22ago 2020
NON “SIGILLARE” L’ARROSTO. LA PERSISTENZA DI RITI TRIBALI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Navigando in rete in cerca di ricette sugli arrosti di carne siamo incappati più volte nel verbo “sigillare” impiegato per riassumere un’intera procedura, una preparazione, senza pertanto che questa venga spiegata. Con “sigillare” si intende esporre un taglio di carne a elevata temperatura in modo da chiuderne, sigillarne la superficie con una crosticina che lo impermeabilizzi così da non permettere la fuoriuscita di liquidi mantenendolo succulento. Non effettuando la sigillatura, la carne perderebbe quindi i propri succhi asciugandosi e conseguentemente indurendosi.

 

Ritenevamo che in merito non ci fossero più dubbi sull’inconsistenza di questa pratica dopo quanto è stato scritto da autorevoli fonti scientifiche, ma certe convinzioni sembrerebbero perdurare.
Da dove nasce questa credenza? Le origini sono ottocentesche e vanno attribuite a Justus von Liebig, chimico e accademico tedesco il cui nome è associato all’estratto di carne. In un suo libro editato a metà Ottocento, teorizzò, riassumendo molto banalmente, che se cauterizzando una ferita si impedisce la fuoriuscita di sangue, analogamente esponendo a elevata temperatura un taglio di carne se ne sigilla la superficie impedendo ai succhi di fuoriuscire. In pratica si tratta di cauterizzare l’arrosto.

 

Va inoltre ricordato Louis Camille Maillard, chimico e medico francese, che nel 1912 scoprì una reazione che prese il suo nome. Menzioniamo qui la reazione di Maillard perché citata talvolta in modo improprio, per convalidare la teoria della crosticina impermeabile, anche se non sostiene assolutamente ciò. Quella di Maillard è una reazione fra amminoacidi e carboidrati che dà luogo a una serie molto ricca di composti aromatici e prodotti colorati.

 

Semplificando il colore brunastro della crosticina che si forma sulla superficie della carne è per Maillard una reazione fra amminoacidi e carboidrati. A partire da 70 °C la carne diventa rosa; aumentando ulteriormente la temperatura in seguito alla rottura delle pareti cellulari, il processo di ossidazione si accentua e il colore tende al bruno. La reazione di Maillard è responsabile, oltre che del colore, anche del gusto dell'arrosto stesso. Pertanto questo complesso processo chimico, conferisce colore e sapore. Tale processo non impermeabilizza però la carne.

 

Ma cosa succede da un punto di vista chimico a un taglio di carne quando viene riscaldato?
Il calore entra nell'arrosto per conduzione mediante l'aria riscaldata del forno a circa 200 °C. All'interno dell'arrosto la temperatura aumenta lentamente e provoca una serie di reazioni riguardanti le diverse proteine che coagulano. Il collagene per effetto del calore si contrae e spinge i liquidi nelle due opposte direzioni: l'esterna e l'interna. Il risultato finale è che, con una cottura tradizionale l'arrosto si restringe fino a perdere un sesto del suo peso in seguito alla perdita dell'acqua periferica e della fuoriuscita dei succhi, e ciò accade anche se la carne è provvista di crosticina, non essendo quest’ultima impermeabile.

 

Ma se già nella prima metà del Novecento ricerche scientifiche statunitensi invalidarono la teoria di Liebig, in periodo più recente alcuni scienziati come Harold McGee, Hervé This, Dario Bressanini, hanno spiegato scientificamente che cauterizzando la carne, sigillandola se si preferisce, i succhi non sono trattenuti dalla crosticina in quanto, come detto, questa è permeabile, per cui stupisce che sopravvivano credenze ormai superate. La teoria del sigillare è concettualmente errata da qualsiasi punto di vista si esamini: va da sé che l’esposizione al calore elevato di un taglio di carne, causa una più intensa evaporazione dell’acqua presente nei tessuti, e quindi una disidratazione che implica una minore succulenza e non il contrario.

