPOLI È LA NUOVA TENUTA CONTE GUICCIARDINI: I VINI
Conte Guiccardini è una realtà vitivinicola toscana in provincia di Firenze, di proprietà dell’omonima famiglia, dal 1199 proprietaria del Castello di Poppiano la cui tenuta attualmente si sviluppa su 265 ettari 14... Leggi di più
“SAFARI NIGHT”: MIRO OSTERIA DEL CINEMA INCONTRA IL 1930 COCKTAIL BAR
Il 21 luglio arriva Safari Vol 1, il primo appuntamento nato dalla collaborazione tra il ristorante con il giardino nascosto nel cuore di Brera e il secret bar più famoso di Milano Cos’hanno in comune MIRO, osteri... Leggi di più
DONNE DEL VINO DELLA LOMBARDIA: MAGIA ED ELEGANZA DEL PINOT NERO
Milano sempre in movimento, Milano che non si ferma mai così come le Donne del Vino della Lombardia che in occasione della 5ª edizione della Milano Wine Week, la settimana milanese del vino, ripropone una degustazione a ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.