10apr 2024
Radura Pomario:l’Umbria nel calice
Articolo di: Fabiano Guatteri

Giangiacomo Spalletti Trivelli e Federica De Santis, proprietario e agronoma della casa vinicola Pomario,  hanno presentato in un press lunch organizzato dall’agenzia di comunicazione PR Comunicare il vino  presso il ristorante Ai Chiostri di Milano  il cru Radura 2021 e altre etichette aziendali. Pomario, che abbiamo presentato qui,  trae le sue origini nel 2004 quando Giangiacomo Spalletti Trivelli e la moglie Susanna d’Inzeo acquistano l'omonima tenuta che consiste in 50 ettari dei quali 40 boschivi. La località si trova nell’Umbria perugina in odor di Toscana, considerato che è distante poco più di trenta chilometri da Montepulciano e da Montalcino. Il vigneto, inizialmente di un ettaro e mezzo, si ingrandisce negli anni diventando di quattro ettari.

 

Radura Umbria Rosso IGT 2021 e Ciliegiolo Umbria Rosso IGT 2022 (foto 2)
Nel 2015” come spiega Giangiacomo Spalletti Trivelliabbiamo acquistato l’azienda confinante e questo ci ha permesso di mettere a dimora altri 5 ettari di vigneto così da arrivare agli attuali 9 ettari. Da una di queste vigne nascono i rossi Radura e Ciliegiolo”. Il vigneto si trova attorniato da un bosco, pertanto in un ambiente ricco di biodiversità e protetto dalla peronospora.

La piantumazione di questo terreno molto umido e fresco, è stato impegnativo, “però” come precisa Federica De Santisla freschezza in questi anni di caldi eccessivi si è rivelata utile per le piante”.

In una parte del vigneto è stato messo a dimora il ciliegiolo, mentre nell’altra parte i vitigni alicante, colorino, foglia tonda, malvasia nera e un clone di sangiovese.

Radura

Quando questa parcella è stata vendemmiata la prima volta, già dal mosto l'azienda si accorge del potenziale del nuovo vino. Il vitigno predominante è il sangiovese, mentre le altre varietà sono equamente presenti. Si tratta di uve che fanno parte della tradizione così come la vinificazione. Infatti la vendemmia si esegue in un periodo di maturazione intermedio vinificando così l’uvaggio tutto insieme, senza cioè dar luogo a vinificazioni separate. Pertanto alcune uve sono colte maggiormente mature di altre e quelle più verdi conferiscono freschezza al vino. Dopo una lunga fermentazione Radura è elevato 12 mesi in tonneau, sosta successivamente un altro anno in anfora di ceramica quindi affina in bottiglia.

Note gustative

Possiede colore rosso intenso.

Al naso le note agrumate e di susina matura si mescolano a quelle balsamiche che completano il quadro olfattivo.

In bocca è complesso, con equilibrio tra tannino e acidità con ritorni fruttati che comunicano piacevolezza al sorso che è ricco e succoso.

Ciliegiolo 

La vinificazione delle uve ciliegiolo, come per Radura, prevede un passaggio di 12 mesi in tonneau prima di proseguire con l’affinamento in bottiglia.

 Note gustative

Possiede colore rosso rubino.

Al naso l’impatto è fruttato, si evidenziano piccoli frutti quali mirtillo e mora.

In bocca la morbidezza matura si intesse alla vena fresca, con tannino presente, croccante che vivacizza la beva dal finale piacevolmente sapido.

 

Arale Umbria Bianco IGT 2022 (foto 3)
È prodotto con uve trebbiano toscano completate da malvasia 20%, di una vecchia vigna abbondonata con impianti di sangiovese, trebbiano e malvasia. Nel ricostituirla è stato privilegiato il trebbiano cambiandone i sesti d’impianto, abbassandone la resa sino ad arrivare 40 quintali per ettaro.

Le uve, raccolte molto tardi, a settembre inoltrato quasi a ottobre, svolgono una lunga criomacerazione in vasche di acciaio che si può protrarre per due settimane, “sino quando” precisa De Santisvediamo che colore e tannino ceduto dalla bucce sono sufficienti; allora lasciamo la temperatura libera”.

Il mosto fermenta grazie al pied de cuve, ossia uno starter della fermentazione, con lieviti indigeni “ si alza il cappello, quindi dopo due giorni lo sviniamo”. Dopo questa prima fase in acciaio la fermentazione prosegue in barrique per circa due mesi. Successivamente è effettuato un travaso, quindi il vino è prima elevato per due mesi in barrique, quindi filtrato (filtro grosso) e imbottigliato.

Note gustative

Colore giallo paglierino carico che vira all’oro antico.
Al naso profumi di frutta estiva e fiori di gelsomino e di acacia cui si uniscono sentori speziati.
Gusto fresco, sapido, salino, con note agrumate e floreali d’acacia con mineralità finale.