 

E poi dopo aver cotto l’arrosto, o una bistecca, con tanto di crosticina lasciandolo a riposo si può constatare che libera liquido proporzionalmente alla grandezza, come dimostrazione pratica della permeabilità della crosticina. Pertanto sarebbe più corretto spiegare che la crosticina serve a insaporire, colorire, dare consistenza, in piena sintonia con la reazione di Maillard. Sono le basse temperature a mantenere succulenta la carne, ma questo è un altro discorso.

 

Bibliografia
Stefano Colonna, Fabiano Guatteri, Cucina e Scienza, Milano, Hoepli, 2008

1

Photo Credits

Photo 1 : Shutterbug75 da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
IL BUONO IN TAVOLA: IN SANT’EUSTORGIO I PRODOTTI AGRICOLI LOMBARDI
Il Buono in TavolaBuono in Tavola, da martedì 16 Gennaio ritorna a Milano all’ombra della Basilica di Sant’Eustorgio con il meglio della produzione agricola lombarda a chilometro “vero”.  Tra le n... Leggi di più
DEBUTTI MILANESI: LA PIZZA IN TEGLIA ROMANA DI PIZZOTTELLA
In effetti è proprio la prima volta che a Milano si inaugura un locale dedicato solo all’autentica pizza in teglia romana, ossia Pizzottella, ed è proprio il caso di dire: “Era ora”!   Com’è pos... Leggi di più
EL GRAN BURGHER DE MILÀN, NEL MENÙ DE LE BICICLETTE
E adesso chi glielo dice alla famosa catena americana degli archi d'oro che ha preso d'assalto tutto il mondo con il suo famoso burgher? Si, perché a Le Biciclette - che sembra un angolo del newyorchese Red Rooster sui ... Leggi di più
BOCUSE D’OR: ANNUNCIATI I 4 CHEF CHE RAPPRESENTERANNO L'ITALIA
BOCUSE D’OR: annunciati a Milano i 4 chef che rappresenteranno l'Italia nella prossima edizione  Chissà lo stupore e l'orgoglio dei cuochi del Mugello e del gelataio di Urbino che Caterina de' Medici  portò in Fra... Leggi di più
ABRUZZO PASSERINA SUPERIORE DOP FERZO 2016
L’Abruzzo enologico trova in Codice Citra  la realtà vitivinicola più rappresentativa. Fondata nel 1973 riunisce nove cantine sociali. Da pochi anni il Consorzio ha lanciato Ferzo, una nuova linea costituita da pic... Leggi di più
CHAMPAGNE E GELATO, APRE A MILANO IL CONCEPT STORE CERDINI & QUENARDEL
Può sembrare un accostamento insolito quello tra le bollicine francesi il gelato e i Macaron, eppure la Maison de Champagne J. Henri Quenardel, fondata a Ludes nel 1906, da molti anni proprio insieme con la famiglia Cerd... Leggi di più
BIG PEAT IN EDIZIONE LIMITATA PER IL NATALE 2015
Il Premium Islay Vatted Malt Scotch Whisky Big Peat, della Douglas Laing & Co., lancia sul mercato italiano la sua edizione limitata per le Festività Natalizie del 2015. Imbottigliato alla gradazione piena di 53,8 % vol... Leggi di più
FAUSTO MELOTTI: QUANDO LA MUSICA DIVENTA SCULTURA
Al castello di Miradolo l’11 novembre apre la grande mostra “Fausto Melotti. Quando la musica diventa scultura”, organizzata dalla Fondazione Cosso. Artista poliedrico, considerato uno dei protagonisti ... Leggi di più
A UN PASSO DAL CIELO (W LA MAFIA). ORA A MILANO
A un passo dal cielo è il terzo spettacolo della rassegna PALCO OFF: un'occasione per incontrare la Sicilia negli spettacoli, negli incontri e nelle degustazioni di cibi e vini nei giorni 27, 28, 29 gennaio 2017   Aldo... Leggi di più
TARASSACO: POTENTE DEPURATIVO, AMICO DEL FEGATO
Il tarassaco è chiamato anche dente di leone, soffione o insalata matta: si tratta di una pianta erbacea che cresce spontaneamente nei prati dalla primavera e per molti mesi dell’anno, e che difficilmente viene coltivata... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.