10gen 2021
IL CURIOSO LINGUAGGIO DI CERTA LETTERATURA GASTRONOMICA: TUFFARE, IRRORARE, FARCIRE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Ci capita di leggere ricette in rete è constatare che certi termini impropri sono diffusi, ossia non rappresentano l’intercalare errato di un autore, ma una terminologia condivisa, quasi fosse il linguaggio gergale di una sorta di community, di una corporazione, di una congregazione.
Quando, cioè, lo stesso errore si diffonde ci viene da pensare che una fonte ritenuta autorevole abbia lanciato un uso errato di un termine che, a cascata, ha coinvolto un’intera community. Quello che vorremmo sottolineare è che non si tratta di errori di distrazione che appaiono sporadicamente nei testi, ma sono errori sistematici, costanti.

 

Irrorare
Un esempio? Consideriamo il significato del verbo irrorare. Per la il Vocabolario Treccani significa bagnare di rugiada bagnare di stille, in riferimento alla rugiada. Per estensione spruzzare, aspergere. Volendo utilizzare questo termine se vogliamo poetico, in gastronomia, dovrebbe riferirsi a un liquido che si asperge utilizzando per esempio uno spruzzino, o con qualsiasi altro mezzo, per esempio l’olio, l’aceto, o altro liquido. Ma quando per contro si versa una besciamella su una preparazione o si condisce la stessa a filo con l’olio, o con il miele, quando si aggiunge una salsa a un pesce, irrorare oltre che improprio suona ridicolo perché non è sinonimo dei più congrui nappare versare, distribuire.

 

Tuffare
A volte, ma non vogliamo essere cattivi, sarebbe educativo se un autore mostrasse quanto descrive nella pratica. Sicuramente “modererebbe il linguaggio” se dovesse coerentemente applicare le stesse modalità che descrive. Veniamo a tuffare. Di primo acchito verrebbe da considerare che sia un termine che abbia più a che fare con qualche sport acquatico, con la balneazione per intenderci, più che con la gastronomia. In merio il Vocabolario Treccani recita: gettare nell'acqua o in un liquido, con una certa forza e decisione, lasciarsi cadere in un liquido, per lo più con un balzo, fare un tuffo.

 

Se si “tuffa” un sasso nell’acqua si provocherà, tra le altre cose, uno spruzzo, così come i ragazzi che si tuffano a bomba in piscina per “irrorare” qualcuno. E in ambito gastronomico ovviamente gli effetti collaterali che produce un tuffo non cambiano. Quando dobbiamo friggere un cibo come ci regoliamo? Lo immergiamo con molta cautela nell’olio che avrà raggiunto almeno 160°C se non di più perché se lo tuffassimo gli schizzi ci ustionerebbero le mani, così come se tuffassimo la pasta nell’acqua bollente. Pericoloso dare tali indicazioni perché qualcuno potrebbe seguirle pedissequamente metterle in pratica. Sarebbe quindi auspicabile  che il verbo  tuffare lasciasse le padelle per rimanere nelle piscine associato quindi più a tuffi carpiati che a frittelle.

 

Farcire
Farcire significa, come è risaputo, riempire, imbottire, come indicato dal Vocabolario Treccani. Per cui farciamo un panino per preparare un sandwich, il calzone o il panzerotto, il volatile, i ravioli, le lasagne, i cannelloni e via elencando, quando inframezziamo, interponiamo, introduciamo, poniamo tra due preparazioni una terza o riempiamo con un composto o un ingrediente un incavo come la cavità addominale di un volatile o di un pesce, una tasca di carne. Però se spalmiamo una tartina con il burro, non stiamo farcendola, ma spalmandola; se disponiamo sopra un disco di pasta di pizza il pomodoro o la mozzarella per ottenere una pizza che non chiuderemo né che copriremo con un altro strato di pasta, stiamo guarnendo, disponendo un topping, distribuendo gli ingredienti, quel che si vuole, ma non farcendo. Ovviamente possiamo ritenere che se utilizzare il termine farcire per qualcuno sia liberatorio allora a prescindere dal significato corretto, si può sicuramente continuare a utilizzarlo a sproposito. Però per evidenziare la non opportunità di utilizzare a sproposito un termine, può esserci d’aiuto riproporre lo stesso errore in un ambito non culinario. Per esempio in cosmesi, scrivere anziché “spalmare” in riferimento a un abbronzante da passare sulla pelle, “farcire”: per proteggervi dal sole farcite la pelle con una protezione 20. 

