27ott 2023
MERANO WINE FESTIVAL 2023 DALLE ORGINI AL FUTURO DELL’ENOGASTRONOMIA
Articolo di: Laura Biffi

Merano WineFestival 2023 è in programma dal 3 al 7 novembre: dalle origini al futuro dell'enogastronomia passando per la sostenibilità.

 

La 32^ edizione della nota rassegna internazionale supera, quest’anno, il concetto di eccellenza. L'appuntamento con gli amanti della qualità enogastronomica 2023 segna anche il ritorno al format lanciato dal patron Helmuth Köcher (foto 1): bio&dynamica e GourmetArena in apertura, seguita dalle giornate centrali di The Festival, con espositori presenti per tutte le giornate di sabato, domenica e lunedì. Un ritorno alla tradizione che guarda, però, al futuro con numerose novità.

 

Tra queste, le nuove menzioni speciali che certificano una selezione sempre più accurata (ICONIC, UNIQUE, PLATINUM e NEXT PLATINUM), più spazio per gli espositori internazionali, super Masterclass nella cornice del Castello Principesco, un’area dedicata a Luca D’Attoma “Luca D’Attoma: percorrendo l’Italia” ma anche il Summit internazionale sulla Sostenibilità “Respiro e Grido della Terra”, oltre al The WH Buyers’ Club che andrà a completare il programma della manifestazione.

 

«La ricerca dell'eccellenza nel mondo dell'enogastronomia non ha mai fine, perché l'evoluzione stessa delle tecnologie e delle tecniche agricole non ha limiti definiti. Eccellenza è un concetto che deve andare di pari passo con il rispetto per la fertilità del nostro pianeta. Dove l'uomo non accarezza il territorio nel quale vive, la Terra risponde con tutta quella serie di stravolgimenti che sempre più osserviamo», sono le parole con le quali Helmuth Köcher inaugura la nuova edizione di Merano WineFestival. Sostenibilità è la parola chiave, perché solo in questa direzione è possibile perseguire eccellenza, fino a superarla, come certificato dalle nuove menzioni: ICONIC, UNIQUE, PLATINUM e NEXT PLATINUM.

 

Infatti, la 32^ edizione di Merano WineFestival rinnova l'appuntamento con il Summit sulla sostenibilità a 360°: “Respiro e Grido della Terra” durante il quale si farà il punto della situazione dopo un anno di eventi targati The WineHunter legati al cambiamento climatico che in questi ultimi anni con siccità e inondazioni, ha mostrato segnali inequivocabili.

 

La sezione “The Festival” sarà dedicata alle menzioni speciali del The WineHunter Helmuth Köcher con uno sguardo che dalla tradizione guarda a 360 gradi al futuro. Quest'anno Helmuth Köcher ha voluto spingersi oltre l'eccellenza, già raggiunta con la menzione PLATINUM, per quei prodotti che nel 2023 hanno raggiunto un punteggio superiore a 95/100, e NEXT PLATINUM dove sono racchiuse le promesse del futuro già insignite del The WineHunter Award Gold nelle diverse categorie. «Eccellenza significa rappresentatività iconica del territorio ma anche unicità di prodotti che nascono solo in condizioni particolarissime e non riproducibili in altri contesti. Un patrimonio che deve essere tanto protetto quanto valorizzato al punto che abbiamo immaginato nuove e specifiche menzioni: ICONIC, UNIQUE, PLATINUM E NEXT PLATINUM", ci spiega The WineHunter.

Come novità, ci saranno le due nuove menzioni: ICONIC, attribuita a quei vini che rappresentano un riferimento di eccellenza nazionale ed internazionale per un determinato territorio, insigniti del The WineHunter Award Gold, presenti sul mercato da almeno 25 anni e prodotti da aziende storiche con almeno 50 anni di attività. UNIQUE, invece, è la menzione che certifica i prodotti unici per tipologia di vinificazione e/o affinamento, così come per vitigno unico oppure per condizioni pedo-climatiche estreme se non eroiche, anche questi già riconosciuti dal The WineHunter Award Gold.

 

Sarà un ritorno ad una tradizione ormai decennale, la prossima edizione di Merano WineFestival, con venerdì 3 novembre dedicato alla rassegna bio&dynamica che suggella l'importanza del focus sul biologico, biodinamico, organico e orange. Poi, da sabato 4 a lunedì 6 novembre la scena è per le selezioni di The WineHunter nella cornice liberty del Kurhaus, da quest'anno, ancora più ricca con la sezione International che presenta prodotti provenienti dai cinque continenti. Infine il martedì, é Catwalk Champagne per gli amanti delle bollicine d'oltralpe e nazionali. Il festival meranese è wine ma anche food, la Gourmet Arena con i sapori della tradizione gastronomica italiana del Food - Spirits and Beer ospiterà, infatti, numerosi show cooking, che partiranno già venerdì negli spazi dedicati alla Campania e all'Abruzzo, insieme a molti eventi collaterali e Masterclass.

 

Tra i tanti eventi segnaliamo: venerdì Masterclass con Luca D'Attoma, enologo sperimentatore della viticoltura biologica in Italia capace di innovare fino alle eccellenze biodinamiche della sua cantina senese e la giornata del DNA Vernatsch, in presenza di nove produttori locali nelle sale del Kurhaus, poi, nel pomeriggio, la presentazione del libro “Terradivina” di Riccardo Corazza. Nell’ambito di bio&dynamica, segnaliamo, la Masterclass “Resistenti Nicola Biasi - I vini del futuro” con Helmuth Köcher, Attilio Scienza e Nicola Biasi.

