22ago 2020
NON “SIGILLARE” L’ARROSTO. LA PERSISTENZA DI RITI TRIBALI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Navigando in rete in cerca di ricette sugli arrosti di carne siamo incappati più volte nel verbo “sigillare” impiegato per riassumere un’intera procedura, una preparazione, senza pertanto che questa venga spiegata. Con “sigillare” si intende esporre un taglio di carne a elevata temperatura in modo da chiuderne, sigillarne la superficie con una crosticina che lo impermeabilizzi così da non permettere la fuoriuscita di liquidi mantenendolo succulento. Non effettuando la sigillatura, la carne perderebbe quindi i propri succhi asciugandosi e conseguentemente indurendosi.

 

Ritenevamo che in merito non ci fossero più dubbi sull’inconsistenza di questa pratica dopo quanto è stato scritto da autorevoli fonti scientifiche, ma certe convinzioni sembrerebbero perdurare.
Da dove nasce questa credenza? Le origini sono ottocentesche e vanno attribuite a Justus von Liebig, chimico e accademico tedesco il cui nome è associato all’estratto di carne. In un suo libro editato a metà Ottocento, teorizzò, riassumendo molto banalmente, che se cauterizzando una ferita si impedisce la fuoriuscita di sangue, analogamente esponendo a elevata temperatura un taglio di carne se ne sigilla la superficie impedendo ai succhi di fuoriuscire. In pratica si tratta di cauterizzare l’arrosto.

 

Va inoltre ricordato Louis Camille Maillard, chimico e medico francese, che nel 1912 scoprì una reazione che prese il suo nome. Menzioniamo qui la reazione di Maillard perché citata talvolta in modo improprio, per convalidare la teoria della crosticina impermeabile, anche se non sostiene assolutamente ciò. Quella di Maillard è una reazione fra amminoacidi e carboidrati che dà luogo a una serie molto ricca di composti aromatici e prodotti colorati. 

 

Semplificando il colore brunastro della crosticina che si forma sulla superficie della carne è per Maillard una reazione fra amminoacidi e carboidrati. A partire da 70 °C la carne diventa rosa; aumentando ulteriormente la temperatura in seguito alla rottura delle pareti cellulari, il processo di ossidazione si accentua e il colore tende al bruno. Per essere più precisi, se noi mettiamo una bistecca ben asciutta e unta d'olio in una padella poniamo di ferro, e comunque non antiaderente, portata precedentemente a 140 °C, l'elevato calore darà vita in breve tempo alla reazione di Maillard. Tale reazione  è responsabile, oltre che del colore, anche del gusto dell'arrosto stesso. Pertanto questo complesso processo chimico, conferisce colore e sapore. Tale processo non impermeabilizza però la carne. Se infatti dopo la cottura mettessimo la bistecca in questione su un piatto e la lasciassimo  riposare,  vedremmo poco dopo fuoruscire  liquido dalla carne, a dimostrazione che la reazione di Maillard "non sigilla".

 

Ma cosa succede da un punto di vista chimico a un taglio di carne quando viene riscaldato?
Il calore entra nell'arrosto per conduzione mediante l'aria riscaldata del forno a circa 200 °C. All'interno dell'arrosto la temperatura aumenta lentamente e provoca una serie di reazioni riguardanti le diverse proteine che coagulano. Il collagene per effetto del calore si contrae e spinge i liquidi nelle due opposte direzioni: l'esterna e l'interna. Il risultato finale è che, con una cottura tradizionale l'arrosto si restringe fino a perdere un sesto del suo peso in seguito alla perdita dell'acqua periferica e della fuoriuscita dei succhi, e ciò accade anche se la carne è provvista di crosticina, non essendo quest’ultima impermeabile.

 

Ma se già nella prima metà del Novecento ricerche scientifiche statunitensi invalidarono la teoria di Liebig, in periodo più recente alcuni scienziati come Harold McGee, Hervé This, Dario Bressanini, hanno spiegato scientificamente che cauterizzando la carne, sigillandola se si preferisce, i succhi non sono trattenuti dalla crosticina in quanto, come detto, questa è permeabile, per cui stupisce che sopravvivano credenze ormai superate. La teoria del sigillare è concettualmente errata da qualsiasi punto di vista si esamini: va da sé che l’esposizione al calore elevato di un taglio di carne, causa una più intensa evaporazione dell’acqua presente nei tessuti, e quindi una disidratazione che implica una minore succulenza e non il contrario.

