27ago 2022
A PANTELLERIA DEVI SAPERE DA DOVE INIZIARE: CONCRETA(MENTE)
Articolo di: Stefania Turato

Le grandi mani che tengono attaccati come dita i fichi d’india, brillano al sole del tramonto di Pantelleria.

 

Se alzi gli occhi al cielo notturno intravedi il triangolo estivo delle stelle.

 

Da inizio giugno, fino ai primi di gennaio nella volta celeste del nostro emisfero si può riconoscere l’asterismo conosciuto come Triangolo Estivo formato dalle stelle Altair, Deneb e Vega le quali appartengono rispettivamente alle costellazioni dell’Aquila, del Cigno e della Lira. La sua forma di triangolo isoscele è particolarmente riconoscibile nei cieli estivi allo zenit dell’emisfero boreale. In condizioni ottimali è possibile individuare la Via Lattea attraversare le tre stelle che pur avendo diverse distanze dal nostro pianeta possono apparirci vicine. Indirizzando l’osservazione verso Sud, Sud-Est si possono riconoscere le tre stele fra le luci della Via Lattea.

 

Noi di Good-Mood, oltre alle stelle, cosa abbiamo incontrato quest’estate?

 

Concludere la vacanza in concretezza da Paolino a Vercelli in piazza sarebbe stato bello invece il richiamo delle ferie è per tutti, anche per lui, ma torneremo a trovarlo.

 

Vediamo cosa porta a questo rinnovato bisogno di concretezza. Che cosa ha contributo alla sua realizzazione.

Ogni volta la stessa storia, prima di partire: incertezza per la meta.

 

Finalmente, Torino-Pantelleria, due settimane.
Parliamo di viaggio-sapori-profumi. Se hai altri interessi, volta pagina, ti basta un dito o uno scroll.
L’isola è stata incendiata mentre eravamo lì, circa 200 ha  arsi dal fuoco doloso.

 

Ma, che cos’è il fuoco se non la materia di cui Pantelleria è fatta?
Ha già ancora dimostrato si essere capace di rifiorire da qualunque pensiero malvagio.

 

Troverete poi, più di 6000 km di muretti a secco lasciati dagli antenati di quest’isola e case “dammusi” stupende abitazioni costruite sempre con le pietre vulcaniche e i tetti adeguati a raccogliere l’acqua piovana che fa anche da riserva d’acqua che qui non c’è. Se non è siccità questa?! Eppure, gli abitanti non si lamentano e nemmeno tanto i turisti o meglio, come qui sono definiti, viaggiatori. I panteschi hanno acquisito l’abitudine di aprire e chiudere il rubinetto per far buon uso dell’acqua.

 

L’isola è dotata di un dissalatore.

 

Pantelleria: paesaggi aridi, anche Vercelli lo è, ed essi propongono quasi sempre: eccezioni. C’è “terreno” per l’arricchimento.
Pantelleria è un foglio blu su cui scrivere racconti perché quando non c’è il turista e rimani solo con l’Isola vengon fuori storie fantastiche come: la Ballata dei Turchi, Le Ondine, Il Salto della Vecchia, il Colletto del prete, L’Elefante.
Gli abitanti dell’isola descrivono i loro personaggi immaginari sulla loro isola dando nomi alle sue scogliere di pietra lavica.
Anche ogni azienda vitivinicola racconta la sua di storia, all’ora del tramonto, quando il sole non morde troppo, aprendo i cancelli per degustare i profumi del vino di Pantelleria.

 

Invece il mattino è riservato ai sentieri dell' Isola di Pantelleria Parco Nazionale.

 

Su uno di questi si raggiunge Bagno Asciutto di Benikul, in Contrada Siba.

 

Sull’isola poi l’elemento agricoltura non permette da solo la comprensione del mondo gastronomico pantesco.
Esso si arricchisce infatti di elementi storici e culturali, quali la forte impronta conferita dai popoli precedenti che hanno amministrato l'isola, da citare Fenici, Greci, Romani e Arabi.

