12ago 2023
Cous cous d’autore al premio letterario Giuseppe Tomasi di Lampedusa
Articolo di: Fabiano Guatteri

Vi è un legame tra culinaria, letteratura, pittura, musica… in quanto sono tutte espressioni culturali.

 

E la gastronomia può raccontare un popolo, grazie all’immediatezza che le è propria, meglio di altre forme espressive.

 

La Sicilia, ricca di cultura, è un campo fertile. Abbiamo partecipato recentemente a una cena in cui ogni piatto era ispirato a un personaggio o a un ingrediente descritto da scrittori quali Verga, Pirandello Tomasi di Lampedusa, Camilleri.

 

Ma quando la cucina partecipa a un premio letterario, allora vi è un riconoscimento ufficiale della sua portata culturale. Ciò per dire che, siamo ancora in Sicilia, si è concluso domenica 6 agosto scorso il grande evento organizzato a Santa Margherita di Belice del XVIII premio letterario Giuseppe Tomasi di Lampedusa (fig. 1) nello splendido palazzo del Gattopardo.

 

L’evento ha visto la partecipazione di scrittori, critici d'arte, autori i quali hanno proposto temi culturali di notevole interesse.

 

A questi si sono affiancati momenti di musica, spettacolo, storia e tradizione, elementi fondamentali per celebrare il Gattopardo. Si è discusso del testo, dei personaggi, ma anche della cucina del romanzo durante la cena in occasione del ballo fra Tancredi e la bella Angelica! Per l’occasione chef rappresentativi del proprio territorio hanno dedicato le loro preparazioni al Gattopardo, reinterpretando piatti tradizionali descritti nel romanzo, come spigole in soffici salse, consommé, profumo di cannella, coralline aragoste, prosciutto, tartufo ed estratto di carne e piselli alla presenza di circa 150 ospiti. Tra gli chef presenti, Francesco Bonomo (foto 2) di Marsala ha saputo interpretare magistralmente il Ballo del Gattopardo, un cous cous con sugo di aragosta (foto 3) in sintonia non solo con il romanzo di Tomasi di Lampedusa ma anche in omaggio a Santa Margherita del Belice!

 

A ispirare il piatto di Bonomo è stato il ballo dell’affascinante e sensuale Angelica con il giovane Tancredi: i due danzano volteggiando in un grande e lussuoso salone aristocratico, inebriati da profumi di agrumi ed essenze, emanando fascino, bellezza, amore e passione! Lo chef Bonomo ha cercato di rievocare quel percorso, quell'attimo del ballo, quel periodo con un connubio di sapori, profumi e sensazioni racchiusi come in una sfera nel suo cous cous per questo chiamato il Ballo del Gattopardo

 

Ripensando alla storia, dove l'autore descrive una lunghissima e stretta tavola, illuminata da 12 candelabri, lo chef ha ideato il suo piatto in forma ovale con decorazioni circolari come il movimento rotatorio e armonioso del ballo di Angelica e Tancredi!

 

Ha scelto il cous cous, ci spiega, come simbolo di aggregazione, di pace e di uguaglianza, utilizzando molte delle materie prime descritte nel Gattopardo.

 

Bonomo ha insaporito il suo cous cous con un brodo di aragosta, ha adagiato a fianco una purea di piselli, l’ha impreziosito con petali di spigola marinata, con olio al prosciutto, con bottarga di uova di gallina e con gelée di Moscato. Ha inoltre esaltato il profumo con una sua essenza, ossia una dolce, sensuale e inebriante cannella.

 

Ciò che ha rappresentato Bonomo con il proprio cous cous, non è solo un piatto da servire agli ospiti, ma un intervento d’autore al pari di chi propone un brano musicale o letterario. E anche per questo, soprattutto per chi ne ha colto la valenza, ha saputo emozionare gli ospiti, riportando tutti al Palazzo Salina di Donnafugata, dove si tenne il celebrato ballo.

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
A MANTOVA FIERA MILLENARIA 2020: TERRITORIO, CIBO, COMUNITÀ
Torna, dal 4 all’8 settembre, la Fiera Millenaria di Gonzaga (MN), Fiera Nazionale dell’Agricoltura e dell'Agroalimentare iscritta nel calendario ufficiale delle Fiere Nazionali Specializzate, che vanta quasi... Leggi di più
SIMPLY THE BEST! 2019 | LE 10 ETICHETTE DA NON PERDERE (1/2)
Siamo stati a Simply the best! che abbiamo anticipato qui. Ovviamente non abbiamo potuto degustare i circa 150 vini esposti. Però, dei campioni che abbiamo esaminato abbiamo fatto una selezione di etichette che vi propon... Leggi di più
Il saper fare e l’orgoglio femminile nel nuovo marchio Tre Marie
Il logo delle Tre Marie si è rinnovato. Il nuovo marchio è stato presentato da Sammontana  e da Galbusera, le due aziende legate al brand milanese, rappresentate dalle rispettive Direttore Marketing Annalisa Ferri e Giov... Leggi di più
TENUTA DI GHIZZANO: IL TERRITORIO TOSCANO RACCONTATO DAI VINI MIMESI
Abbiamo già avuto modo di presentare Tenuta di Ghizzano  in occasione di un incontro virtuale con Ginevra Venerosi Pesciolini, la patronne dell’Azienda, di cui abbiamo scritto qui.      Centralità aziendale   ... Leggi di più
ESTATE ITALIANA - DANIELCANZIAN RISTORANTE
L'estate italiana in un menu firmato Daniel CanzianPer i mesi di luglio e agosto DanielCanzian Ristorante lancia uno speciale menu degustazione disponibile solo su prenotazione.A luglio e ad agosto DanielCanzian Ristoran... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: I VINI CONSORZIO ALTO ADIGE ANNATA 2020
Il Consorzio Vini Alto Adige ha presentato l’annata 2020 in un incontro stampa su piattaforma zoom, organizzato dall’Agenzia di Comunicazione AB. Presenti al meeting, Eduard Bernhart direttore del Consorzio e... Leggi di più
TEATRO 7 LAB È ANCHE APERITIVI, CENE, DELIVERY E TAKE AWAY
Partiamo dall’enunciato: chi insegna a cucinare, sa cucinare. Conseguentemente se una scuola di cucina, oltre a organizzare corsi, aprisse le porte al pubblico come se fosse un ristorante, ossia non per insegnare, ... Leggi di più
VIGNA ALTA 2017 E N’ANTIA 2013 E 2017 DI BADIA DI MORRONA
La storia di Badia di Morrona  risale al 1089 epoca in cui già esisteva l’abbazia attorno alla quale fu successivamente costruito il convento. Alla fine dell’Ottocento la chiesa vendette la Badia, che venne d... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.