 

Sabato è in programma il “Mercato della Terra” a cura di Slow Food Alto Adige, al Teatro Puccini il Summit “Respiro e Grido della Terra” con esperti che si confronteranno sul tema della sostenibilità. Al pomeriggio, la presentazione del libro “Intrepide, Storie di donne, vino e libertà” firmato da Laura Donadoni, la Masterclass “Eccellenza dall’Albania” by Cobo Winery con il wine critic Luca Gardini e in serata presso la GourmetArena Campania showcooking con Antonio Tubelli e Umberto Mazza.

 

Domenica la presentazione della Guida Vini Buoni d’Italia al Teatro Puccini e presso l'Hotel Therme Merano la Tavola Rotonda e Masterclass “La nuova filosofia del calice sensoriale secondo Italesse, l’importanza della cultura del calice per esaltare l’unicità di ogni singolo vino”, a seguire, la Masterclass Georgia con i “Vini Qvevri – I vini in anfora”. E ancora in serata presso il Castello Principesco: “La Storia di Masseto”, degustazione di 3 annate in una tavola rotonda a cura di Roberto Camuto Wine Storyteller con la presenza di Lamberto Frescobaldi.

 

Lunedì, al Castello Principesco assieme a Oscar Farinetti, Albiera Antinori e Priscilla Incisa della Rocchetta l’evento “Le Vite Parallele di Tignanello & Sassicaia” delle annate 1990/2008/2018. Nel pomeriggio, invece, Premio Godio meets Premio Zierock, evento che celebra la cucina genuina e del territorio, nonché una visione olistica della produzione del vino e in serata la presentazione della Guida “Osterie D'Italia” by Slow Wine alla Cantina di Merano. Infine, martedì la finale del concorso “Emergente Sala 2023”, che premia i migliori camerieri e maître d’Italia.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATINO DEL RI-USO IN TOUR, DOMENICA 2 GIUGNO A TRAVACÒ SICCOMARIO
Cultura del Ri-Uso e festa per celebrare i 10 anni de Il Girasole: alle porte di Pavia domenica di festa all’insegna del flower power e della sostenibilità. Woodstock alle porte di Pavia, nei pressi del Ponte Cope... Leggi di più
LE PIZZE D’AUTORE DI LIEVITÀ VETRA: PIZZE GOURMET AD ALTA DIGERIBILITÀ
Il marchio Lievità,  che conta cinque locali a Milano, ha recentemente aperto una nuova pizzeria in Piazza Vetra sotto il porticato del Vetra Buinding.     Le pizze   La pizzeria, come le altre del brand, si qualifi... Leggi di più
ECHI DI FRANCIA: CÔTES DES ROSES DI GERARD BERTRAND IN ITALIA CON VALDO
Côte des Roses di Gérard Bertrand  è il simbolo dell’art de vivre nel sud della Francia, fa parte di una realtà enologica con un fatturato di 175 milioni di euro ed è distribuito in oltre 110 Paesi nel mondo. Impor... Leggi di più
CENA AL MUSEO ARRIVA A “LEONARDO & WARHOL. THE GENIUS EXPERIENCE”
Cena al museo. Una speciale Cena all’interno della prima mostra immersiva con opere originali.  A partire dal 15 Marzo, ogni weekend, speciali Cene al Museo all’interno di “Leonardo & Warhol. The Geniu... Leggi di più
TORNA VIN-o-TON: MUSICA CLASSICA ALLA TENUTA ALOIS LAGEDER
In anteprima sarà presentata l’opera della compositrice olandese Mathilde Wantenaar (foto 1), "Songs of Transience".   Il concerto si inserisce in un più ampio programma che vedrà intrecciarsi musica, vino e cibo... Leggi di più
Cinque Calici di bollicine per brindare a Pasqua
Le bollicine non hanno stagione, sono sempre adeguate e gradite in ogni periodo dell’anno. Ma vi sono alcune occasioni in cui diventano imprescindibili, soprattutto nei momenti celebrativi, per festeggiare un event... Leggi di più
Don Papa Experience Lab
È il tema Materia Natura ad aver convinto Don Papa il Rum filippino (foto 1) a partecipare per la prima volta al Fuorisalone 2024 creando un’oasi dove natura, design, arte, sapore, musica si intersecano in un&rsquo... Leggi di più
IL SALTO DELL’UVA NELLA TRAMOGGIA E LE ANIME DEI VINI EMILIA WINE
È tutto nato per il rumore che fa l’uva. Swiscc o tu tun . Emilia Wine vuole contraddistinguere il territorio Ca’ Besina, Metodo Classico dal vitigno Spergola 6 anni di posa su lieviti sboccatura 2021 Si ini... Leggi di più
CALDO FREDDO DI PENNE AL NERO E CRUDITÀ DI CALAMARI E GAMBERI
Colline Albelle: l’interpretazione del vino di Julian Reneaud
Colline Albelle  è una giovane azienda toscana con sede nel comune di Riparbella, borgo medievale in provincia di Pisa, nata dall’incontro di Julian Reneaud (foto 1), agronomo ed enologo, con due produttrici di vin... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.