08ott 2023
Green Bowl la versione verde di Poke House
Articolo di: Fabiano Guatteri

Poke House,  catena ristorativa specializzata nei poke, ciotole di riso completate con crudità tagliate a cubetti, ha dato il via alla linea Green Bowl

 

Come si evince dal nome, ne rappresenta il côté verde ed è la realizzazione di un progetto che ha richiesto mesi di analisi e di ricerche. Grazie anche al sistema di Loyalty  di Poke House, molto seguito dal marketing, e che conta più di 300 mila iscritti, una vera community, la catena ha potuto raccogliere numerosi dati che ha incrociato con quelli rilevati dalla realtà esterna. Ciò che emerge è la domanda sempre più puntuale, da parte della clientela, di ingredienti sani. A ciò si è aggiunga la richiesta di cibi caldi, cucinati e l’aumento del 100% dei poke vegani. Basandosi su questi dati Poke House ha dato il via alla nuova linea che Vittoria Zanetti (foto 1) Founder di Poke House, ha presentato alla stampa nella location di via Turati (foto 2 e 3).

 

Nel corso dell’evento ha spiegato che la richiesta di cibo sano rappresenta un grande trend che “per noi vuol dire mangiare sano, ma con gusto, con colore, divertendosi, qualcosa da mangiare tutti i giorni e che non annoia, qualcosa di sempre piacevole”.

 

Vittoria Zanetti sottolinea che il cliente è sempre più attento all’origine del prodotto, alla sostenibilità, alla lunghezza della filiera. Pertanto “abbiamo analizzato le nuove richieste in parte già soddisfatte dalle Poke House, e abbiamo ampliato l’offerta”.

 

Avere il polso della situazione, comprendere ciò che piace o che non piace, sommato ai trend espressi dal mercato ha permesso a Poke House di capire come sviluppare e rinnovare la propria offerta. “Ogni anno proponiamo qualcosa di nuovo anche perché il cliente lo richiede ed è sempre più esigente. Pertanto, grazie anche al sistema di loyalty abbiamo captato varie esigenze e abbiamo introdotto i prodotti che ci hanno richiesto”.

 

Nasce così Green Bowl con una visione sostenibile al 100%, green perché è a base verde, perché ha molte più porzioni di verdure rispetto ai poke e la bowl non è a base di riso come nei poke, ma di insalata e per questa è stato allestito un apposito frigo. Inoltre sono stati introdotti ingredienti cucinati come il salmone cotto alla griglia, anziché crudo, così come le verdure. Ma per fare ciò “abbiamo dovuto cambiare la conformazione del bancone perché alcuni dei nostri ingredienti essendo cotti, vanno mantenuti caldi, mentre con il crudo si utilizza il freddo”.

 

Il materiale della stessa bowl è cambiato in quanto è di polpa di cellulosa per cui green, così come la ciotolina porta salsa che viene inserita nella bowl, perché Green Bowl è green anche nel packaging. Anche per Poke House la tendenza è green, prova ne è l’eliminazione progressiva della plastica, sostituita dalla carta.

 

Grande è l’attenzione nei confronti dei fornitori. Per quanto riguarda i prodotti extra UE Vittoria Zanetti chiarisce: “li utilizziamo, ma con i nostri piatti cerchiamo di disincentivarne l’impiego limitandoli, ossia offrendone in quantità minore come per esempio l’avocado ed è l’inizio di un percorso in cui cerchiamo di educare il cliente e in ogni caso siamo attenti alle produzioni nazionali di prodotti di origine extraeuropea”.

 

Le proposte Green Bowl sono molteplici (foto 4) anche vegan, ma ovviamente ciascuno può comporre la propria bowl abbinando gli ingredienti come meglio crede.

 

Abbiamo provato la Meat Bowl (fito 5 e 6) che è composta da misticanza condita con vinaigrette, sorgo (una piacevole sorpresa), scaglie di Grana Padano, zucchine al prezzemolo, pomodorini confit, polpettine di carne e salsa Caesar nella ciotolina. E’ indubbiamente un pasto completo, un vero piatto unico considerata la presenza di carboidrati (sorgo) e di proteine (polpette e Grana), con l’aggiunta dell’apporto vitaminico garantito dalla ricchezza di verdure. La bowl è indubbiamente gustosa, piacevole, e la presenza dei numerosi ingredienti mantiene viva e stimola la percezione gustativa grazie anche alla salsa. La green bowl soddisfa la fame, sazia ma, aspetto non secondario, senza appesantire.

 

Poke House è una realtà non solo nazionale, ma anche internazionale, che conta circa 75 locali, per cui si presterebbe al franchising. Ma Vittoria Zanetti in merito è stata categorica nell’escluderlo perché basterebbe un solo ristorante che non rispettasse scrupolosamente gli elevati standard qualitativi che la catena si è posta, per gettare discredito su tutta l’organizzazione. Ciò per dire quanto sia importante la qualità per Poke House.

1

2

3

4

5

6

Photo Credits

Photo 3 : https://www.facebook.com/pokehouseit/photos
Articoli Simili
I più letti del mese
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
IL GRANDE EVENTO DELL’ASSOCIAZIONE VITICOLTORI DI GREVE IN CHIANTI
I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la prop... Leggi di più
ZENI1870 E IL MUSEO DEL VINO MULTIMEDIALE
Dopo quasi due anni di lavoro dedicato alla raccolta e alla catalogazione di foto e di reperti, è stato inaugurato l’Album Digitale del Museo del Vino di Zeni1870, risultato di una collaborazione con vari attori qu... Leggi di più
SARANNO FAMOSI - PROMESSE MANTENUTE, A CURA DI PAOLA RICAS
Il libro “Saranno Famosi” mutua il nome dall’omonima rubrica del mensile La Cucina Italiana, pubblicata quando il magazine era diretto da Paola Ricas. La rubrica era curata da Tony Cuman raffinato somme... Leggi di più
Matteo Torretta è il nuovo chef di  El Porteño Gourmet Milano
El Porteño Gourmet è un ristorante argentino inaugurato nel dicembre del 2019 in pieno centro cittadino, in via Speronari 4.   L’interior design (foto 1 e 2) è firmato da Angus Fiori architects, studio curatore d... Leggi di più
CARNEVALE, MA CON STILE, DA MARCHESI 1824
In occasione di Carnevale, Marchesi 1824 e il Pastry Chef Diego Crosara presentano chiacchiere, tortelli, torte e biscotti decorati in tema carnevalesco.   Ecco le proposte Tortelli: selezione di tortelli vuoti, uvett... Leggi di più
LE GUIDE FOOD DORCHESTER COLLECTION DOVE SCOPRIRE LE METE PIÙ INSTAGRAMMABILI
Le #DCmoments City Guides, ossia e guide ai monumenti e ai siti di interesse architettonico e artistico delle città in cui sono presenti gli hotel Dorchester Collection si sono rivelate progetto vincitore degli Shorty Aw... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.