 

Sariano Umbria Rosso IGT 2020 (foto 4)

Nasce da sangiovese in purezza, che discende dalla stessa vigna del trebbiano Arale. Sono state infatti raccolte le marze di sangiovese per la clonazione per poi mettere a dimora una vigna nuova con i cloni di quella originali. Le uve sono raccolte tardi tra fine settembre e inizi ottobre e il pigiato macera sino a dicembre. Il vino è elevato in botti grandi da 25 ettolitri per 22-23 mesi, è filtrato leggermente e affinato in bottiglia per almeno dei mesi.

 Note gustativeColore rosso rubino intenso.

Al naso si evidenziano ricordi di frutta rossa estiva in particolare di prugna e di ciliegia, cui si uniscono sfumature boisé e speziate.
In bocca il sorso è scorrevole con tannini levigati; vi è corrispondenza con quanto colto in fase olfattiva, e alle note fruttate si uniscono ricordi speziati.

 

Muffato delle Streghe Umbria Bianco Passito IGT 2020 (foto 5)
Per ottenere questo vino muffato è stato individuato un terreno in forte pendenza, praticamente una scarpata, di poco meno di un ettaro di superficie, che digradava verso il bosco ai cui piedi scorreva un piccolo ruscello, la cui l’umidità risaliva creando l’habitat ideale per lo sviluppo della botrite.
Essendo il terreno scosceso, è stato necessario terrazzarlo per poi piantumarlo nel 2010 con uve sauvignon e riesling renano. Queste sono vendemmiate a partire da fine settembre quando appaiono le prime muffe, raccogliendo solo l’uva attaccata al 50% dalla botrite nobile. Questa viene man mano pressata e il mosto è conservato al freddo sino al raggiungimento della massa totale, ossia ai primi di novembre. Si innesca allora la fermentazione; successivamente il vino ottenuto è travasato in caratelli da 120 litri dove rimane 24 mesi per essere poi imbottigliato nel formato di 500 ml.

Note gustative

Colore giallo brillante.
Profumi di miele, frutti canditi e caramello.
In bocca è suadente, avvolgente, con note mielate di spezie e di caramello.

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
KISEN EXPERIENCE, VIAGGIO FUSION IN ESTREMO ORIENTE
Kisen di via Gian Giacono Mora, a Milano, è un ristorante fusion, il primo nato dei 3 Kisen, dei quali uno in via Moscova di cui abbiamo detto qui, e uno a Busto Arsizio.   Dire fusion è corretto, ma non esaustivo in q... Leggi di più
OLIO OFFICINA FESTIVAL - CONDIMENTI PER IL PALATO & LA MENTE
In merito alle proprietà nutrizionali dell’olio extra vergine d’oliva non ci sono dubbi. E’ considerato un alimento nutraceutico, ossia un cibo medicina per le sue proprietà che giovano al benessere fis... Leggi di più
FISH&CHEF CELEBRA IL DECENNALE ATTRAVERSO LA CUCINA D’AUTORE
Dal 6 al 13 maggio 2019 riflettori accesi per la 10a edizione di Fish&Chef, il lago di Garda ci conquista. Dieci anni di Fish&Chef, grandi festeggiamenti per onorare la kermesse volta a raccontare il territorio del lago... Leggi di più
I SETTANT’ANNI DELLA CANTINA RUGGERI
La Cantina Ruggeri è nota per la qualità dei suoi Valdobbiadene Prosecco. L’azienda ha compiuto ora 70 anni, ma è tesa al futuro, più che al passato.   E questa tensione si concretizza attraverso la realizzazione... Leggi di più
CALAMARI RIPIENI SFUMATI CON LUGANA
Diciotto Magnum di vini bianchi e rossi per San Valentino
Facciamo seguito all’articolo Sedici Magnum di Bollicine per San Valentino (cliccare qui),  per passare dalle bollicine ai formati magnum per bianchi e rossi.     Alto Adige pinot nero riserva doc Praepositus 20... Leggi di più
DIVINO FESTIVAL, L’EVENTO ENOGASTRONOMICO SICILIANO PIÙ COOL
Sono 13 anni che i buongustai – locali e non, visto che arrivano anche i turisti che visitano la Sicilia – si danno appuntamento a Castelbuono per il DiVino Festival, quest’anno in programma dal 2 al 4 ... Leggi di più
BELVEDERE CAMPOLI È LA NUOVA TENUTA CONTE GUICCIARDINI: I VINI
Conte Guiccardini è una realtà vitivinicola toscana in provincia di Firenze, di proprietà dell’omonima famiglia, dal 1199 proprietaria del Castello di Poppiano la cui tenuta attualmente si sviluppa su 265 ettari 14... Leggi di più
“SAFARI NIGHT”: MIRO OSTERIA DEL CINEMA INCONTRA IL 1930 COCKTAIL BAR
Il 21 luglio arriva Safari Vol 1, il primo appuntamento nato dalla collaborazione tra il ristorante con il giardino nascosto nel cuore di Brera e il secret bar più famoso di Milano Cos’hanno in comune MIRO, osteri... Leggi di più
DONNE DEL VINO DELLA LOMBARDIA: MAGIA ED ELEGANZA DEL PINOT NERO
Milano sempre in movimento, Milano che non si ferma mai così come le Donne del Vino della Lombardia che in occasione della 5ª edizione della Milano Wine Week, la settimana milanese del vino, ripropone una degustazione a ... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.