03set 2022
A PANTELLERIA DEVI SAPERE DA DOVE INIZIARE E SE NON SAI: COME SI FA IL PASSITO
Articolo di: Stefania Turato

Cantina Minardi 
La proposta è molto varia, si può riconoscere la cucina pantesca a piene mani.
I vini che ci hanno amabilmente servito sono:
Leukòs Pantelleria dop Bianco;

Gusiras Terre Siciliane Igp Rosso;
Karuscia Passito di Pantelleria Dop che fa vinificazione con fermentazione lenta a temperatura controllata e successiva macerazione delle passole (uva appassita naturalmente al sole) per un tempo variabile dai 10 ai 30 giorni al fine di cedere gli zuccheri. Pressatura soffice.

 

I vini di Minardi hanno accompagnato giocosamente tutte le degustazione. Ritroviamo sempre una freschezza vincente in tutti i vini degustati.
Qui abbiamo appreso che tra i 78 e 92 anni di età gli anziani dell’isola di Pantelleria si dedicano alla scocciolatura ovvero separano a mano l’acino dal raspo.
È la stessa tipologia umana del contadino pantesco che va considerata come una razza in via di prossima scomparsa
Gli strumenti a cui si deve la sopravvivenza della coltivazione del vigneto ad alberello del viticoltore pantesco sono costituiti certamente e quasi solamente dalla zappa. Ma anche l’aratro trainato dal caratteristico asino pantesco (anch’esso minacciato di estinzione) idoneo a scalare le impervie pendenze di quest’isola scoscesa
L’isola, già 5 mila anni fa era abitata da un popolo proveniente dalle coste dell’Africa settentrionale, ha ricevuto l’ agricoltura resiliente e senz’acqua (a eccezione di quella piovana) dai Fenici, ha conosciuto i Bizantini, gli Arabi hanno portato nell’835 d.C. l’uva Moscato di Alessandria e da questa i panteschi han fatto uva appassita Zaibib e si possono produrre oggi vini:
Frizzante
Spumante
Passito
Zibibbo dolce
Moscato Liquoroso
Moscato – vino secco

 

Nella etichettatura e presentazione dei vini è consentito l’uso della unità geografica più ampia “Sicilia”, ai sensi dall’art.29 comma 6 della legge 238 del 12 dicembre 2016 e dall’art.7 comma 4 del disciplinare di produzione della denominazione di origine controllata “Sicilia.
Il riferimento geografico alla regione “Sicilia” consente di armonizzare la denominazione “Pantelleria” in un contesto produttivo riconosciuto nel mondo.
Ma come si fa il Vino Passito di Pantelleria?
Parlando con gli isolani hanno definito tre metodologie utilizzate.
Da Uva Passita
Da vino aggiunto di uva Passita
Da uva raccolta da una seconda vendemmia dell’uva rimasta in pianta a completare la maturazione
Il vino Passito di Pantelleria deve provenire da uve sottoposte in tutto o in parte, sulla pianta o dopo la raccolta, ad appassimento al sole. È consentita la protezione delle uve da eventuali intemperie.
Solitamente, si ottiene da macerazione pellicolare a 6-8°C per 72 ore, svinatura e pressatura soffice, fermentazione in acciaio inox a 16-18°C in presenza di uve appassite al sole, svinatura e pressatura dell'uva passa aggiunta
Il vino ottenuto dovrà avere:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 20,00% vol di cui almeno il 14,00% vol svolto; acidità totale minima: 4,0 g/l; acidità volatile massima: 30 meq/l; estratto non riduttore minimo: 31,0 g/l.

Abbiamo trovato sull’isola molto di più estratto, molta più potenza, molto più cuore.

 

Dello stesso viaggio leggi anche L'uva che rimane e Concreta(mente) di Stefania Turato

1

2

3

4

5

Articoli Simili
I più letti del mese
GIORNATE FAI DI PRIMAVERA: 25° EDIZIONE
Sabato 25 e domenica 26 marzo 2017 il Fondo Ambiente Italiano festeggia i 25 anni con aperture in 1000 luoghi straordinari di tutta Italia. Un’occasione unica per varcare la soglia di chiese, ville, borghi, palazzi, aree... Leggi di più
IL RISTORANTE DIDATTICO TASTE DEDICA AI GIOVANI 9 APPUNTAMENTI
Cool Container Music & Food. Il ristorante didattico Taste dedica ai giovani 9 appuntamenti sfiziosi tra dj set, live music e arte. 7 - 24 settembre 2017 Taste, Piazza Dante - Bergamo. La rivoluzione dei tempi moderni è... Leggi di più
LAMBRUSCO DI SORBARA OMAGGIO A GINO FRIEDMANN
Lambrusco di Sorbara Omaggio a Gino Friedmann, Cantina di Carpi e Sorbara.L’enologia italiana negli ultimi decenni ha trovato la propri identità, sia pur tra inevitabili contraddizioni. La valorizzazione dei vitign... Leggi di più
VÒCE, IL NUOVO SPAZIO DI AIMO E NADIA: CAFFETTERIA, LIBRERIA E RISTORANTE
Rispettando la sequenza – il 700 francese, l’800 austro-ungarico, il 900 italiano – dei palazzi che tra piazza della Scala, via Manzoni e piazza Belgioioso costituiscono il complesso di Intesa San Paolo... Leggi di più
TANCREDI: VISTA LAGO E SAPORE DI MARE
Avete presente quando si dice "pieds dans l' eau"? Ecco cosa significa. Lo capite dall’immagine ma soprattutto sedendovi in uno dei loro tavoli a picco sul lago, tra acqua e cielo (foto 1). E anche quando finirà la... Leggi di più
DEGUSTAZIONE CON IL PRODUTTORE: ROSSI SICILIANI ZISOLA E DOPPIOZETA MAZZEI
Filippo Mazzei, amministratore delegato con il fratello Francesco di Mazzei 1435 ha presentato su piattaforma zoom in un incontro con la stampa organizzato dall’Agenzia di comunicazione ZED COMM di Milano i vini Si... Leggi di più
MOMENTI GOURMAND 2.0: I PIACERI DEL PALATO A PORTATA DI CLICK
La ricerca di vente-privee delinea la nuova frontiera dell’eFood&Wine e della convivialità. Il rapporto tra consumatori e mondo del Vino e della Gastronomia negli ultimi anni ha subito una vera e propria mutazione, comp... Leggi di più
IL VIAGGIO NEL PASSATO ALL’AUBERGE DE LA MAISON, PARTE DAI MENÙ DI MONTAGNA
Il Viaggio nel passato proposto dall’Auberge de La Maison, parte dai Menù di Montagna.   Premessa: il Contesto Storico-Sociale La paura, il timore e le negatività associate alla montagna e ai suoi abitanti, veng... Leggi di più
PRENDIAMO RESPIRO: SIMPOSIO TRA ARTE, NATURA E VINO
Sabato 15 maggio, nel cuore dell’alta Brianza, il giardino-vivaio Passoni Fiori di Merate aprirà le porte al pubblico per offrire una s esperienza sensoriale tra natura, arte e vino. Un’occasione unica, per r... Leggi di più
PRESENTATA A MILANO LA STAGIONE 2018/2019 DEL TEATRO MENOTTI
E’ stata presentata a Milano la Stagione 2018/19 del Teatro Menotti, l’ultima prima di presentare nel 2019 il cinquantenario (1969/2019). L’occasione è stata anche quella di anticipare il prossimo spett... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.