 

 

Dello stesso autore

 

Non depurate / spurgate le vongole in acqua e sale!

 

Non avvolgere l’arrosto nell’alluminio 

 

Usi e abusi del rosmarino in cucina

Non “sigillare” l’arrosto. La persistenza di riti tribali

Ma mescolare, emulsionare e mantecare sono diventati sinonimi?

Dubbio amletico: pentola e casseruola sono sinonimi?

Rucola o ruchetta? Precisazione in merito a due piante spesso confuse

Le bugie di Topo Gigio e le grappe di bambù

1

Photo Credits

Photo 1 : Angelo Giordano da Pixabay 
Articoli Simili
I più letti del mese
PASQUA E PASQUETTA 2018: LE PROPOSTE DELLA RISTORAZIONE IN ITALIA
Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi, così recita il famoso detto, ma quali sono le proposte della ristorazione per ingolosire i clienti durante le festività in arrivo? Se lo è chiesto TheFork, sito e app per Android ... Leggi di più
AL MUDEC JEAN-MICHEL BASQUIAT, L’ARTISTA AMERICANO SCOMPARSO A 27 ANNI
In mostra al Mudec  (Museo delle Culture dal 28 ottobre al 26 febbraio quasi cento opere di Jean-Michel Basquiat che ne descrivono la breve ma intensa carriera. Le opere del writer e pittore statunitense, scomparso il 1... Leggi di più
RUMBLE: IL GRANDE SPIRITO DEL ROCK
La grande storia del rock e delle sue radici nativo americane è protagonista al cinema con le I Wonder Stories. Presenta il film in sala Andrea Morandi. In anteprima a Sala Biografilm  in versione originale sottotitolata... Leggi di più
THE FOODIES BROS. E SIMONE RUGIATI: L’ARTE CULINARIA ITALIANA
THE FOODIES BROS. e Simone Rugiati reinterpretano la tradizionale arte culinaria italiana.   Dall’amore per il cibo e le buone tradizioni nasce un marchio che è garanzia di qualità, frutto dell’incontro tra gli esperti... Leggi di più
METTI UNA CENA CON ANGELA VELENOSI SORSEGGIANDO IL SUO “VERSO SERA”
E, improvvisamente, una donna bella, brillante, dinamica, di successo, blocca il racconto della sua impetuosa cavalcata nel mondo del vino perché il ricordo di un messaggio del padre nella segreteria telefonica gli togli... Leggi di più
AL TEATRO7 CON PASSIONE CUCINA 2 SERATE DEDICATE ALLA SEMPLICITÀ
Teatro7: Passione Cucina due serate dedicate alla semplicità della cucina regionale.   La cucina semplice è quella più immediata, sincera, e proprio per la sua semplicità, non ammette errori, correzioni con salse copre... Leggi di più
I DOLCI NATALIZI 2015: MARCELLO MARTINANGELI PROPONE I TRONCHETTI

Per il Natale 2015, Marcello Martinangeli delle Dolci Tradizioni propone 3 versioni di tronchetti, o "buche" in francese, dolci tipicamente natalizi: Marrons glacé Base di frolla, mousse ai marroni, cuore di mousse al... Leggi di più
REALTÀ IMPRENDITORIALI DI SUCCESSO: MONDODELVINO SPA A PRIOCCA (CN)
L’azienda è una delle più certificate in Italia, probabilmente la prima per attestati nel settore vinicolo, che non si ottengono per caso, ma sono il frutto di un percorso fortemente voluto e perseguito con impegno... Leggi di più
LA MOUSSE DI KNAM AL TRIS DAY | UNA STORIA TRENTENNALE
Chissà se in quel lontano 1987 il giovane Ernst Knam mentre realizzava la sua prima mousse ai tre cioccolati al Terrace del Dorchester di Londra intuì che sarebbe divenuta il suo dolce simbolo. Era diversa da quella che ... Leggi di più
LE NOVITA’ DEL NATALE 2019: LA PRALINA AL PANETTONE DI DAVIDE COMASCHI
La nuova pralina in edizione limitata di Davide Comaschi, il panettone racchiuso in uno scrigno di cioccolato è la novità del Natale 2019 che si aggiunge alle altre 10 praline della Galaxy Collection (foto 1).   Si chi... Leggi di più

 berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.