 

E poi dopo aver cotto l’arrosto, o una bistecca, con tanto di crosticina lasciandolo a riposo si può constatare che libera liquido proporzionalmente alla grandezza, come dimostrazione pratica della permeabilità della crosticina. Pertanto sarebbe più corretto spiegare che la crosticina serve a insaporire, colorire, dare consistenza, in piena sintonia con la reazione di Maillard. Sono le basse temperature a mantenere succulenta la carne, ma questo è un altro discorso.

 

Bibliografia
Stefano Colonna, Fabiano Guatteri, Cucina e Scienza, Milano, Hoepli, 2008

Dario Bressanini, Le scienze Blog

Dello stesso autore

Non depurate / spurgate le vongole in acqua e sale!

Il curioso linguaggio di certa letteratura gastronomica: tuffare, irrorare, farcire

Non avvolgere l’arrosto nell’alluminio 

Usi e abusi del rosmarino in cucina

Ma mescolare, emulsionare e mantecare sono diventati sinonimi?

Dubbio amletico: pentola e casseruola sono sinonimi?

Rucola o ruchetta? Precisazione in merito a due piante spesso confuse

Le bugie di Topo Gigio e le grappe di bambù

1

Photo Credits

Photo 1 : Shutterbug75 da Pixabay
Articoli Simili
I più letti del mese
PAOLO-STELLA-E-SAMMONTANA-PER-ANT
Quando la presentazione di un libro può raggiungere diversi obiettivi e molto positivi per la collettività. Paolo Stella, autore del libro “Per Caso (tanto il caso non esiste)”, pubblicato da Mondadori, a due... Leggi di più
MURALIA, VINI MAREMMANI DALL’ACCENTO INTERNAZIONALE
Abbiamo incontrato Stefano Casali (foto 1), in rappresentanza della Società Agricola Muralia, a un press lunch organizzato dall’Agenzia di Comunicazione PR Comunicare il Vino al ristorante il liberty di Miano. E&rs... Leggi di più
CACCIA AL TARTUFO CON IL TARTUFAIO E PRANZO AL TARTUFO
L’iniziativa di Savini Tartufi propone la Truffle Bite Experience, una mattina con pranzo che ruota attorno al tartufo. L’esperienza si svolge in Toscana, in un casolare in collina che domina 30 ettari di bo... Leggi di più
I MIGLIORI COCKTAIL DEL LAGO DI COMO ALLA COMO LAKE COCKTAIL WEEK
Sorseggiare un ottimo cocktail vista lago, fare un cocktail tour in barca o imparare a creare a casa cocktail perfetti ? Si può, dal 3 al 7 luglio, la prima edizione della Como Lake Cocktail Week, una 5 giorni all’... Leggi di più
CARPACCIO BATTUTO CON PORCINI E FIORI DI ZUCCHINA
A OMEGNA IL CANNOLO PIÙ LUNGO DEL MONDO
Al Forum Omegna (VB) il prossimo 11 dicembre, alle ore 10:00, l’appuntamento sarà con il Cannolo più lungo del mondo. Oltre 30 metri di lunghezza per 10 centimetri di diametro e più di duecento chilogrammi di ricot... Leggi di più
ENRICO RIZZI PRESENTA LA SUA “COLLEZIONE NATALE 2022” AL PARK HYATT
Il Natale di Enrico Rizzi  è sicuramente tra i più promettenti considerato l’ampio assortimento che offre la collezione presentata al Park Hyatt: macarons, praline, gianduiotti, cioccolati, caramelle, marrons glacé... Leggi di più
CHEF CLAUDIO SADLER E CHAMPAGNE NICOLAS FEULLATTES: LA PIZZA DI CECI
NON AVVOLGERE L’ARROSTO NELL’ALLUMINIO
La cucina è un luogo strano. Ci sono persone brillanti che in cucina perdono lucidità quasi che i fornelli resettassero la loro intelligenza. Per cui una persona dotata di buona logica, può finire per perderla tra padell... Leggi di più
A OLIO OFFICINA FESTIVAL 2021 IN DIRETTA STREAMING
Olio Officina Festiva si terrà quest’anno i giorni 4, 5 e 6 febbraio 2021, con un extra, domenica 7, interamente dedicato agli assaggi degli oli extra vergini di oliva.La pandemia, oltre a non permettere la realizz... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.