Clicca qui per vedere il filmato di una pratica vitivinicola dal 2014 Patrimonio dell’Umanità

 

Quel gesto di fare un “recinto” intorno a qualsiasi seme o pianta è tradotto quale protezione dal vento soprattutto primaverile contro i germogli teneri e crea un microclima per ogni pianta.

 

Anche noi abbiamo necessità di un microclima e non serve andar lontano da quello che già siamo se non con la mente.

 

Il nostro viaggio a Pantelleria tra degustazioni e vigneron  prosegue qui.

1

2

Photo Credits

Photo 1 : Andre Alvisi
Photo 2 : Garsia Clara
Articoli Simili
I più letti del mese
OAD E LA CLASSIFICA 2021 DEI 150 MIGLIORI RISTORANTI EUROPEI
Opinionated About Dining (OAD), la piattaforma globale di recensioni di ristoranti diSteve Plotnicki che celebra il meglio del talento culinario mondiale, ha annunciato lasua attesa classifica dei migliori ristoranti eur... Leggi di più
BIANCO SICILIA DOC 1934 CVA CANICATTÌ
Abbiamo degustato Bianco Sicilia doc 1934, bianco della CVA Canicattì, vino di cui non è la prima volta che parliamo in quanto l’abbiamo selezionato come bianco adatto anche ad accompagnare anche piatti di carne co... Leggi di più
LA CRESCITA DELL’EXPORT VINICOLO ITALIANO E VERAISON GROUP SPA
In francese veraison indica la fase in cui il grappolo giunge a maturazione cambiando la sua pigmentazione, che per noi è l’invaiatura. In italiano, adesso, veraison potrebbe rappresentare la volontà di crescere su... Leggi di più
LA STRADA DEL TARTUFO PASSA PER APPENNINO FOOD
Dire che l’autunno è tempo di tartufi è riduttivo considerato che ce ne sono in ogni stagione, ma non è informazione sorprendente. Affermare invece che a decretare il pregio dei tartufi non sia la terra di provenie... Leggi di più
GELATI NON SOLO D’ESTATE
Si è soliti ritenere che l’estate sia la stagione dei gelati, ed è un’affermazione ovvia perché il caldo richiama alimenti e bevande freschi, ma anche inesatta perché il gelato non ha stagioni. Ci viene da pe... Leggi di più
I 12 VINI ITALIANI E FRANCESI DA NON PERDERE SULLA TAVOLA DELLE FESTE
Natale è passato ma le feste non sono ancora finite, c’è ancora spazio per cene e brindisi. La notte del 31 Dicembre è alle porte e con lei la sontuosa cena che accompagna il passaggio al nuovo anno, seguiranno il ... Leggi di più
CHE STOFFA DI CHAMPAGNE | ABBINAMENTO “TATTILE”
Lo Champagne, si può degustare senza accompagnamenti, ma le occasioni di abbinarlo al cibo non mancano: l’accostamento viene effettuato in base alle caratteristiche dello Champagne, in base cioè alle percezioni olf... Leggi di più
IL MAGICO PAESE DI NATALE PROMUOVE TERRITORIO, ENOGASTRONOMIA E TURISMO
Quella di Babbo Natale è una favola alla quale credono o sono affezionate oramai decine di generazioni di grandi e di bambini, ma nessuno probabilmente ci ha mai creduto così tanto come Pier Paolo Guelfo, imprenditore di... Leggi di più
SHAMBALA UN GIARDINO INCANTATO ASIAN STYLE CON CUCINA FUSION
Shambala  riapre per la bella stagione il suo giardino, per cene in tutta sicurezza e per un doppio appuntamento con il brunch, il sabato e la domenica. Shambala, la locanda asiatica dai grandi alberi, presente da più di... Leggi di più
Il Dolce di Natale, leggero e salutare, firmato da Carlo Cracco
Buono e salutare rappresentano un binomio che talvolta, con un certo senso di rassegnazione, consideriamo alla steregua di un ossimoro. Anche perché i cibi veramente golosi, a torto o a ragione, riteniamo che facciano ma... Leggi di più
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.