18feb 2024
Elogio del mangiare con le mani, di Allan Bay
Articolo di: Fabiano Guatteri

Allan Bay è nato a Milano si è laureato in Economia politica alla Bocconi con una tesi in Storia economica. Dal 1994 è giornalista nel settore enogastronomico. Ha scritto sul “Corriere della Sera”, ha curato la rubrica settimanale dei ristoranti milanesi su “ViviMilano” e anche una rubrica settimanale di cultura culinaria su “Diario della settimana”. Dal 2003 al 2006 è stato professore incaricato di Cucina presso l’Università di Pavia. Con Feltrinelli ha pubblicato una serie di libri di cucina: Cuochi si diventa , Cuochi si diventa 2 , Cuoco me (“Kids”, 2005), Le ricette degli altri , 77 ricette perfette e un romanzo scritto con Camilla Baresani, La cena delle meraviglie e molti altri ancora.

 

Leggendo il suo Elogio del mangiare con le mani, si impone, qualificando subito il libro, l’apporto storico che costituisce il primo capitolo. La narrazione attentamente documentata porta a un percorso che inizia nella preistoria, quando l’uomo “aveva la coda” sino all’invenzione della forchetta, nata in Cina e messa a punto a Bisanzio.

 

Ed è questa la posata che l’autore non ama. Il cucchiaio, è una necessità, il coltello può servire per preparare i cibi da consumare con le mani, ma la forchetta proprio no. E qui ricorda Jun’ichirō Tanizaki  che nel suo Libro d’OmbraDiceva di come la forchetta, rispetto alle bacchette orientali, avrebbe un’interazione più brutale e aggressiva col cibo; in altre parole, mentre le bacchette accolgono il cibo, cioè lo raccolgono senza spezzarne l’unità e l’armonia, la forchetta lo infilza e lo trafigge, inserendosi in esso come corpo esterno e rompendone l’unità estetica

 

Le posate furono argomento di riflessione anche per un economista quale Karl Marx  che in Lineamenti fondamentali della critica dell’economia politica, scriveva “La fame è la fame; tuttavia, una fame che venga soddisfatta da carne cotta mangiata con coltello e forchetta, è una fame diversa da quella che vien placata da carne cruda mangiata, servendosi di mani, unghie e denti. Mediante la produzione non è solo prodotta la materia del consumo, ma anche il modo del consumo.” Ossia la produzione non crea solo il prodotto, ma anche il bisogno di consumarlo in un certo modo, in questo caso con le posate. Pertanto si tratta, al contrario della fame, di un bisogno culturale se si considera che vi sono popolazione che mangiano dignitosamente con le mani o utilizzando altri strumenti quali le bacchette.

 

Torniamo all’Elogio del mangiare con le mani. Abbiamo chiesto all’autore di fornirci una chiave di lettura del suo libro,
Elogio concerne una mia passione che solo pochi intimi sanno, che è mangiare con le mani. Come ho scritto “ toccando il cibo con le mani si
entra in una comunione con esso che non è sbagliato definire mistica”.
E passando da Karl Marx a Friedrich Hegel,  Bay cita il filosofo di Stccarda quando ricorda che “tutto ciò che è razionale è reale, tutto ciò che è reale è razionale» e siccome la sua passione è sostanzialmente reale, è pertanto anche razionale.

 

Sino a oggi, tuttavia, non l’avevo mai razionalizzata; non avevo neanche provato, considerandola semplicemente un mio vezzo, uno dei tanti, di non facile spiegazione”. E poi, con un certo compiacimento, ammette di essere da sempre snob e “mangiare con le mani reputo che sia la quintessenza dello snobismo”.

 

Ma con ciò non nutriva neppure il sospetto che un giorno avrebbe potuto redigere un libro sul mangiare con le mani. “Però arrivò il momento di razionalizzare questa passione quantomeno per mio uso e consumo”. Pertanto cominciò a scrivere a ruota libera traducendo in parole pensieri, spunti, ricette e fu così che si accorse che di fatto aveva raccolto il materiale necessario per pubblicare un libro e ciò accadde: “era il giorno del mio compleanno, l’11 ottobre del 2021”.

 

Elogio è anche un grande viaggio attraverso il pianeta per incontrare i vari cibi da mangiare con le mani, di cui fornisce brevi ricette descrittive, in culture che non usano le posate, non perché siano primitive, ma semplicemente diverse. Elogio entra nel merito di quali cibi si possano mangiare con le mani e quali no. Chiudono l’opera venti racconti autobiografici che vedono protagonisti altrettanti piatti, rigorosamente consumati con le mani, semmai con l’aiuto del coltello, ma mai della forchetta.

 

 

Elogio del mangiare con le mani
Allan Bay
Il Saggiatore
Febbraio 2024
336 pagine
€ 18

1

2

Photo Credits

Photo 2 : https://www.facebook.com/photo
Articoli Simili
I più letti del mese
Il progetto BioQitchen “Fair Food Innovation Lab”
Mauro Benincasa (a destra nella foto 1), Ceo del Gruppo HQ Food & Beverage, ha presentato alla stampa BioQitchen “Fair Food Innovation Lab” brand che affianca le altre tre anime del gruppo operative in divers... Leggi di più
BOLLICINE DAL MONDO, L’APP ON-LINE
Sul palco del Teatro Manzoni di Milano ha debuttato la prima edizione della guida BOLLICINE DEL MONDO innovativo progetto editoriale, in formato esclusivamente digitale, dedicato al meglio della produzione dei vini spuma... Leggi di più
LOCANDA RADICI: SOSTENIBILITÀ, CONTEMPORANEITÀ E SAPORI DELLA MEMORIA
La Locanda Radici si trova a Melizzano, nel Sannio Beneventano, alla confluenza dei fiumi Calore e Volturno, sulle prime pendici occidentali del Taburno.   È luogo non solo di bellezze paesaggistiche, ma anche di giaci... Leggi di più
LA MISCELA PERFETTA PER IL TIRAMISÙ ? È DOLCE DI GOPPION CAFFÈ
Si chiama Dolce ed è la storica miscela di Goppion Caffé  per fare un tiramisù perfetto. Chi lo dice? L’ Accademia del Tiramisù,  durante la serata dedicata alla scoperta della torrefazione. L’annuncio è stat... Leggi di più
IL GRANDE EVENTO DELL’ASSOCIAZIONE VITICOLTORI DI GREVE IN CHIANTI
I Viticoltori di Greve in Chianti si sono riuniti in una associazione di produttori del territorio lo scorso anno e, durante l’evento di presentazione della loro attività nel novembre 2021, hanno raccontato la prop... Leggi di più
ZENI1870 E IL MUSEO DEL VINO MULTIMEDIALE
Dopo quasi due anni di lavoro dedicato alla raccolta e alla catalogazione di foto e di reperti, è stato inaugurato l’Album Digitale del Museo del Vino di Zeni1870, risultato di una collaborazione con vari attori qu... Leggi di più
SARANNO FAMOSI - PROMESSE MANTENUTE, A CURA DI PAOLA RICAS
Il libro “Saranno Famosi” mutua il nome dall’omonima rubrica del mensile La Cucina Italiana, pubblicata quando il magazine era diretto da Paola Ricas. La rubrica era curata da Tony Cuman raffinato somme... Leggi di più
Matteo Torretta è il nuovo chef di  El Porteño Gourmet Milano
El Porteño Gourmet è un ristorante argentino inaugurato nel dicembre del 2019 in pieno centro cittadino, in via Speronari 4.   L’interior design (foto 1 e 2) è firmato da Angus Fiori architects, studio curatore d... Leggi di più
CARNEVALE, MA CON STILE, DA MARCHESI 1824
In occasione di Carnevale, Marchesi 1824 e il Pastry Chef Diego Crosara presentano chiacchiere, tortelli, torte e biscotti decorati in tema carnevalesco.   Ecco le proposte Tortelli: selezione di tortelli vuoti, uvett... Leggi di più
LE GUIDE FOOD DORCHESTER COLLECTION DOVE SCOPRIRE LE METE PIÙ INSTAGRAMMABILI
Le #DCmoments City Guides, ossia e guide ai monumenti e ai siti di interesse architettonico e artistico delle città in cui sono presenti gli hotel Dorchester Collection si sono rivelate progetto vincitore degli Shorty Aw... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.